\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Appello contro lo sgombero dell'insediamento ROM di Via Centocelle (Roma)
Di Fabrizio (del 27/04/2009 @ 09:41:02, in Italia, visitato 1191 volte)

Scrive Francesco Piastra

Nel giorno 24/04/09 (Venerdì) alcuni agenti della polizia di stato insieme a militari dell'esercito hanno fatto "visita" all'insediamento ROM di Via di Centocelle e senza mezzi termini hanno comunicato ai residenti che il giorno 29/04/09 (Mercoledì prossimo) provvederanno a demolire l'insediamento. Hanno inoltre minacciato che chi ancora non avesse provveduto da solo allo sgombero del luogo, gli sarebbero stati tolti i propri figli minori ed affidati, quindi, ai servizi sociali.

Anche se le condizioni igienico sanitarie dell'insediamento sono a dir poco fatiscenti, lo sgombero che dovrà subire questa piccola comunità non è per garantirgli una situazione abitativa migliore ma solo per allontanare un "problema di ordine pubblico". Una volta sgomberati saranno costretti a dividersi e spostarsi in altri campi già sovraffollati con condizioni abitative ancora più umilianti e lontani dalle scuole fin'ora frequentate dai loro bambini. Infatti, quasi tutti i bambini della comunità sono regolarmente iscritti a scuola, i genitori stessi li portano tutti i giorni a scuola e li rivanno a prendere, e molti di essi ricevono borse di studio per l'alta frequenza; tutto ciò non sarà più possibile dopo lo sgombero, che condannerà anche queste nuove generazioni al non accesso alla cultura e quindi alla negazione del proprio futuro. Questa comunità sta facendo sforzi enormi per riscattare la propria condizione sociale, non merita di ricevere un tale trattamento.

Come cittadini non possiamo permettere a nessuno di trattare come un problema di ordine pubblico una comunità ridotta ormai da troppi decenni in una condizione di emarginazione ed infamia sociale. Non possiamo permettere che i bambini vengano strappati dall'affetto delle proprie famiglie; non possiamo ancora permettere che i bambini ROM non possano accedere all'istruzione; non possiamo permettere che siano ancora una volta i più deboli a pagare il prezzo più alto.

Per tutto questo è IMPORTANTE essere in TANTI:

MERCOLEDI' (29 Aprile) MATTINA PRESTO PER SCONGIURARE ED OPPORCI ALL'ENNESIMO ATTO DI INTOLLERANZA NEI CONFRONTI DI QUESTA COMUNITA'.