\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Kossovo
Di Fabrizio (del 27/10/2005 @ 11:04:18, in conflitti, visitato 2485 volte)

Pristina, 25 ottobre 2005: Il giorno dopo l'annuncio del Consiglio di Sicurezza dell'ONU sull'apertura dei negoziati sul futuro politico della regione, i Rom del Kosovo hanno chiesto di essere ammessi alle discussioni. In una lettera indirizzata ai rappresentanti della comunità internazionale ed europea, Rom, Askali ed Egizi chiedono una soluzione urgente al problema di quanti di loro, cittadini della ex Jugoslavia, sono diventati vittime di violenze razziste, continuando in molti a sopravvivere in un limbo giuridico ed esistenziale. I firmatari, tra cui organizzazioni internazionali dei Rom, ONG e centinaia di privati cittadini (cfr: Petizione Europea per il Kossovo) chiedono la moratoria immediata delle deportazioni in Kossovo e il riconoscimento del diritto d'asilo.

Durante un incontro sullo sviluppo delle politiche sui Rom e Sinti, che si è svolto settimana scorsa a Varsavia col patrocinio dell'OSCE e dell'ODIHR, i rappresentanti dei Rom kossovari hanno concordato s una piattaforma comune per la futura cooperazione. [...] Alla presenza del capo missione OSCE e ambasciatore europeo Jens Modvig, hanno chiesto il riconoscimento della pulizia etnica contro i Rom, avvenuta a seguito dei bombardamenti NATO, il riconoscimento dei danni patiti per la guerra, il ritorno alle loro proprietà [ora] occupate, il ripristino della sicurezza e della libertà di movimento nel Kosovo e un'indagine imparziale sulle violenze e discriminazioni; la rappresentanza paritetica e l'accesso alle istituzioni pubbliche, l'effettivo accesso dei non-albanesi alla casa, scuola, educazione e lavoro; un adeguato supporto ai rifugiati interni e a quanti hanno fatto già ritorno. Inoltre chiedono il la certezza del diritto delle comunità non-albanesi, nell'ipotesi che il Kosovo diventi indipendente e il riconoscimento dei Rom come popolo costituente. Visto che la comunità dei Rom è attualmente dispersa nel mondo, chiedono inoltre l'organizzazione di una conferenza internazionale sui Rom del Kosovo, come misura d'emergenza e per rendere possibile il coordinamento degli interessi comunitari.

I Rom costituivano la terza più grande comunità etnica nella regione, stimata la loro presenza in 150.000. Cacciati a seguito delle vicende di guerra, distrutte le loro case e proprietà. Nonostante la precarietà dell'attuale situazione, esacerbata dalla volontà politica dei governi occidentali per un rapido ritorno di Rom, Askali ed Egizi, l'interesse di media e politici sembra concentrarsi solo sulle due principali comunità in Kosovo, i Serbi e gli Albanesi, abbandonando le altre comunità ad un destino incerto e senza futuro politico.

Per ulteriori informazioni, contattare