\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Francia
Di Fabrizio (del 09/12/2009 @ 09:46:39, in Europa, visitato 1194 volte)

Da Roma_Francais

Onofrei Miclescu, presidente dell'associazione Caravana Romilor - LyonCapital.fr par Burlet Laurent

Si chiama Onofrei Miclescu e vive da quindici anni in Francia, nell'agglomerato di Lione. Come tutti gli altri Rom dell'Est, conosce le bidonville e gli squat. Ma lui ha avuto una possibilità in più. Dopo l'espulsione nell'agosto 2007 dall'occupazione di La Soie, dove viveva assieme ad altre 500 persone, è stato rialloggiato dal sindaco di Villeurbanne.

Da allora, vive in una piccola casa con tre dei suoi figli, ed un pezzo di terreno a disposizione. Però, non ha dimenticato gli altri che continuano ad errare. Nel maggio 2007, ha creato la sua associazione, Caravana Romilor, volta a "difendere i Rom nell'accesso ai loro diritti all'impiego, alla scolarizzazione, alla formazione, all'alloggio o alla sanità" ma ugualmente per "cambiare l'immagine dei Rom in Francia e nell'agglomerato". Per il momento, la sua associazione recluta soprattutto tra i Rom di Craiova, città nel sud della Romania dove lui stesso è originario. Attualmente, i suoi "associati" si trovano nell'ex officina di Saint Jean Industries, avenue Viviani a Vénissieux.

E' in materia di alloggio che i Rom della Caravana Romilor sono più avanti. Domandano una "platz" (un terreno) dove installare delle case mobili. "Occorrerebbe che gli abitanti utilizzassero le prestazioni familiari della CAF ed un piccolo reddito durante alcuni mesi per apprendere il francese e formarsi. Non è impossibile. Nantes e Parigi l'hanno fatto", precisa Onofrei Miclescu. Seconda importante rivendicazione: il diritto al lavoro ancora fortemente limitato sino al 2012. "In Romania ho lavorato come conducente professionale. Ma qui, con la tassa che devono pagare le imprese, mi è difficile trovare un impiego". Il presidente dell'associazione fa "una promessa al prefetto": "Se otterranno gli stessi diritti degli Italiani o degli Spagnoli, i Rom non eserciteranno più le attività illecite che oggi sono loro necessarie per vivere. Oggi, non abbiamo niente, è normale che si sbagli!"