\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Macedonia
Di Fabrizio (del 24/01/2007 @ 10:15:41, in Europa, visitato 1689 volte)

Da Macedonian_Roma

Cari amici,

Spero che dopo tutte queste vacanze, in quest'anno possiamo organizzarci meglio e cominciare a vedere la situazione in una maniera più positiva. Voglio ricordare che il movimento dei Rom ha preso una direzione positiva, ma d'altra parte le problematiche sono rimaste quelle o sono peggiorate. Il Forum Europeo dei Rom e Viaggianti [European Roma and Travelers Forum - ERTF ndr] con l'OSCE/ODIHR lo scorso marzo ha partorito il gruppo di Skopje, formato da attivisti Rom che hanno fatto una priorità dell'aiutare i Rom rifugiati e i dispersi dal Kosovo, come pure dei Rom rimasti in Kosovo. E' una priorità perché i Rom possano meglio organizzarsi in simili situazioni di crisi come nella situazione del dopoguerra nella ex Yugoslavia.

In molti ci criticano per i pochi progressi ottenuti, sono personalmente d'accordo ma d'altra parte dobbiamo considerare la realtà, ci troviamo in difficili relazioni diplomatiche tra i Rom prima di tutti e poi tra loro come popolo e le istituzioni. Ora la Serbia è nella fase pre-elettorale e [...] solo dopo sarà possibile confrontarsi sullo status finale del Kosovo. Voglio e spero che i Rom di Serbia abbiano una rappresentanza in parlamento, così che possano aiutarci nel risolvere la situazione attuale dei Rom in questa regione. Anche se possiamo intendere l'attuale come una fase di passaggio, è molto importante per redirigerci sui seguenti punti.

  1. Far crescere l'importanza delle tematiche Rom nel nuovo status del Kosovo, dei rifugiati e dispersi nei Balcani e nei paesi europei (non dobbiamo dimenticare che il Kosovo è una grande ferita per noi Rom come è stato l'Olocausto).
  2. Dobbiamo comunicare e cooperare più spesso e in modo più costruttivo, anche in maniera critica, così da migliorare la nostra piattaforma politica, economica e sociale (ERTF nell'ultima riunione plenaria ha votato una Risoluzione su questi temi e spero che questo abbia una ricaduta nei programmi di molti governi europei e balcanici)
  3. Dobbiamo essere più attivi a livello locale e nazionale così da essere di supporto all'ERTF.

Esistono molte analisi di esperti ma abbiamo perso la nostra capacità di influenzare i livelli decisionali e dobbiamo sviluppare nostri piani d'azione per raggiungere i nostri scopi.

Per finire, cari amici, colleghi e fratelli, usciamo dai nostri recinti e cominciamo a lavorare positivamente per raggiungere qualcosa in più di ciò di cui abbiamo timore.

Spero che presto saremo in grado attraverso lo scambio di informazioni e aiuto da Varsavia, Strasburgo, Bruxelles di cooperare meglio.

Devlesa

Asmet Elezovski