\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Croazia
Di Fabrizio (del 27/04/2013 @ 09:07:16, in scuola, visitato 1559 volte)

  A singhiozzo

Un caso di alto profilo in tribunale, genitori arrabbiati davanti alla porta della scuola e sforzi, calmi e persistenti, che raccontano la storia dell'integrazione dei Rom nell'istruzione croata. Story and photos by Barbara Matejcic, a freelance journalist in Zagreb - 27 marzo 2013

MEDJIMURJE COUNTY, Croazia | Tre anni dopo una sentenza a proposito dell'appena iniziata integrazione scolastica, uno dei protagonisti di successo, ora giovane uomo, dice che i Rom vanno meglio a scuola. Ma la sua fatica nell'esprimersi in croato la dice lunga sulla scarsa istruzione disponibile a molti Rom in uno stato in procinto di entrare nell'Unione Europea.

La Croazia iniziò a cercare l'integrazione scolastica, ben prima che il caso Orsus e altri vs. Croazia arrivasse alla Corte Europea sui Diritti Umani nel 2003. I lenti progressi in quegli sforzi - e gli ostacoli che si opposero all'accettazione della piccola minoranza romanì - vennero sottolineati l'autunno scorso, quando i Croati gridavano slogan razzisti tentando di impedire ai dei giovani rom di frequentare il prescuola nella regione di Medjimurje.

la scuola primaria Drzimurec-Strelec.

Dejan Orsus, uno dei 14 querelanti nel caso che prende il suo nome, si iscrisse alla prima a Macinec, villaggio nella regione settentrionale di Medjimurje, nel 1999. In questa parte della Croazia, la maggior parte dei Rom vive in insediamenti separati alla periferia dei villaggi a maggioranza croata, e a casa parlano romanés. Dejan non parlava croato quando iniziò ad andare a scuola. Fu messo in una scuola di soli alunni romanì, e lì rimase finché non lasciò la scuola, nel 2006 quando aveva 15 anni, dopo aver completato la terza classe.

Dieci anni fa, quando Dejan andava ancora a scuola, il suo caso venne sottoposto al tribunale dei diritti umani di Strasburgo, dopo che i ricorrenti avevano perso a tutti i livelli del sistema giudiziario croato. Il 16 marzo 2010, il tribunale decise che la pratica di sistemare i Rom in classi separate, equivaleva a discriminazione etnica.

Gli imputati - quattro scuole elementari, il ministero dell'istruzione, e la regione di Medjimurje - sostenevano che la separazione degli alunni romanì era giustificata a causa della loro scarsa conoscenza del croato, come stabilito da perizie prima dell'iscrizione. Ma alcuni dei ricorrenti lamentavano di aver passato l'intera vita scolastica in classi separate e che la loro competenza linguistica non era stata testata regolarmente per determinare se potessero essere inseriti in classi normali.

Quando ho incontrato Orsus a Parag, il più grande insediamento romanì in Croazia, teneva in braccio un bambino. Ora ha 21 anni e dice che sta frequentando il sesto grado in una scuola comunitaria - istituzione dove molti adulti, soprattutto romanì. ricevono dal governo 210 euro al mese per continuare la loro istruzione elementare, purché frequentino con regolarità. Gli ho chiesto se fosse migliorato qualcosa nella scuola, a tre anni dalla sentenza del tribunale. Mi ha guardato, incerto sull'aver compreso bene la domanda, così l'ho ripetuta. Dejan ha annuito, dicendo: "Meglio, va meglio."

Si possono fare solo stime approssimative sul tasso di promozione degli studenti romanì nella scuola primaria e secondaria, a causa dell'incertezza sul numero reale dei Rom in Croazia e del fatto che il ministero dell'istruzione ha iniziato a monitorare il rendimento scolastico dei Rom solo nel 2005. Nella regione di Medjimurje, che ospita più Rom di qualsiasi altra regione croata, sembra che pochi di loro vadano alle superiori o oltre. Di 1.589 scolari che frequentano le scuole primarie della regione, dal primo all'ottavo grado, soltanto 92 hanno raggiunto l'ottavo grado. Secondo il dipartimento regionale per l'istruzione, la cultura e lo sport, solo 123 Rom frequentano le superiori. Ogni anno si diplomano alle superiori circa 20 Rom.

L'elementare dr. Ivan Novak di Macinec, accusata a suo tempo di segregazione scolastica, è frequentata da 465 bambini, 110 dei quali di etnia croata. I bambini rom si concentrano nelle classi inferiori, sono i sette ottavi dei primini, mentre i croati superano i Rom di cinque a uno nell'ottavo grado.

Bozena Dogsa

Quelle cifre mostrano non solo che la maggior parte dei Rom non riescono a completare la scuola dell'obbligo, ma anche che il rapporto tra Rom e Croati nelle scuole locali sta cambiando. La direttrice Bozena Dogsa, da 20 anni nel mondo della scuola, dice che quando iniziò ad insegnare in loco solo un terzo degli alunni era Rom, rispetto ai tre quarti di oggi.

Mentre in Croazia declina il tasso di natalità complessivo, quello tra i Rom è aumentato negli ultimi 20 anni, cosa che molti pensano dipenda dalle politiche governative negli anni '90, con be3nefici sociali ai genitori per arrestare il declino della popolazione.

A differenza del censimento 2011 che contava 16.975 Rom - lo 0,4% della popolazione - valutazioni più realiste stimano i Rom in 30.000, di cui forse 6.000 nella regione di Medjimurje. Classi di soli Rom esistono ancora a Macinec, ed in altre scuole distrettuali di aree con molti Rom. Ci sono ancora bambini che passano l'intero ciclo della loro istruzione, senza aver condiviso la presenza di un Croato in classe, insegnante escluso. Non è necessariamente un segno di deliberata segregazione,insistono alcuni educatori locali.

"Non abbiamo nessuna classe segregata. Come possono essere segregati i bambini rom in una scuola dove sono la maggioranza? Non possiamo formare classi per evitare la creazione di classi per soli rom. Chi integreremo con loro se non ci sono bambini croati?" si chiede Dogsa. Puntualizza che gli insegnanti passano i giorni prima dell'apertura della scuola a discutere sulle conseguenze della composizione annuale delle classi, tenendo a mente il livello accademico dei bambini, le amicizie, il rapporto tra bambini e bambine e altri fattori.

Dice: "Abbiamo 25 bambini rom in seconda e solo otto croati. Per noi educatori non sarebbe accettabile separare quei quattro studenti in classi differenti, dato che sono amici e vogliono rimanere assieme. Non penso che dovremmo attenerci alle formalità solo per mostrare al mondo che stiamo facendo un buon lavoro."

Ufficiosamente, gli insegnanti a Medjimurje ammettono che i bambini croati sono tipicamente assegnati a classi con alunni romanì più capaci e, come dicono spesso, "più civili", per essere3 sicuri che in un posto simile apprendano meglio. Un insegnante nella scuola elementare di Kursanec, a predominanza Rom e che fu anche tra quelle accusate nel caso Orsus, dice che i bambini nelle classi di soli rom non si lamentano di essere segregati, perché in classi simili gli standard sono più bassi. Gli alunni possono cavarsela con meno sforzo, al costo di imparare meno. Anche dopo diversi anni di scuola, alcuni hanno scarse capacità di lettura e scrittura, dice l'insegnante, che ci ha parlato a condizione di non rivelare il suo nome. Aggiunge che per loro sarebbe più efficace imparare a leggere e scrivere in romanes, cosa che li aiuterebbe a cogliere più facilmente il concetto di apprendimento linguistico.

Dice l'insegnante, che tre anni fa i Croati per una settimana boicottarono la scuola, dopo che vennero introdotte le cassi miste. Negli ultimi dieci anni c'erano già state altre proteste contro le scuole integrate. All'inizio dell'anno scolastico 2012-13, i residenti del vicino villaggio di Gornji Hrascan rifiutarono di lasciare che un gruppo di giovani rom iniziasse il pre-scuola nella scuola del villaggio che era composta da quasi solo Croati, sostenendo che non si potevano accogliere nuovi alunni. Dopo uno stallo durato due giorni, i Croati cedettero ed i Rom poterono da allora frequentare la scuola.

Le scuole materne sono state tra le maggiori beneficiarie degli schemi di integrazione nei tre anni seguenti la decisione sul caso Orsus.. Anche se la sentenza non obbligava la Croazia a prendere provvedimenti verso le scuole segregate, il governo ha introdotto due nuovi programmi per dare ai Rom un appoggio prima di iniziare la scuola primaria e per aiutarli una volta che la frequentino.

Scuole materne per bambini che non abbiano fluidità nel croato operano oggi nell'arco di tutto l'anno scolastico, invece che per soli tre mesi come in precedenza. Molti genitori rom hanno afferrato questa opportunità per i loro ragazzi, di trascorrere cinque ore al giorno a scuola, con trasporto verso e dalla scuola e due pasti al giorno, tutto pagato dallo stato. Gli incaricati della scuola di Gornji Hrascan dicono che il 90% dei bambini in età prescolare ora frequentano, nonostante gli sforzi dei Croati all'inizio dell'anno d'impedire l'ingresso ai Rom nella "loro" scuola.

Mantenendo aperti gli asili più a lungo durante tutto l'anno, gli educatori sperano di inculcare l'abitudine alla frequenza scolastica nei più giovani e di dare a chi parla romanes un vantaggio nell'imparare il croato, e ritengono che il programma stia già dando risultati. Dogsa dice che soltanto un allievo nella sua scuola è stata bocciata in prima, a fronte di una media di cinque prima dell'apertura delle scuole materne.

Dogsa e altri presidi nell'area sostengono che il prossimo passo sarà di rendere obbligatoria per tre anni la scuola materna, per rafforzare ulteriormente i benefici della prima scolarità.

L'altra misura di integrazione ispirata dal caso Orsus è il programma di doposcuola nelle elementari. Programmi simili esistono in molte scuole, qui a Medjimurje lo scopo principale è di aiutare gli studenti rom con lezioni di lingua croata.

La scuola Drzimurec-Strelec nel villaggio di Drzimurec partecipa al programma di doposcuola, ma sinora sono inclusi soltanto i primini, causa la mancanza di fondi, dice il direttore Djurdja Horvat. C'è ragione per credere che il programma possa fare la differenza: con un simile progetto pilota tre anni fa erano coinvolti gli studenti di quinta, nove dei 15 Rom che vi parteciparono completarono tutti gli otto gradi della scuola primaria, aggiunge Horvat. Prima, un solo studente rom all'anno completava il ciclo di studi. Aprire questo programma a più allievi, come estendere la materna a tre anni, potrebbe migliorare significativamente le prestazioni accademiche dei bambini rom, dice. Comunque stiano le cose, la sua scuola sta cercando un metodo proprio. Dice: "Quest'anno abbiamo circa 30 primini, la metà dei quali si trattiene. Quanti partecipano difficilmente falliscono, perché acquisiscono fondamenta più solide. Così ha provato di essere un buon metodo."

Radovan Balog, a capo del consiglio del villaggio di Parag, ha quattro bambini a scuola. Ha riflettuto sulla risposta del suo vicino Dejan Orsus riguardo la domanda su cosa sia cambiato dopo la sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani.

Dice: "Va meglio di prima, soprattutto perché quasi tutti i bambini ora vanno alle materne."

"E poi, le scuole stanno coinvolgendo sempre più i genitori nell'istruzione dei figli. Tuttavia, il problema è che anche quelli che si diplomano non riescono a trovare lavoro, e questo genera la perdita di motivazione nel continuare gli studi. La maggior parte lascia in quinta elementare o prima media, o quando hanno 15 anni. E' l'età in cui ci si sposa e si hanno figli. Così possono almeno avere gli assegni sociali che li aiutano a tirare avanti."

Balog dice che qui la segregazione è radicata: "Semplicemente, ci sono troppi Rom e pochi Croati perché ci siano tutte classi miste."

L'insegnate di Kursanec ripropone un'idea nata dai movimenti per i diritti civili negli Stati Uniti, che si è tentata di diffondere in un paio di posti in Romania, come in altri luoghi in Europa dell'Est. Se i bambini rom venissero portati con autobus nelle scuole a predominanza croata, a pochi chilometri di distanza, si formerebbero classi di otto Croati e quattro Rom, così che potrebbero imparare a ritmo più sostenuto.

Dice: "Sarebbe una spesa aggiuntiva, ma è più costoso non educare bambini che un giorno potrebbero diventare utili membri della società, che trasformali in casi da welfare."

  • Errata corrige: la scuola della regione di Medjimurje riportata nel secondo paragrafo è una materna e non un asilo, come da didascalia originale.