\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Un'agenzia in Slovacchia
Di Fabrizio (del 21/07/2005 @ 16:13:36, in media, visitato 1575 volte)

di Kristína Magdolenová

"Finalmente questi Zingari se ne vanno" dice la signora anziana accanto all'ascensore. Non nota un collega che sta scendendo le scale. Lui la sente, ma... come comportarsi? Lei si volta al nostro passaggio. Noi stiamo spostando dei mobili.

La nostra agenzia da due anni si trova in un blocco di palazzi popolari. Cinque impiegati si trovano lì regolarmente; tre sono Rom e altri due no. Noi ci muoviamo in silenzio come mosche, attente a non fare rumori inutili. Per la verità, il nostro tempo passa parlando e rispondendo al telefono. La maggior parte del tempo siamo fuori sede per i servizi. Puntualmente portiamo via la spazzatura e puliamo il nostro spazio. Uno dei vicini - che ha sempre mostrato simpatia nei nostri confronti - la mette così: "Finalmente anche qui ci sono persone che agiscono come esseri umani", anche se credo che la maggioranza dei coinquilini non condivida.

Ci sono vicini che non ci hanno mai salutato e scappano quando ci affacciamo sulle scale, brontolando qualcosa come "Phew, che paura con questi Zingari...!" Quasi tutti nell'ufficio siamo studenti. Tre si sono laureati o frequentano l'università. Per la strada o durante il nostro lavoro, questo è un titolo di merito, ma non nel nostro palazzo: "Bisogna fare qualcosa con questi Zingari. Devono andarsene" li sentiamo sussurrare o chiedere una riunione del comitato di condominio in tal senso.

I più giovani, tentano di instaurare un contatto con noi, quasi scusandosi: "Dovete capire, è gente fatta così. Sono preoccupati da tutto, ma voi siete a posto. Noi non facciamo caso a voi" A volte, quando abbiamo visite, i vicini si affacciano "Chi è là?" così spieghiamo che sono componenti delle ambasciate, giornalisti stranieri, il Consiglio d'Europa... a volte si presentano con le telecamere e la troupe televisiva al seguito. Ecco che allora gli stessi vicini si sciolgono a chiacchierare con loro e a difendere la nostra presenza.

Mi ricordo che alla televisione stavamo aspettando "La Forza di una Donna", dove veniva presentato il nostro staff. Ho suggerito agli altri: "Secondo me, questa gente non sa niente di noi. Mettiamo un volantino nelle loro caselle della posta e invitiamoli ad incontrarci e guardare la trasmissione. Forse così il nostro rapporto cambierà..." E' seguito un silenzio assoluto. "Devi capire, non ne posso più di dover dimostrare ogni giorno a questa gente che non rubo e sono una persona normale. Pensi veramente che siano ansiosi di guardare la trasmissione?" mi ha risposto il collega più vicino. Ho dovuto ammettere che probabilmente aveva ragione. Se fossero interessati, non ci terrebbero così a distanza.. Ci guarderebbero in faccia e ci saluterebbero... ma non lo fanno.

Una volta, siano rientrati in ufficio per terminare alcuni lavori. Ho aperto il cancello, di fronte a me una coppia, marito e moglie di mezza età. Mi hanno salutato, ma quando si è affacciato dietro di me il collega Rom, gli hanno intimato: "Dove vai, chi cerchi?" E lui "Veramente, io vivo qui..." La coppia si è guardata in faccia, chiedendosi a voce alta: "Uno Zingaro che vive qui? Da Quando? Com'è possibile?"

Ecco la nostra domanda: cosa deve fare un Rom per essere accettato? Se ha terminato gli studi, lavora quotidianamente, guadagna per il proprio sostentamento, è educato, gentile, lavora nell'informazione, non beve e non fuma... ma cosa deve fare ancora perché la gente non fugga spaventata quando lo vede e provi almeno a salutarlo? Continuiamo a dire che i Rom devono integrarsi ma, qual'è il limite di questo tipo di integrazione? Io ritengo che il mio collega sia ben integrato e pure orgoglioso di essere Rom... più integrato anche di molti altri, ma sembra che in Slovacchia questo non venga inteso. [...] L'integrazione non può basarsi su una patina irremovibile di colore della pelle, o degli occhi o dei capelli... O sì?

Intanto, ogni giorno mi reco a lavoro, saluto i vicino e aspetto che qualche volta mi guardino in faccia. Altrimenti, metterò un biglietto sulla nostra porta: Ingresso vietato. Solo di razza pura! così che capiscano quanto sono patetici.

© RPA, 2002-2005. All rights reserved. The Roma Press Agency (RPA) GRANTS ITS PERMISSION for the publication and transmission of its materials or their parts in printed, electronic or spoken form under the condition that the Roma Press Agency (RPA) is mentioned as their source. Otherwise the case will be considered as a copyright violation.