\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Canada
Di Fabrizio (del 19/10/2005 @ 11:27:15, in Regole, visitato 1633 volte)
Rabble News

Rimpatri: Quando i Rom tornano in Ungheria, subiscono un trattamento peggiore a quando sono partiti. Spesso vengono considerati dei traditori e non hanno più diritto all'assistenza sociale

by Noreen Farooqui
17 ottobre, 2005

(Riassunto)
Per tante generazioni, il Canada è stato il simbolo di un nuovo inizio per gli immigranti. Per i Rom non è più così, dopo che l'Immigration and Refugee Board ha cambiato i parametri di giudizio sui loro casi.

I Rom stanno vivendo un momento di acute discriminazioni in tutta Europa, particolarmente nell'Europa dell'Est [...] Anche se i Rom vivono in Canada da oltre un secolo, soltanto negli anni '90 hanno iniziato ad autoidentificarsi sulla base della loro appartenenza etnica, e questo ha creato loro nuovi problemi, particolarmente per quanti arrivavano dall'Ungheria.

Dal 1997, sono circa 5.000 i Rom ungheresi arrivati in Canada come richiedenti asilo. Soltanto il 15% (circa 750) dei casi sono stati accolti, il resto sono stati rimpatriati o sono in procinto di esserlo.

Il caso di due Rom ungheresi richiedenti asilo, servì da "laboratorio" per quelli sussessivi. La loro richiesta fu esaminata da un giuria composta da sei membri, quattro di loro, secondo Martin Mark, coordinatore dei rifugiati a Toronto, erano a libro paga del governo ungherese. testimoniarono che bi Rom in Ungheria non erano perseguitati e che il governo si era impegnato a creare programmi per la loro integrazione nella società.

A seguito di quel pronunciamento, il Canada iniziò a rifiutare le richieste d'asilo dei Rom. Il tasso di accoglienza delle domande, che era del 95%, scese ai livelli attuali. Inoltre, molti di quanti sono qui come richiedenti asilo, e con figli nati in Canada, sono sulla via del rimpatrio [...]

Serge Arsenault, portavoce dell'Immigration and Refugee Board (IRB), afferma che il suo uifficio stya facendo di tutto per accelerare le udienze. "La ragione è che abbiamo un gran numero di Rom ungheresi che richiedono asilo." dice  "Stiamo adeguando le nostre risposte ai casi valutati precedentemente, per fornire risposte comuni ai casi simili". Anche se a termine di legge, i casi devono essere giudicati singolarmente, la prassi è di stabilire delle regole che valgano in futuro per rimpatri collettivi. Ciò desta preoccupazione tra i Rom, che sono arrivati in Canada per fuggire alla medesima situazione e vedono messi in dubbio i presupposti delle loro richieste.

Dato che il Canada vanta una lunga storia di accoglienza, un'altra ingiustizia percepita, è che questi criteri sono adottati esclusivamente per i Rom ungheresi, e per nessun altro gruppo etnico.

Rocco Galati, avvocato impegnato nei ricorsi sui casi d'asilo, afferma che "La ragione di ciò, è che i Rom sono un gruppo minoritario e vulnerabile, senza nessuno che alzi la voce in loro favore. Il governo ha scelto loro, perché sono il gruppopiù marginalizzato e quello meno rappresentato".

Dato che il loro destino in Canada appare incerto, molti si stanno preparando a tornare in Ungheria.

Ronald Lee, attivista Rom, professore e storico, lavora con i Rom dagli anni '90. "Tentano di fare più denaro possibile in Canada, nel tempo più breve possibile, prima di dovere essere rimpatriati, perché sanno che  difficilmente capiterà loro una simile 'gallina dalle uova d'oro' quando saranno in Ungheria".

Lo Human Rights Watch Report del 2001 recitava: "Molti degli obiettivi a medio termine del governo ungherese verso i Rom, a fine 200 sono ancora lontani dall'essere raggiunti. Continuano le discriminazioni nel lavoro, nella casa e nella scolarizzazione, come pure gli abusi della polizia."

I Rom ungheresi in Canada che non godono di status legale, vivono nella continua paura dei rimpatri: "Hanno paura di mandare i figli a scuola. Si nascondono in casa, perché hanno i documenti scaduti o in scadenza" dice Mark.

Altri, come Hamori, rifiutano di accettare questo stato di cose col silenzio e lottano per poter restare in Canada. "[Immigration and Refugee Board] non mi crede e dice che in Ungheria siamo protetti a sufficienza, ma non è vero. Mi devo appellare ai diritti umanitari"

Noreen Farooqui is a Toronto journalist.