Cerca - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : Cerca
Di seguito gli articoli e le fotografie che contengono le parole richieste.

Ricerca articoli per nawar

Di Fabrizio (del 03/06/2005 @ 22:42:01 in scuola, visitato 3229 volte)
Da: Jerusalem Post

Gli Zingari di Gerusalemme

"Per gli Arabi siamo i Nawari, che significa "sporchi Zingari" dice Sleem. "Per gli Ebrei e per le autorità, noi siamo Arabi. Abbiamo perso su tutti i fronti."

---
Amoun Sleem, direttrice di Domari, la Società degli Zingari di Gerusalemme, è una donna eccezionale. Leggete tutto l'articolo.
A people apart


"Fammi una domanda, fammi una domanda!" insiste Leila, orgogliosa di mostrare che finalmente capisce l'inglese.
"Ho otto anni. Frequento terzo grado" continua felice.
Heba, otto anni, è concentrata sul suo disegno. Non ha mai lasciato Gerusalemme, ma sta disegnando un veliero sulle onde e un sole sorridente in alto sul foglio.

Leila, Heba e altri due bambini, sono nel Gypsy Community Center, aperto solo due mesi fa in un'appartamento di tre stanze a Shuafat, confortevole e illuminato. Per la prima volta, la comunità zingara si è organizzata proattivamente per badare a se stessa.

Due volte alla settimana, il centro offre corsi di alfabetizzazione per dieci adulti. I bambini frequentano tre volte a settimana, per fare i compiti e scappare dalla strada; qui in inverno stanno al caldo.
In un angolo, un vecchio computer, e Yassir, di quasi cinque anni, pigia con entusiasmo sulla tastiera. Al muro sono appesi frammenti di arazzi e di gonne ornate, accanto ai disegni dei bambini che ritraggono le loro famiglie nei costumi tradizionali.
Sempre accanto alle pareti, diverse rababbah, tradizionali strumenti zingari a corda, che i bambini provano a suonare. Il centro offre anche gingilli, tele, ceramiche, marmellate e olive schiacciate sotto olio. Tutto materiale in vendita.

"Mi piacciono gli Zingari," discorre Leila. "Mi piace la scuola. Mi piacciono le maestre. Mi piacciono i bambini piccoli, ma quelli grandi, no. Mi chiamano con brutti nomi. Anche gli insegnanti"

Amoun Sleem ha 32 anni, è la direttrice di Domari, la società degli Zingari di Gerusalemme ed ha fondato il centro. Oggi, come quando era una bambina, il tempo sembra essersi fermato. Ancora oggi, mentre cammina nelle strade della Città Vecchia, i passanti la chiamano "Nawariya", un peggiorativo di Zingara. A volte, le sputano contro.
Sleem, di una assertività sfacciata e di una bellezza esotica, ha dedicato la sua vita personale e professionale al progresso della causa degli Zingari o, come meglio si riferisce a lei stessi, dei Domi.

Gli Zingari sono forse il gruppo sociale più emarginato nella Gerusalemme di oggi. Oppressi dalla povertà e da conflitti interni, sono marginalizzati socialmente e politicamente invisibili.
Il Ministero degli Interni non riconosce i Dom come entità religiosa o culturale e sono genericamente indicati come "Arabi" sui loro documenti.

"Per gli Arabi siamo i Nawari, che significa "sporchi Zingari" dice Sleem. "Per gli Ebrei e per le autorità, noi siamo Arabi. Abbiamo perso su tutti i fronti."

Secondo il procuratore Omri Kabiri, che offre servizi legali a Domari e alla comunità praticamente a costo zero, lo stato di Israele non è disposto a riconoscere formalmente le minoranze. Nella pratica, non interferisce nelleesigenze di gruppi come i Drusi, i Beduini o gli Armeni. Se ottenessero un riconoscimento, gli Zingari avrebbero accesso a numerosi servizi, dalle cure mediche, ai fondi per il mantenimento della loro cultura o della religione, ecc.

Ma finché non appariranno come categoria censita, nessuno saprà quanti siano.
Sabine Hadad, portavoce del Registro della Popolazione, parla di "diverse dozzine" a Gerusalemme Est, anche se, secondo il Dom Research Center, con sede a Larnaca (Cipro), a Gerusalemme ci sono circa 1.000 Dom, e tra 1.000 e 4.000 vivono nella West Bank e nella striscia di Gaza.
Il primo importante passo, secondo Amoun Sleem, è un censimento nazionale. Ma il principale problema resta quello della povertà.

La più parte della comunità vive a Bab el-Huta, un povero agglomerato di casa vicino alla Porta del Leone. Bambini poveramente vestiti si aggirano tra pile di immondizia per la strada, mendicando o vendendo ciondoli. Alto l'abbandono scolastico, soprattutto tra le ragazze, anche se la comunità beneficia di personale che controlla la frequenza scolastica e di autisti per i bus scolastici.

Il tasso di disoccupazione è alto. Molti fanno affidamento sulla Previdenza Sociale e i tagli effettuati negli ultimi due anni hanno avuto serie conseguenze sulla comunità.

Le ragazze si sposano presto, di solito a 16 anni. "Le donne non hanno vita facile" dice Sleem. "Non hanno prospettive o sogni. Otto, dieci figli e niente soldi."

Sleem si è creata da sé una vita differente.

Sua madre morì quando aveva sei anni, lasciando suo padre con otto tra fratelli e sorelle da crescere. Da giovane, come molti altri bambini, fu mandata a chiedere la carità, ma rifiutò.
Ricorda: "E' una cosa umiliante. Così presi delle cartoline da vendere ai turisti. Qualcosa dentro di me diceva che era possibile agire e creare le cose in maniera più onesta e decente"

Sapeva che la scuola le avrebbe dato il biglietto per uscire dalla povertà. Ma sapeva anche che suo padre, col suo lavoro di custode al Ministero degli Interni, mai sarebbe stato in grado di fornire a lei e alle sorelle quadreni e matite. Così comtinuò a vendere le sue cartoline.

Ricorda ancora le umiliazioni a scuola, non differenti da quelle che subisce oggi Leila.

"La maestra ci chiamava di fronte alla classe e, di fronte a tutti, controllava se avevamo i pidocchi o eravamo sporchi. E gli altri bambini ridevano quando ci chiamava Nawari."

All'età di 12 anni, lasciò la scuola, ma nessun assistente sociale venne a controllare perché una studentessa così brillante e motivata avesse abbandonato lo studio. Ritornò a scuola un anno dopo, completando il ciclo di studi e diplomandosi in business administration.

Trovò lavoro come manager presso l'Ostello Olandese sul Monte degli Ulivi. Imparò inglese e olandese fluentemente. I visitatori europei contribuirono a formare la sua coscienza politica e sociale. Cominciò a pensare che poteva sviluppare consapevolezza e rispetto di sé nella sua comunità. La sua fiducia crebbe e attualmente sta completando un corso in business administration all'Università Ebraica.

Sleem fondò Domari nel 1999; la prima organizzazione di questo tipo nel Medio Orinte, dedicata alla crescita politica, sociale, culturale e ai bisogni sanotari della comunità.

Per storia e cultura, gli Zingari non ragionano in termini territoriali e non fanno riferimento ad un'unica patria. In diversi angoli del mondo, non si chiedano chi sia il regnante, ma vogliono che sia permesso loro di mantenere la loro cultura e creare un futuro migliore per i propri figli.

A Gerusalemme, sono riusciti abilmente a mantenersi estranei al conflitto israeliano-palestinese. Ma Sleem ritiene che gli Ebrei [...] dovrebbero capire gli Zingari. Anche noi siamo stati perseguitati."
Nota inquietanti similitudini tra le loro due storie. Entrambi sono stati la classe "altra - impossibilitati a stanziarsi, cacciati, oppressi. Come gli Ebrei, gli Zingari hanno sviluppato strategie per vivere con i "gadjé" - i "GOY", i "non-Zingari" - e sopravvivere in difficile equilibrio con la società circostante, spesso confinati in ghetti e accampamenti recintati.

E come gli Ebrei, sono stati isolati di Nazisti perché fossero sterminati. Secondo [...] lo US Holocaust Memorial Research Institute di Washington il numero di vite perse dagli Zingari nel 1945 oscilla "tra mezzo e un milione e mezzo."

Ma gli Ebrei, spalleggiati dal loro stato e più potenti politicamente, hanno ottenuto pù riconoscimento. Per una stridente coincidenza, il mese stesso che la Germania celebrava gli Ebrei uccisi dai nazisti, iniziava il rimpatrio forzato di decine di migliaia di Zingari profughi dal Kossovo (cfr. Germania ndr.), dove le loro case sono state distrutte e sono esposti a un'esistenza in pericolo, senza aiuti dalla Germania o dalle Nazioni Unite.

La dottoressa Katalin Katz, della Hebrew University's School of Social Work, ha compiuto una ricerca sugli Zingari in Europa.
"Le strutture, l'autorità e la gerarchia sono alieni ai loro valori e stile di vita. Non hanno un'autorità centrale per cui battersi o dichiarare guerre. Ma nell'ultima decade, le cose hanno iniziato a cambiare."

Cambiano anche qui. Dice Sleem: "Ho imparato da mia nonna, che se hai prurito, puoi solo grattarti da te, e nessun altro sa dove sia il tuo prurito."
Vede particolarmente significativi i cambiamenti che avvengono nel suo centro di Shuafat. perché mostrano che gli Zingari hanno iniziato a muoversi fuori dal loro "ghetto" nella Città Vecchia per mischiarsi con gli altri gruppi.

Qualche anno fa, Domari propose assieme al MATI, il Jerusalem Business Development Center, di fare formazione professionale per uomini e donne della comunità, nel campo del catering e della cosmetica. Circa una dozzina vi hanno preso parte.

Sleem nota anche una crescita della considerazione per la scolarizzazione nella comunità. Cresce il numero delle ragazze che completa la scuola dell'obbligo e tre di loro frequentano l'università.

Aumentano i matrimoni misti con gli Arabi Palestinesi e si comincia a discutere di pianificazione familiare.

Sleem è compiaciuta per questa crescita comunitaria, ma spera anche che la cultura tradizionale possa sopravvivere. Sono in pochi ad indossare i costumi tradizionali o parlare la lingua originale, solo poche donne ricordano le canzoni che si cantavano ai matrimoni.

Vorrebbe organizzare un campo estivo, portare i bambini in spiaggia o in piscina e insegnare loro giochi e canzoni. Ma non ci sono i soldi. Allen Williams, filantropo di Larnaca, ha dato i soldi per pagare l'affitto e le misere spese operative del centro. Il personale è formato da qualche volontario, dall'Inghilterra e dagli USA, altre risorse non ci sono.
Sleem oscilla tra la frustrazione e l'ottimismo. A volte, emerge l'amarezza "Noi siamo per i diritti umani, ma nessun gruppo sui diritti umani si interessa a noi. Si occupano delle donne Beduine, e noi? Non siamo spazzatura!"
Indica un uccellino che sta cinguettando "E' un segno del Signore che le cose vanno bene? So che è stupido, ma sono continuamente preoccupata e spaventata, mi sembra di vivere in un circolo vizioso."

Non tutti i suoi sforzi sono ben accolti. Sleem ha ricevuto diverse critiche nella sua comunità.

Nel 1968, l'allora sindaco Teddy Kollek concesse a un membro della comunità il permesso di operare come "mukhtar" e di essere il tramite ufficiale con la municipalità. Una posizione che col tempo non è più stata ufficialmente riconosciuta, ma che mantiene un notevole prestigio interno. Sleem ritiene che, risentito a causa della sua proattività e dell'alto profilo perseguiro, il mukhtar abbia deciso di non presenziare alkl'inaugurazione del centro. (il mukhtar non ha ritenuto fornire un suo commento al Jerusalem Post)

Ci sono tanto uomini che donne che si oppongono all'idea che una donna, per giunta non sposata, possa assumere un ruolo preminente nella loro comunità conservatrice e tradizionale.

L'anno scorso, per diversi mesi sono circolate voci che Sleem fosse una collaborazionista di Israele. La sua vita era, letteramente, a rischio. Lentamente, i progressi compiuti dal centro, mostrano che i suo sforzi sono più accettati.

Il procuratore Kabiri è convinto che il riconoscimento degli Zingari come minoranza nazionale sia cruciale e farà un appello in questo senso all'Alta Corte di Giustizia.
"E' importante determinare se gli Zingari siano, in effetti, una nazione" osserva. "E sarebbe basilare una decisione legale in merito, qui in Israele.
Noi, il popolo ebraico, siamo stati accomunati dalla dispora e ci siamo dichiarati popolo. Siamo tra quelli che devono mostrare più sensibilità verso il bisogno di un altro popolo di ottenere riconoscimento e auto-definizione"


Per saperne di più:
- Domari Society
- La loro Europa
Si ringrazia la mailing list di Roma Network.
 
Di Fabrizio (del 19/11/2005 @ 22:04:34 in Kumpanija, visitato 1762 volte)
da Ahmed_Alhasanya-Almezayen-Al-Nawar-Rom-Dom via Romanian Roma

Gli Zingari Europei si definiscono Rom e la loro lingua romanès o romanì. La comunità che arrivò nel Medio Oriente rimase fedele al proprio nome originario dell'India: Dom (uomo). Oggi sono di religione musulmana e di lingua araba.
[...]
Alcuni Rom sono reimmigrati in Medio Oriente, specialmente in Egitto, e si sono mescolati agli altri Dom, creando un nuovo ceppo misto egiaziano-europeo.
Spero che i Rom in Europa e nel Nuovo Mondo non dimentichino i loro parenti in Medio Oriente e quelli dell'Asia Centrale, conosciuti come Lom, e che assieme si possano restabilire relazioni con la nostra origine indiana.

Ahmed Rom-Dom
 
Di Fabrizio (del 11/05/2006 @ 11:56:28 in Kumpanija, visitato 1461 volte)
Nawar è il termine dispregiativo che gli Arabi usano per indicare i Dom mediorientali. Praticamente il corrispondente della parola Zingaro. Sulla loro vita e cultura, in Europa si sa pochissimo. Qui un photoset da Flickr.
Per chi mastica poco l'inglese, la didascalia riporta:
Ci sono sempre diverse famiglie di Zingari o Nawar come sono chiamati in arabo, che vivono in tende accanto a me, a molti non piacciono ma non mi hanno mai dato fastidio.
 
Di Fabrizio (del 30/10/2006 @ 10:29:31 in Kumpanija, visitato 2352 volte)

(Libano)

Mehdi Lebouacher

Agence France Press

GAZA: Seduta sul gradino della porta di casa, Narem aspira nervosamente una sigaretta, e sospira: "Siamo stati ballerini e cantanti. Ora siamo niente." In Europa sono denominati Zingari o Rom. A Gaza, sono i Nawar, gente con una tradizione ancestrale nella canzone e nel ballo, che si è sparsa per i secoli nel Medio Oriente.

Ma qui, l'aumento della dottrina islamica che ha accompagnato l'inizio della seconda rivolta palestinese sei anni, fa ha suonato il colpo mortale per il modo di vivere dei Nawar, li ha spinti ad elemosinare e li ha resi cittadini di seconda categoria in una società regolata da regole rigide.

"La nostra vita era la migliore. Abbiamo portato i vestiti più belli, abbiamo mangiato i piatti migliori. Abbiamo cantato Umm Kalthum, Abdel-Halim Hafez durante i matrimoni e le celebrazioni. Eravamo liberi," dice Narem, 35 anni, gettando rapidamente una sciarpa per coprire i suoi capelli scuri e fluenti ogni volta che passa un'automobile.

"Non abbiamo imparato in scuole, ma in casa. Con noi, si comincia a cantare e ballare mentre da bambini," dice. "Mia madre ha ballato, la mia nonna prima di lei e la mia bisnonna anche."

Per decadi, i Nawar hanno vagato da città a città nella striscia di Gaza e nel Medio Oriente, mostrando i loro canti e balli.

Fatima, 49 anni, era un cantante.

"Siamo andato di città in città, a Rafah, Khan Yunis, Jabaliya. Installavamo le tende e suonavamo l'oud ed i tamburi. Alcuni di noi hanno vagato fino all'Egitto, alla Siria ed al Giordano, "sospira Fatima.

"La vita era dolce come miele," bisbiglia, alzando gli occhi al cielo.

L'istituzione dell'autorità palestinese nel 1994, a seguito degli accordi di pace di Oslo fra Israeliani e Palestinesi, l'aveva resa ancora più dolce.

Convinti che presto avrebbero avuto il loro stato, i Palestinesi erano nell'umore per celebrare.

"Con l'arrivo dell'autorità palestinese, sono stati costruiti dei club in riva al mare. C'era il Sunset, il Baida," dice lo sceicco Abu Mohammed, il patriarca del quartiere Nawar di Gaza.

Ma lo scoppio della seconda rivolta palestinese nel mese di settembre del 2000, condotta da Hamas, ha cambiato tutto.

"Gli estremisti hanno bruciato e chiuso tutti i club. Hanno detto che era haram, proibito alle ragazze di ballare e cantare," dice Abu Mohammed dice, vestito in suo abito lungo consumato e sbiadito. "La nostra vita antica è sparita nell'aria sottile e non ritornerà."

Dopo l'inizio della seconda intifada, i cinema a Gaza sono stati chiusi o bruciati, vietata la vendita di alcool, i vestiti sostituiti dalle camicie lunghe-collegate e le prestazioni dei Nawar non furono più accolte favorevolmente.

"Che cosa possiamo ora fare, volare via? No, elemosiniamo nei bazar," dice Narem, rattristata dai ricordi felici.

Malgrado le difficoltà, i Nawar non desiderano andare via.

Sono stati su questa terra per i secoli e la considerano la loro patria.

"Hanno una storia molto lunga," dice Allen Williams, direttore del Centro di Ricerca dei Dom per Medio Oriente ed l'Africa del Nord, un gruppo con base a Cipro.

"In ogni società, cristiana o musulmana, i Dom hanno passato con le stesse difficoltà," dice Williams. "Non hanno una voce in Medio Oriente. Per le centinaia dei anni, essere cantanti e ballerini è stato il loro ruolo tradizionale nella società.

"Quando c'è isolamento, non c'è possibilità da andare a scuola, cantare e ballare è una di quelle abilità tradizionali che imparano e si passano dai genitori ai loro bambini".

Oggi i Nawar a Gaza vivono sotto l'occhio di una società che ha sostituito le celebrazioni con la violenza e la morte.

La miseria che ha accompagnato il raffreddamento delle relazioni con l'occidente dopo che Hamas ha formato un governo in marzo, è stata esacerbata dall'offensiva di quattro mesi dell'Israele a Gaza dopo che i militanti ha catturato un soldato israeliano verso la fine di giugno.

"La prospettiva della gente qui è cambiata," dice Narem. "quando cantate davanti alla gente, vi guardano in un determinato senso. Quando elemosinate ad un mercato, vi guardano con disdegno."

"La gente qui pensa che siamo prostitute e pensano che tutti i nostri giovani siano ladri," dice Hayat, una delle figlie di Fatima.

Agitata, aggiunge "ma siamo anche figli del popolo palestinese ed abbiamo il diritto di essere rispettati e vivere come tutti."

Oggi, conservare le loro tradizioni, i Nawar si nascondono.

"Organizziamo le celebrazioni in famiglia e non un singolo sconosciuto può venire," Hayat dice. "cantiamo e balliamo per noi stessi. È meglio così."

 
Di Fabrizio (del 26/04/2010 @ 09:56:22 in Kumpanija, visitato 1999 volte)

Da Roma_Daily_News

The Jordan Times - 20 aprile 2010 By Taylor Luck

Membri della tribù dei Bani Murra, considerati gli "Zingari di Giordania", durante un incontro settimana scorsa. La comunità di circa 50.000 guarda alle elezioni parlamentari come un mezzo per superare gli stereotipi

AMMAN - Quando il quattordicenne campione di karate Abdalrahman Al Masatfeh sale sul ring, spesso sente il peso di un'intera comunità sulle sue spalle.

Masatfeh, che ha vinto diverse medaglie in competizioni internazionali ad Istanbul e Tel Aviv, dice di sentirsi lontano dall'essere un vincitore quando torna in Giordania.

"L'arbitro dice che ho vinto, ma tutto quello che sono qui è un Nawari (Zingaro)"

Il giovane fa parte della "comunità dimenticata" di Giordania, i Bani Murra, che nonostante siano tra i più antichi residenti del Regno, sono rimasti ai margini della società per circa mezzo secolo.

Tra i primi Giordani

I Bani Murra, o Dom, sono una minoranza di lingua araba dalle origini incerte, alcuni dicono che la comunità possa essere arrivata dall'India, attraverso l'Iran e il Golfo, mentre altri dicono che scontri tribali in Siria abbiano portato alla dispersione attraverso il Medio Oriente.

I Dom hanno una storia evidente nella regione che risale ad oltre un millennio ed hanno risieduto nel Regno per diverse centinaia d'anni, secondo varie registrazioni storiche e studi antropologici.

I cittadini Bani Murra sottolineano di essere musulmani ed Arabi, ed hanno poco che li distingua dalle altre tribù beduine a parte il dialetto, che è considerato dall'UNESCO una lingua da salvaguardare.

Mustafa Wahbi Tal, poeta nazionale giordano, immortalò la romantica vita libera dei Dom agli inizi del XX secolo in una serie di  poemi e divenne amico intimo dei Beni Murra - una mutua amicizia che durò tutta la vita.

Conosciuti come abili fabbri e metallurgici, i Bani Murra lavorarono coltelli, spade ed altri utensili per le principali tribù del Regno nel XIX e all'inizio del XX secolo e secondo varie registrazioni storiche ed orali furono tra i primi residenti dell'attuale Amman.

Conosciuti per il loro talento musicale, la comunità ha dato i natali a Abdo Mousa, una delle figure musicali più riverite del Regno, che ha immortalato il folklore e la musica beduine e ha dato alla comunità un nuovo rango.

Sua maestà il precedente re Hussein ha fatto suonare Abdo Mousa per tantissimi dignitari e, vuole la leggenda convocò il musicista all'ultimo minuto quando l'ex segretario USA Henry Kissinger fece una sosta di un paio d'ore ad Amman. Lo racconta Sheikh Fathi Mousa, figlio del musicista e avvocato della comunità.

Nonostante la marcata presenza culturale, i componenti della comunità dicono di dover ancora raggiungere i pieni diritti come Giordani, tenuti indietro dal loro status di "Zingari".

Popolo senza una terra

L'ultimo leader che unificò le 63 tribù Bani Murra fu Saeed Mousa Pasha, poi emiro, tra i primi leader riuniti da re Abdullah I, a seguito della Grande Rivolta Araba e grande sostenitore della comunità durante i regni dei re Talal ed Hussein.

Secondo Rashid Ben Saeed Pasha ed altri anziani Bani Murra, re Hussein nel 1960 offrì a Pasha 1.000 dunum (un milione di m², ndr) in un'area fuori Um Al Jimal, vicino a Mafraq.

Dato che allora il terreno era arido deserto con poche infrastrutture, Saeed Pasha era riluttante a trasferire lì la sua gente.

Tuttavia, negli ultimi 40 anni la condizione dei Bani Murra nella comunità è peggiorata, con i Dom che si sono sparpagliati in tutto il paese, alcuni mantenendo il loro tradizionale stile di vita nomade ed altri combattendo giorno per giorno nel vivere con lo stigma di "Zingari".

"Se ci fossimo spostati ad Um Al Jimal, almeno avremmo avuto una terra da chiamare nostra. Oggi la gente ci vede solo come Zingari," dice Fathi Mousa.

Secondo diverse ricerche accademiche o informali, oltre il 90% dei Bani Murra vive in appartamenti ad Amman, Zarqa, Irbid ed altrove, alcuni anche in grandi ville in quartieri signorili.

Anche le vite di quanti risiedono nelle tende non differiscono dalla media dei Giordani. Abu Salem, la cui famiglia è ritornata nel Regno al tempo della prima guerra del Golfo nel 1991, ha vissuto in una tenda a Qweismeh due decadi e dice di aver tutte le comodità di cui ha bisogno.

Anche se la casa di Abu Salem vista dall'esterno può sembrare come una baracca improvvisata - è assolutamente rifornita con televisione satellitare, un vasto sistema di riscaldamento, gabinetti e persino finestre.

Suo figlio Fares si trova agli internet caffè. gioca a calcio con gli amici, e attualmente si sta preparando ad essere assunto. Come nella maggior parte delle famiglie giordane, il mansaf è il piatto principale alle feste nuziali in cui i giovani ballano il debkeh.

"Preghiamo alla moschea, abbiamo la cittadinanza giordana, perché siamo così differenti?" sottolinea Fares.

Il termine "nawar" [...] è spesso usato per descrivere i Bani Murra ed è diventato una barriera verbale che li tiene lontani dalla partecipare pienamente alla vita di tutti i giorni. Questa barriera, dicono i membri della tribù, non potrebbe essere più evidente che nell'istruzione, dato che molti Dom non completano gli studi a causa delle pressioni economiche e del bullismo scolastico.

Il campione di karate Masatfeh, nonostante gli encomi in classe ed al ginnasio, ora non può permettersi di andare a scuola.

"Quando sei un Zingaro, nessuno crede che avrai successo e tutti aspettano la tua caduta," dice.

Ma, contrariamente agli stereotipi, molti nella comunità dei Bani Murra hanno ottenuto posizioni di rilievo nella società giordana, sottolineano.

"Siamo dottori, avvocati, ingegneri, insegnanti e soldati. Ma la cosa più importante, siamo Giordani fedeli al Regno Hashemita e chiediamo pari diritti," dice Mousa al Jordan Times.

Gap di consapevolezza

I media locali ed internazionali non sono stati amichevoli con i Bani Murra.

Piuttosto che mettere in luce i loro successi, dicono che i giornalisti si focalizzano sulle poche migliaia che vivono nelle tende, contastorie o indovini, mendicanti, nomadi e vittime senza casa, rinforzando i vecchi stereotipi sui Bani Murra. O peggio, aggiungono, ci sono i giornalisti che fotografano quelli che vivono nelle tende, mostrandoli in condizioni "imbarazzanti".

"Disgraziatamente, sembra che molti membri della stampa facciano correre selvaggia la loro immaginazione, quando sentono degli Zingari," dice il dottor Bassem Mousa, urologo all'ospedale Al Bashir.

La più grande sfida per i Dom è la mancanza di consapevolezza che ha portato al razzismo che prevale persino ai livelli ufficiali, col soggetto della reale esistenza dei Bani Murra considerato un tabù.

In un intervista al Jordan Times alla fine dell'anno scorso, un sindaco negava l'esistenza dei Bani Murra nella sua città, nonostante la presenza di un evidente campo dom a meno di un km. dal suo ufficio.

"In questa città c'è solo gente rispettabile. Nessun nawar qui," diceva.

Il figlio dell'ultimo Saeed Pasha dice che senza una rappresentanza politica, i Dom rimarranno "cittadini di terza classe".

Dice che la più alta carica pubblica raggiunta da un membro della comunità è mukhtar, leader comunitario non stipendiato la cui posizione è affiliata alMinistero degli Interni, presso il quartiere a predominanza dom di Hay Al Dabaibeh ad Amman.

Votare per cambiare

Molti Dom giordani ritengono che la risposta ai loro problemi possa risiedere nelle prossime elezioni parlamentari.

Fathi Mousa, tra i importanti rappresentanti della tribù dei Bani Murra, intende candidarsi alla Camera Bassa.

Durante un incontro tribale mensile tenutosi settimana scorsa per organizzare il supporto alle elezioni di Mousa, gli anziani hanno definito "essenziale" l'elezione di un parlamentare per salvare la comunità.

"E' come se avessimo dormito mentre il resto del paese andava avanti. Siamo diventati un popolo invisibile, e questo deve finire," dice Hassan Adnan.

Fathi Mousa si candidò anche alle elezioni del 2003, ma dato che i Bani Murra erano dispersi tra distretti elettorali e governativi, la comunità non riuscì a raccogliere un numero concentrato di elettori per sostenere un candidato al Parlamento.

Mousa richiede alla nuova legge elettorale di includere un seggio per la comunità dom, o di permettere ai membri dei Bani Murra di eleggere un candidato tramite i distretti elettorali, per assicurare la rappresentanza politica.

Non importa il risultato delle prossime elezioni parlamentari, i Dom di Giordania dicono di essere una comunità che il paese non può più permettersi di ignorare.

"Sono stanco di competere solo per i Bani Murra. Voglio che tutti sappiano che competo per la Giordania," dice Masatfeh.

 
Di Fabrizio (del 19/06/2008 @ 09:27:20 in Kumpanija, visitato 1867 volte)

Da Mundo_Gitano

Por: Terra Actualidad - EFE GITANO E PALESTINESE, DOPPIA DISCRIMINAZIONE

[05-06-2008] A Gerusalemme, dove le identità hanno una rilevanza speciale, circa 170 famiglie coniugano le loro radici Gitane con la loro condizione di palestinesi in un esercizio di equilibrismo che li lascia nella terra di nessuno.

Le autorità israeliane li trattano come qualsiasi altro arabo, mentre la maggioranza dei palestinesi li percepisce con gli stessi stereotipi che perseguitano i Gitani ovunque siano.

Serva come esempio che il termine arabo per Gitano, "nawar", è peggiorativo e di solito accompagnato da uno sputo a terra.

Loro, i Gitani dell'est del Mediterraneo e del Medio Oriente, si autodenominano Domari (da "Dom" che significa uomo nella loro lingua nativa) e sono in maggioranza musulmani, a differenza dei Rom, che si stabilirono in Europa e professano il cristianesimo.

La loro presenza a Gerusalemme è documentata dal XIX secolo, dove oggi si ripartiscono tra Bab Hutta - un umile quartiere dentro la cittadella murata -, Ras Al-Amud o Silwan.

A prima vista, niente li distingue dai loro vicini: parlano arabo, vivono nella parte palestinese della città ed non si sono neppure liberati dall'esilio nei conflitti bellici con Israele.

Durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967, arrivarono in Giordania non meno che 34.000-35.000 gitani che risiedevano a Gerusalemme.

Il Centro d'Investigazione Domari riconosce la difficoltà di dare il numero di Gitani che oggi vivono nei territori palestinesi perché molti rifiutano di definirsi come tali.

Si calcola, tuttavia, che siano circa 7.000 tra Israele ed i territori palestinesi, più della metà di loro nella striscia di Gaza, dove storicamente hanno tenuto molti contatti coi loro compagni di origine e diaspora egizi.

"Abbiamo lo stesso problema del resto dei palestinesi: l'occupazione israeliana", sentenzia Abdelhakim Salim, il muktar (una specie di notabile) di questa comunità a Gerusalemme.

Non è del tutto così. I Gitani si confrontano con danni sociali specifici che vanno oltre gli arresti, registri all'alba e barriere al movimento, che racconta il muktar.

Per iniziare, i Domari della cittàsanta viveno in media in locali di otto persone dove entrano solamente 700 dollari (450 euro) al mese.

Inoltre, lamentano indici di analfabetismo (circa il 40%) ed assenteismo scolare molto superiore a quello dei palestinesi, uno dei popoli più capace di leggere e scrivere nel Medio Oriente.

Le droghe inoltre causano stragi tra i giovani, si suppone il 75% dei Gitani di Gerusalemme, spiega Imad Jauny, direttore esecutivo di Burj Al Luq Luq, un'istituzione che tenta di evitare che i bambini e gli adolescenti che non vanno a scuola passino tutto il giorno per la strada.

"La loro autostima come collettivo è molto bassa. Lo vediamo nella gente  con cui lavoriamo", aggiunge Jauny prima di indicare che il 90% dei frequentatori del suo centro sociale sono Gitani.

Per cambiare questo ordine di cose, Amoun Sleem creò nel 1999 il Centro Domari, col quale prova a migliorare il livello di vita della comunità Gitana e frenare la progressiva sparizione della loro cultura.

Sleem teme che l'eredità Gitana muoia schiacciata tra l'indifferenza delle autorità israeliane, "che rifiutano di considerarci come minoranza in una città che ne è piena", e l'assimilazione interessata dei palestinesi.

Tutto questo con il tempo contro, così che solo alcuni anziani sono capaci di esprimersi in Domari, mentre i balli e i vestiti propri sono quasi finiti nell'oblio.

"Io non mi considero palestinese. Non mi vergogno a definirmi Gitana di Gerusalemme. Viviamo qui da duecento anni e stiamo perdendo le nostre tradizioni", lamenta la fondatrice di questa società che l'anno scorso visitò lo scrittore israeliano e Premio Principe delle Asturie Amos Oz.

E' una delle ultime sfide di un collettivo discriminato per partita doppia - tanto come Gitano che come palestinese - che cerca il suo posto come minoranza dentro una minoranza.

 
Di Fabrizio (del 18/07/2011 @ 09:24:44 in Kumpanija, visitato 1165 volte)

Segnalazione di Paolo Ciani

GLI ZINGARI IN LIBANO, COMUNITA' AI MARGINI
In Europa li chiamiamo Rom, in Medio Oriente Dom. Ma per i popoli arabi sono semplicemente "nawar". Sono zingari, una volta nomadi, ora stanziali, in Libano sono tra le comunità più emarginate. DI BARBARA ANTONELLI

Roma, 15 Luglio 2011 – Nena News – Sono 2,2 milioni in tutto il Medio Oriente, tra Libano, Giordania, Territori Palestinesi, Turchia, Iran e Iraq. In Libano sono una delle comunità più emarginate. Rom in Europa, Dom in Medio Oriente è il nome che designa le comunità "zingare"*. I loro antenati, secondo la teoria ormai accettata, sono migrati verso ovest, dall'India, più di 1000 anni fa. Quando si parla di loro nei paesi arabi, ci si riferisce a "nawar". Un termine che se usato per designare queste comunità, assume una connotazione negativa, spesso associato a sporcizia, pigrizia, furto, elemosina e una moralità discutibile. Vale a dire che, anche il più povero tra i libanesi, si sente superiore ad un Dom.

Si calcola, secondo uno studio fatto nel 2000, che nel paese dei Cedri, ve ne siano circa 8000; famiglie numerose con una media di 7, 8 bambini per nucleo, vivono ai margini delle città, in baraccopoli, in prossimità di altri gruppi marginalizzati dalla società, come i profughi palestinesi o i libanesi poveri.

A differenza dei profughi palestinesi e dei beduini però, con i quali vengono spesso erroneamente confusi, sono stati "naturalizzati" dal governo libanese nel 1994; ma la cittadinanza non gli assicura l'accesso ai più basilari diritti umani. Né li tutela dall'emarginazione e la discriminazione. Sono infatti più poveri dei profughi palestinesi, secondo una recente ricerca della ONG Terre des Hommes (basata su interviste a comunità in 4 diversi luoghi del paese dei Cedri) in collaborazione con la libanese Insan; se infatti secondo i dati rilasciati dall'American University di Beirut, in media un profugo palestinese in Libano vive con 2,7 dollari al giorno, il 30% dei Dom sopravvive con meno di 1 dollaro al giorno. Un alto tasso di disoccupazione, dato che oltre il 44% non lavora, e il resto sopravvive tra elemosina e "lavoretti" improvvisati, tra cui suonare a feste e matrimoni.

Un popolo nomade che dopo la naturalizzazione è diventato stanziale, come i beduini, stabilendosi in ricoveri precari, fatti di latta, zinco, e legno. Il 36,4% di loro non riceve acqua potabile e la maggior parte delle abitazioni non è connessa al sistema fognario. Circa il 68% dei minori di 18 anni non ha mai messo piede in un'aula scolastica. Sono i minori i più vulnerabili nella comunità Dom: esposti a violenze, malnutrizione, condizioni di lavoro precarie, quando non pericolose, sfruttamento.

Secondo il direttore della ONG Insan, Charles Nasrallah, "l'accesso di queste comunità all'assistenza legale, al sistema sanitario ed educativo e ad un'adeguata quantità di cibo, non è garantito". Problemi a cui si aggiunge la marginalizzazione sociale. Ignorati dai libanesi, ma anche dalle ONG e dalle agenzie umanitarie.

E non è un caso che poco si sappia su di loro, e che in questo senso la ricerca congiunta di Insan e TDH rappresenti uno dei pochi documenti disponibili su questo gruppo etnico. Uno studio volto ad individuare bisogni e necessità delle comunità Dom, ma anche a valutare l'impatto sulla società libanese e la percezione che se ne ha.

Come risposta all'emarginazione, i Dom hanno interiorizzato gli stereotipi negativi che gli sono stati "appiccicati" addosso in questi anni, tanto da rifiutare la loro cultura e le loro tradizioni, sottolinea la ricerca. Secondo TDH, i pregiudizi contro questa comunità sono un macigno tale che i Dom stessi desiderano lasciarsi alle spalle la loro "identità etnica". Lo dimostra il fatto che la lingua Domari, ciò che li accumuna ad altre comunità in tutto il Medio Oriente (sebbene coesistano altri dialetti), quindi il marchio indelebile della loro identità, sta rapidamente lasciando terreno all'arabo. Tra gli intervistati, metà degli adulti, ma solo un quarto dei bambini, parlano il Domari; una lingua, di cui non esistono né libri, né testimonianze (i Dom in Medio Oriente usano infatti l'arabo per scrivere). Nena News

* Dom è una parola di origine indiana; secondo lo storico britannico Donald Kenrick, , la coesistenza di entrambi le parole si deve al fatto che la prima lettera era pronunciata "dr"; ma altri studiosi rifiutano tale tesi.


NDR: Contemporaneamente è uscito un articolo (in inglese) sui Dom del Libano su MiddleEast.com

 
Di Fabrizio (del 07/06/2010 @ 09:04:53 in casa, visitato 1456 volte)

Da Roma_Daily_News

Greek Helsinki Monitor

25/05/2010 - Per la seconda volta in cinque anni, il Comitato Europeo per i Diritti Sociali ha condannato la Grecia per serie, continue ed estese discriminazioni contro i Rom rispetto ai diritti dell'abitare. In un riesame senza precedenti tramite il sistema dei reclami collettivi, all'unanimità il Comitato ha confermato tutte le accuse principali nel merito di una denuncia collettiva presentata in marzo 2008 da Interights assieme al Greek Helsinki Monitor. La denuncia dettaglia la continua mancanza del governo greco nel fornire ai Rom un alloggio adeguato e le relative infrastrutture, come anche il suo coinvolgimento in oltre 20 sgomberi forzati dal 2004. Inoltre mette luce alla sistematica discriminazione provata dai Rom e al fallimento del governo nel fornire adeguate salvaguardie e rimedi per questa comunità vulnerabile. Ci sono circa 300.000 individui di origine rom che vivono in Grecia, ed a causa dell'assenza di alloggi adeguati, molti si trovano in 52 accampamenti improvvisati e pericolosi.

La denuncia segna un punto di svolta nei lavori del Comitato, dato che è la prima volta che viene chiesto di riesaminare una questione esaminata in precedenza. Nel riconsiderarla, il Comitato ha trovato non solo che la Grecia ha fatto progressi insufficienti nell'applicare le raccomandazioni delle decisioni precedenti, ma che ha anche commesso significative nuove violazioni dei suoi obblighi alloggiativi. Come risultato, la situazione per le famiglie rom è peggiorata negli ultimi cinque anni.

Commentando la decisione. Iain Byrne, avvocato di Interights che aveva lavorato al caso, ha detto: "Questa decisione dimostra chiaramente che i governi non possono continuare impunemente a trascurare i loro obblighi economici e verso i diritti sociali. Respingendo le obiezioni del governo greco di riesamine del caso, il Comitato ha mandato un chiaro segnale che alle vittime non dev'essere negato l'accesso alla giustizia. Si spera che, nonostante l'inazione degli ultimi cinque anni, il governo agisca concretamente rispetto alle gravi preoccupazioni del Comitato."

Elaborando una gran quantità di materiale presentato dai reclamanti, assieme ad esperti nazionali, del Consiglio d'Europa e  ONU, il Comitato ha trovato prove significative che i Rom continuano a vivere in alloggi che mancano di infrastrutture e dei minimi standard di abitabilità. Molti insediamenti consistono solo in prefabbricati senza elettricità, acqua corrente o raccolta dei rifiuti.

Il Comitato ha respinto gli argomenti del governo che la legislazione greca fornisca adeguata salvaguardia alla prevenzione della discriminazione, sottolineando che in generale, ma in particolare nel caso dei Rom, non sia sufficiente garantire semplicemente un pari trattamento come protezione contro ogni discriminazione. Invece, l'uguaglianza reale ed efficace richiede che si tenga conto della diversa situazione in cui si trovano i Rom.

Il Comitato ha anche concluso che il governo ha mancato di dimostrare che né la legge né la pratica offrissero una consultazione a chi fosse colpito da sgombero, incluso un ragionevole preavviso o informazioni su una sistemazione alternativa. Riassumendo, "non è stato fatto alcuno serio sforzo per trovare siti o sistemazioni alternative."

Con una constatazione che potrebbe anche aver ricadute sull'accesso alla giustizia per altre comunità marginalizzate, il Comitato ha inoltre ritenuto che i ricorsi legali disponibili non sono sufficientemente accessibili. Con molte famiglie rom che non sono a conoscenza del diritto di contestare un avviso di sgombero, per esempio, il Comitato ha trovato che "le circostanze speciali delle famiglie rom minacciate da sgombero significano che dev'essere disponibile un supporto speciale, che comprenda consulenza mirata sulla disponibilità di assistenza legale ed in merito ai ricorsi." 

Il Comitato ha concluso all'unanimità che ci sono state violazioni (a) dell'articolo 16 della Carta sul fatto che non viene tenuto sufficientemente conto della situazione differente delle famiglie rom, col risultato che un numero significativo di famiglie rom continua a vivere in condizioni al di sotto degli standard minimi e (b) dello stesso articolo 16 per il fatto che le famiglie rom continuano ad essere sgomberate a forza, in violazione della Carta, ed i rimedi legali generalmente disponibili non sono loro sufficientemente accessibili.

Panayote Dimitras, portavoce del Greek Helsinki Monitor, ha detto: "Il governo deve ammettere che il programma alloggiativo per i Rom è fallito; la maggior parte dei prestiti per gli alloggi non aiuta i Rom a spostarsi dagli insediamenti poveri verso case adeguate; mentre invece sono accaduti centinaia di sgomberi forzati. Le autorità appropriate devono investigare su queste accuse e punire chi verrà trovato responsabile. Il governo deve nominare nuove persone per implementare un nuovo piano d'integrazione globale ed efficace, [...]. Questo nuovo approccio richiede che le autorità lavorino direttamente con i Rom e quanti li rappresentano realmente, piuttosto che con -leader- rom assimiliti nominato dallo stato."

Per ulteriori informazioni:

Iain Byrne, Senior Lawyer, ibyrne@interights.org Tel: 020 7843 0483. www.interights.org
Panayote Dimitras, Greek Helsinki Monitor panayote@greekhelsinki.gr - office@greekhelsinki.gr
Tel: (+30) 2103472259
http://cm.greekhelsinki.gr
Address: P.O. Box 60820, GR-15304 Glyka Nera.

Note:

1. Secondo la Carta Sociale Europea, gli Stati membri hanno concordato di tutelare i diritti sociali ed economici di tutti i loro cittadini. Il Comitato è responsabile per l'esame "reclami collettivi" di non conformità con la Carta. Una denuncia collettiva non richiede vittime specifiche da identificare, piuttosto il reclamo è considerato sulla base di modelli di evidenza.

2. Interights, in collaborazione con Greek Helsinki Monitor, ha presentato una denuncia (n. 49/2008) il 31 marzo 2008 al Comitato Europeo dei Diritti Sociali contro la Grecia riguardo serie e diffuse violazioni dei diritti abitativi della comunità Rom e relative garanzie, come da articolo 16 della Carta insieme alla salvaguardia contro non discriminazione nel preambolo.

3. Nella sua decisione sulla prima denuncia collettiva (n. 15/2003) European Roma Rights Center contro la Grecia, datata 8 dicembre 2004, il Comitato concludeva che le azioni e le politiche greche in relazione al diritto alla casa dei rom erano in violazione dell'articolo 16 della Carta: 'Il numero insufficiente di abitazioni di qualità accettabile per soddisfare le esigenze dei Rom stabiliti; il numero insufficiente di punti di sosta per i Rom che hanno scelto di seguire uno stile di vita itinerante o che sono costretti a farlo; Lo sfratto sistemico dei Rom da siti o abitazioni occupate illegalmente da loro."

 
Di Fabrizio (del 07/04/2013 @ 09:01:36 in conflitti, visitato 1506 volte)

Voice of America I Dom: rifugiati invisibili dalla Siria - Cecily Hilleary - March 22, 2013

Una famiglia dom si accampa, Turchia meridionale

Oltre 70.000 persone sono state uccise e centinaia di migliaia lasciate senza casa dalla guerra civile in Siria, che sta spargendo miseria tra tutti i gruppi etnici e religiosi della nazione.

Ma c'è una minoranza etnica che ha subito oltre la propria quota di sofferenza - sia durante i combattimenti odierni e nei secoli precedenti - e pochi fuori dalla Siria ne conoscono qualcosa. Il gruppo è quello dei Dom ed è presente in Siria da prima dell'impero ottomano.

Spesso etichettati col peggiorativo "zingari", i Dom prendono il nome dalla loro lingua, il domari, che significa "uomo". Si sono aggiunti all'esodo di cristiani, musulmani ed altri Siriani, rifugiatisi in Giordania, Libano, Turchia e altrove. Ma dovunque vadano, si trovano di fronte ad un benvenuto men che tiepido. Come ci ha detto una fonte: "Sono le persone più disprezzate del Medio Oriente."

Chi sono i Dom?

Complicati ed incompresi, i Dom sono presenti in Medio Oriente da almeno un migliaio di anni. La maggior parte delle informazioni su di loro proviene dalla lingua stessa, il domari, una variazione dell'hindi. E' simile al romanì, la lingua dei Rom europei, il che suggerisce una comune radice indiana.

Sia il romanì che il domari sono disseminati di imprestiti da altre lingue, riflesso di una storia di migrazione dall'Iran e altrove. A parte questo, si sa poco della loro origine - o manca l'accordo tra gli studiosi.

Durante il periodo ottomano, i Dom si spostarono liberamente in tutto il Medio Oriente come nomadi "legati al commercio", fornendo servizi alle comunità ovunque si insediassero. La caduta dell'impero ottomano in seguito alla I guerra mondiale, portò alla formazione degli stati nazionali con confini propri, cosa che limitò notevolmente i movimenti dei Dom.

In Siria, e altrove nella regione, vengono chiamati Nawar - probabilmente una parola derivata da "fuoco", riferita al loro lavoro tradizionale come fabbri ferrai. Ma negli anni la parola "Nawar" si è evoluta in peggiorativo, finendo coll'indicare una persona ignorante e incivile.

I Dom si differenziano anche in base alla regione abitata o al lavoro svolto. Ad Aleppo e Idlib, sono chiamati Qurbat e lavorano come fabbri o dentisti non diplomati. I cosiddetti Riyass vivono a Homs e Hama, dove vendono manufatti o come intrattenitori alle feste. Alcune donne, chiamate Hajiyat, danzano nei night di Damasco, mendicano o predicono il futuro.

I numeri

    "La popolazione ufficiale dom potrebbe essere superiore alle stime, perché molti di loro si descrivono come Curdi, Arabi o Turcomanni." Kemal Vural Tarlan

E' quasi impossibile stimare la popolazione dom in Siria, in quanto spesso nascondono la loro identità per paura di essere stigmatizzati. Secondo International’s Ethnologue sarebbero 37.000 i Dom siriani che parlano il domari, assieme all'arabo. Ma per il giornale siriano Kassioun nel 2010 forniva il doppio di quel numero.

Kemal Vural Tarlan è un fotografo, documentarista, scrittore e attivista che si focalizza, dice, su quanti vivono ai margini della società, principalmente Dom e Rom. E' anche autore del sito Middle East Gypsies.

Dice che i Dom sono visti come estranei e intrusi, perciò sono quasi universalmente discriminati, Quindi spesso nascondono la loro origine etnica, attraverso ciò che chiamano la capacità dell'invisibilità, che li aiuta a spostarsi dentro e fuori le comunità.

La popolazione dom ufficiale potrebbe essere di parecchio superiore alle stime, perché molti Dom si descrivono come Curdi, Arabi o Turcomanni," dice Tarlan. Qualunque sia il loro numero, ne vivono in Siria più che da qualsiasi altra parte del Medio Oriente.

Fotogalleria

 
Dom rifugiati in Turchia

La Turchia è stata la patria degli "zingari" sin dall'epoca bizantina, e nel 2005 l'ACNUR stimava la popolazione Rom-Dom in 500.000. Kemal Tarlan ha passato diverso tempo nelle ultime settimane sul confine, per documentare l'afflusso dei Dom dalla Siria. I Dom si sono insediati nelle città della Turchia meridionale di Kilis, Gazientep and Shanliurfa.

"Inizialmente hanno potuto registrarsi nei campi profughi ufficiali," dice, "ma ora non è più possibile, perché sono pieni."

Alcuni Dom sono andati ad abitare con el famiglie in città. Quelli che non hanno un posto dove andare, vivono in tenda come nomadi. Tarlan dice che ricevono poca assistenza dal governo, così mendicano per sopravvivere o cercano lavoro nei campi.

"Ma la maggior parte è disoccupata," dice, e questo ha portato a tensioni locali. Recentemente, dopo che i cittadini di Shanliurfa hanno iniziato a lamentarsi dell'aumento dei piccoli furti, le autorità hanno smantellato e dato alle fiamme un'improvvisata tendopoli. I mezzi di comunicazione si riferivano a loro come "i Siriani". Ma Tarlan dice che la maggior parte erano Dom.

Nel Libano

    "Vivono tutti in condizioni disastrose. Non trovano lavoro, eccetto che nel riciclo destinato alla discarica: alluminio, ferro o cartone; giusto di che sopravvivere." Catherine Mourtada, Tahaddi

Con Beirut a sole 65 miglie di distanza, molti Dom da Damasco sono scappati in Libano. Catherine Mourtada è cofondatrice di Tahaddi (Sfida) una OnG che offre assistenza ai diseredati di Beirut, tra cui ci sono molti Dom.

"Sono esclusi dal normale sistema scolastico, anche perché non soddisfano i criteri di ammissione o perché le scuole pubbliche sono piene. Così, vengono da noi," dice Mourtada.

Mourtada ha visto crescere il numero dei Dom provenienti dalla Siria, che cercano di rimanere presso i loro parenti libanesi.

"Sono già molto poveri, e ora devono accogliere altri membri della loro famiglia molto poveri, che arrivano dalla Siria, quindi per loro è molto dura. Vivono tutti in condizioni terribili," dice. "Non trovano lavoro, eccetto che nel riciclo destinato alla discarica: alluminio, ferro o cartone; giusto di che sopravvivere."

In alcuni casi, i Dom di Beirut sono costretti a mandare via i loro parenti siriani. "Così devono trovare da qualche parte una stanza in affitto. Sono fortunati se riescono a trovare un bagno o acqua corrente," continua Mourtada.

Dato che in Libano non ci sono campi profughi ufficiali, come invece in Giordania o in Turchia, Mourtada dice che i Dom hanno iniziato ad insediarsi in tendopoli nella valle della Bekaa.

In Giordania

Nel 1999, Amoun Sleem fondò la Domari Society, un centro culturale ed educativo nel quartiere di Shu'fat a Gerusalemme Est. Dom lei stessa, racconta di aver sperimentato sulla propria pelle la discriminazione, la marginalizzazione culturale e la povertà che per molti Dom sono il risultato dell'analfabetismo.

Dice: "Ogni volta che un disastro colpisce il Medio Oriente, nessuno si da pensiero di quale sarà l'impatto sui Dom."

Sleem aggiunge di aver ricevuto notizie su molti Dom rifugiati che vivono nel campo di Zaatari o nelle sue vicinanze, a Mafraq, in Giordania. Sta tentando di ottenere un permesso per visitare il campo, ma per questo sta incontrando diverse difficoltà. Nel contempo, sta cercando di incoraggiare le famiglie Dom giordane ad ospitare i rifugiati.

"Non è molto facile," dice, "ma se accadesse, sarebbe davvero una cosa molto buona."

 
Di Fabrizio (del 20/12/2005 @ 08:54:53 in blog, visitato 2001 volte)

Recentemente ho scritto ad Ahmed Almezayen (ve lo ricordate?), che voleva qualche informazione sul significato del nome Mahalla in Europa.

Tempo fa, anche Terry me ne aveva chieste e le avevo scritto:
...quei quartieri risalgono all'impero ottomano, e esistevano in tutto il loro dominio. Una che esiste tuttora, anche se ne ha perso il nome, è a Gerusalemme, presso la Porta del Leone, mi pare. E a Istambul c'è ancora a Sukulele lo storico quartiere dei Rom. Sono/erano quartieri a forte composizione etnica, non escludo che col tempo ci siano stati dei rimescolamenti, tieni anche conto che in tutta l'Europa dell'Est (quindi anche fuori dagli ex dominii turchi), negli anni '50/'60 ai Rom erano state assegnate anche case popolari nelle città più grandi e che spesso le varie etnie si sono mescolate tra loro, almeno fino alla fine degli anni '80, quando riapparvero le divisioni etniche e nazionaliste.
Quindi, Mahala non ce ne sono in Italia. In centro Italia, i Rom Abruzzesi sono "inurbati" da decenni, e attorno agli anni 60/70 a Vasto, Lanciano ecc. c'erano quartieri abitati prevalemente da loro. Ultimamente, si è tentato di superare questa mentalità da "ghetto", suddividendo la loro presenza nei diversi quartieri.

Ma torniamo ad Ahmed, che mi scrive:
Grazie, aggiungo alcune informazioni:
1) Mahala è una parola originaria araba, adoperata per indicare piccole città;
2) In Egitto esiste una grande metropoli che si chiama Al-Mahala Al-Kobra (letteralmente: La Grande Mahala).
Un saluto
Ahmed

 
Di Fabrizio (del 22/05/2008 @ 08:54:52 in Kumpanija, visitato 1379 volte)

Da Info-Palestine

lundi 19 mai 2008
Marie Medina - BabelMed

I Gitani di Gerusalemme sono così poco numerosi che se ne conosce a malapena l'esistenza. Di fronte all'analfabetismo ed alla discriminazione, questa comunità ultra-minoritaria rischia a breve di perdere la propria cultura.

"Da qui a qualche anno, la cultura dom può sparire se non si fa niente per proteggerla" si inquieta Amoun Sleem, che dirige l'associazione Domaris: società dei gitani di Gerusalemme.

Photo Zohar Mor

Settimana scorsa ha organizzato uno spettacolo di danze gitane: Ayameni Goldeni (Quei belli occhi), a Gerusalemme e Tel Aviv. Qualche bambino zigano vi ha fatto una breve apparizione ma nessuno degli artisti adulti in scena erano dom: tre erano di origine americana, la quarta israeliana. "Non ci sono più artisti professionisti nella comunità dom di Gerusalemme", ricorda Michaela Harari, una delle quattro danzatrici.

Come la maggior parte della comunità, gli artisti sono emigrati in Giordania al tempo della guerra dei Sei Giorni (1967). Restano oggi qualche musicista e danzatore che vivono nella Striscia di Gaza e che, prima del blocco israeliano, si produceva nei matrimoni in Egitto.

Secondo Amoun Sleem, si contano oggi 7.000 Dom in Israele e nei Territori palestinesi , contro oltre 42.000 sull'altra riva del Giordano. Questa immigrazione massiva s'è rivelata "dannosa per la cultura" di Gerusalemme, rimarca.

"La danza ed il canto sono la nostra ricchezza" osserva Abdelhakim Salim, mouktar (capo) della comunità dom di Gerusalemme, ricordando come il divertimento è una delle maniere dei gitani per guadagnarsi il pane.

È del resto questo talento che sarebbe all'origine dell'emigrazione dei gitani, secondo un resoconto che è fra le diverse - e contradittorie - spiegazioni, teorie e leggende. Nel Libro dei Re (verso l'anno 1000), il poeta Firdousi narra che un sovrano persiano aveva invitato migliaia di artisti di una tribù indiana a prodursi alla sua corte.

Abdelhakim Salim

Abdelhakim Salim racconta un'altra storia, quella di un ragazzo molto povero che era cresciuto vicino ad un fiume ed aveva adottato un coccodrillo come animale di compagnia. Un giorno, per mostrare ad un amico che aveva domato il sauro, il giovane aveva messo la sua mano nella bocca dell'animale, che lo divise. Morale: "la gente della nostra Comunità farebbe non importa cosa per divertire la platea e guadagnarsi la vita", conclude il mouktar.

Dopo la Persia e la penisola arabica, dove sarebbero arrivati come anfitrioni pubblici o valorosi guerrieri, secondo le diverse versioni, gli zigani hanno proseguito la loro strada. Alla fine, alcuni hanno guadagnato la Palestina e l'Africa del Nord (i Dom),  altri hanno superato il Caucaso ed il Bosforo per raggiungere l'Europa (i Rom). I primi sono diventati musulmani, i secondi cristiani.

Le prime prove scritte della presenza dom a Gerusalemme risalgono al XIX secolo. La Comunità si è resa sedentaria inizialmente fuori dalla Città Vecchia. Ma oggi, vive principalmente dentro le mura, nella zona svantaggiata di Bab Hutta. Secondo il centro sociale di Burj Al Luq Luq, 170 famiglie vi abitano, composte da sette persone in media, con 700 dollari (450 euro) mensili per focolare.

Molti adulti sono illetterati e numerosi allievi abbandonano la loro scolarità in corso. "Molti nostri bambini sono per strada", deplora il mouktar Abdelhakim Salim. Tre mattine alla settimana, Burj Al Luq Luq accoglie i bambini da 7 a 15 anni che non vanno più a scuola; il 90% di loro è costituito da Dom, indica Imad Jaouny, direttore esecutivo del centro sociale.

Quest'accoglienza, come pure le attività sportive (calcio, basket), tenta di sottrarre i giovani "dalla cultura di strada", che li espone numerosi rischi, fra cui la droga. La dipendenza è un problema che riguarda particolarmente la Comunità dom, afferma Imad Jaouny.

Quando cercano lavoro, i membri della Comunità pagano il prezzo dei loro studi accorciati, ma anche dei pregiudizi di cui sono oggetto. La parola araba che designa un gitano, "nawar", è di solito utilizzata come un insulto.

La loro dignità ne non esce indenne. Rari sono coloro che rivendicano la loro identità dom.

Tutti parlano l'arabo, pochi maneggiano il domari. La "nostra lingua non è in buono stato ora", sottolinea Amoun Sleem. Gli oratori dom scivolano fino a tre o quattro parole arabe per frase. La "nostra lingua può scomparire da qui ad alcuni anni", si preoccupa il direttore della Società dei gitani di Gerusalemme, che ha organizzato corsi di domari.

Anche le espressioni artistiche sono deprezzate. La musica, ad esempio. "La gente la vede come musica al ribasso", rileva Amoun Sleem. "I dom hanno vergogna a promuoverla".

"Stanno perdendo la loro cultura", nota la danzatrice Michaela Harari. Per incoraggiare i bambini a riappropriarsi della loro cultura, la Società dei gitani ha approntato dei corsi di danza. Sono frequentati da una mezza dozzina di ragazze, dai 5 ai 12 anni. È questa piccola troupe che ha fatto una breve comparsa in Ayameni Goldeni. Ha interpretato una danza chiamata El-Gazawi.

Come la maggior parte delle arti zigane, questa coreografia adotta un elemento del folclore locale - in questo caso palestinese - e lo adatta interamente instillandovi là uno stile proprio. Michaela Harari distingue due particolarità della danza domari: schemi ritmici sofisticati, che sono forse un'eredità indiana, e movimenti segnati delle anche, che si trova in tutte le danze orientali.

Amoun Sleem auspica che i Dom trovino il loro orgoglio in questa cultura della fusione, che sia con le arti o con l'artigianato. Poiché appaiono in generale fra le comunità più povere, - infine, soprattutto le donne - hanno sviluppato un certo talento per il riciclaggio. "Le donne hanno il regalo per fabbricare qualcosa a partire da nulla", spiega senza scherzare il direttore della Società dei gitani.

Le generazioni precedenti utilizzavano questo "savoir-faire" per decorare il loro interno e fabbricare gioielli. Il centro domari situato a Shuafat, nel sobborgo di Gerusalemme, incoraggia la nuova generazione a ricollegarsi a questa tradizione. Le donne possono vendere le loro produzioni per migliorare i redditi del loro focolare. Con pezzi di vecchi abiti, preparano ad esempio delle borse o dei plaids in patchwork.

Un modo, ben modesto, di riparare una cultura che si sta perdendo.

 

Ricerca fotografie per nawar

Nessuna fotografia trovata.

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


01/06/2020 @ 17:53:53
script eseguito in 7370 ms

 

Immagine
 Ricordi, idee, speranze, progetti...... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 279 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< giugno 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Buona sera per la ragione della malattia da corona...
01/06/2020 @ 12:25:35
Di danielagrosu
Buongiorno,Sono un individuo che offre prestiti in...
26/05/2020 @ 15:07:32
Di Aurelio Buono
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source