\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Serbia
Di Fabrizio (del 26/09/2008 @ 08:47:14, in musica e parole, visitato 1554 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

The Boston Globe Facendo rivivere una cultura, un accordo alla volta By Andrew Gilbert, Globe Correspondent - (Photo Mike Bowring)

19 settembre 2008 - La banda zingara serba Kal è in missione per salvare la cultura romanì dal kitsch, dalla discriminazione e dall'assimilazione. Oltre alla maestria stupefacente, le armi primarie del combo di sette componenti nella lotta  alla marginalizzazione sono l'attitudine al rock 'n' roll e la resistenza accanita alla ghettizzazione stilistica.

"Sento fortemente la mia identità nazionale, quella è la mia origine," dice il fondatore di Kal, il chitarrista e voce solista Dragan Ristic, parlando dalla sua casa di Belgrado. "Ma vivo anche nel XXI secolo. Rigetto fortemente lo stereotipo della musica Rom, che dev'essere per forza tradizionale. C'è un'altra strada su cui la musica Rom si può sviluppare, un posto per la nuova cultura Rom nell'Europa contemporanea."

Ristic lanciò la banda nel 2004 assieme al fratello Dushan, che si è trasferito in California ma continua a condurre la Scuola Estiva Amala, un'organizzazione culturale nel loro villaggio natale di Valjevo, in Serbia. Almeno la quarta generazione musicale nella famiglia Ristic, i fratelli sono stati svezzati all'orgoglio zingaro dal padre, un pioniere dell'istruzione dei Rom. Ma hanno anche assorbito molta musica contemporanea, da Leonard Cohen a Iggy Pop da Manu Chao a B.B. King.

Nel fondare Kal, i Ristic hanno cercato un cast disparato di musicisti, incluso il fisarmonicista Dragan Mitrovic, il violinista Djordje Belkic, il bassista Branko Isakovic, i percussionisti Neat Junuzi e Vladimir Stojkovic, e Vladan Mitrovic alla fisarmonica e alla voce. Al posto di radicarsi nelle cadenze rom balcaniche, la band disegna uno spettro internazionale di stili, incorporando arpeggi chitarristici flamenchi, ritmi mediorientali, passi di rock ed acuti clarinetti turchi.

"Siamo in parte musicisti Rom dei sobborghi  di Belgrado, e in parte suonatori professionisti di diverse bande di rock 'n' roll a Belgrado," dice Ristic. "Sono due mondi differenti che non si sarebbero incontrati se non ci fosse stata Kal."

La banda ebbe la prima notorietà nel 2006, quando il suo album omonimo prodotto dall'etichetta tedesca Asphalt Tango raggiunse la cima delle classifiche europee della world-music, un avvenimento senza precedenti per un ensemble Rom balcanico. Molto del fascino di Kal proviene dalle su e performance ad alta energia e dal loro atteggiamento sul palco. [...]

In diverse maniere, Kal è un'estensione dell'amore di Ristic per il teatro. Produttore rispettato, lasciò Belgrado per Budapest nel 1999 e fondò la premiata compagnia teatrale indipendente Vareso Aver (Qualcos'Altro).

Nel 2004 si attenuava l'isolamento politico della Serbia, e Ristic ritornò a Belgrado per trovare un rinascimento culturale sotterraneo della città, con la caduta di Slobodan Milosevic. Invece di continuare la carriera teatrale, Ristic decise che la musica forniva un megafono molto più potente al suo messaggio. E l'enorme popolarità di Kal manda un potente segnale al pubblico più desiderato da Ristic, giovani Rom che si stanno allontanando dalla loro cultura.

"Nei nostri concerti per l'Europa vedo tanta gente Rom, e questa è una delle mete più importanti," dice Ristic. "Siamo capaci di mostrare a questa nuova generazione una nuova maniera per esprimersi com Rom."

La situazione per i Rom nei Balcani continua ad essere precaria. Affrontano una discriminazione diffusa nell'alloggio, impiego ed istruzione, sono oggetto di stereotipi e miti senza fine. Dalle loro origini nell'India settentrionale, i Rom iniziarono a disperdersi attraverso l'Europa e il Mediterraneo nell'XI secolo [...]

Come nota Isabel Fonseca nel suo inestimabile libro del 1995, "Seppellitemi in Piedi: gli Zingari e il Loro Viaggio", l'immagine romanticizzata dello Zingaro nomade è in forte contrasto con la realtà di secoli di schiavitù in Romania, schiavitù che durò sino alla fine del XIX secolo.

L'organizzazione che cura il tour nordamericano di Kal, Voice of Roma, è una delle OnG che lavora far affrontare la difficile situazione dei Rom, colpiti dalla caduta del comunismo e dalle guerre seguite alla disgregazione della Yugoslavia.

Fondata da Sani Rifati, un Rom di Pristina - la capitale del Kosovo, e dalla sua moglie americana, Carol Bloom, Voice of Roma ha lasciato il segno nei circoli musicali producendo nel 2004 il tour americano della leggendaria cantante Rom macedone Esma Redzepova. Rifati vede Kal come un benvenuto sviluppo nella cultura Rom.

"Quello che stupisce è un giovane gruppo dalla Serbia che suona musica tradizionale romanì assieme al beat urbano," dice Rifati dal suo ufficio a Petaluma, in California. "Sono rockabilly, rock, jazz, blues e latini, ma mantengono le loro radici. Nei paesi balcanici, c'è questo turbo-folk con donne mezze nude, spazzatura senza niente musicalmente. Ma Kal ha attirato una vasta gamma di pubblico, specialmente tra i giovani, con un nuovo suono che è romanì senza ombra di dubbio."

© Copyright 2008 Globe Newspaper Company.