Cerca - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

\\ Mahalla : Cerca
Di seguito gli articoli e le fotografie che contengono le parole richieste.

Ricerca articoli per natalka

Di Fabrizio (del 20/10/2010 @ 23:42:36 in Europa, visitato 1836 volte)

Notizia importante per quanti hanno seguito per un anno e mezzo gli sviluppi della storia della piccola Natálka: il tribunale ha emesso il proprio giudizio. Mi manca il tempo di tradurre le varie agenzie, questo il lancio di VIRGILIO notizie (segnalato da Alberto Maria Melis)

La foto è presa dalla BBC

Ventidue anni di carcere, ridussero in fin di vita una bimba

Praga, 20 ott. (Apcom-Nuova Europa) - Pena esemplare in Repubblica ceca per i quattro neonazisti che nella primavera del 2009 - con un attacco incendiario contro una casa abitata da una famiglia Rom - ridussero in fin di vita una bambina di due anni, Natalka, provocandole ustioni gravissime in tutto il corpo.

L'attentato fu compiuto come gesto dimostrativo per celebrare il 120esimo anniversario della nascita di Adolf Hilter. Il tribunale di Ostrava, nella Moravia del Nord, oggi ha inflitto 22 anni di carcere a tre degli attentatori, mentre il quarto - incensurato, che li aveva aspettati in auto, per fuggire dopo il raid - è stato condannato a 12 anni di detenzione. I quattro, di età compresa fra 22 e 25 anni, dovranno anche versare un risarcimento complessivo di 17 milioni di corone (circa 600 mila euro). I condannati hanno immediatamente impugnato la sentenza, con un ricorso in appello.

 
Di Fabrizio (del 29/06/2010 @ 09:52:48 in Europa, visitato 1717 volte)

Da Czech_Roma: Sabato e domenica scorsi la CNN ha trasmesso una puntata sul caso della piccola Natálka e sulla situazione dei Rom nella Repubblica Ceca. Sul suo sito, oltre all'articolo che traduco, potete vedere anche foto e video in inglese - By Andrew Tkach, CNN

Natálka prima dell'attentato e durante il ricovero - foto tratta da Blesk.cz

Vitkov, Repubblica Ceca (CNN) - Natálka Kudrikova è una bambina di tre anni dagli occhi vivaci, ricoverata per gravi ustioni quando estremisti di destra lanciarono una molotov dentro casa sua.

La sua famiglia e le autorità dicono che venne presa a bersaglio perché rom, zingara. Natálka ha perso l'80% della pelle, due dita (una terza è stata amputata in seguito) e ha passato mesi giacendo in un coma indotto, dopo l'attacco dell'anno scorso a Vitkov [...]. Sta tuttora recuperando dopo 14 operazioni.

A maggio Natálka è tornata nell'ospedale di Ostrava per le sessioni riabilitatorie, così che un giorno sia capace di muoversi da sola. "Preferirei non riportarla in ospedale," dice sua madre, Anna Sivakova, "ma se deve tornare, il mio sogno è che impari a camminare senza nessun aiuto."

Proprio il giorno dopo, contro quattro giovani accusati dell'assalto, detenuti dal tribunale distrettuale di Ostrava venivano formalmente accusati di attentato a sfondo razziale e tentato omicidio.

Secondo il procuratore, l'attacco venne pianificato per il 120° anniversario della nascita di Adolf Hitler. Gli esperti del tribunale confermano di aver trovato svastiche ed altri cimeli nazisti nelle case degli accusati.

In tribunale, Ivo Muller e Vaclav Cojocaru hanno descritto il loro attacco coordinato con le molotov. Come unica scusa - dicono che pensavano si trattasse di un magazzino vuoto usato per merci rubate.

Negli interrogatori incrociati, Muller e Cojocaru hanno ammesso di aver preso parte a manifestazioni anti-Rom organizzate da estremisti di estrema destra.

Gli altri accusati, Jaromir Lukes e David Vaculik, non hanno testimoniato. Lukes è accusato di essere l'istigatore, accusa che il suo difensore nega decisamente, anche se concede che sia stato proprio Lukes a condurre l'automobile sul luogo. Il suo avvocato inoltre nega con veemenza qualsiasi motivazione razziale all'assalto.

Un sito antifascista ha pubblicato una foto di Lukes che cammina accanto al leader del Partito dei Lavoratori di estrema destra. Un'altra foto mostra Vaculik che indossa il bracciale del Partito dei Lavoratori, la faccia pubblica dell'estrema destra ceca.

Il leader dell'ora bandito Partito dei Lavoratori, Tomas Vandas, ha negato qualsiasi coinvolgimento.

"Sì, forse possiamo aver usato quella gente come organizzatori dei nostri incontri pubblici, ma come avremmo potuto sapere che volevano commettere un crimine?" ha detto Vandas. "Spero che Natálka migliori presto," ha aggiunto.

Miroslav Mares, dell'università Masaryk di Brno, è un esperto sui gruppi estremisti cechi.

Dice che è improbabile che il Partito dei Lavoratori sia direttamente coinvolto nell'attacco incendiario, ma che sono stati responsabili "per aver infiammato i sentimenti anti-Rom."

Dice: "Forse alcuni tra i più giovani nella scena neonazista si sono detti, -Se tutta la popolazione è contro i Rom, siamo giustificati a portare avanti simili attacchi.-"

E le indagini mostrano che il sentimento anti-Rom è diffuso. Il sito EURoma dell'Unione Europea dice che tra i Rom cechi resistono tassi di disoccupazione estremamente alti, bassi standard scolastici, isolamento ed i pregiudizi della popolazione maggioritaria.

Dice Marek: "Nelle regioni con alta disoccupazione e povere condizioni sociali, l'ascesa dell'estremismo è popolare tra i giovani disoccupati maschi, ma possiamo vedere sempre più donne nella scena neonazista."

Lucie Slegrova, 20 anni, è una convinta militante dell'ora rinominato Partito della Giustizia Sociale dei Lavoratori. Nega che il suo partito si sia ispirato all'ideologia nazista di Hitler.

Invece, dice, seguono le loro idee nazionaliste. Dice, "La Repubblica Ceca dovrebbe essere per gente che sa come comportarsi. Se gli zingari non vogliono seguire le regole, sono liberi di andarsene."

Solo l'1% dei votanti ha scelto il Partito della Giustizia Sociale dei Lavoratori alle ultime elezioni, ma il Primo Ministro, Jan Fischer, si preoccupa del fatto che il 7% degli studenti cechi ha votato per i partiti dell'estrema destra, secondo un ufficioso sondaggio nazionale.

"Molta gente è stufa dei politici, ed ha problemi per la crisi e la recessione," dice Fischer, "il mio messaggio a loro è: per favore riflettete e non credete a questi cattivi profeti."

Il movimento di estrema destra ha ottenuto i maggiori successi nella vicina Ungheria, dove il 17% dei votanti ha scelto il partito Jobbik alle ultime elezioni.

Anche la violenza è cresciuta. Negli ultimi due anni, secondo European Roma Rights Centre (ERRC), in Ungheria sono stai uccisi nove Rom durante attacchi notturni.

Gli assalti ai Rom sono diventati un tema anche nella campagna elettorale slovacca. Il locale Partito Nazionale ha commissionato dei manifesti che mostravano un uomo tatuato e dalla pelle scura con un messaggio provocatorio: "Votate SNS così non dovremo nutrire chi non vuole lavorare."

 
Di Fabrizio (del 09/02/2012 @ 09:28:52 in conflitti, visitato 1250 volte)

Da Czech_Roma (con una chiusa personale)

Romea.cz PHOTO: Repro Česká televize
La bambina rom bruciata ha subito oltre 100 anestesie, in seguito ci sarà un intervento chirurgico - Budišov nad Budišovkou (Opava district), 4.2.2012 21:00

Natálie Siváková (5 anni) si sta gradualmente riprendendo dalle ferite patite nell'aprile 2009, quando fu vittima di un assalto di neonazisti, poi conosciuti come i piromani di Vitkov. Lo scorso ottobre, i medici hanno effettuato la ricostruzione delle dita e dell'avambraccio destro, che erano inutilizzabili a causa del tessuto cicatrizzato dalle ustioni. La televisione ceca riporta che ora è in attesa di un'operazione al collo ed alle ascelle.

Alla bambina non è permesso di uscire, a causa del gelo intenso nella regione. "Il tessuto cicatriziale è più sensibile della pelle sana, si asciuga più velocemente e può rompersi," ha detto alla televisione Iva Zámečníková, vice direttrice del Centro Ustionati dell'ospedale di Ostrava.

L'intervento a cui sarà sottoposta presso il centro ustionati sarà il ventesimo in sequenza. "Non riesce a reggere la testa in maniera corretta, quindi [i dottori] la opereranno al collo e alle ascelle. Ho molta paura," ha detto alla televisione sua madre Anna Siváková. La bambina è già stata sotto anestesia un centinaio di volte.

Durante l'ultima operazione ad ottobre 2011, i dottori avevano fissato la cicatrice sul collo della bambina. Allora, una specialista in chirurgia alle mani, Alena Schmoranzová, l'aveva operata al dito indice ed all'avambraccio, che a causa delle cicatrici la bambina non era in grado di muovere. "Prima non li usava per niente," conferma Anna Siváková. "Ora ha scoperto che va meglio e lo usa tutto il tempo," ha detto alla televisione, aggiungendo che la figlia deve ancora indossare plantari speciali.

Natálie venne ferita alle prime ore del mattino del 19 aprile 2009, durante un assalto incendiario a sfondo razziale, commesso da quattro neonazisti contro la casa della famiglia. Il tribunale ha condannato David Vaculík e Jaromír Lukeš a 22 anni di carcere, e Václav Cojocaru e Ivo Müller a 20 anni per tentato omicidio a sfondo razziale ed atti vandalici.

ryz, Czech Television, translated by Gwendolyn Albert


E' dal 2009 che seguo passo passo la storia di Natálka. All'inizio mi era rimasta impressa l'efferatezza del gesto: in una casa come tante, abita una famiglia come tante. Ma è una famiglia rom, e così una notte 3-4 teste rasate buttarono una molotov attraverso la finestra. Natálka, di neanche tre anni, rimase ustionata sull'80% del corpo. Dichiarata quasi morta, cominciò invece un lento recupero, che vide coinvolti in una gara solidale non solo i suoi genitori, ma i medici, le autorità dello stato, tanti cittadini anonimi di quella stessa Repubblica Ceca che invece è nelle cronache europee per gli atti di violenza quotidiana contro la minoranza rom.

Da una parte facevo il tifo per i piccoli miglioramenti di Natálka, dall'altro seguivo le cronache del processo ai piromani, interrogandomi su cosa avesse portato dei ragazzi a un gesto simile, e se mai sarebbero stati in grado di capirlo, e cosa avrebbero pensato quando anche loro avessero generato una prole. Ed assieme tentavo di capire cosa significasse sopravvivere, ricostruirsi pezzo a pezzo, per una bambina di quell'età, per i suoi genitori ed i fratelli e sorelle.

Quel fuoco, non arde solo nella remota Repubblica Ceca. Sentiamo il crepitare delle fiamme anche a Opera, a Ponticelli, a Torino.

E' passata da poco (e già mi sembra vecchia) la memoria del Porrajmos, tra il ricordo di 500.000 morti e le risate di scherno dei negazionisti.

Per me  non è il Porrajmos il marchio di questo popolo, con tutto il rispetto per la tragedia di quegli anni. Il marchio sono le storie di violenze grandi e piccole di OGGI, del tempo dove NOI viviamo. A costo di essere retorico, è la piccola storia di una bimba bruciata, che NON E' MORTA, che attraverso le sue ustioni riflette la nostra immagine allo specchio.

Lo scorso 11 ottobre, così Nicolae Gheorghe chiudeva il convegno per i 40 anni dell'AIZO:

"L'Olocausto ancora non è stato riconosciuto come fatto politico.
La povertà del nostro popolo, la capisco sino ad un certo punto, non oltre: non siamo a chiedere l'elemosina agli altri. La nostra miseria da forza ai nuovi nazisti, dobbiamo averne conoscenza per combatterli.
La nostra terra, il ROMESTAN, ci è stato copiata ed è diventato patrimonio dei discorsi della destra. Ricordatevi: in Germania la prima misura dei nazisti fu di togliere la cittadinanza ai sinti, e la loro prima richiesta a guerra finita fu di riaverla. Allora: la cittadinanza EU, richiesta da molti, non può essere una riparazione per la mancata cittadinanza nazionale.
Siamo una nazione culturale:
IL NOSTRO SIMBOLO NON E' LO STERMINIO, MA LA SOPRAVVIVENZA."

 
Di Fabrizio (del 28/04/2012 @ 09:12:43 in Europa, visitato 2273 volte)

Da Czech_Roma

Analisi: l'estrema destra ceca odia gli immigrati - tranne quando può usarli contro i Rom - Praga, 21.4.2012 21:16, (ROMEA) L'organizzatore della manifestazione [...] a Břeclav, Erik Lamprecht (...), qui con Jiří Dudák e altri neonazisti moravi. Il saluto nazista è prassi comune. Photo: Antifa.cz - František Kostlán, translated by Gwendolyn Albert

Non ci sono dubbi che il Partito della Giustizia Sociale dei Lavoratori (Dělnická strana sociální spravedlnosti - DSSS) e relativi affiliati, la Gioventù Lavoratrice (Dělnická mládež - DM), siano nella Repubblica Ceca una forza politica contro immigrati, migranti e rifugiati. Anche se il partito ha condotto per anni una campagna d'odio contro i migranti, ora ha deciso di fare un uso propagandistico di una famiglia ucraina a Břeclav, sfruttando le loro recenti disgrazie per fomentare l'odio contro i Rom nel loro complesso. Domani DM ha intenzione di manifestare a Břeclav, assieme al DSSS.

Negli ultimi anni, DM e DSSS hanno fatto innumerevoli dichiarazioni d'odio su immigrati e richiedenti asilo. Diamo uno sguardo a qualcuno degli esempi più estremi.

"La nostra bellissima terra ceca è stata sommersa da un'onda distruttiva di immigrazione che sta distruggendo quanto qui c'è di bello. Non intendiamo tollerare questo schifo," ha detto Vandas in uno dei suoi comizi. La registrazione della dichiarazione è stata ripresa da TV Nova nel suo notiziario del 18 aprile.

Settimana scorsa Vandas ha telefonato a Oxana Živačovská, , madre del quindicenne Piter (la forma ucraina del ceco Petr), assalito e ferito a Břeclav domenica scorsa. Vandas le ha assicurato che il DSSS avrebbe dato appoggio alla sua famiglia. Živačovská - che non ha idea di cosa sia il DSSS - e suo figlio sono Ucraini. Lei lavora come interprete e traduttrice, in tribunale e altrove.

Il programma politico del DSSS non è favorevole ai migranti, ed afferma: "Non vogliamo un paese pieno di immigrati, migranti dagli stati dell'ex Unione Sovietica, dai Balcani, dall'Asia, dall'Estremo Oriente, ecc. L'asilo politico o i permessi di soggiorno dovrebbero essere garantiti solo a quanti incontrano criteri di qualità morali e conoscenze professionali, persone che si presume possano adattarsi agli usi e tradizioni nazionali dei cittadini della Repubblica Ceca, persone per cui ci sia garanzia che si assimileranno totalmente nella società maggioritaria."

Robin Siener, del partito neonazista tedesco NPD, con cui Vandas coopera strettamente,riguardo ai migranti l'anno scorso a Brno durante la manifestazione del DSSS del 1 maggio, ha detto: "Guardiamo alle grandi città europee, dove le donne sono violentate nel centro delle piazze... dove questa spazzatura umana può commettere crimini senza che la popolazione locale intervenga... Quando finalmente la nazione riceverà i suoi diritti?... Mandiamo il nostro sangue in Libano, Iraq o Afghanistan, ed in cambio riceviamo spazzatura umana a cui nessuno è interessato... Chiedo ad ognuno di voi, sino a quando durerà tutto ciò prima che prenderemo torce e bastoni ed inseguiremo chi ci opprime, per rispedire la loro spazzatura umana fuori dalla fortezza europea, da dove vengono? Sarebbe meglio se li rimandassimo subito in Israele o negli USA con un  biglietto di sola andata... Ci sono solo due cose che ci separano, il confine e la lingua, nient'altro..."

Vandas ed i suoi compagni di viaggio vennero condannati a novembre 20101 dal tribunale cittadino di Brno, per i loro discorsi razzisti e xenofobi contro i migranti. Quando Vandas era presidente del recentemente disciolto Partito dei Lavoratori (Dělnická strana - DS), durante il corteo del 1 maggio a Brno parlò di "onda distruttiva di immigrati, uno tsunami che sta inondando la nostra bella terra ceca e distruggendo tutto ciò che abbiamo di caro." Venne condannato, sentenza poi sospesa, per aver diffamato una nazione, incitando all'odio e sostenendo il neonazismo.

Nella stessa manifestazione, il vice presidente DS Jiří Štěpánek disse: "In molte professioni gli stranieri hanno rovinato gli stipendi, dato che oggi un Ceco viene assunto col medesimo salario di uno appena arrivato dalle trincee... Chi sta lavorando oggi nelle grosse fabbriche? I Cechi? No, soltanto stranieri che continuano ad aumentare la somma dei crimini commessi. Non dimentichiamo le malattie che queste orde dalle steppe portano con loro... Possiamo vederlo con l'esempio dei Vietnamiti come sarà il paese quando comanderanno loro. Quella comunità, cercando di evitare di pagare le tasse, si è data allo spaccio di droga. Stanno iniziando a coltivare marijuana su larga scala ed a venderla qui, ma non ai loro figli, che vengono mandati all'università, ma ai bambini cechi. Stanno creando qui una sorta di ghetto vietnamita e non sono lontani i tempi in cui i Vietnamiti cacceranno dal lavoro la nostra gente... la nostra gente è da sola... Hanno la sfortuna di essere bianchi qui."

DM sta organizzando una manifestazione a Břeclav "contro la violenza". Questo violento gruppo militante di giovani del DSSS è attualmente presieduto da Erik Lamprecht, che ha già un notevole curriculum come ex presidente dell'organizzazione Zbelo (Ultra Bianchi). Come riportato dal sito Anti-Fascist Action, Lamprecht iniziò la sua carriera come hooligan di calcio, ed ora è attivista della neonazista Resistenza Nazionale (Národní odpor - NO) a Brno. Inoltre ha recentemente organizzato la manifestazione neonazista di Jihlava.

Il sito Antifa.cz riferisce per la prima volta di Lamprecht a maggio 2010, come compagno di viaggio di un altro significativo neonazista moravo, Jiří Dudák. Nel profilo di Dudák pubblicato sul sito, ci sono fotografie di lui assieme a Lamprecht, ed anche foto di Dudák col veterano della divisione SS Liebstandarte Adolf Hitler, Herbert Schweiger. Lamprecht è in contatto attivo con la scena neonazista tedesca, soprattutto con la struttura del NPD in Sassonia. (Dettagli e foto in questo articolo, solo in ceco).

Vandas ha presieduto tanto il DSSS che il suo predecessore, il DS, che nel 2007 fondò uno "Squadrone Protezione". Questo squadrone, oltre a convocare ufficialmente gli eventi di partito, monitorava i "problemi con gli immigrati". "Di sicuro non intendono provocare paura per le strade, sono solo dei giovani che vogliono contribuire a risolvere la triste situazione in alcune delle aree di crisi, come pure l'afflusso degli immigrati", disse allora Vandas ai media. "Squadrone Protezione" è la traduzione dal tedesco Schutzstaffel, o SS, il nome dato dai tedeschi alle loro forze armate più sadiche.

La Corte Amministrativa Suprema sciolse il Partito dei Lavoratori nel febbraio 2010. Il tribunale trovò che l'ideologia, il programma ed i simboli del partito includevano elementi sciovinisti e xenofobi, ed anche tracce di razzismo. La sentenza diceva che il partito incitava all'odio e lottava per una trasformazione radicale dell'ordine democratico. Secondo il verdetto, il partito intendeva creare artificialmente la sensazione che stranieri e immigrati rappresentassero una minaccia per gli altri. La decisione del tribunale assegnava al partito il suo vero nome: "Il nazionalsocialismo del Partito dei Lavoratori sta portando avanti l'eredità del nazionalsocialismo di Hitler, vale a dire, il neonazismo."

Miroslav Mareš, un esperto di estremismo che in precedenza aveva lavorato in questo settore come perito in tribunale, scrive quanto segue nel suo studio "Movimenti neonazisti Cechi" (2011): "La retorica anti-stranieri e anti-immigrati viene di fatto mantenuta dal partito successore del DS, il Partito della Giustizia Sociale dei Lavoratori (DSSS). I rappresentanti del DSSS non hanno mai preso le distanze dalle dichiarazioni precedenti - anzi, hanno fatto l'opposto. Nel 2010, per esempio, il DSSS si è profilato come un partito di resistenza alla comunità vietnamita nel quartiere praghese di Libuše, arrivando ad installare una milizia in loco. Tale cruda retorica anti-immigrati era in grado di mobilitare membri e simpatizzanti del partito a commettere eccessi."

Si può essere d'accordo con questa sintesi. Naturalmente, vale sin quando gli immigrati e i migranti non possano essere usati per incitare ad una campagna d'odio contro i Rom. Vandas ed i suoi camerati non saranno mai soddisfatti per la pura condanna di un crimine specifico. Sfrutteranno ogni situazione simile, per sposare la colpevolizzazione collettiva dei Rom, e per spargere disinformazione, generalizzazioni e menzogne.


Aggiornamento, sempre da Czech_Roma

Břeclav, 25.4.2012 18:30, (ROMEA) - Il discorso di Tomáš Skyba alla manifestazione a Břeclav, 22 aprile 2012 - ryz, translated by Gwendolyn Albert

Nella riunione di domenica scorsa a Břeclav, ufficialmente come manifestazione "contro la violenza" ed in solidarietà ad un quindicenne brutalmente aggredito da tre uomini, uno degli oratori era Tomáš Skyba, violento razzista già condannato in passato e vicepresidente della Gioventù Lavoratrice (Dělnická mládež - DM). Alla riunione hanno preso parte circa 2.000 persone. Gli autori dell'aggressione sono stati identificati dalla stampa come Rom, ma non ci sono stati ancora arresti.

La maggior parte dei manifestanti ha finito per tenere una discussione piuttosto burrascosa col sindaco Oldřich Ryšavý (Socialdemocratici - ČSSD) sui gradini d'ingresso del municipio. Una pafrte più piccola della folla ha ascoltato i discorsi degli estremisti di destra del DM e del Partito della Giustizia Sociale dei Lavoratori (Dělnická strana sociální spravedlnosti - DSSS), che hanno parlato da un podio organizzato dagli amici del quindicenne. Si può vedere QUI (solo in ceco) mezzora di registrazione della manifestazione, che si è trasformata presto in una protesta anti-Rom.

Skyba ha fatto un discorso ai manifestanti di DM. Un anno fa, il tribunale regionale di Zlín lo condannò a cinque anni di libertà vigilante, dopo che aveva preso a calci in testa e senza ragione una persona di 62 anni, fuggendo poi e lasciando la vittima svenuta in una pozza di sangue. All'inizio del processo, Skyba me3ntì in tribunale dicendo di non aver commesso il crimine, confessando solo dopo un'ora di interrogatorio.

L'aggressione ebbe diversi testimoni. "Stavamo scegliendo da mangiare, quando vidi qualcuno spingere l'uomo a terra e poi prenderlo a calci in testa, gli saltò addosso diverse volte e lo picchio con un ombrello," disse un testimone.

Anche se Skyba avrebbe potuto finire in prigione per 12 anni, gli venne garantita la libertà vigilata. Al momento del verdetto, il giudice disse che la sospensione condizionale della pena era un ultimo avvertimento: "Se andrà ancora in contrasto con la legge, la corte non concederà più compromessi." Skyda aveva già avuto diversi problemi legali in precedenza. A 17 anni gli venne data la sospensione condizionale della pena, dopo aver aggredito uno studente dello Sri Lanka. Era già stato arrestato diverse volte - una volta durante una manifestazione del Partito Operaio, una volta per guido in stato di ubriachezza ed un'altra quando la polizia lo trovò ubriaco mentre spaccava i finestrini delle macchine parcheggiate. Allora il tribunale gli impose di sottoporsi a cure contro l'alcolismo.

Gli amici del ragazzo aggredito probabilmente hanno condiviso il podio con Skyba per pura ingenuità. In una discussione in Facebook sulla piccola Natálie, la bimba rom quasi bruciata a morte con tutta la famiglia in un assalto incendiario a Vitkov nel 2009 (vedi QUI ndr), Skyba scriveva: "Le regalerei una lattina di Zyklon B per Natale."

Non ci sono dubbi che il DSSS e la sua propaggine, il DM, sina una forza politica volta contro immigrati, migranti e rifugiati. Anche se il partito ha condotto per anni una campagna d'odio contro i migranti, la famiglia ucraina di Břeclav il cui figlio è stato ferito, serve ora i suoi interessi, per sfruttare le loro disgrazie nel fomentare sentimenti anti rom.

Paradossalmente gli estremisti del DM ed i neonazisti hanno chiaramente espresso la loro opinione sugli stranieri durante la manifestazione di Břeclav. Nel corteo tornando dalla piazza alla stazione, sono risuonati più volte gli slogan "La Boemia ai Cechi" e "Nient'altro che la nazione".

 
Di Fabrizio (del 17/10/2013 @ 09:01:59 in Europa, visitato 1516 volte)

Premessa: la notizia è già vecchia e digerita, l'informazione online ha tempi spietati.

Parto allora da un mese fa, 18 settembre: Grecia, vi ricordate? Nella foto c'è tutto e il suo contrario: maniche corte estive, un trenino per turisti (o per bambini), passanti indifferenti, una signora grassa, la fisarmonica e... la protagonista di cui non sappiamo niente.

    LA FOTO INDIGNA IL WEB era il commento riportato da tutti i media, che poi sono gli stessi che quando si parla di cose mooooolto più serie, ripetono che l'Italia rischia di fare la fine della Grecia. Già, ma forse intendono altro.
    INDIGNARSI: so che è un sentimento comune (non azzardatevi a chiamarci BUONISTI, siamo solo umani). A me successe al tempo della vicenda di Natalka: bruciata viva da una molotov a Kosice. Poi, la lunghissima degenza, la solidarietà che sollevò il suo caso in uno dei paesi più razzisti d'Europa, solidarietà che fu più forte dei commenti (postumi) sprezzanti e derisori dei neonazisti, e dei perbenisti che accusarono i genitori di voler speculare su quanto era successo. Ma quante volte una persona può indignarsi, per quanto tempo? A ogni cronaca simile mi sento più povero e deprivato, nel senso di impotente.

Neanche un mese dopo la Grecia, indignazione, di nuovo. Siamo a Napoli, e suona nella mente un campanello d'allarme: perché li vicino ci fu il pogrom di Ponticelli, a Torregaveta due ragazzine rom annegarono nell'indifferenza generale, in città ci fu l'omicidio di Petru Birladeanu.

Leggo l'articolo e il quadro è diverso dalle cronache passate: la gente del quartiere ha preso le parti della romnì e del bambino, ha cercato come poteva di aiutarla.

Lo stesso appare nell'altro video di Leggo: gente normalissima, che non si pone il problema di essere giudicata razzista o antirazzista. Poi, torna quel sottile veleno che i giornali sanno distribuire così bene: "La donna, che probabilmente non è la madre, è sparita dopo aver strappato di dosso gli abitini bruciati alla piccola."

Cosa si intende con probabilmente non è la madre? La donna è sparita, come racconta Leggo, o ha ricevuto le prime cure dal benzinaio, come scrive il Corriere del Mezzogiorno? E, ammesso che abbia importanza, quale paura può avere una madre rom a Napoli?

Napoli, ma potrebbe essere Grecia, Milano, Parigi o Mosca... Anche con la gente migliore del mondo, si vive sapendo che essere Rom comporta dei rischi, magari da parte di qualcuno che non c'è con la testa, e che se ci si trova a Ponticelli, a Opera, alle Vallette nel momento sbagliato, la pazzia può diventare collettiva.

Con i bambini, visto che l'infanzia è sacra, che diventano il bersaglio per misurare il disprezzo etnico. Non solo nei fatti, provatevi a leggere qualche commento sui forum razzisti, per perdere ogni fiducia nel futuro di questa umanità.

    Oppure no, un po' di fiducia rimane. Qualche anno fa, passai per una brutta depressione. Non mi guarirono gli psichiatri o altri specialisti. Fu un campo rom, uno di quelli che sono il simbolo mediatico del degrado. Pieno di amici che conoscevo da anni e della loro unica ricchezza: un esercito costante di figli. Giocando con loro, iniziai a migliorare.
 

Ricerca fotografie per natalka

Nessuna fotografia trovata.

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


31/10/2020 @ 10:41:05
script eseguito in 7484 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1013 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio č per gli individui, ch...
20/10/2020 @ 08:03:13
Di FRANCO
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
07/10/2020 @ 20:34:53
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source