\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Repubblica Ceca
Di Fabrizio (del 19/03/2011 @ 09:32:13, in conflitti, visitato 1567 volte)

Da Czech_Roma. PREMESSA: Il mese scorso il sindaco della città di Nový Bydžov, per motivi di ordine pubblico, aveva ventilato l'uso di polizia privata da adoperare nel quartiere zingaro della città. Ne era nato un dibattito che aveva coinvolto diversi settori della società civile, in città e a livello nazionale. All'inizio del mese il Partito della Giustizia Sociale dei Lavoratori (Dìlnická strana sociální spravedlnosti DSSS) di estrema destra, aveva indetto settimana scorsa una manifestazione nella cittadina. In casi simili queste manifestazioni si erano risolte con pestaggi di Rom ed incendi alle loro case da parte dei manifestanti. Alcuni gruppi antirazzisti cechi avevano indetto una contromanifestazione. La giornata ha visto assalti contro famiglie rom indifese, cariche della polizia, ma poca eco sui media cechi. Comincio con la testimonianza di un giornalista rom che era presente

ROMEA Roma commentator Patrik Banga on the Nový Bydžov demonstrations
Nový Bydžov, 13.3.2011 16:06


Siamo arrivati a Nový Bydžov attorno alle 9 di mattina. Negli ultimi 20 km. del nostro viaggio, io e il mio collega Ivan Kratochvíl abbiamo cercato invano i poliziotti che avrebbero dovuti essere di pattuglia. I primi poliziotti li abbiamo incontrati ai margini della città, che stava per diventare punto d'incontro per diverse centinaia di estremisti e per quanti avevano indetto la contromanifestazione. Nessuno ci ha fermato. Invece la polizia ha prestato attenzione ad una Fabia gialla che trainava un rimorchio.

Siamo andati alla stazione di polizia, che ricordavo dalla precedente visita in città. Sul marciapiede abbiamo incontrato l'addetto stampa, che ci ha consegnato l'indispensabile cartellino "stampa" che sarebbe dovuto diventare il nostro lasciapassare verso il centro degli eventi nelle ore a venire. Dopo una breve consultazione con i colleghi della regione, siamo andati a lavoro.

Abbiamo cercato i Rom in via U Hřiště, che doveva diventare il centro di una riunione, ma non c'era nessuno. Dopo diverse telefonate, abbiamo capito che erano a diversi metri di distanza. Quando siamo arrivati sul luogo, abbiamo visto circa 40 persone ed una ventina di vetture, da cui abbiamo capito che erano tutti del posto ed il resto stava per arrivare.

Ho intravisto alcuni volti familiari e salutato le persone che conoscevo. Dopo di che, altre telefonate. Altri media riprendevano la scena.

Rapidamente la gente ha iniziato ad arrivare con le loro auto, da cui tiravano fuori gli striscioni. Poi gli organizzatori hanno dato il via all'evento. Dopo un'ora di attesa ci siamo avvicinati allo spazio di fronte al locale stadio di calcio, dove il parcheggio era abbastanza grande da contenerci tutti, assieme ad un bus che stava portando altri manifestanti. Gli ex ministri per i diritti umani Michael Kocáb e Džamila Stehlíková si sono alzati. In quel momento il gruppo contava circa 160 persone.

Quando tutti sono stati pronti per marciare, un attivista ha preso la parola e ha annunciato che la marcia prevista era stata annullata e che era stata variata in processione religiosa, che come tale non era soggetta all'obbligo di dichiarazione e che aveva precedenza su tutte le marce annunciate. Era stata scelta come leader una sacerdotessa della chiesa hussita. Ha annunciato che sarebbe stata una marcia pacifica e nonviolenta, e, colma di preghiera, ha chiamato tutti gli attivisti a prendervi parte.

Il corteo è partito dal parcheggio di via Na Šarlejích, ma la polizia aveva sbarrato la strada in via Havlíčková. Sono iniziati i negoziati. Gli attivisti sostenevano che la loro marcia era legale e la polizia ha fatto del suo meglio per verificarlo. Si faceva vivo anche un rappresentante del comune. Nel frattempo il gruppo recitava il "Padre Nostro".

clicca sull'immagine per vedere le foto della giornata

Da una casa vicina è uscito un pensionato, e attraverso il recinto ha urlato che "le puttane nere devono andare via da qui", seguendo con molte altre maledizioni rivolte ai Rom. La polizia guardava mentre i giornalisti si avvicinavano a casa sua. Il pensionato continuava a bestemmiare e Richard Samko, giornalista della televisione ceca, ha cercato di intervistarlo. All'improvviso il pensionato si è rivolto verso casa sua e ha gridato "Non sei d'accordo con me?" ed è rientrato. Abbiamo udito un forte rumore ed il pensionato è scomparso alla vista. "E' morto," hanno iniziato a dire i giornalisti - ed in quel momento ho pensato che anche se pensavo che quel pensionato era un razzista, avrei dovuto saltare il recinto per aiutarlo, come credo abbia pensato la maggior parte dei giornalisti presenti. Comunque, presto è riapparso - Eureka!

I rappresentanti cittadini e la polizia alla fine hanno riconosciuto gli argomenti degli attivisti ed il corteo ha proseguito per via Na Šarlejích e poi lungo Revoluční třída verso la chiesa. Lì non c'erano più preghiere e si sono alternati diversi interventi. La strada era fiancheggiata da poliziotti in tenuta antisommossa, che separavano la processione dai gruppi estremisti. Un estremista reggeva in mano una sorta di barra, che sicuramente non era né un treppiede né un'asta da microfono. Ho chiesto ai poliziotti anti-conflitto cosa intendevano fare al riguardo, e la risposta è stata che avrebbero dovuto confiscare qualsiasi cosa fosse un'arma ovi assomigliasse, ma che non erano in grado di spiegarmi perché a quella data persona fosse permesso di portare la barra che avevo notato.

Diverse dozzine di sostenitori del DSSS stazionavano a pochi metri dai contro-manifestanti. Le bandiere erano in vista, ma al momento i gruppetti erano calmi. Durante il ritorno sono iniziate le provocazioni. I sostenitori del DSSS hanno chiesto ai Rom che portavano striscioni: "Perché porti quello striscione? Hai un lavoro? Sei a carico dell'assistenza sociale?"

Tuttavia, il gruppo è tornato nel modo in cui era venuto, fermandosi in via Na Šarlejích. Nel contempo diverse decine di sostenitori del movimento Antifa si erano unite al gruppo. Gli attivisti discutevano in mezzo alla strada se rimanere lì per bloccare la marcia degli estremisti o tornare al punto di partenza. La sacerdotessa ha dichiarato concluso ufficialmente l'evento ed ha preso le distanze dal bloccare la strada.

Allora il gruppo contava tra le 200 e le 250 persone. I più radicali intendevano rimanere ad ogni costo e bloccare la strada, mentre i più moderati volevano dimostrare a 100 metri di distanza in uno spazio che non avrebbe bloccato l'annunciata marcia del DSSS.

Alla fine, gli Antifa più attivi ed hanno convinto gli altri a rimanere, alcuni di loro seduti per terra. Dopo alcuni minuti, non era più possibile tornare verso il centro, perché la polizia aveva bloccato l'accesso. Sono iniziate nuove trattative.

In quel momento il gruppo non aveva alcuna autorizzazione a bloccare la marcia annunciata. I poliziotti ci hanno avvertito del fatto, come pure la squadra anti-conflitto. Nel frattempo era arrivata l'informazione che Vandas aveva iniziato a parlare e che in città c'erano diverse centinaia di estremisti.

I negoziati erano giunto ad un punto morto e la polizia aveva annunciato che sarebbe intervenuta se i dimostranti non se ne fossero andati. Si lanciò lo slogan "Neri, bianchi, uniamo le forze". Ora i manifestanti rom mostravano preoccupazione. In testa c'era un piccolo gruppo che intendeva fare qualcosa, tra cui Martin Šimáček, Ondřej Liška, rappresentanti dei Rom locali e, per quel che può valere, io stesso. Vennero date alcune istruzioni, tra cui quella che i Rom si dovessero ritirare una volta che la polizia avesse invitato i manifestanti ad andarsene.

Improvvisamente sembrò aprirsi una speranza. Un capo della polizia aveva convinto Ondřej Liška a depositare una denuncia contro la marcia del DSSS, che si stava svolgendo con modalità completamente estranee a quelle annunciate. Alcuni dimostranti indossavano i simboli del bandito Partito dei Lavoratori, altri issavano lo striscione dell'organizzazione (sempre bandita) Resistenza Nazionale. L'intera manifestazione era stata addirittura annunciata sul loro sito, odpor.org.

Siamo andati alla stazione di polizia. Dopo alcuni minuti di "trattative", abbiamo avuto l'informazione che la polizia aveva caricato i contro-manifestanti.

Siamo corsi fuori dalla stazione di polizia verso via Na Šarlejích. Lì ho visto soltanto candelotti fumogeni esplosi ed alcuni furgoni della polizia sul lato destro. I Rom affacciati alle finestre mi gridavano che era stato un massacro, che i cavalli avevano calpestato le persone. Allora capii cosa era successo. La polizia aveva attirato distante i "politici" per poter intervenire con durezza.

Ho trovato i manifestanti a decine di metri di distanza in via Havlíčková. Erano stati caricati da otto poliziotti antisommossa a cavallo. Ho cercato di capire se erano feriti, soprattutto i miei amici. Grazie a dio erano tutti sani.

Tramite frammenti di discorso ho ricostruito gli eventi. La polizia antisommossa aveva aperto la strada a quella a cavallo per caricare i dimostranti, picchiati con manganelli. Alcuni erano stati arrestati, diversi erano stati feriti. Ognuno usava le parole "brutale" e "massacro". Poi la polizia aveva spinto i dimostranti diversi metri indietro, perché gli estremisti avessero la strada libera.

Così gli estremisti hanno potuto trarre pieno vantaggio dal corridoio liberato. In diverse centinaia hanno marciato lanciando slogan come "Boemia ai Cechi". Voci isolate scandivano "Venite qui, puttane nere" e "Antifa, ha, ha, ha" agli antifascisti. Quando i contro-manifestanti hanno iniziato a cantare, per un momento ho avuto l'impressione di essere ad una partita di calcio tra Sparta e Ostrava.

Sono rimasto sconcertato anche da qualcos'altro: avevo saputo dalla polizia che c'era il divieto di indossare maschere, ma molti estremisti erano a volto coperto. La polizia non ha agito contro di loro, sicuramente non nel modo che ha agito attaccando la contro-manifestazione.

Un volta che gli estremisti se ne erano andati, la situazione si calmò un poco, e sono potuto tornare alla mia macchina. Nel parcheggio ho incontrato Michael Kocáb, che si era allontanato dagli eventi alle 15.00 circa.

Quando sono ritornato in città, non c'era più traccia dei contro-manifestanti. Ho fatto alcune chiamate e ho capito che erano di fronte alla stazione di polizia. Stavano andandosene e mi sono accodato a loro.

Era ora di tornare a Praga. Lungo la strada ho incontrato molte squadre - non della polizia - ma di estremisti che stavano bighellonando nei villaggi vicini, fumando appoggiati alle loro macchine. Pensavo che tutto fosse finito.

Un'ora dopo, un collega mi ha chiamato sul cellulare. Gli estremisti avevano aggredito tre Rom e ferito uno di loro. Poco dopo il portavoce della polizia mi spiegava che gli estremisti erano tanti e 13 di loro erano stati arrestati. La polizia era riuscita a contenere la marcia, ma a quanto pare non le sue conseguenze.

Patrik Banga, translated by Gwendolyn Albert


Dalla Repubblica Ceca mi scrive un amico:

(fonte: Ctk) Un attivista Rom, sabato a Novy Bydzov, è finito all’ospedale privo di conoscenza dopo una rissa con alcuni attivisti di estrema destra. Nella cittadina della Boemia centrale si sono radunati nel fine settimana circa 500 esponenti ultranazionalisti della Delnicka strana e 200 attivisti di opposta estrazione politica. Poliziotti in assetto anti sommossa hanno provato a stento a tenere separate le due fazioni.


Molte altre notizie sul gruppo Czech_Roma