\\ Mahalla : Articolo : Stampa
SOTTOSCRIZIONE PER LA DIFESA DEI GENITORI DELLE BAMBINE ROM MORTE A LIVORNO
Di Fabrizio (del 10/09/2007 @ 09:27:49, in Italia, visitato 1462 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro [CON PREGHIERA DI DIFFUSIONE]

Dopo il rogo delle baracche in località Pian di Rota (Livorno), nella notte tra il 10 e l’11 Agosto 2007, i genitori sono stati fermati dalla Polizia e trattenuti nel carcere “Le Sughere”. La Procura ha contestato loro due accuse. Da un lato, l’abbandono di minore (i genitori non sarebbero stati presenti al momento del rogo, e avrebbero lasciato soli i bambini in situazione di pericolo); dall’altro, incendio colposo (secondo l’accusa, il rogo sarebbe stato accidentale, provocato da una candela rimasta accesa, o da un fuoco spento male).
All’udienza di convalida del fermo di polizia, tenutasi tra il 14 e il 15 Agosto 2007, il Giudice per le Indagini Preliminari ha ritenuto infondata l’accusa di incendio colposo. Molti indizi hanno invece spinto il Giudice a chiedere ulteriori indagini per verificare l’ipotesi dell’aggressione. Le fiamme si sono sviluppate all’improvviso, con una violenza che sembra escludere l’ipotesi di un incidente. Una candela accesa, o un piccolo fuoco spento con disattenzione possono incendiare delle baracche di legno: ma le fiamme si propagano in tempi relativamente lenti, non provocano un rogo violento ed improvviso.
Perché si produca un “muro di fuoco” così alto da lambire la strada sopra il cavalcavia, è necessario invece l’innesco di materiale infiammabile: e l’ipotesi di una bombola del gas è stata ampiamente smentita, perché nessuna traccia è stata trovata sul posto.
Tuttavia, il Giudice non ha ritenuto infondata l’ipotesi dell’abbandono di minore: non perché i genitori non fossero presenti al momento del rogo – questa ipotesi è stata smentita dal Magistrato – ma perché, al momento della fuga, i genitori potrebbero non essersi preoccupati con sufficiente attenzione dei bambini.
Di conseguenza, il Giudice ha chiesto agli inquirenti di muoversi in due direzioni: verificare l’ipotesi dell’aggressione e indagare sul comportamento dei genitori.

Il 23 Agosto 2007, la Procura, la Questura e i Vigili del Fuoco di Livorno, pur affermando di continuare gli accertamenti «senza escludere apriori nessuna ipotesi», dichiaravano improbabile la tesi dell’aggressione, avvalorata solo pochi giorni prima dal GIP (si veda in particolare «Arresti domiciliari, strada in salita» e «L’aggressione esclusa dai Vigili del Fuoco», in Il Tirreno, cronaca di Livorno, 23 Agosto 2007). Noi riteniamo che debba essere seguita l'indicazione del Giudice, che ha invitato ad indagare con particolare attenzione proprio sull'ipotesi dell'aggressione.

In una intervista pubblicata sulla cronaca regionale toscana de La Repubblica, il 29 Agosto 2007, il legale dei cittadini rumeni, avvocato Andrea Callaioli, ha ricordato l’impressionante sequenza di incendi, attentati ed episodi di violenza che, nei mesi scorsi, hanno colpito rifugi di persone senza fissa dimora nel territorio livornese: il 27 Ottobre 2006, nei pressi della Stazione, in locali occupati da persone senza casa; il 25 Dicembre 2006, nella baracca di un cittadino slavo in Via Firenze; il 28 Dicembre 2006, all’insediamento sotto le logge del Palazzo Grande; il 13 Marzo 2007, alla roulotte di un livornese senza dimora; il 15 Marzo 2007 in Via del Limone (incendio di carcasse di auto); il 26 Marzo 2007 alle Terme ex-Corallo, precaria abitazione di persone senza casa; il 28 Giugno all’oratorio salesiano; e, infine, il 29 Giugno, la violenta rissa alla Stazione, tra un gruppo di cittadini rumeni e uno di italiani, e il successivo “assedio” della Questura da parte di questi ultimi, per chiedere la consegna degli stranieri “per fargliela pagare”.
L’insieme di questi fatti dovrebbe spingere a valutare le possibili connessioni tra i diversi episodi. Si fa presente tuttavia che, al momento, non vi sono elementi né per avvalorare la tesi di violenze a sfondo razziale né per smentirla; inoltre, non si hanno elementi né per confermare né per smentire eventuali connessioni tra queste vicende.
L’avvocato, perciò, chiede indagini in queste direzioni, senza per il momento formulare un’ipotesi.

Ai genitori dei bambini non sono stati concessi gli arresti domiciliari, in quanto si tratta di famiglie senza alloggio. Il Comune di Livorno si era in un primo momento impegnato a fornire un’abitazione per gli arresti domiciliari. Successivamente, nel corso di un dibattito pubblico svoltosi in presenza del Ministro Paolo Ferrero, il Sindaco di Livorno Alessandro Cosimi ha dichiarato di non essere disponibile a fornire l’alloggio. Di conseguenza queste persone restano in carcere, almeno finché qualcuno (Comuni o organizzazioni di volontariato) non troverà un alloggio.

Sia i genitori dei bambini, sia i parenti che abitano a Pisa e a Livorno, hanno chiesto per settimane la restituzione dei corpi dei bambini, per poter celebrare i funerali.
I corpi sono stati restituiti in questi giorni, a quasi un mese di distanza dal rogo, e i funerali si terranno Venerdi 14 Settembre alle 11.

L’on. Mercedes Frias, deputata alla Camera che si è interessata alle vicende di queste famiglie, l’associazione Africa Insieme e OsservAzione hanno intenzione di lanciare una sottoscrizione pubblica per sostenere queste persone, e per pagare le spese legali. “Osservazione” mette a disposizione il proprio conto corrente, .convinta che questa iniziativa possa rappresentare, oltre che un utile contributo per queste persone, anche una forma di mobilitazione popolare a favore dei Rom.

*Il numero di conto corrente su cui effettuare i versamenti è 000300047775 presso la Cassa Rurale di Bolzano intestato ad Associazione Osservazione ONLUS, coordinate bancarie IT 59 F 08081 11600 000300047775. Nella causale indicare "PER LA DIFESA DEI GENITORI DELLE BAMBINE ROM MORTE A LIVORNO "*

--

osservAzione (ONLUS)
centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti
web: www.osservazione.org
email: info@osservazione.org

osservAzione è un'associazione di promozione sociale (ONLUS) impegnata nella lotta contro l'anti-ziganismo e le violazioni dei diritti umani e per la promozione dei diritti di rom e sinti in Italia