\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Romania
Di Fabrizio (del 08/12/2008 @ 09:22:54, in Europa, visitato 1874 volte)

Da Romanian_Roma

02/12/2008 - divers.ro by Mihaela Dumitrascu, Marian Chiriac: Sette Rom per il Parlamento. Che possibilità hanno?

Una donna, attivisti civici, politici di carriera, persone quasi sconosciute. Questa sarebbe l'offerta dei Rom, candidati in liste di diversi partiti per le elezioni parlamentari, tenutesi domenica 30 novembre.

I sette candidati rom, alcuni dei quali intraprendono in qualche modo il ruolo di "Obama di Romania", sono i seguenti: Dana Rozalia Varga (PNL), Costel Bercus (PSD), Ioan Gruia Bumbu (PNL), Tudor Gheorghe (PRM), Emanuel Onoriu (PNG), Nicolae Paun (Partito Rom "Pro Europa"), Madalin Stefan Voicu (PSD).

Ad una prima lettura, si può rimanere sorpresi dalla varietà di opzioni politiche. I candidati hanno optato per partiti di tutti i colori politici, da quello del centro-destra, ora al potere - il Partito Nazional Liberale (PNL), a quello del centro-sinistra - il Partito Social Democratico (PSD), sino al Partito della Nuova Generazione (PNG) o al Partito della Grande Romania (PRM), non facili da identificare ideologicamente, comunque, partiti che a volte hanno mostrato un'attitudine anti-minoranze.

Di conseguenza,, i candidati rom non sono molto legati all'orientamento ideologico, dato che piuttosto pongono l'accento sul bisogno di rappresentare la propria gente, più spesso, di etnia rom - del collegio dove sono candidati.

Le elezioni porteranno una certezza: il Parlamento avrà almeno un rappresentante dei Rom, più precisamente almeno il candidato del Partito Rom, che in base all'attuale legislazione, ha un posto di diritto nella Camera dei Deputati. Per gli altri, è più difficile predire il futuro, ma la speranza è l'ultima a morire, in ogni caso...

Tuttavia, la campagna corrente presenta parecchie novità. Prima di tutte, abbiamo la prima donna Rom che partecipa alla competizione per un posto da deputato: Dana Rozalia Varga, affiliata al PNL, è la candidata per il Collegio Uninominale 7 per la contea di Timis.

In un'intervista al giornale online RomaWorld (www.romaworld.ro), Dana Varga dice di voler essere "la voce della gente di Lugoj nel Parlamento" e che intende prendere azioni specifiche nei seguenti campi: economia, sanità ed istruzione. "Per iniziare voglio focalizzarmi nell'incremento del potenziale economico di Lugoj, attraendo fondi europei e di investimento".

Varga, che per un certo periodo ha lavorato nell'amministrazione centrale come consigliere del primo ministro Calin Popescu Tariceanu, intende focalizzarsi nel suo mandato su: salari decenti, nuovi progetti per l'alloggio sociale, come pure nel continuare i programmi già intrapresi dal Governo e nella creazione di un sistema scolastico integrato per prevenire l'abbandono scolastico.

La situazione delle donne nel collegio dove intende farsi eleggere come deputato è pure un tema importante nella sua campagna. Riguardo a ciò, l'azione di Dana Varga si focalizzerà sull'integrazione delle donne nel mercato del lavoro, come pure nell'appoggiare iniziative di auto-imprenditorialità.

Nicolae Paun è il candidato del Partito Rom "Pro Europa" in tutti i collegi uninominali per la Camera dei Deputati, essendo il rappresentante del partito di minoranza che avrà automaticamente un rappresentante nel Parlamento. Così Paun, che non ha un contro-candidato, può dichiarare nel suo slogan elettorale "Scegline uno per tutti".

Se consideriamo l'esperienza e la notorietà, il candidato Rom con le più ampie possibilità di andare in Parlamento, sarebbe quello scelto dal PSD nel Collegio Uninominale 1 di Giurgiu: Madalin Stefan Voicu. D'altra parte, è nella "lista nera" dei candidati disegnata dalla Coalizione per una Romania Pulita (www.romaniacurata.ro) , in quanto non ha firmato la Norma del Patto di Legge 2008. Normalmente questo non dovrebbe influenzare più di tanto gli elettori.

Ioan Gruia Bumbu, presidente dell'Agenzia Nazionale per i Rom e candidato PNL nel Collegio Uninominale 20 del distretto 5 di Bucarest, è come se "giocasse in casa",, dato che il suo collegio si trova nel quartiere di Ferentari, abitato principalmente da Rom.

Nello show elettorale da Radio France International, tenutosi lunedì 24 novembre, Bumbu, che ha esperienza nell'amministrazione locale e centrale, ha puntualizzato che vuole rappresentare nel Parlamento la comunità rom di Ferentari, perché conosce molto bene i problemi che si affrontano.

"La mia campagna si è svolta accanto agli elettori, sul campo. Con il mio team abbiamo rivisto i problemi reali della gente di Ferentari. Ogni giorno sono nel quartiere, parlo alla gente e capisco che hanno bisogno di lavoro, dispensari e alloggi, che c'è troppo sporco, spazzatura."

Pensa che questi problemi non possono essere ignorati e che "un parlamentare deve aiutare con leggi ed azioni concrete nel trovare soluzioni ai problemi reali della gente. Dobbiamo essere capaci di rimuovere le cause dei problemi sociali, per non avere più questi effetti. Inoltre, Bumbu dice che abbiamo bisogno di una nuova generazione in politica, e data la sua giovinezza, ha un approccio più pragmatico alla politica. Nondimeno, le sue possibilità di vittoria sono abbastanza basse, dato che concorre contro Gigi Becali e Oana Niculescu Mizil, appoggiati da Marian Vanghelie, il sindaco del 5° distretto.

Un altro alla prima esperienza elettorale è un giovane Rom, un attivista molto conosciuto in quest'ambiente, nelle liste di un partito che spesso è stato criticato per le sue politiche sulle minoranze.

Candidato dell'alleanza PSD-PC nel Colleggio Uninominale 4 di Calarasi, Costel Bercus ritiene che le tematiche rom non siano differenti da quelle dell'altra gente. "Per i Rom, questi argomenti possono in qualche modo essere aggravati dall'intolleranza, discriminazione e a volte anche dall'esclusione", ha dichiarato Bercus in un'intervista a Divers.ro.

"E' vero che sino a queste elezioni, la minoranza rom era considerata una massa facile da manipolare da parte di chi trae vantaggio dalla loro povertà, analfabetismo e mancanza di istruzione e corretta informazione. Venivano comperati, si permetteva che ciò succedesse, anche con regali elettorali o con denaro. Questo è precisamente il perché la mia campagna si è focalizzata specialmente sulla mia esperienza in progetti educativi ed altri interventi che ho organizzato, appoggiato e sviluppato per l'inclusione delle categorie sotto privilegiate", ha dichiarato.

Costel Bercus, ex presidente dell'Associazione Romani Criss, dice di aver scelto l'alleanza PSD-PC perché il programma che hanno lanciato in questa campagna è focalizzato sulla numerosa gente media. "Per esempio, è difficile promuovere con misure liberali strategie che possano livellare le lacune nell'integrazione," dice, "perché sono collegate a direzioni chiaramente protezioniste, correttive e populiste. Ci sono dichiarazioni, ma le prospettive di riempirle con azioni concrete sono scarse, se non si ha l'appoggio della maggioranza parlamentare".

Le possibilità di successo di Emanuel Onoriu, candidato del PNG nel Collegio Uninominale 1 del primo distretto della capitale, sono stimate basse. In un editoriale pubblicato da Romaworld.ro, il giornalista Petru Zoltan nota che Onoriu "è stato gettato nella mischia per riempire i posti, dato che il partito di Becali non ha molta gente. Sperando che i Rom siano così attratti per votare per lui, otterrà una certa notorietà".

Tudor Gheorghe, presidente della Fondazione Tudor di Ploiesti e candidato con PRM nel Collegio Uninominale 9 di Prahova, ha dichiarato in una discussione sul forum Rom_link di aver scelto la lista PRM perché non si adatterebbe ad alcune altre liste "dove altri hanno fatto donazioni importanti ai partiti". D'altra parte, Tudor Gheorghe appare ottimista sulle sue sue possibilità - anche se i Rom sinora non hanno mai votato PRM - ed augura "buona fortuna a tutti i Rumeni che concorrono per il Parlamento, indipendentemente dalla loro affiliazione politica, perché il sangue è più spesso dell'acqua."