Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 09/01/2007 @ 10:27:15, in Europa, visitato 1476 volte)

Circa 400.000 dei Rom di Serbia non hanno documenti personali e perciò le autorità locali li trattano come inesistenti [...]

I Rom in questione vivono in "accampamenti selvaggi" alle periferie delle città o in baracche nelle vie di Belgrado. Dato che non hanno un indirizzo documentabile, non possono registrare la loro residenza al fine di ottenere documenti, riporta il Centro per le Minoranze di Belgrado.

Senza documenti non possono mandare i figli a scuola e si perdono i benefici sociali e sanitari, riporta Radio B92.

Le statistiche ufficiali contano in 150.000 i Rom nel paese, ma i leaders Rom stimano la popolazione tra i 500.000 e gli 800.000.

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/01/2007 @ 09:50:32, in media, visitato 1438 volte)

Da l'Espresso online, la parola ai diretti interessati

La commozione di Marinko Costantin Ventila, leader del Triboniano e ortodosso
Il capo dei nomadi in Duomo "Ora ci sentiamo cittadini veri"
Luigi Bolognini

Non sa, la signora impellicciata di leopardo che scambia segni di pace, che sta stringendo la mano al capo di quelli che forse le danno paure e angosce ogni volta che li vede nei tigì, nella vita di tutti i giorni e negli incubi notturni. I rom. Anzi, gli zingari: come Marinko Costantin Ventila, il leader del campo di via Triboniano che, anche se di religione ortodossa, ha voluto andare in Duomo a sentire di persona il discorso del cardinal Tettamanzi. E che, alla fine, è uscito con gli occhi gonfi dalla commozione.
Due ore filate in piedi, giusto la schiena ogni tanto appoggiata a una transenna, in una navata laterale del Duomo, mischiato tra il pubblico ad ascoltare litanie in ucraino, giapponese, coreano e congolese e a vedere balli dello Sri Lanka, al freddo. Messa così, sembrerebbe una specie di tortura. «E invece è un momento splendido, lo aspettavo da tanto. Adesso mi sento davvero e finalmente globalizzato. Perché le parole del cardinale arrivano subito dopo che siamo diventati ufficialmente cittadini dell´Unione Europea, mentre il Comune, la Provincia, le associazioni di volontariato e quelle diocesane hanno dato una risposta eccezionale all´incendio, una risposta che potrebbe essere la sistemazione definitiva per tanti di noi. L´anno si era chiuso davvero malissimo, con le fiamme che hanno bruciato una gran parte del campo. Sembrava la fine. E invece è stato un nuovo inizio, tutto è cambiato all´improvviso».
Ma la strada è ancora lunga, quasi come quella che ha fatto questo 52enne geometra dal 1991, l´anno in cui decise di abbandonare la sua Romania per cercare fortuna: «Tettamanzi parla di disagi, umiliazioni, fragilità dei migranti, e sono tutte cose che abbiamo davvero vissuto, giorno dopo giorno. Abbiamo girato davvero tutta l´Europa fino al 1995, quando siamo arrivati in Italia. Eravamo in 12, i primi rom della nuova immigrazione a Milano. Abbiamo dormito per mesi nei treni fermi nei depositi della Stazione Centrale, poi a Porta Garibaldi. In via Triboniano siamo dal 1998». Da allora Ventila ha cambiato alcuni lavori: «Il permesso di soggiorno è in regola, ma poi succede che scoprono che vivo in quel campo e finisce sempre allo stesso modo. Temo che perderò anche il posto che ho adesso, con tutta la pubblicità che mi è piombata addosso da quando c´è stato l´incendio del 31 dicembre. I pregiudizi sono più forti di ogni cosa».
Per questo quando Tettamanzi chiede «una città capace di risposte concrete, di risposte date nel segno molteplice e armonico della legalità, della sicurezza, dell´accoglienza, del rispetto dei diritti fondamentali della persona, in un clima di autentica socialità», annuisce soddisfatto. E quando il cardinale dice di volere rom «non semplici destinatari dei nostri interventi, ma protagonisti coinvolti attivamente e con la responsabilità dei loro diritti e doveri nella costruzione comune di una convivenza giusta, libera e solidale» apprezza, ma non si nasconde. «È vero, abbiamo dei diritti, ma anche dei doveri. E sappiamo bene che dobbiamo ancora lavorare su noi stessi. Abbiamo delle colpe: qualcuno di noi, non moltissimi ma sempre troppi, ruba o chiede l´elemosina agli angoli delle strade. E così ben presto gli italiani hanno paura o rispondono con violenza e intolleranza. Ma se succede che cerchiamo soldi in questo modo è perché non troviamo nessun lavoro. Dappertutto siamo odiati, i più odiati di tutti. Basta dire "zingari" che tutti reagiscono. Non è un problema solo italiano. Non è questione di Lega o non Lega».
Ma la speranza viene proprio da quello che è successo in questi giorni. Lo dice anche l´assessore Mariolina Moioli, unico politico presente in Duomo: «L´arcivescovo ci ha confermato che la strada dell´integrazione e della legalità è quella giusta». È della stessa idea Marinko Ventila: «Milano ce la può fare, Tettamanzi ha ragione. Abbiamo trovato tantissima gente che ci ha trattato bene, che non si è fermata ai pregiudizi, ma che ha saputo dialogare. Don Colmegna, certo. E anche l´Opera Nomadi. E poi tante persone comuni. Noi andiamo d´accordo con tutti. Anche con gli abitanti della via, che però prima fanno gli amici e cercano il dialogo e poi parlano male di noi alle nostre spalle. Ma noi non abbiamo problemi con loro, e vorremmo che anche loro non ne avessero con noi. Non siamo poi così cattivi, vogliamo solo vivere in pace». Proprio quella pace di cui scambia abbondanti segni in Duomo.

(07 gennaio 2007)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/01/2007 @ 09:17:41, in media, visitato 1745 volte)

Continuo con la saga del Giornale di ieri, con l'intervista a Dijana Pavlovic

"Le paure degli italiani non vanno fomentate. In questi giorni si sono moltiplicate voci su un'ipotetica invasione di neocomunitari bulgari e romeni portatori di criminalità. La paura è legata soprattutto ai rom. Dipenderà molto da come il Comune gestirà la politica sociale". Dijana Pavlovic, una bella e giovane rom che da otto anni vive a Milano. Attrice di teatro e stimata mediatrice culturale, collabora con l'Associazione Opera Nomadi. Nel 2006 si è candidata al Consiglio comunale nella lista Uniti con Dario Fo per Milano: "Non sono stata eletta - sostiene - ma è stata una bella sfida". Lei non rappresenta esattamente l'immagine che si ha dei rom: è elegante, colta, impegnata.

"Fin da piccola dovevo dimostrare di valere. Sono nata nel 1976 a Vrnjacka Banja, un paese al centro della Serbia. Mia madre appartiene all'antico gruppo etnico dei kalderas, noti per la lavorazione del ferro; mio padre è un tipico rom serbo stanziale da generazioni. Lui faceva il magazziniere e lei l'operaia nonostante una laurea in elettronica. Ai tempi di Tito tutti avevano il diritto allo studio. Io ero l'unica rom della scuola. Sono venuta a conoscenza della mia origine grazie a una compagna di classe che mi ha detto "Oggi tu hai avuto il voto più alto, ma resti una zingara". Ne fui turbata ma mia madre mi rassicurò: "C'è una cosa peggiore di esser zingari: essere maleducati Dopo il liceo scientifico mi sono laureata all'Accademia di Arte drammatica a Belgrado".

  • Cosa ricorda di quel periodo?

"Erano gli anni subito dopo la dissoluzione della ex Jugoslavia. Militavo nel partito democratico contro Milosevic. Era un periodo terribile: i bombardamenti a Belgrado nel '99, mio padre chiamato al fronte e un senso d'impotenza. A quei tempi ero già in Italia. Nel '97 avevo conosciuto un attore milanese durante un festival in Montenegro. Ci siamo sposati nel '99 e l'ho seguito a Milano. Un sogno ma anche molta amarezza".

  • Perché

"Ero lacerato tra la preoccupazione per la mia famiglia e la volontà di rimanere in Italia. Ho superato prima l'ostacolo della lingua per poter lavorare come attrice. Ho recitato per la Rai nella fiction "La squadra" e in varie produzioni teatrali, tra cui all'Elfo e al Parenti. Senza abbandonare l'impegno sociale".

  • A proposito del campo Triboniano?

In seguito all'incendio del 2006 c'è stato l'ennesimo dibattito. Non era difficile prevedere quali conseguenze avrebbe provocato raggruppare nei 3000 metri quadri di un parcheggio 500 persone con solo 8 bagni chimici, senza luce, acqua e gas, per poi abbandonarle per mesi dicendo che si trattava di una soluzione temporanea e aspettando che scoppiasse qualche altro incendio o fatto di cronaca nera per riparlarne".

  • Quali sarebbero le soluzioni?

"La questione non va affrontata né con il razzismo né con un buonismo inconcludente. No va poi fomentato il panico tra i cittadini al fine di mantenere i propri voti. Ovunque ci siano stati tentativi seri di integrazione la risposta è stata positiva. E' accaduto con le Cooperative rom che lavorano e pagano le tasse e con il progetto di mediazione culturale nelle scuole elementari (18 mediatrici rom) che ha fatto triplicare il numero dei bambini che vanno a scuola (500). Questa è la strada da seguire. Lasciando che le forze dell'ordine svolgano il loro lavoro con i delinquenti rom esattamente come con i delinquenti di ogni razza, fede e colore".

di Marina Gersony

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/01/2007 @ 12:17:41, in blog, visitato 6686 volte)

"Colpo grosso" nelle pagine de Il Giornale. Oggi nella cronaca milanese dopo un'intervista a Ettore Martinelli [responsabile milanese per l'immigrazione dei DS - Basta con questa sinistra che fa troppi sconti ai rom (uffa)], parla di questo blog e pubblica un'altra intervista a Dijana Pavlovic, anche lei beniamina delle pagine di Mahalla. Per non farsi mancare niente, c'è anche un riquadro con foto su Don Colmegna al Natale ortodosso presso il campo di Opera.

Oggi ricopio la mia intervista, domani quella a Dijana Pavlovic:

Sempre più stanziali anche loro inaugurano un sito per parlare dei loro problemi

Ormai è chiaro a tutti: i rom hanno smesso di essere nomadi. Lo dice anche il Ministero dell'Interno (Dipartimento delle Libertà civili e dell'Immigrazione) in una ricerca pubblicata il luglio scorso. Vivono stabilmente ai margini dei grandi nuclei urbani, con spostamenti che si limitano all'area di una provincia. Eppure non hanno smesso di viaggiare, solo che lo fanno nella Rete.

Può sembrare un gioco di parole e invece è la realtà. Fabrizio Casavola, milanese [...] è stato forse il primo in Italia a interpretare questo cambiamento. Di sicuro, in Lombardia, nessuno aveva mai tentato un esperimento del genere. Quale? Pubblicare su Internet pagine dedicate espressamente alla comunità rom e sinti. "Mi sono appassionato della cultura romanes (come si chiamano nella loro lingua d'origine, ndr) nel 1989 - racconta Casavola -. Li ho conosciuti da vicino al campo di via Idro, quando facevo l'animatore tra i giovani. Sentivo il bisogno di stabilire un contatto tra noi e loro, così lontani almeno nelle apparenze. Ho iniziato a scrivere in html 7 anni fa, cominciando a maturare una rete di contatti non solo in tutta Italia ma anche in diversi paesi del mondo. In seguito ho trovato ideale la piattaforma del blog. Molto presto ho ottenuto visite e commenti, dieci volte più del normale, almeno 200 pagine al giorno. Mahalla è il nome del suo sito (www.sivola.net/dblog): così venivano chiamati i quartieri ghetto in cui hanno vissuto per secoli i rom in Europa dell'Est.

"L'idea è di passare dagli accampamenti di zingari a un villaggio virtuale globale, per raccogliere denunce e proporre soluzioni", riassume Casavola. L'intento pare sia stato raggiunto. "Tempo fa mi è capitato di ricevere via posta elettronica una lettera in bulgaro da parte di alcuni rom che vivono in Israele. L'ho girata a un gruppo di [rom] macedoni che l'hanno tradotta per poi pubblicarla in italiano sul blog. Internet permette tutto questo: confronto e dialogo. Così i rom superano in prima persona i limiti fisici delle baraccopoli, oppure si appoggiano alle associazioni di terzo settore, sollevandosi per un attimo dalla lotta al disagio quotidiano".

Il diario di Fabrizio Casavola non è, comunque, un caso isolato. In questi giorni, in cui la questione rom è tornata di grande attualità, si sono moltiplicati i contatti ad altri siti "riservati" a nomadi e affini. E' quello che succede, ad esempio, sulle pagine di Sucar Drom (www.sucardrom.blog.tiscali.it), blog di un'associazione con base a Mantova, che ha fatto registrare 93mila visite in appena un anno e mezzo di vita. "E qualcosa di simile avviene nello spazio on line gestito dall'Opera Nomadi di Milano (http://web.tiscali.it/operanomadimilano) - rivela il vicepresidente Maurizio Pagani -. Non nascondo che la cosa sorprende noi stessi. Pur in un contesto ancora di forte arretratezza tecnologica, i rom di tutta Italia stanno scoprendo lo strumento informatico per sviluppare buone pratiche di comunicazione e rivendicazione di diritti. Potenzialità enormi, considerando che in Italia oltre il 50% dei rom ha meno di 14 anni. Per loro internet può diventare un punto di partenza verso l'integrazione".

di Giacomo Susca

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/01/2007 @ 09:51:23, in casa, visitato 1336 volte)

Da British_Roma

Una famiglia di Viaggianti ha vinto un'aspra battaglia col comune per rimanere nel sito dove viveva da tre anni.

La famiglia ha ottenuto il permesso dall'Ispettorato del Governo perché i quattro caravans restino a Dark Lane, Calow, per un periodo temporaneo di due anni, dopo che il Consiglio Distrettuale del Derbyshire Nord Est aveva rifiutato il permesso di stanziarsi.

I permessi per sei carovane erano stati rifiutati nel marzo 2004 ed erano stati concessi tre mesi per sgomberare. [La famiglia] aveva fatto ricorso contro la decisione ed il termine era stato prorogato a 12 mesi.

A marzo dell'anno scorso il numero di caravans era stato ridotto a quattro e il termine allungato a due anni.

Il consiglio comunale aveva rifiutato la decisione e richiesto al tribunale di procedere con lo sgombero. La famiglia si era rivolta in appello all'Ispettorato del Governo.

Venne argomentato che i Viaggianti avevano il permesso di rimanere a determinate condizioni, incluse le attività economiche [svolte], l'approvazione degli schemi di drenaggio e che i loro cani fossero tenuti sotto controllo.

Seguirono dozzine di lettere scritte da parte di cittadini e residenti che esplicitavano il loro dissenso alla sosta dei Viaggianti.

Alfred Newman (81 anni - di Top Road, Calow) dice: "Penso che sia una decisione sbagliata. Ci sono stati dei fastidi e tanta gente si è lamentata."

Un portavoce del Consiglio Distrettuale afferma "Il consiglio ha lavorato assieme ai cittadini per provare a risolvere il problema. Crediamo che la decisione presa dall'ispettorato sia in linea con quanto richiesto dal governo centrale, che richiede alle amministrazioni locali di individuare possibili aree per zingari e viaggianti."

jennifer.ivers@ derbyshiretimes. co.uk

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/01/2007 @ 10:10:28, in Italia, visitato 1217 volte)
Qui il bando per chi fosse interessato.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/01/2007 @ 09:43:05, in Europa, visitato 1404 volte)

Praga, 22. 12. 2006, 17:40 (CTK) I Rom nella Repubblica Ceca sono discriminati nel lavoro, ma anche a scuola e [nelle politiche della] casa, secondo il rapporto Raxen dell'organizzazione Gente nel Bisogno, uscito oggi.

Secondo il rapporto del Network Europeo Contro il Razzismo (ENAR), esiste nella Repubblica Ceca una discriminazione tanto latente quanto aperta, di cui i Rom sono le vittime principali. Il rapporto aggiunge che il razzismo non è [in una situazione] drammatica.

Il rapporto Raxen mostra come i Rom sono discriminati nel mercato del lavoro, soprattutto non per cause etniche, ma perché i datori in genera ritengono che non lavorino bene o in maniera regolare. Il rapporto aggiunge come i Rom si siano trasferiti [man mano] nei quartieri più periferici.

Si descrive come 80.000 Rom vivano nei ghetti. Gli esperti stimano il loro tasso di disoccupazione in 70%, confrontato al dato del resto della popolazione che è il 7%. In qualche località il tasso per i Rom è del 90-100%. [...] Un gran numero di famiglie vive principalmente degli assegni sociali.

Secondo lo studio, molti bambini Rom considerano normale che i loro genitori non lavorino o sopravvivano di welfare. Secondo una recente analisi, il lavoro è una condizione per l'integrazione dei Rom nella società. Per questo, è necessaria l'educazione superiore.

Il rapporto Raxen dice che i bambini Rom continuano ad essere "segregati" nell'educazione, in quanto a volte sono automaticamente sistemati in scuole differenziali e come risultato non ricevono adeguata istruzione. La Repubblica Ceca non ha ancora approvato una legge anti-discriminatoria, anche se la EU la richiede agli stati membri, in quanto i legislatori non hanno trovato un accordo sulla sua formulazione.

© Prague Daily Monitor

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 06/01/2007 @ 16:43:47, in blog, visitato 1168 volte)

RomSinti@Politica, grazie Ministro Ferrero
Abbiamo letto un post su RomSinti@Politica e vogliamo riproporlo su sucardrom perchè l'intervento di Nazzareno Guarnieri (in foto) ci sembra molto interessante e capace di aiutare le riflessioni di questi giorni.
Finalmente una voce politica/istituzionale rispettosa dei Rom, il Ministro Ferrero in una intervista al Redattor...

Invito a partecipare ai forum
In questi mesi sucardrom è intervenuto in diversi forum telematici offrendo alcune considerazioni sull'attuale situazione delle Minoranze Nazionali ed Europee Sinte e Rom.
Attualmente stiamo intervenendo in due forum:
- GenitoriChe, forum,

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/01/2007 @ 13:18:57, in Italia, visitato 1698 volte)

Un lungo articolo, uscito su Casertasette, sull'incendio del campo di Orta di Atella:

Una causa accidentale, secondo quanto hanno ricostruito i carabinieri di Aversa ed i vigili del fuoco, ha provocato l'incendio che ha coinvolto la baracca di legno nella quale dormivano Cristina Mihalache, di 15 anni e Nicolae Ihnunt Laurentiu di 16, i due giovani rumeni morti avvolti dalle fiamme. A provocare il rogo sarebbe stato o un mozzicone di sigaretta o una candela lasciata accesa. Da quanto è stato accertato, infatti, è escluso il dolo e all'interno della struttura non sono state trovate stufe elettriche. Le fiamme si sarebbero sprigionate lentamente durante la notte, mentre i due dormivano. Le esalazioni avrebbero stordito la giovane coppia i cui corpi sono stati trovati carbonizzati nel letto. L'incendio ha coinvolto tre baracche - che sono andate completamente distrutte - ma gli abitanti delle altre due sono riusciti a mettersi in salvo. Il campo nomadi - costituito da una ventina di baracche di legno - si trova alla periferia di Orta di Atella, in località Cerbone e attualmente vi risiedono una cinquantina di persone. A identificare le vittime è stato il fratello di Cristina Mihalache. Secondo quanto si è appreso, i due giovani erano da poco a Orta di Atella, probabilmente erano giunti in occasione delle festività. I corpi sono ora a disposizione dell'autorità giudiziaria e sono stati portati nell'Istituto di Medicina legale di Caserta dove sarà effettuata l'autopsia. Erano sposati da circa due mesi Cristina Mihalache, di 15 anni e Nicolae Ihnunt Laurentiu di 14 (e non 16 come si era appreso in un primo momento), i due giovani rimasti uccisi nel rogo della baracca nella quale dormivano nel campo nomadi di Orta di Atella (Caserta). Ad accorgersi dell'incendio è stato uno dei vicini di Cristina e Nicolae che insieme con altri abitanti del campo - che sono tutti imparentati tra loro - hanno tentato di spegnere le fiamme con l'acqua contenuta nei bidoni: nel campo - che sorge sotto i piloni dell'asse di supporto Nola-Villa Literno, alla periferia di Orta di Atella ed al confine con l'area industriale di Pascarola di Caivano (Napoli) - infatti manca l'acqua corrente. I due giovani, che vivevano stabilmente nel campo nomadi di San Salvatore, a Casoria (Napoli), erano a Orta di Atella per trascorrere le festività con alcuni parenti. Il campo nomadi di località "Cerbone" è costituito da una ventina di baracche occupate da circa cinquanta persone che vivono facendo piccoli lavoretti. L'area dove sorge l'insediamento è degradata: vi sono rifiuti di ogni genere ovunque. I residenti sopravvivono facendo piccoli lavoretti, molti di loro estraggono rame dalle batterie per auto in disuso per poi rivenderlo, altri puliscono le cantine. Le baracche sono costruite con materiale di risulta e sono coperte da tappeti di bitume per cercare di limitare le infiltrazioni d'acqua. Oltre all'acqua manca anche la corrente: per illuminare le abitazioni vengono infatti utilizzate candele, per il riscaldamento stufe a gas. I nomadi che vivevano nel campo nomadi in località Cerbone, dove la notte scorsa è andata a fuoco una baracca e una coppia di giovanissimi è rimasta uccisa, stanno lasciando le baracche per dirigersi verso postazioni più sicure. Gli uomini, infatti, hanno caricato le masserizie su macchine e motocarri. "Stiamo andando via da qui - dice un rappresentante della comunità - perché non è più possibile vivere dove sono morti due nostri amici". Alcuni, secondo quanto si è appreso, troveranno una sistemazione in altri campi della zona. "Saremo lì per qualche giorno - prosegue il rappresentante della comunità - poi vedremo dove andare". Dalla stessa comunità di nomadi fanno sapere che i funerali delle due vittime si terranno in Romania, non appena saranno ultimati l' esame medico legale disposto dagli inquirenti.

Parla Bassolino

"La morte di Cristina Mihalache e Nicolae Ihnunt Laurentiu suscita profondo dolore; la vita è il bene più prezioso. Nessuno può restare indifferente di fronte a quanto accaduto oggi a Orta di Atella - dice il governatore della Campania, Antonio Bassolino - dove due giovanissimi sposi hanno perso tragicamente la vita in un contesto di povertà e abbandono". Per Bassolino "serve un lavoro continuo e costante per porre rimedio a situazioni di estrema difficoltà". Situazioni "come quelle che si verificano in molti campi rom abusivi presenti nel nostro Paese, dove vivono persone, donne e uomini, famiglie intere con bambini". "E' un grande e delicato tema, pieno di contraddizioni e di problemi, che reclama un impegno di tutti e una doverosa attenzione di tutte le istituzioni, nazionali e locali - afferma Bassolino - nel corso di questi anni, l'assessorato regionale alle Politiche Sociali si è fortemente impegnato per intervenire in diverse situazioni presenti sul territorio campano. Insieme con il Comune e con la Provincia di Napoli, è stato istituito un 'Tavolo permanente di concertazione sulle problematiche Rom', attraverso il quale la Regione ha finanziato la costruzione e il risanamento dei campi di Giugliano e Caivano, mentre altri importanti interventi sono in corso d'opera. Stiamo realizzando iniziative analoghe anche insieme alle amministrazioni di Giffoni, Battipaglia, Eboli, e in tutta la fascia a sud di Salerno". "Vogliamo potenziare ancora di più il nostro impegno, per garantire la messa in sicurezza dei campi a rischio e normali condizioni sanitarie e abitative ai loro abitanti. Per questo - conclude Bassolino - siamo pronti a collaborare con la Provincia di Caserta, la Prefettura e il Comune di Orta di Atella per aprire subito un tavolo operativo che si occupi costantemente dei campi rom in Terra di Lavoro".

Parla assessore regionale D'Amelio

"Rammarico e dolore" per la "tragica scomparsa dei due giovani rom morti a Orta di Atella" vengono espressi dall'assessore campano alle Politiche Sociali, Rosa D'Amelio. L'assessore sottolinea "l'urgenza di accentuare sempre più efficaci politiche di integrazione". "Vicende strazianti come questa - afferma - ci richiamano tutti a fare di più, anche se niente e nessuno potrà restituire la vita a questi due giovanissimi ragazzi. Spetta prima di tutto alla politica - istituzioni, forze politiche e sociali, società civile - sapersi far carico di problemi difficili come l'immigrazione e l'aiuto alle fasce sociali più deboli". "Noi come Regione siamo impegnati a fare la nostra parte, come dimostrano gli interventi di riqualificazione di diversi campi rom compiuti in questi anni. Vogliamo continuare su questa strada - conclude D'Amelio - approvando al più presto una legge regionale sui rom, che potrà essere un ulteriore contributo per la soluzione di questi problemi".

Ma sindaco Orta di Atella rilancia su Bassolino e Provincia

"Tornerò a scrivere alla Regione, alle Province di Caserta e Napoli e alle rispettive prefetture per chiedere la convocazione di un tavolo di confronto. Sono addolorato per quanto è accaduto ma non siamo in grado di offrire, nel nostro Comune, ospitalità a circa duecento nomadi". Salvatore Del Prete, sindaco di Orta di Atella, rilancia così l'allarme dopo la morte di due giovanissimi sposi rom. Il campo dove è accaduto l'incendio questa mattina non è l'unico presente nel piccolo comune casertano: a pochi chilometri di distanza vi è un'altra baraccopoli, dove oltre centocinquanta persone vivono in precarie condizioni igienico-sanitarie. Una situazione già denunciata nei mesi scorsi dallo stesso Del Prete. "La politica deve fare di più - prosegue il sindaco - è mortificante ospitare stranieri in queste condizioni. Si trovi una soluzione condivisa". Del Prete chiede anche l'intervento della prefettura di Napoli ritenendo che la maggior parte dei nomadi presenti nel suo comune provenga da alcuni centri dell'hinterland partenopeo dove alcuni mesi fa sono stati smantellati alcuni campi ma anche in considerazione del fatto che "a qualche chilometro di distanza, nel territorio del Comune di Caivano (Napoli) - spiega ancora Del Prete - c'é una struttura attrezzata per accogliere i nomadi in maniera adeguata". Intanto, nel pomeriggio di oggi ad Orta di Atella sono giunti due funzionari dell'assessorato regionale alle Politiche sociali che hanno preso contatti con l'amministrazione comunale per discutere dei provvedimenti da adottare nei prossimi giorni.

Caruso se la prende con parte politica che rappresenta Governo

"Una morte annunciata" quella avvenuta nel campo nomadi di Orta di Atella, secondo il deputato del Prc Francesco Caruso. "Quando si lasciano intere comunità nel degrado e nell'abbandono più totale, quando bambini e ragazzini sono costretti a vivere senza luce, senza acqua, senza riscaldamento, circondati da ratti, quando il razzismo, l'egoismo e l'indifferenza sono i nostri unici parametri del confronto sociale e culturale, quando nel nostro Paese si perseguono le politiche di 'segregazione razziale' nei confronti dei rom, come denunciato nei richiami dell'Unione Europea dell'aprile di quest'anno, le tragedie come quelle di Orta di Atella - afferma il parlamentare - sono e saranno sempre all'ordine del giorno: non si tratta semplicemente di eventi fortuiti, ma un epilogo drammatico di una condizione drammatica di degrado e di abbandono". "Oggi, mentre visitavo le baracche del campo rom di Cosenza, - ha aggiunto - mi sono vergognato di essere un parlamentare di questa repubblica italiana. I razzisti volgono lo sguardo da un'altra parte, io non riesco a ignorare lo sguardo di quei bambini che ogni giorno devono combattere contro il freddo, i topi e il degrado per sopravvivere: questa non è civiltà, è barbarie. Delle morti di Orta di Atella siamo tutti responsabili perché non solo il razzismo ma anche l'indifferenza uccide".

E ci si mette anche il Codacons

La magistratura deve indagare sul rogo del campo nomadi di Orta di Atella dove hanno perso la vita due giovani rom, al fine accertare eventuali responsabilità del Comune che ospitava la struttura. Lo afferma in una nota l'associazione dei consumatori Codacons. "L'amministrazione comunale - si legge nella nota - deve garantire la sicurezza anche dei campi nomadi, e il rispetto di tutte le norme igienico-sanitarie al fine di evitare spiacevoli episodi che possono portare a conclusioni tragiche. Chiediamo alla magistratura di verificare se il Comune abbia messo in atto tutte le misure atte a garantire la sicurezza del campo nomadi dove si è verificato il rogo, e accertare eventuali omissioni e relative responsabilità".

De Franciscis colpito da terribile notizia

“La comunità di Terra di Lavoro è profondamente colpita dalla tragica scomparsa dei due giovani rom avvenuta nell’incendio all’alba di oggi ad Orta di Atella. In tutti noi è molto forte il dolore per la perdita di due giovani vite ed esprimiamo vicinanza ai familiari delle vittime e a tutta la comunità rom”. Lo afferma il presidente della Provincia di Caserta, Sandro De Franciscis. “Nessuno si nasconde che all’interno di contesti ambientali difficili – prosegue il presidente De Franciscis –, che lentamente ma progressivamente risalgono la china per una accresciuta attenzione da parte delle Istituzioni alle problematiche legate alla vivibilità, permangono tuttavia vere e proprie emergenze. Come Provincia di Caserta non possiamo che cogliere, ancora una volta, la concretezza dell’iniziativa della Regione Campania che con il presidente Antonio Bassolino si è detto disponibile a ricercare con noi e con le Amministrazione comunali interessate al fenomeno della presenza dei rom sui rispettivi territori le condizioni ambientali e sanitarie più idonee ad una dignitosa coabitazione con le comunità locali. Al governatore, nelle ore immediatamente successive alla tragedia, abbiamo già rilanciato la nostra disponibilità e concorderemo presto modalità e obiettivi del tavolo di lavoro. Come Provincia promuoveremo ogni sforzo nelle nostre possibilità per sostenere l’impegno dell’Amministrazione di Orta di Atella a fronteggiare l’emergenza di queste ore”.

Parla Sandra Lonardo Mastella

"Sono profondamente dispiaciuta per la morte dei due giovani rom. Mi ha colpito in modo particolare la notizia della loro tenera età. Ciò deve spingerci non solo a provare sentimenti di cristiana pietà ma anche di profonda giustizia. Mi auguro che si accertino le cause di questa tragedia e le eventuali reponsabilità". Lo afferma il presidente del Consiglio regionale della Campania, Sandra Lonardo. "In ogni caso - ha aggiunto - occorre davvero che ognuno di noi faccia la sua parte, anche più del suo dovere, per evitare il ripetersi di tragedie così grandi, per intervenire con concretezza e decisione sulle cause, per contribuire ad estirpare ogni forma di isolamento e discriminazione, per riuscire sul serio e definitivamente a rimuovere condizioni di disagio sociale, di sudditanza economica e culturale, ancora troppo diffuse. La migliore maniera per far sentire il proprio dolore è impegnarsi nella costruzione di un futuro migliore, per tutti".

Domenica rom avevano festeggiato per ingresso in Ue

Al campo nomadi Orta di Atella, dove la scorsa notte sono morti in un incendio due giovanissimi sposi, domenica sera hanno festeggiato; lo hanno fatto non solo per dare il benvenuto al nuovo anno ma anche per festa per salutare l'ingresso della Romania nell'Unione Europea. "Lo abbiamo sentito per televisione che nel nostro Paese si faceva festa e l'abbiamo fatta anche qui. Per noi è stata una tappa fondamentale - dice un rappresentante della piccola comunità rom che ha vissuto fino a qualche ora fa in fatiscenti baracche sotto un viadotto dell'asse di supporto Nola-Villa Literno - un evento che ha riacceso la speranza di trovare più facilmente un lavoro, con il quale sfamare le nostre famiglie. Ma credo che sarà difficile che questo sogno si avveri". Il rappresentante della comunità che parla ha quarantasette anni, è sposato da oltre ventotto ed è giunto in Italia due anni fa. Ha fatto a bordo di un vecchio autobus, pagando un biglietto dal costo di novanta euro, il suo viaggio della speranza, da Bucarest a Roma. Poi ha chiamato anche la moglie ed i figli. "Siamo poveri ma viviamo onestamente, non rubiamo, viviamo raccogliendo per strada quello che gli italiani buttano ma qui, come altrove, ci continuano a guardare con sospetto", spiega in un italiano stentato. Nel campo dove è divampato l'incendio, infatti, sono state trovate batterie esauste di auto (che sarebbero state presto smontate e vendute), rottami di ferro. A chi gli chiede perché non sono andati altrove, semmai nel vicino campo di Caivano, che è più attrezzato il rappresentante della comunità risponde deciso: "Non c'era ragione di andare via. Finora qui siamo stati benissimo", lasciando poi capire che altrove sarebbe stata davvero difficile l'integrazione con gli slavi presenti. (3 gennaio 2007-18:45)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/01/2007 @ 09:26:18, in Italia, visitato 1397 volte)
A cinque giorni dall’incendio che ha distrutto circa un terzo del campo di Via Triboniano, molte famiglie sono ancora costrette a passare la notte dormendo all’addiaccio accanto a falò improvvisati o in auto. Alcuni hanno trovato ospitalità nelle baracche di amici e parenti scampate al rogo. La popolazione già esposta precedentemente ad un forte disagio abitativo ha vissuto in questi momenti l’ennesimo affronto: la risposta istituzionale di trasferire nel campo nuovi container non consente di affrontare rapidamente “l’emergenza freddo”, considerato soprattutto il tempo necessario (un mese circa) perché vengano consegnati alle famiglie in difficoltà.

La naturale solidarietà che ha consentito ai più di trovare un riparo temporaneo, non deve esimere le istituzioni dal cercare una sistemazione urgente per 50 persone circa che al momento tale riparo non hanno. Una soluzione adeguata dovrebbe consentire a chi ha avuto distrutta la propria precaria abitazione di superare le prossime settimane in un luogo asciutto e riscaldato. Gli obiettivi a breve termine dovrebbero quindi: favorire il rientro a scuola dei numerosi bambini presenti nel campo, permettere la ripresa del lavoro degli adulti e soprattutto proteggere i nuclei familiari evitando di separare i componenti nelle strutture di accoglienza disponibili sul territorio. Una soluzione provvisoria, condivisa dagli abitanti del campo nell’attesa dei container, sono le tende riscaldate che potenzialmente la protezione civile (sede a lato del campo) potrebbe montare rapidamente nei pressi dell’insediamento.

Un ultima questione su cui ci siamo interrogati, senza trovare delle risposte razionali è lo sbilanciamento verso un’imponente presenza di forze dell’ordine nell’area rispetto all’assenza di assistenza logistica che tutto sommato sarebbe la cosa più utile per gli abitanti, i quali sono cittadini europei innocenti fino a prova contraria a cui è bruciata la casa e non delinquenti da sorvegliare.

Associazione NAGA
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/01/2020 @ 01:30:05
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1331 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
15/01/2020 @ 10:21:54
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
14/01/2020 @ 08:31:24
Di ANNA
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source