\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Bulgaria
Di Fabrizio (del 09/10/2008 @ 09:20:30, in Europa, visitato 5058 volte)

Da Bulgarian_Roma

Da QUEST Bulgaria Property Magazine venerdì 3 ottobre 2008 (nota: mentre sto traducendo il testo, il sito è down, può darsi che non si visualizzino le immagini)

Molti che cercano casa in Bulgaria sono spesso consigliati dalle agenzie bulgare di evitare i villaggi con un'alta popolazione zingara. Tuttavia quando si trovano in aree con molti residenti Rom, trovano che il crimine ed i problemi sociali non sono differenti da qualsiasi altra area rurale in Bulgaria. Difatti molti sono diventati amici costanti dei loro vicini zingari e mentre non sarebbe saggio se non possibile trasferirsi in un vero ghetto zingaro, vivere in un'area con un'alta presenza etnica non è nocivo come dicono i bulgari.

Storia
I Rom, questo il nome corretto per la popolazione zigana non solo in Bulgaria ma in tutta Europa, hanno una storia lunga ed interessante. Nel Medio Evo, migranti dall'India arrivarono in Bulgaria e nel resto dell'Europa Orientale. Si ritiene che fossero discendenti di una sotto-casta indiana. Nel XVI secolo molti di loro adottarono il turco come lingua madre ed alcuni si convertirono all'Islam. Praticavano uno stile di vita nomadico basato sulla vendita dei loro manufatti e capacità, ma questo stile di vita itinerante fu proibito nell'era comunista. Durante questo periodo, molti diventarono parte della forza lavoro industriale, o furono impiegati come braccianti nel settore agricolo. La caduta del comunismo portò difficoltà economiche estreme a questa minoranza etnica. Il boom delle proprietà ha coinvolto questa comunità, che fornisce manodopera a basso costo all'industria delle costruzioni.

I differenti gruppi
I Rom sono la più grande minoranza etnica europea, in Bulgaria sono il secondo gruppo etnico dopo i Turchi e comprendono il 4,7% della popolazione. Ufficiosamente, questa cifra è considerata molto più bassa della realtà, e la popolazione Rom èstimata attorno al 7%. La ragione della discrepanza è il fatto che molti Rom si dichiarano come Bulgari o Turchi nei censimenti e nei documenti ufficiali per evitare la discriminazione razziale.

I Rom si compongono di gruppi differenti, ognuno dei quali si riferisce di solito all'attività commerciale dei componenti. Come gruppo globale, sono una comunità divisa in termini di potere politico, cultura e stile di vita, anche il matrimonio tra componenti di gruppi diversi è raro. Il più grande gruppo tra i Rom bulgari è quello degli Yerlii, composto da daskane roma, che sono Ortodossi ed i horahane roma, che sposano la religione Musulmana. Altri gruppi Rom includono i Kardarashi, che una volta erano rinomati ramai, ma oggi sono spesso definiti Zingari serbi, poi i Rudari conosciuti come Rumeni o Zingari Vlach perché la loro lingua nativa è un dialetto rumeno, gli Ursari o Mechkari, che nei paesi e nei villaggi addestravano gli orsi a ballare per guadagnare soldi dagli spettatori, i Lingurari o Kupanari, che erano e spesso sono ancora carpentieri ed i Lautari, che erano musicisti compiuti.

Razzismo
I Bulgari sono apertamente razzisti nel loro denigrare i Rom ed è raro sentirli chiamare Rom, molto più spesso usano Tsigeni che significa zingaro, o Mangali un insulto simile a Nigger. In verità, ci sono molte parole e frasi usate dai Bulgari per etichettare questo gruppo etnico o per insultarne i componenti, queste frasi includono "nero come uno zingaro" per denotarne il colore della pelle, "lavoro da zingaro" per indicare un'esecuzione scadente, "menti come un vecchio zingaro" implica che si è un bugiardo compulsivo e "russi come un cavallo zingaro". I nomi derogatori arrivano a chiamare "zingari" i noccioli di cereale bruciati o marroni.

Il razzismo contro la popolazione Rom è esistito per secoli ed è stato alimentato durante il dominio Ottomano quando molti, probabilmente per il cattivo trattamento riservato loro dai nativi Bulgari, si misero a fianco dei Turchi adottando la loro lingua e religione. Il pregiudizio razziale continua oggi nei media e politicamente, il partito estremista Ataka, che si è affidato a forti politiche nazionaliste, ha ottenuto 21 seggi parlamentari su 240 ed il 9% dei voti alle elezioni del 2005.

Mentre molti deridono il colore della pelle ed i costumi dei Rom, il razzismo tende a crescere perché i Rom sono i membri più poveri della società e sono perciò associati ai furti, all'elemosinare e alla mancanza di istruzione. Il loro problema non è dissimile da quello dei disoccupati in Gran Bretagna, che hanno bassi tassi scolari, i più alti tassi di associazione al crimine e spesso vivono in proprietà comunali, dove il Britannico medio non metterebbe mai piede. I compratori britannici sono anche rinomati per chiedere quanti zingari vivono in un villaggio prima di acquistare una proprietà e molti sono colpevoli dello stesso pregiudizio della popolazione locale. Molti di questi scelgono anche di mandare i loro bambini in scuole private per paura che l'istruzione dei loro figli possa essere svantaggiata dall'inclusione di bambini Rom nel sistema educativo bulgaro.

Cultura Rom
Sofia, Sliven e Lom hanno la più alta concentrazione zingara in Bulgaria. Ogni gruppo Rom nel paese vive in una propria area distinta, spesso un ghetto ai margini della città o del villaggio. Questi ghetti conosciuti come Quartal in bulgaro hanno poche infrastrutture e sono spesso disseminati di immondizie, ma abbondano di antenne satellitari e cavalli, asini e cani vaganti. I bambini sono fuori, incustoditi tutto il giorno e le gravidanze precoci sono comuni.

I gruppi Rom hanno la loro propria lingua, per molti è un dialetto rumeno o turco. Nel sistema scolastico i bambini sono scoraggiati dal parlare la loro lingua madre. La loro pelle è più scura di quella della popolazione locale e questo li rende riconoscibili e spesso bersaglio di razzismo.

Future Integrazione Futura
La "Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea" evidenzia che è illegale la discriminazione basata su razza, colore, origine etnica o sociale, lingua, religione o credo. La Bulgaria è stata ammessa nell'Unione Europea con diverse clausole riguardo la sua appartenenza; una di queste era che il paese avrebbe lavorato per l'integrazione della popolazione Rom. Un'iniziativa adottata dalla Bulgaria è la sua partecipazione al "Decennio dell'Inclusione Rom", un progetto dedicato al miglioramento dello status socio-economico della popolazione Rom e la sua integrazione nella società locale. Assieme ad altre otto nazioni, la Bulgaria è ora impegnata a "lavorare per eliminare la discriminazione e chiudere l'inaccettabile gap tra i Rom ed il resto della società". Un altro segno positivo nella lotta per abolire il razzismo è il fatto che sempre più gruppi che rappresentano i diritti dei Rom stanno emergendo, in particolare l'unione civile "Roma" ed il gruppo di pressione "Sega". Realisticamente, occorreranno diverse generazioni per debellare il razzismo innato, che viene trasmesso dalle famiglie bulgare ai loro figli in tenera età, tuttavia se la comunità Rom dovesse migliorare tramite opportunità di lavoro e benefici governativi, alcuni dei stigma dovrebbero sparire.