\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Francia
Di Fabrizio (del 02/09/2007 @ 09:49:57, in Europa, visitato 1314 volte)

da LA VOIX DES RROMS

Oggi, 31 agosto 2007, verso 10 ore, una ventina di Rroms che erano stati espulsi di un terreno situato dietro la via André Campra a Saint-Denis si sono raccolti dinanzi alla sindaca di Saint-Denis. Fanno parte di quei 600 Rroms che si trovavano su questo terreno e che non sono stati scelti per il progetto d'inserimento professionale realizzato dal vice prefetto, né hanno accettato il famoso "aiuto umanitario al ritorno" gestito dalla ANAEM. Erano venuti a chiedere alla sindaca una soluzione per il loro rialloggiamento.

Un rappresentante de "LA VOIX DES RROMS" è andato alla loro riunione e previa una consultazione, è stata posta una domanda alla sindaca, che precisa le aspirazioni di queste famiglie : apprendimento del francese, inserimento professionale, iscrizione dei bambini a scuola e rialloggiamento provvisorio in attesa dell'acquisizione di un'indipendenza di ciascuno.

Una delegazione di 6 persone è stata ricevuta dalla prima aggiunta al sindaco, la signora Soulas, come pure i sigg. Cossic e Dionisi, dei servizi amministrativi del municipio. La sig.ra Soulas ha precisato che il comune di Saint-Denis salutava l'iniziativa del vice prefetto, ma che aveva bene messo in guardia sul fatto che lo sgombero del terreno creava una situazione nuova difficile per loro (gli espulsi) che non potrebbe essere gestita dalla città. Tuttavia, il municipio rilancerà la sua domanda di una tavola rotonda a livello almeno regionale per trovare soluzioni a questa situazione che si trova in molte altre città dell'Ile-de-France. "LA VOIX DES RROMS" ha annunciato la sua analisi della situazione, in particolare del fatto, poco conosciuto e/o trascurato dalle autorità, che nella maggior parte dei casi, le famiglie interessate vengono da un ambiente rurale. Così, sarebbe più giudizioso e più conforme alle domande degli interessati da allargare il campo del lavoro ed esplorare le possibilità d'impianto delle famiglie che lo desiderano in villaggi francesi, in cui possono allo stesso tempo acquisire esperienze nuove e contribuire allo sviluppo duraturo con l'agricoltura biologica.

Per quanto riguarda la domanda di rialloggiamento, la sindaca di Saint-Denis si è detta nell'impossibilità di rispondervi. Cosciente del rischio di vedere una nuova bidonville costituirsi con edifici in abbandono occupati, la signora Soulas ha informato che la durata di tale impianto non dipendeva dalla volontà della sindaca ma che non avrebbe chiesto un'espulsione.

Sulla questione dell'istruzione dei bambini, Rroms vi tiene tanto più che il rientro arriva a grandi passi, e passi saranno fatti nel corso della settimana prossima.