\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Kosovo
Di Fabrizio (del 26/05/2008 @ 09:27:55, in Europa, visitato 1359 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Alcuni dei dispersi del Kosovo sono contenti dell'indipendenza, altri ne hanno paura

19 maggio 2008 - Fonte UNHCR - MITROVICA, Kosovo - I Rom ritornati a Mitrovica dopo essere fuggiti dalla città divisa circa dieci anni fa sono divisi sul futuro a seguito della dichiarazione unilaterale del Kosovo di indipendenza dalla Serbia.

Alcuni dicono di credere che l'indipendenza, annunciata il 17 febbraio, potrebbe migliorare la loro vita in un era di prosperità e lavoro. In contrasto, alcuni dei Serbi dispersi nel territorio, determinati a rimanere in Kosovo, hanno paura di diventare nuovamente bersaglio di violenze etniche.

I membri di entrambe le comunità lasciarono le loro case nel 1999 quando la popolazione maggioritaria di etnia albanese - molti di loro erano scappati da persecuzioni precedenti - ritornò dopo il ritiro delle forze di sicurezza serbe.

A Mitrovica, oltre 8.000 Rom che vivevano nella parte meridionale della città scapparono a nord quando gli Albanesi di ritorno attaccarono il gruppo di minoranza per i loro presunti legami con i Serbi kosovari.

Vissero nei campi in condizione di abbruttimento, ma mentre molti di loro sono ora in Serbia o oltremare, diverse centinaia negli ultimi due anni sono ritornati nelle nuove case costruite nell'area della Mahala Rom di Mitrovica dalla comunità internazionale.

Lindita Gashi* è ritornata nella Mahala con suo marito e quattro bambini lo scorso ottobre dopo anni passati nel campo di spersi di Osterode nel nord Kosovo. La vita era difficile.

Racconta che la loro vita è migliorata dal ritorno a Mitrovica, dove i bambini sono iscritti a scuola, suo marito guadagna di che vivere dalla raccolta di metalli di risulta e uno dei loro bambini può ricevere cure mediche regolari per i problemi di salute dovuti alla permanenza ad Osterode.

Gashi dice di aver accolto con favore la dichiarazione d'indipendenza, mentre la Serbia ha protestato contro il Consiglio di Sicurezza dell'ONU. "L'indipendenza è una buona cosa," dice, aggiungendo che porterà a più investimenti da oltremare e maggiori possibilità di impiego. "Ora spero di ottenere un lavoro come donna delle pulizie nel centro sanitario."

Ma molti dispersi Serbi in Kosovo, che la Federazione Russa, la Cina e molti altri paesi riconoscono ancora come una provincia serba, non sono così ottimisti sul futuro. Nella città meridionale, la famiglia Jovanovic* cerca di vivere una vita possibilmente normale, ma affrontano tempi difficili.

Il padre lavora come autista di bus per le comunità minoritarie, mentre sua moglie bada alla casa e ai due figli. Nonostante i problemi, sono determinati a rimanere in Kosovo e sperano un giorno di potere reclamare l'appartamento nell'altra parte della città che abbandonarono nel 1999. "Il mio desiderio più profondo è di vivere e morire dove sono nata - Kosovo," dice la moglie.

Aggiunge che sperava che l'indipendenza avrebbe significato riconoscimento e protezione per i Serbi dispersi in Kosovo, ma poi dice che alcuni membri della sua comunità hanno paura con l'indipendenza di diventare nuovamente bersaglio di violenze etniche.

L'UNHCR gioca un ruolo cruciale nella protezione delle minoranze in Kosovo, dice Martin Loftus, capo della missione UNHCR in Kosovo. Aggiunge che con cinque uffici sul campo e uno staff di 80 persone, l'UNHCR "è in grado di monitorare efficientemente la situazione delle persone disperse interne, come pure il ritorno delle minoranze."

* Nomi di fantasia per ragioni di protezione e sicurezza

By Peninah Benine Muriithi In Pristina, Kosovo