\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Pakistan
Di Fabrizio (del 25/01/2007 @ 09:52:43, in Kumpanija, visitato 1939 volte)

Da Roma_Daily_News

Mohammad Kamran - RAWALPINDI: Gli Zingari non hanno residenza permanente, ma risiedono stabilmente in Pakistan. Incredibilmente nelle statistiche della nazione non si fa cenno a questo popolo senza casa.

Nell'ultimo censimento dedicato alla conta degli alloggi e alla registrazione al voto, questo popolo è rimasto escluso perché non risiede in alloggi permanenti e non hanno documenti per provare la loro identità.

Questi nomadi vivono in una povertà abbietta senza un pezzo di carta che certifichi la loro cittadinanza, ma sono parte della nostra popolazione. In effetti, per il tipo di via che conducono, non hanno bisogno di documentazione. Al governo non è mai importato di contarli o di rimetterli nel conto demografico.

Questo popolo vive di solito accanto alle strade ferrate in città o in luoghi dove l'autorità è più tollerante. A Rawalpindi la cintura attorno la principale ferrovia a Murree Chowk è una di queste colonie.

Le famiglie zingare che abitano l'area continuano la loro vita immutabile da anni. Nel loro quartiere di baracche che chiamano casa, bambini ignudi giocano nel fango, una donna scava e un uomo si siede godendosi il sole.

D'altra arte, questo scenario non è confinato solamente a Murree Chowk. Gli Zingari si ritrovano quasi ovunque in Pakistan. Questi nomadi attraversano il paese con le loro cose sui carretti e piantando le tende dove si fermano. Lo stile di vita transiente non appartiene al passato ma fa parte del presente.

"Non capisco perché la gente ci giudichi diversi. Siamo felici e soddisfatti cella nostra vita. Mangiamo tre volte al giorno e raramente andiamo a dormire con lo stomaco vuoto." dice Wali Muhammad, 40 anni. Con le loro dimore improvvisate, gli scarsi possessi e il dialetto rustico, sono una reminiscenza di tempi passati.

Il loro stile di vita è in forte contrasto con la vita cittadina. I loro figli raramente frequentano le scuole e gli uomini di solito passano il giorno a dormire e la notte curando il bestiame. Spesso le donne chiedono l'elemosina o raccolgono legna da bruciare. Il loro stile di vita nomadico attira sospetti perché è visto come un modo di scappare dopo aver commesso crimini o furti.

Spesso sono visti come predatori, parassiti e criminali. La gente non gli crede e li evita appena possibile.

Come la società è diventata più industrializzata, la maggioranza della popolazione si è spostata dalle campagne alle città. Gli Zingari continuano la loro esistenza nomadica, che è una sfida a quanti non riescono ad intendere la vita senza una residenza stabile, proprietà e obiettivi professionali. "Ho fatto quello che volevo e non ho niente di cui lamentarmi," dice Wali Muhammad spiegando perché non ha un lavoro.

Osservando la sua famiglia e la dimora, Wali non si considera deprivato o negletto. Viceversa vede la vita piena di posti dove andare senza troppi legami che lo riportino indietro.

Il governo e le organizzazioni sociali a volte tentano di "aiutare" questi zingari a fermarsi, avere un'educazione e conformarsi alle norme sociali, ma alla fine i tentativi falliscono perché questi zingari intendono continuare a vivere come hanno sempre fatto.