\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Passpartù 33: La cultura rom servita sul piatto
Di Fabrizio (del 07/06/2009 @ 09:30:27, in Italia, visitato 1491 volte)

Segnalazione di M Cristina Di Canio

A cura di Marzia Coronati - 5 Giugno 2009

Torta di spinaci, involtini di verza, biscotti di nocciola e cocco. Romanò Hape, il catering di cucina rom, offre piatti tipici della cucina romanì da gustare a feste e mercati o da portare a casa in graziose scatoline. In nessuna parte d’Italia esiste un ristorante di cucina rom. Oggi però le cose sembrano cambiare. Da diversi mesi a Roma è iniziato il progetto Romanò Hape: un laboratorio di cucina che si propone per feste, catering e mercati.
In chiusura, Ritmi, la rubrica musicale a cura di Elise Melot.

Romano Hapè, promosso da Roma onlus, non è solo un corso di cucina, ma un modo per buttare giù le barriere e mettere a confronto due culture che convivono ormai da decenni nella stessa città, senza però conoscersi. Non solo, il progetto mira anche a unire le varie comunità rom, da tempo frammentate, e a mettere fine alla mentalità maschilista tipica della cultura rom. “Vogliamo che si capisca l’importanza del ruolo della donna, in una società prevalentemente maschilista com’è quella rom” spiega Graziano Halilovic, di Roma onlus, “per questo abbiamo aperto il corso solamente alle donne, nonostante ci siano molti uomini rom che hanno eccellenti doti culinarie”.

Il catering Romanò Hape è una delle tappe di un progetto più grande: la ricerca transdisciplinare “Campus rom, oltre i campi nomadi”. Iniziato nel 2007 dal laboratorio di arte urbana Stalker e da Roma onlus, il progetto ha un obiettivo principale: creare uno scambio tra la comunità italiana e quella rom, attivando così un percorso di conoscenza.

La prima tappa del progetto intrapresa da Stalker consisteva in un viaggio nei campi di Roma con gli studenti di architettura dell’università Roma 3. Studenti e professori abitavano queste realtà per una settimana, per portare avanti un percorso di “apprendimento reciproco”, in cui imparavano le tecniche architettoniche dei romma mettevano anche a disposizione le loro conoscenze. Nell’estate 2008 Stalker ha portato avanti il progetto “Savorengo Ker”, in romanì la casa di tutti. Si trattava di una piccola costruzione costruita all’interno del campo nomadi Casilino ‘900. La Savorengo Ker era stata costruita dai rom delle quattro diverse etnie del campo, unite in un progetto volto a dimostrare che è possibile proporre risposte concrete in alternativa ai container e alle baracche. Una micro-villetta in legno messa in piedi con lo stesso budget finanziario necessario per realizzare un container. Durante la costruzione della Savorengo Ker un gruppo di fotografi professionisti e non hanno scattato centinaia di foto e oggi quattro di loro espongono alcuni di questi scatti in una mostra inaugurata venerdì 5 giugno all’ Ex-mattatoio di Roma. La comunità rom, sempre più spesso descritta come “un’emergenza”, è fotografata in questa mostra in momenti di condivisione e scambio di conoscenze con la comunità italiana.

Isole dove il transitorio è perenne, i campi nomadi di Roma si sono trasformati negli anni; nati come luogo di sosta per i rom italiani e i transitanti, sono poi divenuti centri di accoglienza per i rifugiati dell’Ex-Jugoslavia, per divenire oggi, nell’ultima versione, ghetti abitativi per un’etnia. Secondo i fautori della ricerca “Campus rom”, non servono grandi stanziamenti per migliorare le condizioni di vita della comunità rom, ma si tratta semplicemente di interrompere quel circolo vizioso stretto intorno ai rom fatto di criminalizzazione, pregiudizi, investimenti in sicurezza, confinamento dei campi.Ma poco o niente è stato fatto per promuovere l’autorappresentazione e l’autopromozione. Proprio per sostenere l’autorappresentazione e l’autopromozione della comunità rom Stalker e Roma Onlus hanno promosso un laboratorio/concorso di fotografia, Romané Chavé, in cui gli studenti si sono finalmente autorappresentati a loro modo.

Il brano proposto da Ritmi è Solimulen, di Mamady Keita
Ospiti della puntata: Graziano Halilovic, Max Intrisano, Lorenzo Romito, Michele Carpani
In redazione: Elise Melot, Khaldoun
Passpartù è un progamma a cura di Marzia Coronati

Passpartù 33: La cultura romanì servita sul piatto [30:35m]: Download