\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Milano: due campi nomadi demoliti nonostante gelo
Di Fabrizio (del 13/03/2010 @ 08:56:51, in Italia, visitato 1146 volte)

Leggo

Le temperature rigide e la neve che cade da ieri pomeriggio su Milano, non hanno fermato gli sgomberi di campi rom nel capoluogo lombardo i cui ormai ex occupanti sembrano essere gli unici ad aver subito disagi dalla nevicata fuori stagione che non ha avuto ripercussioni sulla viabilità. Secondo quanto ha spiegato l'Opera Nomadi, nonostante la inclemenza del tempo, la polizia locale ha effettuato due sgomberi tra ieri ed oggi in altrettanti campi. Gli agenti della polizia locale sono intervenuti infatti ieri un campo nomadi in via Bonfadini, dove avevano trovato rifugio una quarantina di persone, mentre oggi analoga iniziativa è stata adottata nella zona di via Bacula. «Mentre il maltempo continua ad imperversare e la neve cade da ore su Milano - spiega Maurizio Pagani, presidente dell'Opera Nomadi di Milano - gli sgomberi delle famiglie rom dai quartieri della città non subiscono interruzione. L'emergenza freddo del Comune di Milano da anni non contempla le condizioni di vita di chi è pi— esposto ai rigori dell'inverno e nemmeno la protezione Civile viene mai impegnata in attività essenziali di aiuto alle persone rom in difficoltà». Pagani conferma che ieri, gli sgomberi «hanno riguardato 40 persone di gruppo romeno, accampate in via Bonfadini, zona sud est, e oggi è toccato ad alcune decine di rom, donne e bambini compresi, ritornati a cercare per l'ennesima volta riparo sotto il Ponte Bacula, in zona Nord». A giudizio di Pagani si tratta, peraltro di sgomberi «inutili che non risolvono il problema e non disincentivano la presenza di persone sfollate che rimangono in numero uguale, ma che sembrano essere la sola risposta pubblica alla mancanza di politiche di accoglienza abitativa e integrazione sociale». Secondo le informazioni raccolte dall'Opera Nomadi di Milano, inoltre «aumentano le denunce su interventi della Polizia Locale che violando i beni privati delle persone da allontanare, esercitano anche forme odiose di condizionamento psicologico con la minaccia di sottrazione dei minori dalle loro famiglie, nel caso che queste si oppongano all'intimazione di abbandonare le loro case precarie e averi di prima necessità». «In questo quadro di mancanza assoluta di governo dei problemi emergenziali della città - spiega Pagani - il Comune dichiara di voler procedere anche allo smantellamento dei campi comunali abitati dai rom italiani. Nel frattempo, i milioni di euro messi a disposizione dal Governo per risolvere la questione abitativa dei rom nelle città non trovano alcun utilizzo, per mancanza di idee e volontà di aiutare le famiglie rom ad uscire da una delle condizioni sociali più gravi d'Europa» Infine ecco l'appello di Maurizio Pagani: «Per l'ennesima volta chiediamo la sospensione di qualsiasi intervento di allontanamento di persone senza la possibilità di una ricollocazione temporanea sicura».