\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Macedonia
Di Fabrizio (del 08/06/2008 @ 09:44:20, in blog, visitato 1400 volte)

Da Balkan Travellers

2 giugno 2008 - I media hanno riportato oggi che i carri trainati da cavalli pongono problemi al traffico di Skopje e di altre grandi città della Macedonia, similarmente ad altre capitali balcaniche.

Secondo la televisione A1, i cittadini di Skopje hanno problemi con i carri che non seguono le regole del traffico, causano inquinamento e rappresentano una minaccia agli altri partecipanti al traffico.

Alcune delle soluzioni proposte dalla trasmissione includono targhe di immatricolazione per i carri e ritenere responsabili chi guida del rispetto delle regole stradali.

A Skopje, come in altre città dei Balcani, i carri trainati da cavalli sono usati predominatamente da gente di etnia Rom, la maggior parte dei quali raccoglie scarti e carta che poi riciclano. Come puntualizza A1, proibire o confiscare i carri depriverebbe questa gente della loro fonte di guadagno.

Le altre capitali balcaniche, che hanno di fronte problemi simili, stanno tentando di agire in differenti maniere. In Romania, per esempio, i carri trainati da cavalli sono banditi dalle strade e dai viali della capitale e dalle autostrade nazionali.

A Sofia i carri - che gli esperti contano in un numero tra 3.000 e 4.000, furono inizialmente banditi dal centro città e da molti dei suoi grandi viali. D'altra parte, l'estate scorsa, l'OnG Romani Baht si lamento del fatto che ciò impediva ai residenti dei quartieri di Fakulteta, Hristo Botev e Filipovtsi - tre quartieri abitati interamente da Rom, di lasciare queste aree. Il bando, quindi, era determinato ad essere base di segregazione razziale ed oggi include soltanto la parte centrale di Sofia.

Recenti articoli nei media bulgari hanno evidenziato che ora i carri sono meglio regolati, con oltre 300 carri controllati e circa 30 multe elevate per aver infranto il bando dall'inizio dell'anno. I legislatori, però, reclamano che c'è bisogno di una legge più dettagliata riguardo la partecipazione dei carri nel traffico di Sofia.

La trasmissione di A1 porta come esempio positivo il modo con cui Belgrado ha affrontato il problema. Come parte di un programma sociale, tutti i carri nella città sono stati rimpiazzati da un altro tipo di trasporto economico che i proprietari potrebbero usare.

Rimangono da vedere i pieni effetti dei divieti e di come le capitali balcaniche hanno deciso di affrontare il problema. Ma per ora, non siate sorpresi di vedere un carro trainato da cavalli di fronte al palazzo dell'Assemblea Nazionale di Sofia ed siate estremamente attenti se guidate di notte.