\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Argentina
Di Fabrizio (del 28/04/2007 @ 09:56:15, in scuola, visitato 2459 volte)

Da Mundo_Gitano



Córdoba

Per la prima volta, le famiglie gitane ricevono educazione formale

Provengono da diversi quartieri della città ed hanno tra i 10 e i 65 anni. Impareranno a leggere e scrivere attraverso un'iniziativa dell'OnG  Amor por los Marginados y Olvidados (AMO), e potranno anche insegnare il loro idioma originario ai cordobesi che lo desiderano. Le classi si troveranno due volte la settimana nel barrio Villa El Libertador, nella casa della famiglia Traico, una delle più tradizionali di Córdoba.

Yanina Soria ysoria@lmcordoba. com.ar

La lavagna, i gessi, i quaderni, le matite e la maestra. E' tutto pronto.

Arrivano poco a poco nella piccola scuola improvvisata in casa della famiglia Traico a Villa El Libertador.

Anche se provengono da quartieri distinti della città di Córdoba e hanno tra i 10 e i 65 anni, tutti perseguono lo stesso obiettivo: imparare a leggere e scrivere in castigliano.

Qualcuno è agitato e ha molte aspettative, alle 15 in punto si siedono davanti alla lavagna per iniziare la classe che durerà due ore.

Con volontà e pazienza la maestra inizia con le basi: l'abbecedario ed i numeri. Pochi minuti dopo, dall'altro lato della sala, Claudia di 51 anni, non può evitare di sentirsi emozionata di mostrare alla sua "signorina" - così viene chiamata la docente - che riuscì a scrivere il suo nome da sola.

Si tratta di un'esperienza unica per la comunità gitana di Córdoba, per la prima volta distinte generazioni hanno avuto accesso al sistema educativo.

Per anni le famiglie gitane tradizionaliste hanno considerato la scuola un buono strumento, ma non imprescindibile per il futuro dei loro figli. Storicamente, si intendeva la scuola come totalmente aliena dai valori gitani tradizionali e, nel contempo, non trovava fiducia nella sua funzionalità.

Ora per iniziativa dell'OnG Amor por los Marginados y Olvidados (AMO) e di fronte all'interesse manifestato dagli stessi membri della comunità, i gitani potranno alfabetizzarsi, senza distinzione per l'età o il sesso. Il progetto messo in moto giovedì scorso, è avallato da un programma del Ministero dell'Educazione e si basa sullo scambio culturale, per cui oltre che imparare il castigliano, potranno insegnare l'ungherese - la loro lingua d'origine - ai cordobesi che lo desiderano.

"Per questa comunità, il fatto che i loro bambini apprendano e che le donne possano uscire dalle loro case per assistere alle classi, è qualcosa di molto importante perché rompe con la tradizione che le ha sempre relegate in casa. Il non sapere leggere e scrivere è per loro un grande svantaggio, di fronte ad una società che si basa sulla preminenza del linguaggio scritto", dice Lita Hobre, titolare di AMO.

Un cambio per l'integrazione

Nella comunità gitana, da vari anni, si registrano dei cambiamenti come parte di un processo di adattamento alla società cordobese attuale. L'educazione è una delle aree dove maggiormente si sentono queste trasformazioni.

"Non sono mai a scuola, perché i miei genitori non ci credevano. I miei figli hanno frequentato solo per pochi anni. Ora, sentiamo tutti la necessità di imparare e mi sento felice che possiamo studiare assieme, accompagnati dai gitani di altri punti della città. Così potrò leggere libri e soprattutto, scrivere la mia storia", ha detto Mónica Traico, la padrona di casa.

Gli adulti non hanno mai frequentato la scuola, i bambini lo hanno fatto sino ai 10/11 anni. Soprattutto per le donne questa è una vera sfida, un "passo verso il progresso del popolo gitano".

Vestita nel costume tradizionale e col foulard che caratterizza le donne sposate, la donna ha aggiunto che molti e diversi fattori incisero negli anni, riguardo al cambio di mentalità sull'istruzione.

Alcuni degli aspetti che esemplificano l'accelerata trasformazione sono il passare dalla vita nelle tende a quella nelle case, e con ciò l'accesso ai servizi pubblici come l'acqua, il gas e l'energia elettrica, la convivenza vicinale con chi non appartiene alla comunità, la stabilità nel quartiere e l'accesso alla salute pubblica.

Un'altra meta raggiunta ottenuta da queste nuove strutture sociali è stato il contatto con individui alieni al loro popolo, mentre prima era una cosa considerata rischiosa per la possibile perdita di identità che ciò implicava.

Donne, lavoro e tradizione

Così come gli uomini della comunità si dedicano esclusivamente ad attività come il commercio e la compravendita di veicoli, anche le donne hanno un ruolo definito che le lega alla gestione della casa.

"Noi siamo incaricate di tutto ciò che ha a che vedere con la casa: il pasto, la pulizia, e naturalmente i figli. Possiamo uscire per la spesa, però alle otto (di sera) dobbiamo essere a casa", spiega Mónica Traico, membro di una delle famiglie gitane di Córdoba più tradizionaliste.

Senza dubbio, col proposito di rompere con gli stereotipi ed ottenere un'uscita lavorale, le gitane di Córdoba assieme alla AMO sviluppano un progetto micro-imprenditoriale.

"Si tratta di un progetto verso l'inclusione sociale sostenibile [...]. E' un passo verso l'ingresso formale della donna gitana nel mondo del lavoro" dice Carlos Camargo, membro dell'associazione.

Tramite questa iniziativa, le gitane potranno disegnare e confezionare vestiti ad un prezzo più basso di quello dei negozi di moda.

"Inizieremo con alcune macchine da cucina, che ci stanno insegnando ad adoperare. Poi al posto di portare i modelli dalla modista, lo realizzeremo noi stesse in casa. [...] Ci costeranno la metà", dice Rosa Traico, che condivide la casa di Villa El Libertador con nuove persone, tra cui tutta la famiglia di suo fratello.

Così il micro-impiego significa una forma degna di affrontare la discriminazione.

Per Monica "Le donne che uscirono in strada a cercare lavoro, non trovarono niente. Vedono come sei vestita e ti ricacciano. Questo progetto significa una sfida e un buon veicolo di inserimento".