\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Turchia
Di Fabrizio (del 01/04/2009 @ 09:38:54, in casa, visitato 1474 volte)

Da Roma_Daily_News

Sulukule per noi era Parigi, questa è una prigione: i Rom raccontano

ISTANBUL - Nel progetto per salvare Sulukule, l'Amministrazione per lo Sviluppo dell'Alloggio ha offerto case pubbliche per sistemare i Rom dal loro quartiere. Tuttavia, sino ad oggi soltanto 27 delle famiglie vivono nelle nuove case costruite a Taşoluk perché gli altri non potrebbero permetterselo.

La maggior parte delle 300 famiglie rom che sono state spostate da Sulukule a Taşoluk non sono state capaci di adattarsi al loro nuovo ambiente a causa di difficoltà finanziarie. Dopo sei mesi, restano solo 27 famiglie.

Le famiglie rilocate nelle nuove case, costruite dall'Amministrazione per lo Sviluppo dell'Alloggio (o TOKI), hanno di fronte un debito di 15 anni. Rate accumulate ed elettricità, gas ed acqua non pagate li hanno messi sulla strada degli uffici di riscossione del debito.

Le famiglie stanno trasferendo i loro diritti su case i cui prezzi variano da 3.000 a 35.000 lire turche e stanno andandosene. Ci sono solo 27 famiglie Rom rimaste a Taşoluk.

Vivendo alla soglia della fame

Normalmente, TOKI include nei suoi contratti standard una clausola che impedisce il trasferimento degli alloggi per un anno, ma i contratti stipulati con le famiglie rom non la contengono, aprendo la strada a trasferimenti a basso costo.

F. A., un Rom che ha vissuto alla soglia della fame prima di essere spostato a Sulukule, ha detto: "Ci hanno portato qui, dicendo che siamo poveri, ed ora ci stanno trattando come se fossimo ricchi. Non potremmo pagare i nostri debiti; vengono dall'ufficio riscossione. Così di giorno stiamo a Fatjh e non verranno a prendere la nostra roba."

Un'altra donna ha detto, "Sulukule per noi era Parigi. Questa è una prigione. Diventiamo nevrotici. Moriamo lentamente."

Gürkan Tokay, un altro residente, ha descritto la morte di suo padre.

"Qui non c'è un centro sanitario; è a 2 km. da qui. Mio padre si è ammalato pochi mesi fa. Penso fosse un attacco di cuore. Siamo corsi al centro sanitario, che era chiuso perché era notte. Così l'abbiamo portato ad Arnavutköy. Là c'è un ospedale, privato. Mio padre è morto prima che potessero intervenire. Hanno voluto 250 lire. Ci hanno chiesto dei soldi per il morto e non hanno rilasciato il corpo."

TOKI ha costruito le case per gente in difficoltà finanziarie nel 2008. Di 1.402 case, 450 sono state riservate ai Rom rilocati da Sulukule. E' stata organizzata una lotteria e sono state scelte 300 famiglie sono state scelte per vivere negli appartamenti da 280 a 425 lire al meseper 15 anni. Il comune di Fatih ha sistemato due autobus di linea per il trasporto: uno da Taşoluk a Fatih, che arriva alle 7 di mattina ed uno da Fatih a Taşoluk che arriva alle 8.

Non è lasciata nessuna solidarietà

Sükrü Pendük, presidente della Fondazione per lo Sviluppo della Cultura di Sulukule, ha detto: "La mia gente è stata bandita dalle proprie case, dove vivevano assieme al vicinato, per questi edifici di cemento. Avevamo una cultura di quartiere con solidarietà sociale che teneva in piedi le famiglie."

C'è una sola drogheria a Taşoluk, che non vende a credito. L'unico posto dove socializzare è la casa del tea condotta da Göksel Küçükatasayan, che ne aveva una anche a Sulukule. Ma è vuota anche nei fine settimana.

"Non posso fare affari, sono in debito," ha detto Küçükatasayan."Ce ne andremo da qui. E' fuori dalle nostre mani."

Non ci sono scuole superiori. I bambini che hanno iniziato la scuola primaria con due mesi di ritardo, stanno avendo problemi di adattamento. Alcuni di loro non sono stati accettati a scuola con la giustificazione che erano sotto programma.