\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Gran Bretagna
Di Fabrizio (del 28/11/2009 @ 09:49:25, in Europa, visitato 1505 volte)

Da British_Roma

24 Dash.com Published by Jon Land 

25/11/2009 - Oggi quindici bambini sono ritornati e sei persone sono state rilasciate senza accuse, dalla polizia che investigava su un presunto traffico infantile.

I giovani della comunità rom di Manchester erano stati presi in carico dopo che la polizia li aveva trovati a tre diversi indirizzi all'inizio di questa settimana.

Gli investigatori ritenevano che fossero obbligati a commettere piccoli crimini, ma la polizia metropolitana di Manchester ha ora appurato che non c'era alcuna evidenza di sfruttamento o criminalità.

La polizia ha eseguito gli accertamenti nell'area di Agnes Street a Gorton e di Stockport Road a Longsight nelle prime ore di lunedì.

C'è una numerosa comunità rom nelle aree di Gorton e Longsight, che si stima in 1.000 persone.

Un portavoce della polizia metropolitana di Manchester ha detto: "Due uomini e quattro donne, di età compresa tra i 23 e i 32 anni, che erano stati arrestati per il sospetto di traffico di persone, sono state tutte rilasciate senza carichi pendenti."

"Pure i quindici bambini [...] che erano stati temporaneamente presi in carico dai Servizi Infantili Comunali, sono ritornati alle loro famiglie."

Il soprintendente Paul Savill, che ha condotto l'operazione, ha detto: "Avevamo il dovere di agire per il sospetto che i bambini che vivono nella comunità rom potessero essere vittime di traffici nella cintura di Manchester. Dovevamo verificare che non ci fossero problemi ed assicurarci che i bambini non fossero sfruttati."

"Assieme al Consiglio Municipale abbiamo condotto le indagini e siamo soddisfatti di non avere trovato prove di sfruttamento o criminalità, così abbiamo rilasciato tutti gli arrestati, senza che vi sia alcun carico nei loro confronti, ed i bambini sono stati riportati alle loro famiglie."

"Vorrei elogiare tutti quanti sono stati coinvolti per la loro cooperazione offerta alla nostra indagine."

"Il nostro scopo primario è stato di salvaguardare il benessere di questi bambini, ed abbiamo cercato di condurre le indagini nel modo più rapido possibile, per minimizzare la disgregazione sia dei bambini, che dei loro genitori e della comunità rom."

"Vorrei ancora sottolineare che questa operazione non intendeva stigmatizzare i Rom insediati nella nostra comunità. Stiamo lavorando molto duramente, assieme a tutti i nostri partner, per aiutarli ad inserirsi qui e continueremo a dar loro tutto l'appoggio possibile per programmare una nuova vita a Manchester."