\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Ungheria
Di Fabrizio (del 29/04/2011 @ 09:17:18, in Europa, visitato 1910 volte)

Da Hungarian_Roma (leggi anche QUI)

Politics.hu

26/04/2011 - Otto persone sono state arrestate venerdì durante lo smantellamento di un campo paramilitare a Gyöngyöspata, Ungheria settentrionale; l'ha comunicato il ministro degli interni Sandor Pinter in una conferenza stampa nel villaggio stesso.

"E' gente che ha generato paura tra gli abitanti del luogo," ha detto, aggiungendo che le otto persone dovrebbero essere processate sabato.

Sono membri del gruppo paramilitare radicale Vedero (che significa "forza di difesa"), che ha organizzato un corso di formazione di tecniche militari nel proprio campo allestito nel quartiere rom.

Pinter ha detto che Gyöngyöspata è stata teatro di "vergognosi eventi che non si sarebbe dovuto permettere che accadessero".

Venerdì mattina la Croce Rossa Ungherese ha organizzato il trasferimento di 276 donne e bambini rom, per passare le feste pasquali a Budapest e Szolnok.

Pinter ha detto che nessuno aveva motivo di scappare dal villaggio, definendo "vergognoso che delle famiglie siano state private della gioia della Pasqua." Ha detto che "qualcuno ha presentato il trasferimento come un'evacuazione..., come uno sforzo per salvare gli abitanti rom." Ha detto che per quanto ne sapeva, nulla ha turbato l'ordine pubblico e la sicurezza nel villaggio, al punto di indurre qualcuno ad andarsene.

"Da quel che posso vedere, qui ci sono legge e ordine," ha detto Pinter.

Precedentemente venerdì l'attivista locale Tamas Bango aveva detto che erano stati i Rom a decidere di mandare donne e bambini via dal villaggio per paura dell'attività che Vedero aveva programmato nel fine settimana.

Sandor Farkas, funzionario anziano del Movimento Diritti Civili Rom ed ex leader della comunità rom locale, ha detto a Pinter che i Rom di Gyöngyöspata hanno dovuto tollerare per due mesi la presenza di organizzazioni di estrema destra.

"In questa situazione pensavamo che i nostri bambini non erano al sicuro," ha detto, aggiungendo che se la situazione non fosse cambiata, avrebbero dovuto lasciare il paese.

Pinter ha risposto che il governo dovrebbe garantire la pubblica sicurezza a tutti i residenti di Gyöngyöspata. Ha aggiunto che dovrebbe essere ovvio che tutti dovrebbero lavorare e per aiutare questo obiettivo "il governo creerà posti di lavoro", probabilmente all'inizio opportunità nei lavori pubblici.

I gruppi radicali nelle settimane scorse hanno organizzato manifestazioni e pattuglie in diversi villaggi dell'Ungheria povera e disoccupata delle regioni settentrionali e nord-orientali,  dicendo che era loro dovere "restaurare l'ordine pubblico" nelle aree con alti tassi di criminalità.


ULTIMORA: BBCnews

Vigilantes di estrema destra si sono scontrati con i rom in un villaggio nell'Ungheria del nord-est, dove le tensioni etniche sono salite settimana scorsa

Vittima degli scontri: La polizia sta cercando di disinnescare le tensioni etniche nella zona

Almeno quattro persone sono rimaste ferite in disordini a Gyöngyöspata, in cui, dice la polizia, sono state coinvolte dozzine di persone.

I media ungheresi riportano che gli scontri sono scoppiati dopo che paramilitari con le uniformi di Vedero ("Forza di Difesa") hanno scagliato pietre contro una casa [abitata da] Rom.

Recentemente i gruppi di estrema destra avevano presentato pattuglie per "l'ordine pubblico" nelle aree rom.

I gruppi sostengono che tali pattuglie sono necessarie per reprimere il crimine.

Il sito web Magyar Hirlap riporta che dopo gli scontri di martedì notte sono stati inviati a Gyöngyöspata rinforzi di polizia.

Settimana scorsa il governo ungherese aveva accusato le opposizioni di aver messo in scena un'inutile "evacuazione" delle famiglie rom dal villaggio, 81 km. da Budapest.

Venerdì 277 Rom in totale sono fuggiti dal villaggio con i bus della Croce Rossa Ungherese. Ora sono tornati alle loro case.

Quanto riportato dai media lo descriveva come un'evacuazione di donne e bambini rom spaventati per le attività di Vedero. Ma un portavoce della Croce Rossa ha negato ogni collegamento, dicendo che si trattava di una vacanza pianificata in precedenza.

Vedero aveva annunciato che avrebbe installato un campo di formazione militare nella parte rom di Gyöngyöspata, 2.800 abitanti in totale. Tuttavia, la polizia aveva ammonito Vedero dal farlo.

Il governo ha approvato una nuova legislazione volta a prevenire gruppi paramilitari o in uniforme dall'agire come una polizia auto-proclamata.