\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Francia
Di Fabrizio (del 04/10/2009 @ 09:49:57, in scuola, visitato 1290 volte)

Da Roma_Francais

I Rom tornano sulla scacchiera politica

La scolarizzazione dei bambini rom pone problemi alla municipalità socialista di Cenon. Ma non a Bordeaux o Gradignan, due comuni di destra.

All'interno ci sono molti materassi, e qualche arnese per cucinare. All'esterno, davanti a questa vecchia casa persa nei contrafforti della stazione di Cenon, un terreno abbandonato dove, questo martedì, i bambini ammazzano il tempo. Sempre all'esterno, un carrello riempito di bottiglie d'acqua, la casa abbandonata di rue du Maroc non ha né acqua, né elettricità.

Da sei mesi vivono qui una trentina di persone. Rom, di nazionalità rumena. Tra loro, una dozzina sono minori e non conoscono la scuola, come molti dei bambini rom. In causa: la difficoltà delle pratiche, gli sgomberi frequenti, voluti o forzati dalle espulsioni. Ma anche, in questo caso preciso, le "reticenze del comune", accusano i militanti delle associazioni.

Tra i più attivi, Jérôme Lobao, presidente dell'associazione Procom, si dice "molto innervosito" dal comportamento di Alain David, sindaco socialista di Cenon. Gli rimprovera di ostacolare l'accesso dei Rom alla scuola, rifiutando lorola domiciliazione amministrativa. Questa procedura avrebbe permesso loro di avere un indirizzo al Centro Comunale di Azione Sociale (CCAS).

Procedura d'espulsione

I due comunicano per raccomandata. In una corrispondenza recente, Alain David ha precisato che deciderà "entro due mesi". "E' improponibile! I bambini saranno completamente passati al rientro...", deplora Jérôme Lobao.

Il sindaco si difende dalla sua posizione ideologica; invocando lo stretto rispetto della legge. "Ho in effetti ricevuto la lettera di questa associazione che richiede la domiciliazione delle famiglie. Ho adisposizione legalmente un tempo di due mesi per prendere la mia decisione: ne approfitto per consultare i miei servizi. In fondo, si pone comunque un problema di domiciliare famiglie che occupano illegalmente una proprietà della comunità urbana..."

La CUB, di cui Alain David è il secondo vice-presidente, possiede in effetti quest'opera muraria promessa ai grandi lavori nel quadro della sistemazione della stazione. La CUB ha depositato una domanda di espulsione, che domani sarà esaminata dal tribunale. "Voi, sareste contenti di trovare, rientrando la sera, qualcuno installato a casa vostra?", si interroga l'eletto di sinistra.

Intransigente sulla domiciliazione, il sindaco garantisce tuttavia "di non aver mai rifiutato un bambino nella scuola. Non ho visto volontà reali sul terreno." Replica di Jérôme Lobao: "Nelle scuole, ci dicono: senza domiciliazione, niente scolarizzazione."

Guerra delle sinistre

Il contenzioso tra i due in questi ultimi giorni ha preso una dimensione politica, interna alla sinistra. Sul suo blog, Jérôme Lobao, già membro del PS e ora vicino al Partito della Sinistra, fustiga "una città socialista che rifiuta l'iscrizione dei bambini nelle scuole della Repubblica".

Ed all'inizio della settimana, Michel Chanteau, militante molto implicato nel sostegno ai sans-papiers, ha invitato per email "tutti i socialisti di Cenon a prendere, in una giornata di protesta, la tessera dell'UMP (la destra ndr)".

Riguardo alla scolarizzazione dei Rom, Lobao e Chanteau salutano gli sforzi delle due municipalità che non sono assolutamente schierate a sinistra: Gradignan e Bordeaux.

Nella prima, una quindicina di Rom hanno occupato da un anno una vecchia stazione di benzina, in cours du général-de-Gaulle. "Si fa in modo che la loro situazione sia decente, anche se è giuridicamente irregolare. Teniamo, con la CCAS e la Croce Rossa, a soddisfare le necessità elementari, come l'abbigliamento, il vitto e la scuola", spiega il sindaco di Gradignan, Michel Labardin, membro di Comunità del futuro, il gruppo di Alain Juppé alla CUB. "Due bambini rom così hanno appena fatto il loro rientro nelle nostre scuole. L'uno nella scuola materna, l'altro nell'elementare."

Quanto a Bordeaux, Jérome Lobao sottolinea che i "bambini rom sono iscritti alle scuole senza nessun problema". La delegata agli affari scolastici di Alain Juppé, Brigitte Collet, precisa: "E' per noi un principio superiore, tutti i bambini sono accettati, quale che sia lo status dei loro genitori."

Auteur : JULIEN ROUSSET j.rousset@sudouest.com