\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Progetto Respect piu' "Pringiarasmi"
Di Sucar Drom (del 21/08/2013 @ 09:01:45, in scuola, visitato 1110 volte)

Pubblicato da Claudio Gennari alle 14:27 DOMENICA 18 AGOSTO 2013 su SINTI IN VIAGGIO PER IL DIRITTO E LA CULTURA

La formazione per i praticanti (3,2), dal titolo "Pringiarasmi" (conoscersi), ha avuto una durata di 15 ore distribuite su cinque giorni (3 ore al giorno). I workshop si sono svolti il ​​4 maggio, 11 maggio, 18 maggio, 25 maggio e 8 giugno 2011. Venti partecipanti sono stati arruolati: insegnanti, operatori sociali, mediatori culturali. E' emerso che durante gli ultimi tre anni c'è stato un rallentamento di azioni nei campi della scuola, delle abitazioni e più in generale delle politiche sociali. Il giro d'affari tra i dipendenti pubblici è una delle cause più importanti di questa situazione, così come i tagli al bilancio alle città per le attività sociali.
Gli obiettivi dei gruppi di lavoro sono stati:
1. per informare le nuove generazioni di dipendenti pubblici e privati ​​e gli insegnanti, ma anche i lavoratori del privato sociale sulla realtà dei Rom e dei Sinti
2. per migliorare la capacità di dipendenti pubblici di capire le reazioni Sinti
3. per aumentare l'empatia servi civile con la comunità Sinti.

A Vicenza, Sucar Drom ha proposto il corso standard "Pringiarasmi" sviluppato per il progetto Respect +. Infatti l'amministrazione locale (comunale) era abbastanza entusiasta per l'idea e la possibilità di lavorare con la comunità Sinti. È un dato di fatto, dice Davide Casadio, uno del personale Sucar Drom, si trasferì a Montecchio Maggiore (abbastanza vicino a Vicenza) quando si è sposato. Mentre viveva in un'altra città, il suo ruolo di pastore della Chiesa gli diede una figura di spicco tra i Sinti Veneti (i Sinti parlano una variante specifica della lingua dei Sinti influenzato dal dialetto veneziano) e soprattutto tra le persone che vivono nella zona di Vicenza. Per questo motivo e per ragioni interne del Comune è stato molto cordiale, anche se piuttosto lento per quanto riguarda l'attuazione effettiva a causa di qualche problema creato dalla minoranza del Consiglio di Lega Nord (un partito xenofobo e populista). Il corso però è stata attuato in maggio (e giugno) e una ventina di persone hanno partecipato al corso.
Il corso è stato presentato dall'Assessore per la città Servizi Sociali. Questo avallo politico era molto importante non solo per il corso stesso, ma anche per il futuro delle relazioni tra la comunità sinti e l'amministrazione locale.

Il secondo importante risultato del corso di Vicenza è stata la forte partecipazione degli insegnanti. Essi erano perplessi dal comportamento di Sinti bambini. Pertanto sono state ipotizzate diverse spiegazioni per il loro comportamento (frequenza scolastica scarsa, incapacità di concentrarsi, difficoltà linguistiche, ecc.) e che si stavano cercando risposte definitive. Infatti Sucar Drom non poteva dare loro un ultima parola circa i loro problemi specifici, ma ha fornito una panoramica generale della cultura dei sinti in grado di dare loro gli strumenti per analizzare casi specifici. Erano molto felici della quarta sezione incentrata sulla politica scolastica e sulle tattiche per migliorare la frequenza. Il corso è stato molto apprezzato, soprattutto perché i dipendenti pubblici hanno intese sia la rilevanza sociale che politica del problema affrontato. Infatti la presenza dell'assessore, insieme alla sua piena partecipazione alla prima seduta di allenamento, ha reso tutto il percorso molto interessante. Inoltre i partecipanti sono stati molto attivi e la presenza del Sig. Casadio durante tutto il corso li ha aiutati a comprendere il punto di vista specifico degli abitanti locali, che conosce molto bene.
Sucar Drom ha organizzato a Vicenza anche la sessione informativa per i rom "Conosci il tuo diritto e dei Tuoi diritti" (WP3.3). Svoltasi in un solo giorno (lunghezza: 4 ore) nel "campo" rom e sinti di Vicenza, la sessione interattiva ha visto la partecipazione di 10 sinti che vivono nella città di Vicenza. Anche in questo caso, come a Mantova, il tema cruciale è stata la politica degli alloggi e dei diritti connessi. Alla fine del processo, i partecipanti sono stati molto soddisfatti perché hanno trovato qualcuno in grado di spiegare (in un linguaggio semplice) quali sono le reali possibilità e che la soluzione si può discutere con l'amministrazione locale, per risolvere il problema degli alloggi, nonché de doveri scolastici.

www.morespect.eu