Cerca - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

\\ Mahalla : Cerca
Di seguito gli articoli e le fotografie che contengono le parole richieste.

Ricerca articoli per pessano con bornago

Di Frances Oliver Catania (del 26/07/2011 @ 09:57:19 in casa, visitato 1213 volte)

Tratto dalla Gazzetta della Martesana 18 luglio 2011 - Congelata l'ordinanza del sindaco sul campo di via Montegrappa

Pessano con Bornago - Rischiavano di essere sgomberati mercoledì, ma alcuni cittadini che hanno manifestato li hanno salvati. Per ora. La trentina di nomadi che si trova ancora al campo di via Montegrappa, tra cui 15 minori, doveva essere mandata via quando cinque residenti muniti di cartelli con scritto «I diritti non si sgomberano» hanno manifestato davanti al Comune, ottenendo il congelamento dell'ordinanza firmata dal sindaco Giordano Mazzurana . A sostenere i diritti dei rom c'erano anche Caritas e l'associazione «Avvocati per niente Onlus»: la prima si sta interessando per trovare una soluzione alternativa, almeno per i casi più vulnerabili, mentre la seconda, capitanata dall'avvocato Alberto Guariso, è in attesa di ricevere la lista delle fragilità all'interno del campo, in cui ci sono persone anziane e disabili. Una movimentazione sollevata da alcuni pessanesi, tra cui Frances Catania, che ha cercato di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla vicenda difendendo i rom anche dalle accuse dei proprietari degli orti confinanti al campo. L'Amministrazione comunale, però, è sempre stata ferma sulla vicenda: quel campo va ripulito, i nomadi sgomberati e l'area destinata a riqualificazione per poter essere fruita dai residenti. I rom, bosniaci, vivono al campo di Pessano con Bornago dal 2002 e i bambini hanno frequentato le scuole del paese anche se, recentemente, alcuni sono rimasti al campo per paura dello sgombero. Resta da vedere cosa deciderà il sindaco e se, nel frattempo, saranno trovate altre soluzioni per i casi più gravi..

Segnalazioni precedenti da Pessano con Bornago

 
Di Frances Oliver Catania (del 13/07/2011 @ 09:26:41 in casa, visitato 1333 volte)

Da Redattore Sociale. Articoli precedenti: 21 aprile e 6 luglio. L'ultima segnalazione su Mahalla

Succede a Pessano con Bornago, in provincia di Milano. L'intervento di un gruppo di cittadini, di Caritas Ambrosiana e Avvocati per Niente ha impedito il provvedimento. Natalia Halilovic, una rom del campo: "La nostra vita ormai è in questo Comune"

MILANO – Abitano in due camper e in una roulotte, accatastate al bordo di una stradina che si perde in mezzo ai campi di Pessano con Bornago, comune in provincia di Milano. In quest'area dal 2002 vivono almeno una trentina di rom, fra loro 15 minori. Sono bosniaci, entrati in Italia nel lontano 1969 e da allora ancora alla ricerca di un posto dove stare.
Rischiavano di essere sgomberati domani, 13 luglio, ma un gruppo di cittadini si è opposto, ottenendo un congelamento – e non una soppressione - dell'ordinanza. Mentre il sindaco Giordano Mazzurana e l'assessore alle Politiche sociali Chiara Fiocchi (l'amministrazione è di centro sinistra, ndr) discutevano con Caritas e Avvocati per Niente onlus sul futuro dei rom, fuori dal Municipio cinque anziani del paese alzavano cartelli con scritto "I diritti non si sgomberano". "Ora bisogna capire se Caritas, Casa della Carità o altri enti del privato sociale saranno in grado di offrire una soluzione, almeno per i casi più vulnerabili", spiega Alberto Guariso di Avvocati per Niente. Intanto l'avvocato attende per oggi un "censimento" delle fragilità all'interno del campo. I casi conclamati, al momento, sono Maria Halilovic, una signora di 73 anni con tre bypass, e il figlio Spaho, cieco dalla nascita.

A portare i rom a Pessano con Bornago è stato il marito di Maria. Qui, 8 anni fa, aveva comprato un campo, ad uso agricolo. Voleva avere la famiglia vicina, durante il suo ricovero all'ospedale San Raffaele. Ma quando, nel 2008, è stata introdotta la legge Maroni che vieta gli assembramenti di roulotte sui terreni ad uso agricolo, Maria è stata costretta a spostarsi "in strada", pochi metri più in là. Con lei, i due figli Spaho e Natalia. Un luogo scomodo, di passaggio, perché da qui transitano ogni giorno gli agricoltori per raggiungere i propri terreni. Per il Comune questa situazione è diventata con il tempo inaccettabile, tanto che il villaggio rom diventa un problema.

"Nel novembre 2010 sono venuti a fare il primo sgombero", racconta Natalia. A detta del Comune, in quel momento nel campo abusivo di Pessano c'erano più di 33 famiglie. Chi ha potuto se n'è andato, gli altri sono rimasti qui. I segni di quell'evento sono ancora visibili: alle spalle delle roulotte affiorano i resti di altre case mobili, abbandonate in quello stato dal giorno dello sgombero. "Peggio di una discarica. Ma il Comune crede che dobbiamo portare via tutto noi? Sono loro che l'hanno fatto e loro devono pulirlo", denuncia Natalia.

Al campo i bambini si tuffano in un canale, che scorre proprio di fronte alle roulotte. Uno di loro, di 14 anni, racconta che quest'anno non ha potuto frequentare la seconda media, perché sua madre lo teneva a casa, temendo ogni giorno che lo sgombero minacciato diventasse effettivo.
"Fossi il presidente della Repubblica – dice – donerei a tutti i rom un campo dove stare". Parla del sindaco come il responsabile delle condizioni assurde in cui è costretto a vivere. "Tutti i nostri figli sono iscritti a scuola, ma non sempre siamo riusciti a mandarli – spiega Natalia -, ma la colpa è del Comune che ci vuole cacciare via". Una delle donne del campo non vuole che si facciano fotografie né a lei né ai suoi figli: "In città ci conoscono tutti e io mi vergogno del posto in cui sono costretta ad abitare". "Abbiamo rinunciato ad essere nomadi – racconta Maria – perché volevamo che i nostri nipoti studiassero, imparassero a leggere e scrivere e si trovassero un buon lavoro. Se ci continuano a sgomberare ci fanno tornare all'epoca dei miei bisnonni"

(Lorenzo Bagnoli) © Copyright Redattore Sociale

 
Di Fabrizio (del 09/12/2010 @ 09:24:09 in Kumpanija, visitato 1236 volte)

Giovedì 16 dicembre ore 21.00
circolo Arci Ubik - via Deledda 21, Pessano con Bornago (MI)


Un incontro sui diritti del popolo rom e sinti, presentato da Arci Ubik e Amnesty International.

Interverranno:
- Dijana Pavlovic, attrice, mediatrice culturale e attivista politica romni. Dopo la laurea in Arti drammatiche a Belgrado, si trasferisce a Milano dove lavora per il teatro, il cinema e la TV. Dal 2009 è vice presidente della Federazione Rom e Sinti Insieme.

- Fabrizio Casavola, attivo da molti anni nella difesa dei diritti dei rom milanesi, ha fondato il blog Mahalla, sinti e rom da tutto il mondo. Cura la rassegna cinematografica Ho incontrato zingari felici al circolo Arci di Turro (via Rovetta 14; prossimo appuntamento, lunedì 20 dicembre con Train de Vie di R. Mihaileanu).

Per info:
● Amnesty Vimercate (gr108@amnesty.itwww.amnestygr108.org)
● Arci Ubik ( info@arciubik.it  - www.arciubik.it)

 
Di Frances Oliver Catania (del 27/07/2011 @ 09:18:33 in casa, visitato 1400 volte)

Fine MOMENTANEA di una storia dove molti hanno voluto chiudere gli occhi

Tratto dalla Gazzetta della Martesana - Lunedì 25 luglio 2011

Non esiste più il campo nomadi di via Montegrappa. A oltre dieci anni di distanza dai primi insediamenti, anche le ultime roulottes sono state rimosse e i rom cacciati. Lo sgombero è avvenuto mercoledì, senza momenti di tensione: sul posto sono intervenuti solo gli agenti della Polizia locale. Erano rimasti una roulotte, due camper e una tenda, per una decina di rom. La scorsa settimana cinque manifestanti erano riusciti a far sospendere l'ordinanza di sgombero firmata dal sindaco che, però, a distanza di pochi giorni, ha dato il via libera ai ghisa di agire. Il terreno, comunque, viene costantemente monitorato per evitare che altri nomadi possano insediarsi. "E' stata ripristinata una situazione di legalità - ha detto il sindaco Giordano Mazzurana - La strada, a passaggio pubblico, non poteva essere occupata da mezzi e manufatti: esisteva un abuso che non potevamo permettere".

Segnalazioni precedenti da Pessano con Bornago

 
Di Frances Oliver Catania (del 21/04/2011 @ 09:17:09 in Italia, visitato 1641 volte)

Ricevo e porto a conoscenza

[...]

Vorrei [...] portare a conoscenza del pubblico questa situazione, o se mi potete suggerire qualcuno che sia interessato.

Il comune di Pessano con Bornago (MI) sta cercando di sgomberare una comunità Rom che si è stabilità nel suo territorio.
Questi tentativi di sgombero si ripetono da circa otto anni ma, nonostante in questo periodo di tempo tutte le denunce fatte dal Comune si siano risolte in favore del Comune, gli abitanti del campo non hanno sgomberato e sono stati, fino a poco tempo fa, "tollerati".
Adesso il Comune ha trovato una formula per forzarli ad uno sgombero senza chiamarlo "sgombero"; ossia, nonostante il terreno sul quale è stato fatto il campo Rom sia di proprietà di uno degli abitanti del campo, questo terreno è un terreno agricolo.
Il comune sta quindi approfittando della nuova legge che equipara le roulotte a edifici per forzarli fuori dal terreno.
Essendo i Rom rimasti a Pessano con Bornago per otto anni, i minori nel campo sono iscritti alle scuole del paese, e vi sono anche vecchi e disabili (ai quali tra l’altro, è stata negata l’assistenza sociale perché non sono cittadini italiani).
Siccome questa volta il Comune si sta mostrando serio alcune delle famiglie nel campo sono andate via, ma rimangono ancora alcuni di loro che non vogliono, o non possono trovare un altro luogo dove vivere.

In particolare mi ha colpito il caso di una signora, di nome Maria, che ha 73 anni, problemi di cuore ed un figlio disabile (cieco) a cui sta badando; questa signora non ha la forza di cercare un altro posto dove andare e questa azione del Comune ha, anche se non nella forma, la stessa sostanza di uno sgombero.
Ho già cercato di contattare il Comune ed esprimere i miei dubbi ma sono stata trattata con ostilità dal sindaco che non vuole sentire ragioni, i motivi sono sempre gli stessi "non vogliono integrarsi" o "rubano", mi sono quindi rivolta ad altre associazioni come la Caritas Ambrosiana ed ho contattato un avvocato esperto in diritti umani, (Avv. Guariso) questi mi hanno dato una mano come hanno potuto ma senza risultati definitivi.
Mi rimane quindi solo il cercare di far pubblicità alla situazione nella speranza che in questo modo qualcuno possa convincersi che vi sono altri modi per risolvere la questione senza forzare i rimanenti Rom a cercare casa altrove.

Questo è un riassunto della situazione che è, come lo è sempre, un po’ più complicata. Se lei, o qualcuno, ha la possibilità di occuparsi di questo caso posso spiegare meglio i fatti.

Spero di ricevere buone notizie, in ogni caso auguro buona fortuna [...].

Cordali saluti.

Frances Catania

 
Di Frances Oliver Catania (del 29/06/2011 @ 09:14:14 in Italia, visitato 1623 volte)

Articolo precedente QUI. L'autrice del post che segue mi ha chiesto di provare a mobilitare la stampa sul caso che presenta. La vedo dura: certi giornalisti non alzano il culo dalla sedia neanche quando gli sgomberi avvengono a due passi dalla loro sede, figuriamoci se hanno voglia di muoversi per un paesino perso nella campagna del nord-est milanese, quando anche nella zona gli appelli vanno a vuoto. RINGRAZIO QUINDI CHI MI AIUTERA' A FAR CIRCOLARE LA NOTIZIA.

Con la presente vi racconto del mio contatto con la famiglia Halilovic e dei loro rapporti col comune di Pessano con Bornago.

Alcuni anni fa ho conosciuto la signora Maria, fuori dal supermercato locale dove si siede a mendicare, e col tempo mi sono molto affezionata a lei. E' una donna straordinaria, una Romnì bosniaca che è sopravvissuta a persecuzioni e sgomberi per tutta la vita, e mi ha detto che lei e la sua famiglia sono nuovamente minacciati di sgombero, nel campo che in gran parte era già stato sgomberato a novembre 2010.. Mi ha detto che è solo una questione di tempo prima che completino il lavoro, e che la sua famiglia comprende un figlio cieco, Spaho, che sarebbe buttato anche lui per strada. Mi ha detto di soffrire di cuore, di avere un triplo by-pass e che non pensa di poter sopravvivere ad un ennesimo sgombero.

A quel punto ho capito che non potevo rimanere a guardare senza fare nulla, così ho deciso di battermi e fare tutto quanto in mio potere per aiutarla. Sono andata al campo per parlare con la famiglia, la prima di tante visite. Suo figlio Edin mi ha fatto una breve storia dal loro punto di vista sugli ultimi otto anni, da quando avevano comprato un piccolo appezzamento di terreno, sperando di potersi stabilire in modo permanente e di integrarsi, mandando anche i loro figli alle scuole locali. Ha insistito sul fatto che i loro caravan non erano fissati al suolo, pensando allora che questo avrebbe potuto essere il problema legale, che il comune usava come leva per liberarsi di loro. Come si è scoperto in seguito, la nuova legge proibisce anche lo stazionamento di roulotte su di un "terreno agricolo". Ovviamente volevano renderlo abitabile con elettricità, acqua e servizi igienici, ma le loro richieste sono state rifiutate e le strutture da loro installate sono state abbattute. In otto anni hanno avuto otto ordini di sfratto e speso ingenti somme di denaro per l'avvocato e gli appelli.

Di seguito sono andata a parlare col loro avvocato a Milano, che mi ha detto di aver provato di tutto ma che questa volta non c'era più niente da fare e che non poteva più aiutarli (questo si vede chiaramente nel film/documentario di Laura Halilovic, quando l'avvocato arriva carico di cartelle al campo, incapace di dar loro altri consigli). La data prevista per lo sgombero era il 16 maggio di quest'anno.

Poi ho avvicinato i servizi sociali ed il sindaco del comune (guidato da 20 anni dal centro sinistra!). Sono stata accolta con generale indifferenza ed in alcuni casi palese ostilità. Mi è stato detto che il comune aveva fatto molte cose per favorire ed aiutare i Rom ad integrarsi (con l'Opera Nomadi), ma che loro avevano abusato della loro buona volontà, e che da 3 famiglie erano diventate 33. Che il campo era diventato un centro di criminalità di ogni sorta e che era stato un giudice a predisporre l'ordine di confisca del terreno a cui sarebbe seguito lo sgombero. Che il campo era a rischio per la salute e pure un "abuso edilizio". Quando ho chiesto cosa intendevano fare per donne, disabili e bambini, la risposta è che erano "abusivi" e che erano non-residenti, quindi, niente da fare. (In nessun modo è stata mai offerta loro la possibilità di diventare residenti, perché secondo il comune non avevano un indirizzo  - d'altra parte hanno ottenuto l'indirizzo quando è arrivato l'ordine di sgombero!). Ha aggiunto che la gente di Pessano c/B aveva espresso numerose lamentele sul loro conto, e che le persone che avevano orti nei pressi del campo erano state derubate e minacciate.

A questo punto ho iniziato a scrivere lettere, devono essere state centinaia a tutte le associazioni dei diritti umani che ho potuto trovare (di cui posso fornire esempio) e dopo alcuni mesi ho trovato a Milano un avvocato straordinario che fa parte di un gruppo chiamato "Avvocati per Niente", che ha acconsentito ad aiutarci per proteggere minori, donne e disabili. Ha scritto una lettera al comune, indicando i loro obblighi giuridici nei confronti di donne e bambini e chiarendo che se da parte del comune ce ne fosse stata la volontà, era disposto a discutere la questione in qualsiasi momento. Il comune non ha mai risposto a quella lettera. Aveva anche suggerito di cercare di ottenere per la famiglia di Maria un "permesso di soggiorno" per ragioni umanitarie. Nel timore di uno sgombero brutale molte famiglie, inclusa quella di Edin, hanno lasciato il terreno per andare in posti alternativi, ma quelli che non avevano alternative, i più fragili e vulnerabili del gruppo, hanno spostato le roulotte dal terreno in questione e si sono accampati sulla strada al margine. Arrivato il 16 maggio non è avvenuto nessuno sgombero, quasi sicuramente per la concomitanza con le elezioni locali, ma nell'ultimo fine settimana i vigili urbani hanno visitato il campo tre volte, dicendo loro senza mezzi termini che a breve ci sarà un altro ordine di sgombero e devono prepararsi ad andare in tempi brevi.

Ho parlato col nuovo sindaco (Giordano Mazzurana - ex DC), che mi ha detto che questo sgombero è inevitabile, perché i Rom sono accampati per strada e questo è illegale. Sono andata a parlare col parroco che conosce bene Giordano e che è disposto ad incontrarsi con l'avv. Guariso e Giordano per vedere se possono sedersi attorno ad un tavolo per trovare una soluzione civile al problema. Questo si sta dimostrando difficile in quanto sono tutti molto impegnati in questo periodo (e vi è una certa mancanza di volontà a trovare il tempo!).

Non ho ancora perso la speranza. Rifiuto di credere che casi portati alla Corte dei Diritti Umani per antidiscriminazione hanno vinto, e non possiamo in qualche modo fermare questa folle crudeltà. Ascoltando le chiacchiere della gente, comprendo che i Rom sono l'ultimo bastione di razzismo, intolleranza e xenofobia. Ho sentito dire di loro che sono pieni di odio violento e di ignoranza abissale, che mi rendo conto che si devono fare leggi, rendere cosciente la stampa, svegliare l'opinione pubblica, sul fatto che queste persone, i loro bambini e nipoti che sono nati in Italia sono ancora senza documenti, e vivono in una sorta di purgatorio legale, senza alcuna apparente possibilità di diventare italiani, spostati da un posto all'altro senza alcun pensiero reale per un'alternativa durevole.

Lettera in originale inviata anche alla stampa.

Un caro saluto con i migliori auguri,

Frances Oliver Catania

 
Di Fabrizio (del 21/11/2013 @ 09:09:29 in musica e parole, visitato 1255 volte)

clicca sull'immagine per ulteriori informazioni

Dall'introduzione: E TU, QUANTI ZINGARI CONOSCI? Era lo slogan di una campagna dell'UNAR dell'anno scorso. Questo piccolo volume non parlerà della cultura rom, o delle origini della loro lingua, o delle persecuzioni che hanno subito... Parla del conoscersi.

I Rom e i Sinti sono in mezzo a noi, ovunque in Italia e in Europa, e quando viene loro concesso, lavorano tra noi, mandano a scuola i loro figli assieme ai nostri. Perché a Pessano deve essere diverso? Perché aspettarsi che possano migliorare, se si nega loro la possibilità di affrancarsi dalla miseria?

Ma questi fogli raccontano anche di una cultura, che magari non si trova nei testi di antropologia, che è vivere quotidiano, proprio in questo Nord-Est milanese. In parole povere: per una volta non si scrive di tutto ciò di cui avrebbero bisogno (anzi: avrebbero diritto), ma di quello che potrebbero insegnarci, anche da subito, se ne avessero la possibilità. Sempre per la solita ragione: sono in mezzo a noi tutti i giorni.

Testimonianze pratiche: sono sicuro che a tutti (anche a chi non sopporta gli zingari), interessa conoscere qualcosa su STAR BENE e MANGIARE. Scoprirete che anche un'anziana romnì può avere qualcosa da insegnarci.

QUESTA E' LA PRIMA RAGIONE. La seconda è che queste famiglie, che stiano accanto a noi (magari insegnandoci qualcosa) o che vadano via (ad insegnarlo altrove), potrebbero vivere in una roulotte, in una casa, sotto un ponte, in un campo... non cambierebbe niente nella loro cultura.

Ma, dovunque andranno o si fermeranno, dovranno trovare la possibilità e i mezzi per vivere. Il terzo punto, altrettanto interessante, è GUADAGNARE, tutti (voi con Maria e la sua famiglia): non vi chiediamo carità, ma rispetto e condivisione. Se una persona dovesse dipendere per sempre dal vostro buon cuore, rimarrà sempre qualcuno "ai margini" di cui sarà facile disfarsi. Se invece troverete interessante quello che ha scritto Maria, a voi costerà poco, ma per lei il ricavato della vendita di queste pagine sarà importante.

Per i soldi, certo, ma anche perché dopo tanto tempo ASSIEME si sarà cominciato a costruire una relazione.

A tutti i lettori, un sincero augurio di continuarla.

[...]

    L'autrice: Hajrija Seferovic (Maria) è nata da genitori Kalderasha nel 1938 a Tramnik, nell'ex Jugoslavia, prima di cinque figli. La famiglia si spostava spesso per guadagnarsi da vivere con la vendita di cavalli, e facendo pentole e piatti di rame che vendevano ai mercati. Maria si ricorda una gioventù bella, sotto le tende in una grande "kumpanja". Nei vari spostamenti il suo gruppo veniva spesso in Italia. All'inizio della guerra in Bosnia la famiglia è scappata con l'aiuto di organizzazioni umanitarie (ONU). Alcuni dei suoi familiari sono andati a vivere in Francia, altri in Germania e negli Stati Uniti, lei e la sua famiglia a Torino dove hanno vissuto per 10 anni, e da dove dopo sono stati sgomberati. Da allora hanno cercato di mettere radici a Napoli, in Sicilia, a Roma, e Bologna ma sono sempre stati sgomberati.
    All'inizio del 2000 si sono nuovamente spostati arrivando a Pessano con Bornago, ove hanno comperato un piccolo terreno agricolo con l'intento di fermarsi, per essere vicini al marito di Maria che era in cura a San Raffaele per una grave malattia, che lo ha portato alla morte.
    Maria allora decise di fermarsi a Pessano ma ciò non fu possibile a causa dei continui sgomberi. In questo momento Maria sta a Trezzo sull'Adda in una povera roulotte, dove continua a curare suo figlio cieco dalla nascita ed ha vicino la maggiore parte dei suoi numerosi figli.

Coordinamento editoriale:

  • Natalija Halilovic
  • Frances Oliver Catania
  • Fabrizio Casavola

Copertina:

  • Rebecca Covaciu

Dettagli:

  • Copyright A.S.D. La Comune, via Novara, 97 Milano (Licenza di copyright standard)
  • II edizione
  • Pubblicato il 20 novembre 2013
  • Lingua Italiano
  • Pagine 30
  • Formato del file PDF
  • Dimensioni del file12.86 MB
  • Prezzo 2,50 euro

Scarica il libro

Altre pubblicazioni

 
Di Frances Oliver Catania (del 08/03/2014 @ 09:08:26 in Kumpanija, visitato 1404 volte)

In italiano era già disponibile in versione cartacea che in ebook, così ci abbiamo preso gusto, ed ecco la versione in inglese.

Hajrija Seferovic, known as Maria (Bebé to her family) was born to Kalderasha parents in 1938 in the ex Yugoslavian town of Travnik, the first of five children. Her family travelled often in search of ways to earn a living, among other things selling horses, and making copper pots and plates which they would sell in local markets. Maria remembers a difficult but happy childhood living in tents in a large 'Kumpanji'. During these journeys her group came to Italy often. At the beginning of the war in Bosnia , with the help of the United Nations, the family managed to escape. Some went to live in France others to Germany and some to the United States. Maria and her family went to Turin where they stayed for ten years.
by Frances Oliver Catania

And what about You, how many Gypsies do you know? That was the slogan in a UNAR campaign (2012). This little volume doesn't talk about the Roma culture or about the origins of their language or of the persecutions that they have suffered it talks about getting to know each other.
The Roma and the Sinti are among us everywhere in Italy and in Europe, and when allowed to, they work alongside us, and send their children to school with our children. Why should it be different in Pessano con Bornago? How do you think that they can improve their situation if we deny them the possibility to shake off the shackles of poverty?
This booklet tells of a culture that can't be found in anthropological texts, but which lives on a daily basis in this area North East of Milan. In short, for once it doesn't talk about the things that they need (or rather that they have every right to) but of what they can teach us right now if they had the chance, because they are here among us.
Practical evidence: I am sure that all of you (even those who can't stand gypsies) are interested in knowing something about STAYING HEALTHY and FOOD. You will see that even an old Roma grandmother can teach us something.
THAT'S THE FIRST REASON. The second is that this family, who live nearby today (possibly with something to teach us), tomorrow are somewhere else teaching someone else. Whether they live in a caravan or in a house, under a bridge or in an encampment doesn't change a thing about the wealth of knowledge and experience that they have in their culture. Wherever they go, wherever they stop they have to find the possibility of a way to live.
The third point, which is just as interesting, is GAINING SOMETHING (you as much as Maria and her family). We are not asking for charity but for shared respect. As long as people depend on the generosity of others there will always be people on the margins of society, people who are easily got rid of.
If you find what Maria has written interesting, this booklet is not at all expensive for you, and the proceeds will all go to her which will be a significant help to her.
Money is important, sure, but after so much time spent living side by side, more important, with this booklet we can start to build a relationship TOGETHER.
To all you readers, with sincere good wishes that we can travel this road together.
Sastipé, But thaj Baxt savorrenge (Good health, Work and Good Luck to you all)
by Fabrizio Casavola 

Copyright Licenza di copyright standard
Edizione III edizione
Pubblicato 6 marzo 2014
Lingua Inglese
Pagine 29
Formato del file PDF
Dimensioni del file 12.87 MB
Prezzo: € 2,50

Download Grandma's Tales

 
Di Frances Oliver Catania (del 13/09/2013 @ 09:02:51 in Italia, visitato 2145 volte)



Pessano con Bornago
Dopo le meritate vacanze, torniamo con due incontri di sicuro interesse.

Conoscere per non discriminare, due iniziative ideate e organizzate dall’associazione La bottega che non c’è trasformeranno il territorio di Pessano con Bornago in uno spazio aperto, dove riflettere sui numerosi pregiudizi che circondano il popolo Romaní.

Due momenti di storia, letture, testimonianze, musica, che aiutano a sovvertire le abitudini, a sottrarsi ai condizionamenti, per non smettere mai di dare concretezza alla parola solidarietà, per non smettere mai di migliorare la nostra società in un continuo confronto di idee, coscienze, culture e religioni che danno significato e valore a ogni nostra scelta.

La bottega che non c'è

Venerdì 20 settembre 2013 - Ore 20.30. Sala Consiliare in Piazza della Resistenza
1. Conoscere attraverso la storia. Relatore: Ernesto Rossi, dell'Associazione ApertaMente.
2. Testimonianze dell'Associazione Mamme e Maestre di via Rubattino.
3. Testimonianze del progetto Taivé.
4. Proiezione del film documentario Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen.
5. Musica tzigana del brillante duo de l'Orchestra dei Popoli Vittorio Baldoni.

Domenica 29 settembre 2013 - Ore 16.30. Cortile della Biblioteca Comunale
6. Conoscere attraverso la poesia e la musica. Lettura di brani e poesie di Papuska e di Mariella Mehr a cura del gruppo Polvere di Storie.
7. Musica del violinista George Moldoveanu.
8. Performance di Jovica Jovic.
9. Cabaret di Luca Klobas.
10. Mostra pittorica di Rebecca Covaciu.

Durante il primo e il secondo incontro saranno allestite la Mostra fotografica della Caritas ambrosiana e un Buffet tradizionale che solleticherà i nostri palati, con tanti fragranti e appetitosi assaggi.

 
Di Fabrizio (del 19/09/2013 @ 09:02:33 in scuola, visitato 1463 volte)

in foto, il colonnello George Armstrong Custer

Alla c.a. del Sindaco di Segrate
della Giunta Comunale
del Consiglio comunale

Buongiorno,
siamo un gruppo di cittadini che, insieme alla Comunità di Sant'Egidio, operano come volontari nelle baraccopoli abitate da persone rom, con compiti umanitari di sostegno alle prime necessità (alimentazione, salute, scolarizzazione, casa o altra struttura in grado di fornire protezione) e di avviamento a progetti di lavoro e casa.
 
Esprimendo una forte preoccupazione per la violazione dei diritti umani nei confronti specialmente di una bambina di 7 anni, facciamo presenti alcuni avvenimenti recentemente accaduti nel territorio di questo Comune:

  1. Il giorno 07-09-2013 la Polizia locale si reca nell'area di Via Umbria per effettuare lo sgombero di due famiglie ivi residenti in modo abusivo. Al campo non vi è nessuno. Il campo viene raso al suolo, tutti i beni vanno perduti e gli occupanti, al loro ritorno scoprono di non avere più un rifugio, né vestiti, né pentole per poter cucinare, né materassi, né coperte, né zaino scolastico. Una bambina di 7 anni cerca il suo cane, che era rimasto al campo. Il cane non c'è: nel rispetto delle norme è stato accompagnato al canile di Vignate, ove avrebbe potuto avere un tetto sotto cui dormire, cibo e cure adeguate. Nessuno, tra quanti hanno ordinato ed eseguito lo sgombero, ha pensato di fornire le stesse garanzie agli esseri umani, nemmeno alla bambina, che nonostante i suoi 7 anni si è vista costretta a dormire all'addiaccio e a patire la fame.
    Abbiamo provveduto a soccorrere le due famiglie e ci siamo interessati presso il canile per restituire il cane; all'atto della restituzione, ci è stato chiesto di pagare alla Asl 122,30 euro. 
    Se scopo degli sgomberi è anche quello di ripristinare la legalità, suscita interrogativi il fatto che gli stessi  non avvengano nel rispetto della legalità medesima. Ovviamente il fatto che queste persone occupassero abusivamente un terreno non autorizza le Istituzioni a trascurare le norme che regolano tali azioni, compresa l'offerta di ospitalità in comunità per la bambina e la sua mamma, e il necessario preavviso in forma scritta dello sgombero. In particolare, si ricordano le Prescrizioni delle Nazioni Unite in materia di sgomberi forzati, stabilite nelle Linee guida sugli sgomberi forzati del 20 maggio 1997 del CESCR (Comitato per l'osservanza dei diritti economici, sociali e culturali), la Raccomandazione 2005 (4) adottata il 23 febbraio 2005 dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, l'art.7 della Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea, l'art.8, comma 1, della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell'Uomo e delle Libertà Fondamentali (CEDU), ratificata e resa esecutiva nel nostro ordinamento con la legge 4 agosto 1955, n. 848.
  2. Il giorno successivo allo sgombero, abbiamo portato alle due famiglie coperte, indumenti e tende che abbiamo dovuto acquistare, vista la distruzione di quelle in cui abitavano.
  3. Il 12-09-2013, primo giorno di scuola, le due famiglie vedono ripetersi un altro sgombero, avvenuto sempre senza preavviso e in assenza degli interessati. Nelle ore e nei giorni successivi, non potendo tollerare che esseri umani rimanessero privi delle più elementari tutele per la sopravvivenza, ci siamo visti costretti a ripetere l'intervento umanitario messo in atto pochi giorni prima.
  4. Il giorno 16-09-2013: lo sgombero si ripete per la terza volta in dieci giorni. Anche questa volta agli interessati viene impedito di prendere ciò che appartiene loro, e tutti i beni, benché di loro proprietà, vengono nuovamente distrutti (tutti i vestiti, il materiale scolastico). Le due famiglie dormono ora all'addiaccio sotto un ponte, nonostante la temperatura si sia notevolmente abbassata. Nel frattempo siamo molto preoccupati per la frequenza scolastica della bambina, non essendo possibile presentarsi a scuola in condizioni igieniche adeguate e dopo aver trascorso notti a stomaco quasi vuoto e non potendo dormire per il freddo. Questo nonostante il diritto allo studio debba essere garantito.

Considerato quanto sopra, chiediamo al Comune di Segrate come intende tutelare il percorso scolastico e la salute psico-fisica di una bambina di 7 anni abitante nel suo territorio. 
Auspichiamo che il Comune di Segrate operi nel rispetto delle leggi, evitando le modalità di sgombero attuate nelle scorse settimane. Inoltre, si sottolinea che, oltre a violare le normative internazionali, gli sgomberi senza soluzioni alternative non risolvono il problema della presenza di famiglie indigenti sul territorio del Comune, ma lo spostano semplicemente in un'area vicina, aggravando le condizioni di vita specialmente dei minori. 
 
Disponibili a fornire ulteriori informazioni, si inviano distinti saluti.
 
Flaviana Robbiati, Assunta Vincenti - "mamme e maestre di Rubattino"
Comunità di Sant'Egidio

 
Per informazioni:

  • Dr. Stefano Pasta (Comunità di Sant'Egidio Milano onlus) 338-73.36.925 - santegidio.rubattino@gmail.com 
  • Flaviana Robbiati 339-16.84.800
  • Assunta Vincenti 333-98.10.620

Se volete discuterne dal vivo con "mamme e maestre di Rubattino", l'appuntamento è domani a Pessano con Bornago


Per terminare, ma solo per chi vuole, una torta con ciliegina compresa:

Nicoleta e il suo sogno da grande
16 settembre 2013 - di Franca Fabbri (Sevizio EDU Lombardia) per "Segnali di fumo - il magazine sui Diritti Umani"

Nicoleta è una bimba Rom di undici anni che vive in un campo nomadi con la sua famiglia, composta da mamma Camelia, papà Nicol e i due fratelli Mario - di appena due anni - e Samuel. Samuel e Nicoleta sono 'il calciatore' e i 'bimbi rom in biblioteca' già apparsi sulle pagine di Segnali di Fumo.

Ho conosciuto questi bambini grazie all'insegnante Flaviana Robbiati, una delle prime maestre di Milano ad accogliere favorevolmente i bimbi Rom a scuola: Flaviana partecipò, diversi anni fa, a un'assemblea circoscrizionale di Amnesty Lombardia in cui raccontò l' esperienza di inserimento dei bimbi rom nella sua scuola, che già da qualche anno stava portando avanti insieme ad altre insegnanti e ad alcune mamme di bambini italiani.

Nicoleta mi colpì fin dal nostro primo incontro avvenuto nella biblioteca civica vicina alla scuola che lei frequenta: aveva necessità di migliorare la conoscenza della lingua italiana -che per lei, romena, è una seconda lingua - e io mi proposi di aiutarla. Finita la nostra conversazione, mentre ci stavamo avviando verso l'uscita lungo i corridoi della biblioteca, mi chiese: " Ma di chi sono tutti questi libri?". " Sono anche nostri, di chi li vuole leggere" le risposi. "Allora ne posso prendere uno anch'io?". Non credetti alle mie orecchie, memore della fatica che avevo fatto, durante i miei lunghi anni di insegnamento, per far leggere schiere di bambini, per lo più recalcitranti. Scelse 'Favole al telefono' di Gianni Rodari e lo riconsegnò la volta successiva raccontandomi, molto divertita, la storia di 'Alice cascherina' e del 'Naso che scappava'. Chiese un nuovo libro e ciò avvenne ogni volta che ci incontravamo in biblioteca: era ed è rimasta sempre ed è rimasta un'avida lettrice.
Nei due anni trascorsi dal nostro primo incontro abbiamo condiviso molti momenti felici: ad esempio la settimana scorsa Nicoleta è stata con me dalle 11 alle 17,30 e abbiamo trascorso una bella giornata insieme. Puntuale all'appuntamento, ben vestita e ben pettinata, è stata per un giorno 'la figlia di una mia amica' in tutte le occasioni in cui l'ho presentata ad altri e, dal dentista (con cui avevo appuntamento), è stata promossa a 'mia nipote maggiore'. Non mi piace mentire, ma avrei evitato di dire queste piccole bugie se non mi avessero chiesto con insistenza 'chi fosse quella bella bambina'; lei era divertita dalla prontezza delle mie risposte : le abbiamo commentate e abbiamo chiarito il senso della parola 'pregiudizio' che peraltro già conosceva.

Una vera giornata insieme con la mia 'nipote maggiore': un giro all'interno del mio condominio con sosta ai giochi per bimbi, il pranzo solo noi due in tinello a base di insalata di riso, vitel tonné e ciliege, un passaggio in biblioteca per spiegare lo smarrimento del libro preso a prestito da Nicoleta; poi insieme dal mio dentista, il ritorno verso casa mia con sosta dal gelataio artigianale, un riposino previa lettura sui divani e infine il rientro a 'casa' di Nicoleta, con il proposito di fare ancora molte cose insieme.

Una bella esperienza per me e, spero, anche per lei.

La mia simpatia per Nicoleta deriva proprio da tutte queste sue qualità: è educata e discreta, mai inopportuna, anche nel pormi le domande che un ambiente nuovo le suggerisce, con un tono di voce tanto sommesso da doverle spesso far ripetere quanto dice. Soprattutto è felice per le piccole cose: una passeggiata in Pazza Duomo o un bagno in piscina la fanno saltare di gioia come succede per le nuove esperienze che ci piacciono, ma che raramente abbiamo l'occasione di vivere.
Sono due anni che la conosco e ogni volta che ci incontriamo mi dispiace sempre lasciarla. Spesso temo che non si presenti agli appuntamenti, ma so che, se ciò dovesse accadere, non sarà certo per sua volontà; è la sua situazione familiare che spesso mi preoccupa: un trasferimento improvviso o uno sgombero non annunciato, come già altre volte è accaduto, potrebbero tenerla lontana.

Se anche questo dovesse accadere, credo che nessuno potrà toglierle la gioia delle esperienze condivise, così diverse da quelle della sua vita quotidiana.

Da grande vorrebbe fare l'ostetrica. Ricordiamocelo!

 
Di Frances Oliver Catania (del 25/05/2013 @ 09:00:35 in Kumpanija, visitato 1309 volte)



Giovedì 6 giugno 2013 alle 21,00, ingresso ad offerta libera
CGIL Salone Di Vittorio - Piazza Segesta 4, con ingresso da Via Albertinelli 14 (discesa passo carraio) a Milano

"Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen" di Laura Halilovich - Italia - 2009 - con la presenza di Frances Oliver Catania, che ha seguito la comunità di Pessano con Bornago (quella della nonna della regista, raccontata nel film)

Il film fa parte della rassegna HO INCONTRATO ANCHE DEGLI ZINGARI FELICI V Edizione, dedicata alle donne Rom, organizzata dall'Associazione La Conta in collaborazione con: l'Associazione "Aven Amentza - Unione di Rom e Sinti", Associazione "ApertaMente di Buccinasco" e la Redazione di Mahalla - Rom e Sinti da tutto il mondo

 

Ricerca fotografie per pessano con bornago

Nessuna fotografia trovata.

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


28/02/2020 @ 03:30:08
script eseguito in 7173 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2959 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source