\\ Mahalla : Articolo : Stampa
AL KARAMA, DI COCCO CONDANNA LE VIOLENZE E SCRIVE A DI GIORGI
Di Fabrizio (del 18/05/2014 @ 13:15:41, in conflitti, visitato 10960 volte)

12 maggio 2014 • Cronaca, LQlatinaquotidiano.it

di Luigi D’Arcangelis - I fatti risalgono alla notte tra il 24 ed il 25 aprile scorsi, quando un gruppo di giovani rom, residenti nella struttura di Al Karama - che ospita una comunità di sinti e rom, appunto - hanno denunciato di essere stati picchiati da alcuni abitanti di Borgo Bainsizza. E non solo. Pare che anche la Polizia accorsa sul posto avrebbe dato "man forte" agli aggressori. Sempre stando a quanto dichiarato dalle vittime.

A seguito della presunta aggressione, pronta è arrivata la condanna del comitato Amici del Borgo, che ha subito preso le distanze da ogni azione violenta e intimidatoria e da quanti possano averne intraprese ed eventualmente ne intraprenderanno.

Nella lettera aperta indirizzata al sindaco di Latina, Giovanni Di Giorgi, il presidente onorario dell’associazione di cittadini borghigiani, Italo Di Cocco, ha anche voluto fare il punto della situazione ed avanzare proposte in merito alla questione della prevista realizzazione del villaggio che dovrebbe sorgere accanto al sito che attualmente ospita la struttura di Al Karama e dare alloggio a 95 persone di etnia rom e/o sinti.

Al fine di tutelare e mantenere la pacifica convivenza, e far si che non nascano tensioni che possano magari portare ad episodi gravi
, il presidente chiede al primo cittadino del capoluogo: che il villaggio in costruzione rimanga, anche nel futuro, bloccato alle dimensioni previste nel progetto e sia dotato di un posto di Polizia attivo 24 ore su 24 e di un centro di primo soccorso sanitario; che il sito di Al Karama venga contestualmente smantellato e bonificato; che al suo posto venga insediato un frutteto sperimentale.

La palla, ora, passa all’Amministrazione di Latina.