\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Legambiente e Libera per ripulire i campi rom
Di Fabrizio (del 29/08/2010 @ 09:07:24, in Italia, visitato 2516 volte)

Segnalazione di Valter Halilovic

La Stampa 26/08/2010 EMANUELA MINUCCI - TORINO

L'area del campo rom in Lungo Stura Lazio
"I nomadi aiuteranno nella raccolta rifiuti in Lungo Stura Lazio"

Chiamparino non sarà Sarkozy, ma intanto ieri in Comune si è decisa una radicale operazione-pulizia di lungo Stura Lazio. Un modo - attraverso il coinvolgimento della stessa popolazione Rom - per riportare la zona a standard più che decorosi, ma soprattutto per capire dove stanno i fragili e dove i soggetti più pericolosi. Un modo per separare il grano dal loglio e, in capo ad un mese, mettere a segno un'operazione mirata di polizia, tesa a colpire esclusivamente chi delinque. Tutta l'operazione, che si concluderà entro la fine di ottobre costerà al Comune fra i 50 e i 60 mila euro.

Al vertice in municipio hanno partecipato oltre all'assessore alla Polizia municipale Domenico Mangone e quello all'Ambiente Roberto Tricarico i vertici di Amiat e i presidenti delle circoscrizioni 5 e 6 Paola Bragantini e Vittorio Agliano. Una riunione durata oltre due ore al termine della quale Tricarico ha chiarito, fase per fase, come si realizzerà l'articolato intervento di bonifica ambientale. "Sono già in corso le operazioni di derattizzazione e sanificazione dell'area - ha detto -, la prima fase dei lavori terminerà il 15 settembre per poi dar corso successivamente alla pulizia sollecitata da più parti in queste settimane".

E ha aggiunto: "Per realizzare questa pulizia interverranno più squadre di giovani per un totale di venti persone, tutte appartenenti all'associazione “Terra del fuoco” individuata dalla Prefettura come soggetto attuatore di questo complesso intervento, ma soprattutto gli stessi Rom, che verranno coinvolti nelle operazioni di selezione dei rifiuti". "Le persone Rom che parteciperanno alla pulizia - spiega Michele Curto presidente dell'associazione “Terra del Fuoco” - dimostrando di volersi integrare riceveranno una tessera di riconoscimento che costituisce il primo passaggio per separare chi è intenzionato a far parte di una comunità e chi invece tende a vivere di espedienti a danno della collettività".

Tornando ai rifiuti, è interessante scoprire che verranno suddivisi in modo tale che quando passerà a ritirarli l'Amiat avranno già la loro precisa destinazione. Non dimentichiamo, infatti, che sul posto giacciono carcasse di automobili, televisori abbandonati e altri grandi rifiuti di ogni genere.

"Il 26 settembre - ha poi concluso Tricarico - entrerà in scena Legambiente che ha scelto questa zona per lanciare la tappa del 2010 di “Puliamo il mondo” che affiancherà “Terra del fuoco” e Rom". Sempre in quella data arriveranno sul posto, muniti di guanti, pale e carriole anche i giovani di "Libera", l'associazione di don Luigi Ciotti.

"Non facciamo la guerra ai Rom anche a Torino". A chiederlo è la capogruppo di Sel Monica Cerutti. "L'Unione Europea - spiega - ha richiamato la Francia e l'Italia perché attuino correttamente le regole europee sull'immigrazione. Prima si era già pronunciata con preoccupazione la Cei e lo stesso Papa, invitando a saper accogliere le legittime diversità umane. Ora il Comune si sta attrezzando sull'annosa situazione di Lungo Stura con un piano articolato su tre fronti: assistenza, igiene e legalità. Una comunità civile non può più tollerare che persone possano vivere in condizioni così precarie dal punto di vista igienico e contemporaneamente bisogna tenere conto dell'insofferenza dei residenti. Tuttavia, siamo preoccupati che il piano del Comune possa essere percepito come in linea con le dichiarazioni di Maroni e che si faccia prevalere il problema sicurezza rispetto a quello umanitario".

E conclude: "Da Chiamparino, come presidente dell'Anci, ci aspetteremmo una presa di posizione che ponga al Governo il problema delle risorse per l'accoglienza, da coniugare con il rispetto delle regole, invece di rincorrere la questione sul fronte della mera sicurezza".