\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Alla Stazione Cumana una fisarmonica in ricordo di Petru - Tutti invitati, tranne i rom
Di Fabrizio (del 18/02/2010 @ 13:57:47, in Italia, visitato 1978 volte)

Da NO(b)LOGO

Giovedì 18 febbraio 2010 si renderà omaggio al ricordo di Petru Birlandeanu, il musicista romeno ucciso per errore il 26 maggio 2009 in agguato alla Stazione Cumana di Montesanto.

Lì, verrà esposta in una teca la sua fisarmonica presso la stazione della Cumana di Montesanto, l’assessore regionale alle Politiche sociali e all'Immigrazione Alfonsina De Felice rende omaggio alla memoria di Petru Birlandeanu.

L’assessore esporrà in una teca la fisarmonica del musicista romeno ucciso per errore, il 26 maggio 2009, da un commando di camorristi.

Tiene la prolusione della cerimonia Pasquale Colella, professore di Diritto Canonico presso l'Università degli Studi di Salerno e direttore della rivista “Il Tetto”. Partecipano Raffaello Bianco, amministratore delegato Sepsa; Alessandro Pansa, prefetto di Napoli; Santi Giuffrè, questore di Napoli; Razvan Victor Rusu, ambasciatore straordinario e pluripotenziario della Romania; Ciro Accetta, direttore dell’Ente Autonomo di Volturno; Giulio Riccio, assessore comunale alle Politiche Sociali; don Gaetano Romano, vicario episcopale per la Carità. Saranno inoltre presenti Enzo Esposito dell’Associazione Opera Nomadi di Napoli, Marco Rossi della Comunità di Sant'Egidio e i sindacati Cgil, Cisl e Uil.
Omaggio a Petru Birlandeanu 18 febbraio 2010 - NapoliToday.it
Tutti presenti a commemorare Petru ... tutti tranne i rom ... non vedo un solo rom tra gli invitati.

Dell'etnia di Petru non si fa parola, gli zingari quando sono cattivi sono rom, anzi rrom come li chiama la società maggioritaria rumena per non fare confusione.
Se sono vittime della nostra criminalità ritornano magicamente rumeni