\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Finlandia
Di Fabrizio (del 17/09/2008 @ 09:04:18, in lavoro, visitato 1421 volte)

Da Nordic_Roma

HELSINGIN SANOMAT

Mauri Hagert, conducente della Vantaa, guida il suo autobus nel centro di Helsinki. A 53 anni, ha lavorato per compagnia Concordia sette anni. La compagnia, che opera sulle principali rotte municipali nella regione di Helsinki,impiega circa 20 altri membri della comunità Rom. Dice Hagert: "Non abbiamo grande istruzioni, così dobbiamo prendere lavoro dove capita. Questa compagnia non guarda di che colore sono i tuoi capelli, o la tua razza".

Giovedì 11 è stato rilasciato uno studio commissionato dal Ministero del Lavoro, che mostra come le attitudini negative da parte di molti datori continua a rendere difficile ai Rom trovare lavoro.

Una ricerca telefonica ha mostrato che il 12% dei datori di lavoro ammetteva che non avrebbero assunto un Rom, anche avendo la qualifica richiesta per il lavoro. Circa la metà degli intervistati, il 57%, erano disposti ad assumere un Rom.

"E' certamente allarmante, ma d'altra parte, è emersa anche una positiva sorpresa, perché si è parlato molto di discriminazione contro i Rom", ha detto la ricercatrice Hannele Syrjä.

L'inchiesta ha mostrato che la maggior volontà di assumere i Rom arriva dalle grandi compagnie di costruzione e da quelle di servizi nella Finlandia meridionale,  che hanno sofferto di tagli di posti di lavoro. Le risposte più positive arrivano da compagnie che già hanno avuto dei Rom come dipendenti. Oltre 300 compagnie hanno risposto alla ricerca.

I più grandi impedimenti, secondo la ricerca, riguardano la mancanza di istruzione e l'esperienza lavorale. La maggior parte dei Rom che cerca lavoro non è andata oltre l'istruzione primaria.

Hannele Syrjä elenca alcuni fattori culturali: "La gioventù è breve, le famiglie si formano presto, ed inoltre l'istruzione è lasciata spesso. I Rom vogliono diventare istruiti da adulti".

Tarja Cronberg, (Verdi) Ministro del Lavoro, dice che si faranno dei tentativi per promuovere l'impiego tra i Rom aumentando il numero di mediatori Rom presso gli uffici locali del collocamento. Si faranno anche sforzi per fornire ai Rom servizi di apprendistato e sussidi all'impiego. Dice Cronberg: "E' anche importante migliorare la situazione allarmante della scarsa istruzione dei giovani".