\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Uruguay
Di Fabrizio (del 25/07/2007 @ 10:09:08, in Kumpanija, visitato 1934 volte)

Da Mundo_Gitano

GITANI, TRA LA TRADIZIONE PROPRIA E IL SOSPETTO DEI PIU'

POPOLO SENZA PATRIA
Por:
NICOLÁS NAGLE

I principali gruppi si trovano a Las Piedras e Maldonado. Vendono auto usate e pentolame. Sono violenti? Sono truffatori? Sono superstiziosi? I gitani rispondono

Anduve por muchos caminos
en ellos encontré Rom afortunados
en sus coloridas carpas.
También me encontré con Rom pobres.
¿De dónde vienen
con sus tiendas coloridas, recorriendo
los caminos? (*)

(*) Gelem Gelem (en romaní, "Anduve anduve")
.

A Maldonado c'è la principale concentrazione di Gitani dell'Uruguay. La maggioranza vive nelle tende ed altri costruirono case. Ma le case non impediscono loro di peregrinare vari mesi dell'anno in Argentina e Brasile per poi ritornare qui. E' durante questi viaggi che tutti i gitani, quelli più e quelli meno tradizionalisti, recuperano lo stile di tutta la vita.

A Maldonado vivevano 48 persone distribuite in cinque tende. In ognuna di loro viveva una famiglia. Due famiglie decisero di andare a Chuy. Ora sono 32 persone che risiedono sul terreno della municipalità. Di fronte a loro, dall'altro lato, c'è un insediamento costruito con pietre e legno.

Danilo Estorin è il "cacicco" e l'incaricato che "tutta sia a posto ed in ordine". Ha sostituito suo padre, che è partito per gli Stati Uniti per riunirsi ad altri gitani.

Danilo veste in maniera informale, con bermuda e una camicia aperta, ma la sua voce si distingue. Quando parla con gli altri membri della comunità lo fa in un dialetto proveniente dal Montenegro, l'ex provincia della Yugoslavia ora repubblica indipendente. "Quando siamo in famiglia, parliamo solo nel nostro idioma" segnala Estorin.

La scrittrice ed antropologa Teresa Porzecanski segnala che la lingua dei gitani, denominata romaní, "è il risultato di successive incorporazioni di diversi idiomi lungo oltre mille anni di migrazioni. Significa che il romaní è formato basicamente da incorporazioni di altre lingue, tra cui lo slavo".

Per questa ragione, molti gitani uruguaiani provenienti dalla zona balcanica dicono di parlare montenegrino o slavo. Praticamente sono tutti bilingue, perché sin da piccoli si insegna loro a parlare il romaní. Anni fa non erano soliti frequentare la scuola e tutto si imparava in famiglia. Ora i bambini sono inviati ai centri di insegnamento pubblici con il resto degli uruguaiani.

Sono le quattro del pomeriggio di un sabato tranquillo e soleggiato. Nella prima delle tre tende quattro gitani guardano la televisione. I due più giovani sono seduti su un sofà e gli altri due nelle loro rispettive camere. Dentro la tenda ci sono tutti gli sviluppi di una casa qualsiasi. Sul pezzo di terra c'è una cucina a gas e infinità di pentole e piatti rilucenti. Nello stesso ambiente ci sono a vista armadi per i vestiti, una gelatiera, tende, sedei, una tavola con tovaglia... ed un gruppo di galline e pavoni che passeggiano entrando ed uscendo dalla tenda, che tiene i teloni aperti per far passare l'aria. Niente sembra fuori posto.

Pietre sulle tende

Elías Marcos, il più anziano del gruppo, risponde amabilmente alle domande, senza spostarsi dalla sua stanza. Quando lo si interroga sul suo nome, risponde che tra i gitani è comune chiamarsi Marcos, Nicolás o Jorge. Racconta che vive da 20 anni a Maldonado, e che gli piace vivere in questa maniera "perché è tradizione".

- Non fa freddo in inverno?

- No - dice Elías -, prendiamo una salamandra e rimane più calda che una casa.

Si lamenta dell'Intendencia perché non viene a tagliare l'erba. Ha inviato tre sollecitazioni ma non ci fanno caso, dice. Elías vive con sua moglie e i loro sette figli. Javier Marcos, uno dei suoi nipoti, lo accompagna stasera. Veste e si vede come un gitano: alto, moro, occhi e capelli neri. Camicia dello stesso colore, stivaletti e polsiere dorate. Sull'avambraccio una "K" tatuata come ricordo di una fidanzata. O qualcosa di simile.

- E cosa fai durante il giorno?

- ... do una mano con qualche lavoro, oppure vado a visitare altri gitani o la mia fidanzata.

- Hai solo fidanzate gitane?

- No, no, le tengo di tutte e due - dice ridendo degli scherzi degli altri.

La comunità accetta i matrimoni tra gitani e creoli, qualcosa d'impensabile anni fa. Sul tema dei matrimoni i costumi stanno cambiando. Elías Marcos dice con aria rattristata che la sua unica figlia si è sposata con un creolo e che vive con lui nella sua casa.

¡Oh Rom!,

¡Oh muchachos!

Rom, hermano,

una vez también yo tuve una gran familia

"Sempre tirano pietre alle tende, questo succede da sempre, da mille anni," dice Danilo Estorin, cacicco del posto. Il popolo gitano, o rom, è originario dell'India ed iniziò il suo lungo peregrinare verso l'ovest nel secolo X. Non si conoscono le cause esatte della migrazione, anche se alcune leggende gitane segnalano che fu una guerra con i musulmani che li obbligò ad abbandonare il loro paese. Da allora, si sono dispersi in quasi tutto il mondo, discriminati e perseguitati.

Questo ha fatto che molti di loro siano gente malfidente. Estorin ha una visione abbastanza critica sull'immagine che gran parte della società ha dei gitani. Inclusi i mezzi di comunicazione che mostrano pellicole o telenovele come El Zorro, la espada y la rosa, presentata da Canal 4, che, secondo lui "mostra i gitani come schizofrenici".

Neanche le notizie sono buone. Perlomeno quelle che hanno a che vedere con loro. Nel giugno 2006 per descrivere una banda di ladri che operava a Rivera, un giornale titolo senza mezzi termini: Gitani truffatori posarono le loro ire su Guichón e la convertirono nella città eletta. Qualche giorno prima avevano titolato: Miscuglio di banditi: gitani, avvocato brasiliano, fattore ed altri processati per furto d'auto. Estorin non considera giusto che per colpa di pochi tutti debbano pagare, dice riferendosi ai gitani implicati nei furti d'auto e ad un altro accusato di aver ucciso a Rivera due poliziotti brasiliani.

- E si nota quando esce una notizia simile?

- Chiaro, la gente che ci conosce comincia a guardarci male e non possiamo lavorare. Per strada ti indicano e ti trattano come malvivente. La maggior parte delle persone ci vede e dice: "¡Uy, un gitano!". E' come se avessimo la lebbra.

Un anno fa, i vicini dell'accampamento tiravano pietre, però il problema "si risolse", dice Estorin senza fornire altre spiegazioni. Da tutte le parti, i gitani hanno sempre avuto fama di bravos. Secondo Porzecanski, è un pregiudizio. "Non sono più o meno violenti di qualsiasi altra persona. Se portano coltelli, cosa che è probabile negli uomini, è più per tradizione che per attaccare qualcuno", sostiene riferendosi al costume di portare armi bianche. I gitani sono considerati maestri nel maneggiare il coltello.

Molti uruguaiani dicono che non sono violenti. Héctor Campoy è meccanico ed ha molti affari con i gitani. "E' una bugia quel che si dice. La gente li associa alla droga e al contrabbando, però non è vero e lo dico io che tratto con loro".

A proposito, dice Danilo Estorin: "I gitani vogliono passare per bravos più di quanto lo siano". Quando gli si chiede sui gitani che si difendono in gruppo, risponde: "Se si tratta di una persona contro un'altra, noi non ci mettiamo. Ognuno risolva i suoi propri problemi". Secondo lui, si interviene solo in caso di "abuso"."Se son dieci contro uno, lì si interviene," dice, considerando esaurito l'argomento.

Commerciante sì, impiegato giammai

Vengan conmigo Rom del mundo entero,

nuevamente los caminos

se han abierto.

I gitani sempre sono stati commercianti nell'anima. In Uruguay si dedicano alla compravendita di automobili, attività che generalmente è a carico degli uomini. Le donne si incaricano della vendita di pentole ed utensili da cucina.

Andrés Nicolau, gitano di origine brasiliana sposato con una uruguaya, è chiaro quanto alla vocazione autogestionaria: "Imponiamola nostra disciplina, non permettiamo che nessuno da fuori ce la imponga".

Una delle principali differenze che vede tra il suo popolo ed il resto della gente è la posizione sociale. "Un gitano non andrà mai a lavorare come impiegato", dice orgoglioso con la sua voce pausata ed accento brasiliano, mentre traffica con il motore di un'auto. Nicola ha lasciato la tenda da anni ed ora risiede in una casa con la sua famiglia.

I gitani sono vincolati all'occultismo e alle arti pagane. Il malocchio ed i tarocchi sono stati patrimonio delle donne gitane.

Malena Natalia Marcos non si interessa della maggioranza di queste tradizioni. Lei si dedica a leggere le palmi della mano. Imparò da sua madre. "E' un dono che teniamo", dice Malena.

Secondo il libro Secretos de la adivinación gitana di Raymond Buckland, il metodo gitano di divinazione contiene più capacità di osservazione che poteri esoterici.

Il metodo di "lettura fredda" richiede alcune abilità: utilizzare generalizzazioni (gli uomini sono interessati al loro lavoro e al potere; le donne, agli affetti, ecc.), richiede una buona dose di intuizione personale (per captare nell'atto lo stato mentale del cliente), molta diplomazia e un messaggio che mescoli adulazione ed attenzione ("lei è una brava persona, però c'è qualcuno con pochi scrupoli che intende approfittarne").

Oltre il suo lavoro, Malena assicura di non essere superstiziosa. "Non crediamo nelle magie", dice, demolendo un altro mito gitano. In Uruguay i gitani si dichiarano cattolici, anche se non frequentano messa. Malena, che abita nella terza tenda, si è fermata a curare suo padre che è infermo. Il resto delle donne sono andate a Punta del Este, avenida Gorlero, luogo che frequentano per augurare buona fortuna ai turisti, un'immagine che ormai appartiene alle cartoline.

I gitani non ammettono di essere supersiziosi. Però Héctor Campoy, loro vicino per anni a Las Piedras, segnala che abbandonarono la città dopo che due gitani perirono in un incidente causato da un autobus interdipartimentale, nel quale morirono varie persone.

Seppellitemi in piedi

Ahora es el tiempo.

¡Oh Rom!,

¡Oh muchachos!


In Uruguay non si conosce la cifra esatta dei gitani. Secondo la comunità, sarebbero circa 400 persone. Però si dovrebbero aggiungere la popolazione fluttuante proveniente dai paesi frontalieri.

In Argentina si stima risiedano 300.000 gitani ed in Brasile tra i 700.000 e il milione. In tutto il mondo, le stime variano tra i dieci ed i 12 milioni di romaníes, secondo stime delle Nazioni Unite.

La discriminazione verso il popolo gitano incontra in parte le sue ragioni nel carattere chiuso della comunità. Questa situazione provoca sospetti e timori.

Le particolarità generano rifiuto nei vicini. Uno dice: "Si dedicano alla compravendita di auto, in genere di macchine care", sostiene. "I gitani hanno un camioncino 4 x 4 durante il fine settimana e un paio di giorni più tardi se la 'danno a gambe'" dice un altro vicino, aggiungendo: "Non stanno quieti un momento. Gente che va e viene costantemente. Il detto 'vivere come gitani' è tale e quale", conclude.

La cultura popolare si incarica di rafforzare un'immagine negativa. Le pellicole e i programmi televisivi li mostrano come gente pericolosa, gelosa delle proprie donne, sempre occupati in affari torbidi.

Come segno di questi pregiudizi, la Real Academia Española applica il codice al concetto di gitano. Nelle sue accezioni è tutto un giudizio di valore: gitano è chi "truffa oppure opera con l'inganno". Tutto contribuì a diffondere stereotipi:  ladri, mentitori, violenti, sporchi, superstiziosi, al margine della legge.

La tipologia di sospettati naturali li ha resi protagonisti di grandi persecuzioni. L'8 settembre 1439 furono espulsi dalla Francia, da tutta la Svizzera nel 1471, dalla Germania nel 1500 e condannati a morte in Inghilterra nel 1514. Nel secolo XVII il Portogallo li deportò in America. Schiavizzati in Ungheria e Romania. Nel 1749, il re Ferdinando VI organizzò una caccia generale dei gitani, chi chiamò "La gran retata".

Il nazismo li incorporò nella lista del genocidio. 200.000 di loro andarononei campidi concentramento. Alcune fonti menzionano cinque milioni di gitani.

Sino al 1978 la Guardia Civil spagnola aveva raccomandazioni speciali sui gitani: "Si vigilerà scrupolosamente sui gitani, col riconoscimento dei documenti, il confronto di segni particolari, osservare i loro vestiti e indagare sul loro modo di vita".

Laq soffernza senza patria e senza terra è parte dell'impronta. Un vecchio proverbio romaní  assicura che il sentimenti permane nel folclore: Sa-muro trajo, beshlem be chengende, che tradotto significa "Seppellitemi in piedi, tutta la vita sono stato in ginocchio".

¡Oh Rom!,

¡Oh muchachos!

Recorramos nuevos caminos.

¡Vamos! que la esperanza de tiempos mejores

es la que nos guía cada día.


Una possibile origine. Un lindo paese chiamato Sind

"Prima avevamo un gran re, un gitano. Era il nostro principe, il nostro re. I gitani vivevano assieme in un unico posto, in un paese grazioso. Il nome del paese era Sind. Lì c'erano felicità ed allegria. Il nome del nostro capo era Mar Amengo Dep. Aveva due fratelli. Uno si chiamava Romano e l'altro Singan. Era buono, ma dopo ci fu una gran guerra. I musulmani causarono la guerra. Trasformarono il paese gitano in cenere e polvere. Tutti i gitani lasciarono il loro  paese. Cominciarono a vagare come poveri in altri paesi, altre terre. In questo tempo, i tre fratelli partirono assieme ai loro inseguitori. Alcuni finirono in Arabia, altri a Bisanzio o in Armenia. Leggenda gitana.

La teoria più accettata sull'origine del popolo romaní è che procedettero dal Punjab, una regione alla frontiera tra India e Pakistan. E' un'ipotesi che non è mai stata provata, ed altre supposizioni più moderne segnalano che le loro radici sono ebraiche.

In ogni maniera, le loro origini rimangono oscure e sono state oggetto di ogni tipo di fantasie e leggende. Alcuni li considerano discendenti di Caino, che dopo aver ammazzato Abele, fu condannato da Dio a vagare in eterno. "Quando lavorerai la terra non ti darà frutti, sarai vagabondo e fuggitivo sulla terra", sostiene la Genesi da cui sorge la leggenda del nomadismo gitano. Un altro mito, sulle origini dei gitani li segnala come i ladroni di Cristo. Questo atto li avrebbe condannati a girare per il mondo senza arrivare al proprio destino.

Se ci atteniamo alla versione più comunemente accettata, che situa i gitani originari dell'India, i primi destini del popolo gitano sarebbero stati Afganistán, Irán, Armenia e Turchia. Nel secolo XIV sarebbero arrivati in Egitto ed un secolo più tardi in Europa.

In un primo momento furono ricevuti in buona maniera dai re degli stati europei che li vedevano come pellegrini cristiani. Però con i tempi la situazione cambiò ed un secolo più tardi cominciarono ad essere perseguitati perché non si adattavano e non potevano essere assimilati. Nel secolo XIX arrivarono in America.

I gitani migrarono in questa regione contemporaneamente ad altre centinaia di migliaia di europei in cerca di nuove opportunità. L'ultima grande ondata migratoria ha avuto luogo con la caduta del muro di Berlino nel 1989. I gitani iniziarono a partire dai paesi dell'ex blocco socialista verso le nazioni ricche dell'Ovest.

Tomado de: El País Digital.

PRORROM

PROCESO ORGANIZATIVO DEL PUEBLO ROM (GITANO) DE COLOMBIA / PROTSESO ORGANIZATSIAKO LE RROMANE NARODOSKO KOLOMBIAKO

[Organización Confederada a Saveto Katar le Organizatsi ay Kumpeniyi Rromane Anda´l Americhi, (SKOKRA)]