\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Ostaggi
Di Fabrizio (del 16/07/2005 @ 16:29:46, in Italia, visitato 2490 volte)

C'era una volta un accampamento, anche se tutte le nostre parole che richiamano il concetto di insediamento sono eccessive e inadeguate per descrivere la topaia proliferata in via Capo Rizzuto.

Su quel pezzo di terra all'estrema periferia, la città si è divisa da anni tra buoni e cattivi. Con i "buoni" che giocano ognuno per proprio conto, e i "cattivi" che, in mancanza di idee valide, ogni tanto alzano la testa, ringhiano e tornano a dormire.

D'estate, anche i buoni tirano il fiato, anche quelli che NESSUNO E' STRANIERO. E mentre tiravano il fiato, i cattivi in un mattinata han lavorato di ruspa. 150 poliziotti per 150 occupanti, tanto per non correre rischi: nell'accampamento avrebbero potuto essere nascosti pericolosi criminali... che difatti erano già spariti da settimane.

Spianato il campo, espulso chi è stato trovato senza documenti, il cattivo è tornato a dormire, nella speranza che i buoni rimettano assieme i cocci. So già come continuerà questa storia: altri arriveranno, i buoni li "useranno" per far pressione su cattivi, e i cattivi... Che piaccia o meno, questa è la storia logica e lineare, con i suoi sviluppi.

Magari, quello che segue non cambierà la storia: sono solo ragionamenti dal basso che prima o poi dovranno avere l'onore di qualche riga.

Per iniziare: come mai non sono stati espulsi tutti? Non pensate che così il problema sarebbe stato risolto definitivamente?

La domanda sarebbe: come si fa ad espellere 76 persone, che sono in regola con i documenti per rimanere in Italia, se non hanno nessun'altra colpa che quella di vivere in una bidonville?

E la risposta a questo punto diventa: gli si rende impossibile rimanere, anche se i documenti attestano il contrario. Tante volte ho sentito la parola "Zingaro" accostata a "Libertà", eppure non c'è niente di più degradante che vivere sballottato tra discariche e carità. Comune e Provincia  non si mettono d'accordo, il problema di ospitare 76 persone è demandato al buono di turno: la Caritas. E quando neanche la Caritas ce la farà più?

Intanto. giovedì scorso, questi Rifugiati Interni facevano spettacolo e casino in piazza Cordusio, sotto gli sguardi di una città indifferente. Guardavo la scena indeciso tra due pensieri:

  • che questa città troppo seria, che ha la filodiffusione in metropolitana e i prezzi dei rari concerti alle stelle, se ne frega della musica e di cosa vuole comunicare;
  • quei bambini che ballavano, ridevano e correvano, i milanesi li avranno riconosciuti come quei bambini differenti dai piccoli adulti che stanno diventando i milanesi, o li avranno visti come piccole scimmie da rinchiudere al più presto in uno zoo?
RAĆ SAVÍ NI BISTARAV

Sovav ande mi kampina

ašunav avri, vareko galami,

uštilen so čiden pe te laden,

den ma muj po anav

e pačardé .

Dikhav me čhavřén

sar guglé soven

e naj tsiknoré vazdav

ačhilá lesko than čhingó,

mora te ladá?

so te kerá?

inaj prvo drom, ni merá.

Ali gejá tsiknoró

ni asvin ni muklá

iziló ande mi angali

e vah phutardá

tala peste daratar

o than mutardá.

An ği pharipé pelá mange

e řomeski bax, akušlem prvo drom

jkaj sem bijandó bibaxtaló

the kaj sem bijandó sar Řom.
UNA TRAGICA NOTTE

Dormivo nel mio carrozzone

quando udii qualcuno gridare,

mi alzai pronto a fuggire

ma mi chiamarono per nome,

erano i gendarmi.

Vedevo i miei bambini

dormire dolcemente

presi in braccio il più piccolo

lasciando il suo posto bagnato,

bisognava scappare?

che fare?

non è la prima volta, non moriamo.

Ma quel piccolino non pianse

si stirò tra le mie braccia

aprì le mani

ma dalla paura

fece pipì per terra.

Nel cuore allora sentii forte il peso

del destino degli Zingari,

per la prima volta imprecai

di essere nato sfortunato

e di essere nato Zingaro.

 

Da POESIE di Šemso Advić (traduzione a cura di Sergio Franzese) PRIMALPEedizioni - giugno 1985