\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Danimarca
Di Daniele (del 18/03/2006 @ 10:43:37, in Europa, visitato 1550 volte)
Segretario di Stato Signora Condoleezza Rice,

siamo delusi riguardo il blando resoconto sulla situazione dei diritti umani in Danimarca nel 2005 che il suo dipartimento ha pubblicato, e in particolar modo per l'assenza di menzione dei problemi della minoranza rom.
Crediamo che le ripercussioni in tutto il mondo della pubblicazione intenzionalmente provocatoria (e insieme al testo) della 12 vignette del profeta sul "Jyllands-Posten" il 30 settembre 2005, e il successivo modo di affrontare poco diplomatico i sentimenti dei musulmani da parte del governo danese e specialmente del primo ministro danese, avrebbero dovuto metterla in guardia sulle serie e potenzialmente pericolose fratture nella società danese. Abbiamo fatto appello all'ufficio del Primo Ministro proprio dalla pubblicazione che le ripercussioni sarebbero state indirizzate sul serio. Abbiamo offerto la nostra assistenza e indicato le possibili azioni.
Ci riferiamo anche alla dichiarazione della Commissione dei Ministri del Consiglio Europeo del 14 dicembre 2005, che ha seguito la visita in Danimarca della delegazione CoE, e che specificatamente ha menzionato l'istruzione segregata dei bambini rom nella municipalità di Helsingør.
Questa, comunque, è solo una questione, e ci sono molti problemi riguardo la minoranza rom, che conta almeno 20.000 anime, e che ha una storica relazione ininterrotta e di lunga data con la Danimarca, con il primo ingresso registrato nel 1505.
Finora la Danimarca ha rifiutato di riconoscere questa minoranza, che ammonta http://www.bloglines.com/myblogsa circa 10-12 milioni ed è perciò la più grande minoranza nell'U.E. Facciamo notare che questo riconoscimento è accordato nella maggior parte dei paesi dell'U.E. tramite il "Copenhagen Criteria" dal 1993.
Abbiamo anche segnalato serie violazioni di molte convenzioni internazionali e della legge della U.E. al Consiglio Europeo, Nazioni Unite e Commissione Europea, e il recentissimo "Shadow Report" è un piccolo resoconto sull'abuso dei diritti dei bambini della massiccia, "industria danese dei bambini trasferiti con la forza", cha interessa per il momento circa 60.000 bambini rimpatriati di la forza.
La spesa dei bambini trasferiti con la forza è nascosta sotto molti diversi titoli nel bilancio municipale, ma il costo di un bambino è di circa 50.000 DKR al mese (circa 7.800 USD l'anno) e crea una grande occupazione nel settore del welfare danese.
Mentre è opinione corrente che sia meglio allontanare i bambini dai loro genitori, ci sono molte voci di un sistema abusivo praticato da piccole imprese private possedute e gestite da ex lavoratori del servizio sociale municipale. Parecchi casi giudiziari hanno richiamato l'attenzione sull'industria – uno in cui la municipalità ha rifiutato di permettere ai nonni di diventare genitori adottivi, in alternativa ad una piccola impresa privata – ma la municipalità successivamente ha perso la causa e ai bambini è stato permesso di tornare dai nonni come genitori adottivi invece che alle istituzioni.
La grande occupazione sono gli interessi acquisiti, si stima fra 2 e 7 operatori sociali a tempo pieno impiegati per bambino ogni trasferito a forza.
Il nostro interesse in questa parte dello Stato Sociale Danese è dovuto alle raccomandazioni del Ministero dell'Istruzione (direttamente in un rapporto sull'istruzione segregata dei bambini rom), del Centro di Ricerche Sociali (in un rapporto generale con la preoccupazione che così pochi bambini etnici in Danimarca siano trasferiti di forza) e del Comitato sociale della municipalità di Helsingør (che chiede un rapporto dell'amministrazione sul potenziale trasferimento forzato dei bambini rom) per aumentare l'allontanamento dei bambini rom dai loro genitori.
Segnaliamo gli orribili rapporti dei primi periodi di trasferimento forzato di bambini rom in Svezia, Norvegia e Svizzera.
Il ministro per gli affari sociali ha promesso di prendere in considerazione i casi da noi sollevati in relazione alla elaborazione in corso al Parlamento di una nuova legge sui diritti dei bambini secondo un rapporto della commissione dell'anno scorso.
La Danimarca ha rifiutato di recepire delle convenzioni internazionali nella legge danese, rendendole più facili da applicare nel tribunale (il ministro della giustizia non tiene conto del rapporto 1407/2001 del ministero della giustizia in questa pubblicazione) e anche in questo modo chiaramente differenziandosi da molti altri paesi europei, dove le convenzioni sono recepite direttamente o anche parte della costituzione.
All'università nella facoltà di giurisprudenza apprendiamo che le convenzioni internazionali in Danimarca sembrano aver bisogno "di aprirsi un varco nel potere" per essere applicate dai tribunali e dalle autorità. In relazione alla Convenzione del bambino ci sono molti grandi NGOs governativi finanziati che pensiamo avrebbero la necessaria autorità.

Distinti saluti / Devlessa

Eric Støttrup Thomsen
"Romano"
Kongevejen 150
DK3000 Helsingør
DENMARK
+45-49 22 28 11

www.romano.dk