\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Nella serata di martedì 7 ottobre è morta Mariella
Di Fabrizio (del 09/10/2008 @ 10:30:54, in Kumpanija, visitato 2038 volte)

Ricevo da Ernesto Rossi

Nella serata di martedì 7 ottobre è morta Mariella.

Mariella Fracasso: raramente un cognome è stato così antagonista d’un carattere: Mariella era una persona ad alta resistenza e di grande positiva caparbietà, quell’ostinazione che nasce dalla convinzione più intima, quanto era estranea allo stile di coloro che parlano sempre a voce alta, che siedono sempre in prima fila.

Sabato mattina, tre giorni prima, era intervenuta all’incontro promosso a Palazzo Marino per ricordare Carlo Cuomo nel decennale della sua morte. Con Carlo Mariella aveva lavorato negli anni in cui fu assessore a quella che allora si chiamava Assistenza, e che lui trasformò, con l’impegno appassionato di persone come Mariella, in un vero servizio a difesa dei diritti della persona. E al quale sottrasse la gestione dei nidi per l’infanzia, ritenendo che dovessero appartenere ad un percorso dell’educazione.

Il carattere e l’intelligenza di Mariella erano fatti per queste battaglie.

E anche per altre, perché quando sabato ha voluto presentarsi per parlare di Carlo, lo ha fatto certo per un moto di affetto, per ricordare quei percorsi; ma lo ha anche fatto con uno sforzo umano straordinario.

Perché da tempo era stata assalita da un male che, come si dice, non perdona: ma lei glielo ha impedito più a lungo che ha potuto.

C’è un altro motivo per cui, nel dolore di questi giorni, penso a Mariella, ed è il sostegno che da subito ha dato, con la tanta generosità di cui era capace, alla nascita dell’Associazione Aven Amentza – Unione di Rom e Sinti. Di questa avrebbe voluto essere socia fondatrice, insieme al marito Antonio (ricordo le riunioni nel giardino della loro bella casa). Ma l’imminenza delle elezioni per la Provincia e la prospettiva dell’incarico direttivo che poi ebbe, la fecero rinunciare.

Ecco la persona che abbiamo perduto, i Rom e i Sinti, i tanti altri sfortunati della società, cui si dedicava, l’associazione, gli amici. E una Milano civile, accogliente e appassionata, che continua a resistere, ma vivendo tempi difficili.