\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Serbia e Montenegro
Di Daniele (del 07/03/2006 @ 10:13:37, in Kumpanija, visitato 1507 volte)

27 febbraio 2006 - Ivana Stevanovic su Roma_ex_Yugoslavia

La prima linea telefonica SOS per le donne rom vittime di violenza in Serbia è stata aperta a Niš. Il telefono SOS è rivolto alle donne e bambini dalle altre comunità etniche, mentre i volontari possono comunicare in lingua romanì e serba.

"La linea SOS è riservata principalmente alle donne rom, le quali raramente usano le esistenti linee SOS, sebbene siano spesso vittime di violenza in famiglia", dice Ana Sacirovic, coordinatrice della linea SOS.

Secondo la Sacirovic, le donne rom raramente cercano assistenza quando sono soggette a violenza, per via della loro educazione tradizionale.

"Tenendo presente che ho fatto volontariato abbastanza spesso, sono consapevole che solo una parte delle donne rom usano qualche volta la linea SOS, nonostante il fatto che noi tutti sappiamo che c'è violenza anche nelle famiglie rom. Questo è un modo per iniziare le donne rom ai loro diritti e il modo in cui potrebbero realizzare e proteggere i loro diritti", ha detto.

Il telefono SOS lavora con l'Associazione Donne Rom "Osvit" (Alba), ed è stata fondata in collaborazione con i volontari della linea SOS per le donne e i bambini che funziona a Niš da anni.

I volontari del telefono SOS sono disponibili tutti i giorni dalle 10 alle 12, e dalle 17 alle 19. il numero è +381 (0) 18/515-318.