\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Forse è importante
Di Fabrizio (del 10/10/2005 @ 03:15:25, in Italia, visitato 1471 volte)

Cosa è la notizia? Ogni tanto ricasco nella domanda del primo post. 

Guardate lo spazio che è stato dato a quel giornalista dell'Espresso che si è finto un immigrato nel centro di Lampedusa. Le sue cronache sono pagine di un giornalismo esemplare, fazioso quanto si vuole, ma attento a raccontare le notizie da dentro, e non cucendo pezzi di agenzie stampa e comunicati di partito.

Per una volta. le sue notizie hanno "bucato lo schermo" e risvegliato il mondo delle indignazioni UN TANTO AL CHILO.

Eppure, Fabrizio Gatti, non ha inventato niente. Ha rischiato le botte e le infezioni, ha rischiato il silenzio mediatico, ma ha fatto la stessa identica esperienza di un giornalista tedesco 20 anni fa, che camuffandosi da Gastarbeiter, raccontò tutto nel libro "Faccia da Turco". 

Questo aprile un'amica blogger così chiudeva alcune brevi considerazioni sui CPT:

BASTAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!

e io tentavo di spiegarle l'impotenza di chi a Milano si batteva da lì dentro con gli scioperi della fame, salendo sui tetti a sventolare lenzuola insanguinate, senza che uno straccio di giornale se ne accorgesse. Finché, non scoppiava qualche scandalo e poi la cosa tornava dimenticata. Il dubbio: si dimentica perché è più comodo, o per paura che i dittatori, i capi del terrore, non sono in qualche sperduto paese, MA SIAMO NOI? Ad esempio, leggete qualche commento.

Eppure, scrivere è la cosa più inutile del mondo, se ci dimentichiamo di agire di conseguenza.

Vi chiedo di essere in tanti, non i soliti noti.

GIOVEDÌ 13 OTTOBRE

GIORNATA DEI DIRITTI E DELL’INCLUSIONE

 

Via Corelli, via Capo Rizzuto, via Quaranta….

dalla geografia delle esclusioni

alla città dei diritti

 

Il centro di detenzione per migranti di Via Corelli, il campo rom di via Capo Rizzuto raso al suolo, la scuola araba di via Quaranta additata come allevamento di kamikaze. Tre episodi diversi di un’unica storia, fatta di clandestinità, esclusioni e campagne xenofobe.

 

Milano è cambiata, è già una città multietnica, multiculturale e multireligiosa. I cittadini e le cittadine immigrati/e rappresentano oltre il 10% della popolazione cittadina e l’11,6% degli alunni delle scuole milanesi è di origine straniera.

 

Non vogliamo più che cittadine/i della nostra città – migranti da molti paesi – siano esclusi, costretti alla clandestinità, sfruttati in lavori neri o sottopagati, rinchiusi in ghetti urbani dal rifiuto dell’incontro nei nostri quartieri e dalla paura che qualcuno vorrebbe fosse l’unica forma di relazione sociale.

 

La Milano che vogliamo è una città dei diritti per tutte e tutti:

  • una città in cui non esista più il Cpt di via Corelli, ma una politica di accoglienza;
  • una città che sappia includere e riconosca il diritto di voto ai nuovi cittadini;
  • una città in cui la casa sia un diritto per italiani e migranti;
  • una città in cui le culture si incontrino e si arricchiscano;
  • una città in cui le relazioni tra persone non siano ordinate dall’ideologia dello “scontro di civiltà” e da leggi speciali;
  • una città senza il lavoro precario, ma dove a lavoratrici e lavoratori vengano riconosciuti dignità e diritti senza distinzione di colore della pelle o del passaporto;
  • una città che rifiuti la logica della Bossi-Fini, fabbrica di clandestinità e lavoro sottopagato.

 

Per questo chiamiamo le forze politiche e sociali ad un confronto fuori dalla clandestinità, perché vogliamo discutere quale sarà il programma politico per la città dei prossimi anni, quale sarà la Milano di domani.

 

ORE 17.30 – Piazza Cadorna

PRESIDIO e PERFORMANCE il gioco dell’oca sulla pelle dei migranti

 

ORE 21.00 - C.S. Leoncavallo (Via Watteau)

INCONTRO PUBBLICO

Video

Dibattito tra le associazioni e le forze politiche milanesi dell’opposizione

 

Milano Migrante: ARCI, CS Leoncavallo, Naga, SinCobas, Ass. Dimensioni Diverse – Arci-Metromondo – Ass. Alfabeti Onlus – Ass. Aurora - Ass. La Camera Chiara – Ass. Cultura Progressiva - Attac Milano – Bastaguerra Milano – Berretti Bianchi - Centro delle Culture - Coordinamento Lombardo Nord-Sud del mondo – Coro di Micene - Fgci Milano - Filef Lombardia - Fiom Milano – Gruppo di Azione Nonviolenta – Miracolo a Milano – newsletter Ecumenici – Opera Nomadi Milano - Partito della Rifondazione Comunista Milano – Partito dei Comunisti Italiani Milano - Partito Umanista - UnAltraLombardia - Verdi Milano