Cerca - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

\\ Mahalla : Cerca
Di seguito gli articoli e le fotografie che contengono le parole richieste.

Ricerca articoli per marta

Di Fabrizio (del 31/01/2008 @ 20:48:44 in Italia, visitato 2867 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro:

Nei giorni 22 e 23 gennaio si è svolta la Conferenza Europea sulle Popolazioni rrom e sinte organizzata dai Ministri dell’Intermo e della Solidarietà Sociale. L’iniziativa ha registrato un successo superiore alle attesa in ragione della folta partecipazione di rrom e sinti di fronte a sindaci, governatori regionali, sottosegretari, ministri della repubblica, rappresentanti di istituzioni europee, ministri esteri. Si è trattato del primo incontro con respiro internazionale sul suolo italiano in cui ai rrom e sinti è stata offerta l’opportunità di prendere la parola ed esplicitare esigenze e attese rispetto a una situazione obiettiva che è una delle più degradate e emarginate d’Europa a causa della sistematica violazione di diritti primari e della negazione delle più elementari spettanze di cittadinanza sociale. I rrom hanno dimostrato in questa “solenne” occasione di sapersi autorappresentare dimostrando una forte volontà a proseguire nel processo di costituzione di propri organismi nazionali in grado d’interloquire con le autorità pubbliche.

Tuttavia questo evento positivo, che si spera non rimanga un bel gesto isolato ma preluda a un cambiamento di rotta, rimane in aperta e patente contraddizione con l’incapacità da parte delle istituzioni di offrire un riconoscimento giuridico a rrom stranieri in Italia da decenni, e pertanto di fatto appartenenti alla nostra comunità, cui non solo non è riconosciuto l’accesso alla cittadinanza ma è rifiutato anche il permesso di soggiorno. I rrom e i sinti italiani d’altra parte, alcuni dei quali (kalderasha e sinti giostrai) sono gli unici a praticare sia pure parzialmente il nomadismo, vengono sottoposti a pressioni e vessazioni di ogni tipo nonostante il riconoscimento legislativo del diritto al nomadismo (cfr. legge Corona sullo spettacolo viaggiante).

Le autorità presenti all’incontro hanno manifestato una apprezzabile convergenza nell’ammettere il ritardo dello Stato italiano nel predisporre adeguate politiche sociali e di partecipazione delle comunità rrom e sinte.

Il risultato complessivo e il clima instauratosi lasciava sperare che la questione dei rrom non si configurasse più come solo un mero problema di ordine pubblico e malintesa sicurezza, come è avvenuto durante il corso del 2007 con sgomberi indiscriminati sia di miserabili insediamenti informali sia di veri e propri campi attrezzati.

A meno di una settimana dalla conferenza, il 29 gennaio alle 7.00 del mattino si è presentato un massiccio numero di agenti di PS nel campo sosta di Saxa Rubra, dove era stata indirizzata dalle autorità comunali la comunità dei rrom kalderasha proveniente dall’area dell’ex Foro Boario in cui si era stabilita fin dal 1993. L’allontanamento forzato dall’area è avvenuto senza alcun preavviso e senza alcuna delle giustificazioni avanzate a fondamento degli sgomberi degli insediamenti dei rrom stranieri. I kalderasha sono tutti cittadini italiani per cui nei loro confronti non vale l’accusa di essere clandestini. Inoltre l’area era stata occupata non indebitamente in quanto suggerita dalla stessa amministrazione comunale. Anche l’eventuale accusa di degrado non avrebbe senso alcuno dal momento che i campi e le roulottes dei kalderasha sono universalmente conosciute per il lindore, la pulizia, l’ordine con cui sono amorevolmente curate. Inoltre non era possibile neppure avanzare il pretesto della crescita incontrollata dell’insediamento in quanto il numero delle roulottes si era nel tempo ridotto.

I rrom kalderasha quando si trovavano al Foro Boario erano perfettamente integrati non solo con gli abitanti del territorio, ma anche con i numerosi soggetti che nel tempo erano stati ospitati in quello spazio che è stato uno dei laboratori sociali più importanti d’Europa degli ultimi decenni. Il centro sociale “Villaggio globale”, la radio “Spazio Aperto”, l’associazione “Stalker-Osservatorio nomade”, l’associazione “Senza Confine” nella quale aveva militato Dino Frisullo, al quale hanno intitolato il piazzale, mostrando però di non tenere in alcun conto la sua testimonianza di solidarietà con migranti e rrom. Sin dal 2003 l’Assessorato alle politiche sociali (Franco Alvaro, Enrico Serpieri) aveva promesso di trovare un’area nella quale potessero essere adeguatamente ospitate le 40 famiglie nel caso di dover lasciare l’area per le trasformazioni in progetto che riguardavano anche l’università di Roma Tre. Il portavoce della comunità si era impegnato per lungo tempo a trovare aree adatte ed ogni volta a comunicarle al Comune, ma sempre senza successo. Nel frattempo l’impresa “Altra Economia” era riuscita a portare avanti lavori importanti nell’area del Mattatoio restringendo lo spazio occupato dalle roulotte. Tutto si era svolto senza alcun disagio per loro. Nel marzo 2007 s’ingiunse ai Kalderash di lasciare l’area con l’indicazione di trasferirsi nel parcheggio di Saxa Rubra dove già sostavano alcuni Kalderash. Per cercare di lenire lo sradicamento imposto l’Assessorato si era impegnato a dare contributi economici per il servizio scolastico, buoni benzina per le famiglie ed un contributo di 2.000 euro a famiglia una tantum (tutte promesse mai mantenute).

La stessa università di Roma Tre ancora una volta aveva contribuito a compiere un sopruso nei confronti dei rrom. Infatti già si era adoperata a far deportare a Castel Romano i Rom di Vicolo Savini, troppo prossimi ad alcuni edifici acquistati dall’Ateneo, lo stesso che tra i suoi master ne vanta uno sull’intercultura. In pieno anno scolastico i minori di vicolo Savini, inseriti nelle scuole da anni, furono sradicati fuori dal raccordo anulare e ricoverati in tende in attesa di realizzare container, il massimo a cui può aspirare un rrom. Lo stesso è dunque avvenuto per i bambini dei Kalderash, ma avevamo comunque accettato il trasferimento confidando nelle molte promesse che erano state fatte loro.

L’anno 2007 sarà ricordato come l’anno degli sgomberi forzati perpetrati nei confronti di miserabili insediamenti informali sui greti dei fiumi o anche ai danni di veri e propri campi attrezzati che l’incuria delle istituzioni aveva abbandonato in mano della devianza anche se praticata solo una parte delle persone dei campi. I rrom romeni, ultimo flusso consistente dall’Europa dell’est, sono state soprattutto le vittime di questi sgomberi, sostenuti da una campagna mediatica, senza precedenti per ampiezza, allarmismo ingiustificato e deformazione dei fatti, sulla sicurezza. Purtroppo le amministrazioni di sinistra sono state in molti casi le promotrici di questi pogrom indiscriminati contro lavavetri e mendicanti.

13 delle 40 famiglie non accettarono lo spostamento a Saxa Rubra e restarono accampate nei pressi del Foro Boario, dimostrandosi lungimiranti rispetto a quanti avevano creduto alle promesse comunali.

Gli sgomberati da Saxa Rubra (14 roulotte, 30 adulti, 10 tra neonati e bimbi nella primissima ionfanzia, 8 minori che lo choc dello sradicamento dalle scuole di Testaccio già li aveva portati ad un disagio pronunciato nelle nuove scuole, 6 anziani malati ed una disabile, un ricoverato in gravi condizioni al Policlinico Gemelli, sono stati costretti a trovare rifugio temporaneo presso il terreno di un privato che però ha preteso la promessa a non restare che per qualche giorno.

Tutto ciò viola i principi espressi chiaramente nelle stesse leggi regionali, nelle quali si riconosce il diritto al nomadismo, ma senza la precisa garanzia di aree di sosta e di transito di fatto s’impedisce la possibilità di ogni tradizionale attività economica come quella dei Kalderah o quella dei Sinti giostrai. Solo con aree di sosta non precarie è possibile conciliare nomadismo e diritti alla salute e allo studio.

Aldo Hudorovic, rrom Kalderash, vice presidente dell’associazione UNIRSI (Unione nazionale e internazionale Rom-Sinti in Italia)
Bruno Nicolini (Centro Studi Zingari)
Marco Brazzoduro (docente di “Politiche sociali”, Università di Roma “La Sapienza”)
Roberto De Angelis (docente di “Sociologia urbana”, Università di Roma “La Sapienza)

Al Commissario Europeo per i Diritti Umani, Thomas Hammarberg

Al Ministro degli Affari Interni, Giuliano Amato

Al Ministro della Salute, Livia Turco

Al Ministro per le Politiche della Famiglia, Rosy Bindi

Al Ministro della Solidarietà sociale, Paolo Ferrero

Al Presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo

Al Presidente della Provincia di Roma, Enrico Gasbarra

Al Sindaco di Roma, Walter Veltroni

All’Assessore alle Politiche Sociali e Sanitarie, Raffaella Milano

Al Prefetto di Roma, Carlo Mosca

Al membro italiano del Comitato di Esperti su Rom e Viaggianti del Consiglio d’Europa, Claudio Marta

 
Di Fabrizio (del 17/05/2005 @ 20:24:35 in Italia, visitato 3316 volte)
da Marta Rabbiosi

I medici che volontariamente svolgono servizio di ambulatorio in un container presso i campi nomadi di via Triboniano, costituitisi nell'associazione Fuoriluogo, organizzano una serata di raccolta fondi sabato 21 maggio alle 22 presso Colore-via Moncucco 29 Milano (zona Famagosta)

Associazione Colore
 
Di Sucar Drom (del 03/06/2009 @ 19:39:49 in Italia, visitato 2152 volte)
Dijana Pavlovic chiuderà a Mantova la campagna elettorale di Rifondazione Comunista con lo spettacolo teatrale Rom Cabaret, insieme ai musicisti Jovica Jovic e Marta Pistocchi.

Siete tutti invitati venerdì 5 giugno 2009, alle ore 21.00, presso la sede di Rifondazione Comunista a Mantova, in via Bettinelli n.12 (di fianco alla Stazione Ferroviaria). A tutti sarà offerto un piccolo rinfresco.

Lo spettacolo è nato tre anni fa come occasione di incontro tra la cultura Rom e la rappresentazione che ne ha fatto la tradizione letteraria occidentale attraverso l’immagine romantica dei mondi rom e sinti (Cervantes, Puskin, Merimée, ecc).

Di fronte alle vicende drammatiche degli ultimi due anni, che a partire dal caso di Opera sono culminate nella cosiddetta “emergenza Rom”, è nata l’esigenza di attualizzare lo spettacolo e trasformarlo in uno strumento non solo di conoscenza e di confronto, ma anche di denuncia.
È quindi diventato uno spettacolo mosaico fatto di poesie e racconti popolari e di autori Rom, di musica e canzoni popolari, di testi, di video e interviste che raccontano la condizione dei Rom oggi in Italia fatta di sgomberi e di pregiudizi. Ma tocca anche i momenti duri e drammatici della storia, come quello dello sterminio nei campi di concentramento nazisti, passando dai toni poetici a quelli amari e drammatici, senza dimenticare l’ironia e anche l’ autoironia delle barzellette Rom.

Con Marta Pistocchi (italiana) e Jovica Jovic (rom serbo) - due musicisti molto diversi tra loro per origine, provenienza e formazione professionale si incontrano nel 2006 e animati dalla passione per la musica rom dei Balcani formano un duo unico nel suo genere; i Muzikanti sono la realizzazione di un autentico incontro di culture che si esprime in un linguaggio musicale originale, fantasioso, libero e vitale.

 
Di Fabrizio (del 16/07/2005 @ 19:00:12 in Italia, visitato 1868 volte)
Ricevo da Marta Rabbiosi (martarab @ libero.it)
domenica 17 luglio alle 20.30 presso la Casa della Carità - via Brambilla, 10 Milano - "Contaminiamoci senza frontiere", serata di musiche e danze organizzata dai rom rumeni ospiti della Casa in emergenza, in attesa della risposta istituzionale; i referenti istituzionali sono infatti invitati, ma chissà.... ben vengano tutti gli altri!
Yahoo mappe

su www.redattoresociale.it del 14/7/05:
NOMADI/1 - "Noi Rom i campi non li vogliamo"

"Sono stati un'invenzione delle organizzazioni pro-zingari; e oggi sono solo ghetti dove la criminalità impera". Parla Nazareno Guarnieri, rom, insegnante e mediatore culturale, ex-vicepresidente di Opera Nomadi.
"Per una vera integrazione, l’alternativa è dar loro una casa". Come è avvenuto, con successo, in Abruzzo e a Lamezia Terme.
 
Di Fabrizio (del 20/11/2005 @ 18:40:50 in Italia, visitato 3370 volte)
PER LA LIBERTÀ E I DIRITTI DEI MIGRANTI

per la chiusura dei Cpt e l’abrogazione della Bossi-Fini

 

Milano e l’Italia sono cambiate, sono diventate multietniche. Sono tre milioni i nuovi cittadini e le nuove cittadine in Italia. A Milano rappresentano il 14% della popolazione e oltre un alunno su dieci nelle scuole milanesi è figlio di migranti. Eppure, le politiche susseguitesi in questi anni hanno continuato a trattare i/le migranti come cittadini di serie B, sottoposti ad una legislazione speciale e differenziata, costretti al lavoro sottopagato o in nero, periodicamente vittime di campagne xenofobe e securitarie.

 

Leggi razziste come la Bossi-Fini, portando alle estreme conseguenze la logica delle legislazioni precedenti, compresa la Turco-Napolitano, producono e riproducono clandestinità, emarginazione e negazione di diritti. Simbolo umanamente e politicamente più ripugnante di quelle politiche sono i Cpt, galere per migranti che non hanno commesso alcun reato.

 

Il 3 dicembre si terrà a Roma una manifestazione nazionale per la libertà e i diritti dei migranti, organizzata da un ampio arco di reti e associazioni di migranti e antirazziste. Come organizzazioni e persone che a Milano si sono battute e si battono per la chiusura del Cpt di Via Corelli, per l’abrogazione della razzista Bossi-Fini e per una città dell’inclusione e dei diritti sociali e di cittadinanza per tutti e tutte, riteniamo fondamentale partecipare a questa manifestazione.

 

È giunto il momento di chiudere quella stagione e di aprirne una nuova. Di chiudere i Cpt, di abrogare le leggi che fabbricano clandestinità ed esclusione, di riconoscere il diritto di voto e la libertà di circolazione, di fare finalmente un legge sul diritto d’asilo. Ma sarà possibile soltanto con la mobilitazione e la partecipazione della società civile. Ecco perché facciamo appello ai/alle migranti, alle forze sociali e politiche, ai cittadini e alle cittadine di Milano a partecipare alla manifestazione del 3 dicembre. 

 
3 DICEMBRE 2005
MANIFESTAZIONE NAZIONALE - ROMA

(ore 14.00 – p.zza della Repubblica)

 

treno da Milano: euro 30 – partenza da staz. Centrale ore 7.10 (appuntamento ore 6.40)

(ritorno ore 22.40 da Roma)
 

prenotazioni: 02.541781 – 02.55231531 – 02.58320431

 

Acea Onlus, Arci Milano, Arci Blob, Arciragazzi Milano, Arci Metromondo, Ass. Alfabeti Onlus, Ass. "Amici della casa Marta Larcher", Ass. Dimensioni Diverse, Ass. La Camera Chiara, Ass. Megachip Lombardia, Ass. Interculturale Todo Cambia, Attac Milano, Azad per la libertà del popolo kurdo, Bastaguerra Milano, Berretti Bianchi, Centro delle Culture, Comitato Pace Intercomunale exmagentino, Comunità kurda Milano, Coordinamento Bicocca per la Pace, CS Leoncavallo, Filef Lombardia, Fiom Milano, Marcia Mondiale delle Donne, Naga, newsletter Ecumenici, Opera Nomadi Milano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Umanista, SinCobas, Social Press, UnAltraLombardia, Verdi

 

Luciano Muhlbauer (cons. reg. Prc), Mario Agostinelli (cons. reg. Prc), Carlo Monguzzi (cons. reg. Verdi), Bebo Storti (cons. reg. PdCI), Piero Maestri (cons. prov. Prc), Gigi Malabarba (capogruppo Prc Senato), Vittorio Agnoletto (europarlamentare GUE – Sinistra unitaria europea), Augusto Rocchi (segr. Prc Milano), , Stefano Costa (portavoce Fed. Verdi Milano), Antonio Oldani (Assessore ai Problemi Immigrazione, Sedriano), Enrico Coviello (Assessore agli stranieri, S. Donato Mil.se), Luca Prini (capogruppo Prc, CdZ 3), Tommaso Vitale (Università di Milano Bicocca), Alberto Giasanti (Università Milano Bicocca), Maurizio Pagani (Opera Nomadi), Marco Bersani (Attac), Fabrizio Casavola (Mahala), Paolo Limonta (Azad), Roberto Firenze (resp. dip. movimenti Prc MI), Marco Dal Toso (resp. comm. giustizia e problemi dello stato Prc MI), Renato Pomari (direttivo Prc Monza)

 
Di Fabrizio (del 28/08/2008 @ 18:07:41 in musica e parole, visitato 2182 volte)

Su Rom Sinti @ Politica è apparso un post sulla presentazione alla Mostra di Venezia del film PA-RA-DA di Marco Pontecorvo, ambientato a Bucarest sulla storia (vera) di Milud e dei ragazzi di strada.
Ho ritrovato questa vecchia intervista (22 marzo 2004) ai ragazzi di Miloud, che penso possa interessare:

Premessa tratta dalla presentazione in italiano del progetto (a cura di COOPI)

A seguito della grave crisi economica e sociale attraversata dalla Romania all’inizio degli anni Novanta dopo la caduta del regime di Ceasescu, migliaia di bambini e di ragazzi sono scappati dalle loro famiglie o dagli orfanotrofi finendo sulle strade di Bucarest e del resto del paese, esposti alla solitudine, alla violenza e alla povertà assoluta. Nel 1992 il clown francese Miloud Oukili li ha incontrati nei canali sotterranei della capitale dove si rifugiavano la notte per sfuggire al freddo e alla pioggia.

Da allora Miloud non li ha più lasciati: li ha conquistati con arti del circo e attraverso la creazione della Fondazione Parada ha offerto loro assistenza medica, sostegno psicologico e un tetto…

Il centro diurno accoglie regolarmente centinaia di bambini e di giovani provenienti da diversi paesi della Romania ed è diventato un punto di riferimento importante per la città. Al suo interno si svolgono laboratori teatrali, atelier di clownerie, giocoleria e acrobazia.

Gli educatori inoltre forniscono ai ragazzi supporto psicologico e propongono corsi di formazione scolastica e professionale.

Due équipe di educatori incontrano quotidianamente i ragazzi che ancora vivono sulla strada offrendo loro ascolto, assistenza e un’opportunità educativa.

Negli appartamenti sociali i ragazzi che hanno scelto di abbandonare la strada possono organizzare la propria vita con regolarità, mantenendo la propria autonomia e seguendo progetti personalizzati concordati con gli educatori.

Interviste di Marta Rabbiosi e Fabrizio Casavola al termine dello spettacolo di sabato 20 marzo a ASSOCIAZIONE COLORE via Moncucco 29, MILANO

Zamfir Mia
Da quanto conosci Parada?


Da 12 anni sono col gruppo Parada. Allora vivevo per strada e ci siamo conosciuti lì. C’era una casa, era di Terres des Hommes, che ospitava bambini che vivevano in strada. Andavamo lì la mattina per fare teatro e disegno. Più tardi, ho conosciuto Miloud, che stava con noi tutto il giorno, ma con noi allora non faceva il pagliaccio – questo l’ho capito solo quando abbiamo cominciato a fare spettacoli. Adesso quella casa è stata chiusa dalla polizia, c’erano problemi con i vicini che vedevano tutti quei ragazzi che andavano avanti e indietro.

Io adesso lavoro con Parada e con un gruppo di francesi ho fatto un giornalino.

Sembra una rivista per ragazzi

No, nessun ragazzo comprerebbe un giornalino fatto e venduto da ragazzi di strada! Viene venduto agli adulti in abbonamento. Ci sono alcune cose che sembrano per bambini: qui si parla di Mowgli e del libro della giungla, perché anche lui era stato abbandonato e ha vissuto come un animale. Qui invece uno di noi parla di religione, lui si chiama Costantin, ve lo traduco: “Se non c’era Dio, non c’ero neanch’io… se Adamo ed Eva non avessero fatto peccato, non ci sarebbe stato nessuno di noi…” E poi c’è un mio articolo, dove su un foglio quello che faccio adesso e sull’altro ci sono le foto di com’ero prima.

Se volete riceverlo, richiedetelo a:
Echipa “Strada
Strada Jului, nr. 37
sect. 1 Bucuresti
0742 330392 stradaziar@poste.net

In questi 12 anni la situazione a Bucarest è cambiata?

Credo che i ragazzi per strada stiano aumentando, ma la polizia li va a prendere e li riporta alle famiglie o li rinchiude in carcere molto più di prima. Probabilmente è perché la Romania sta per entrare nella NATO. I canali di Bucarest sono stati sigillati, perché erano il rifugio preferito dei ragazzi di strada e di chi li usava per nascondere la refurtiva.

Qualcosa di importante è cambiato con Miloud. Vedete, io adesso sto facendo questa intervista, ma anche quando vivevo per la strada mi ricordo che si parlava molto di noi, tutti facevano solo parole! C’erano i giornalisti che ci cercavano e ci facevano parlare, ma poi tutto rimaneva come prima. Miloud invece, lui diceva una cosa e la faceva. Così ci ha dato da mangiare!

Dove sei stata con Parada?

In Francia a Bordeaux e poi a Milano. Ogni tour dura un mese. L’Italia l’ho vista molto, ma non mi ricordo tutti i paesi.

Da 12 anni fai teatro e ce l’hai nel sangue. Vorresti continuare o fare qualcos’altro?

Devo dire che in questi 12 anni, ogni tanto ho lasciato Parada e magari sono tornata alla vita di prima. Io sono così. Adesso vorrei lavorare anche con altre compagnie. Miloud lo sa. Ormai sono grande e se potessi lascerei lo spazio agli altri. Magari, iniziare io a lavorare coi bambini.

Cosa studiate a Bucarest?

Studiamo circo e teatro. Parliamo di com’era la nostra vita. I bambini imparano anche a leggere e a scrivere.

Ad aprile, ci sarà un nuovo centro con gli spazi per i laboratori teatrali e la scuola, ed ufficio per l’assistenza legale e per fare i documenti.

Daniel Porcescu
Tu nello spettacolo facevi anche il fachiro. Ci spieghi come si fa?


Mah… E’ una questione di concentrazione. Bisogna stare attenti…

Sei anche uno dei più vecchi di questo gruppo

Ho 28 anni. Io, Corinne e Rafael siamo tra i più vecchi. Sono con Parada da 4 anni, ma ho conosciuto Miloud quasi 12 anni fa.

Ho conosciuto solo mio padre, ma in quel periodo lo frequentavo poco ed ero sempre per la strada, non mi drogavo – non l’ho mai fatto, ma avevo bisogno di aiuto e così mi hanno trovato.

Dodici anni fa c’era un'altra organizzazione, Terres des Hommes e Miloud vi lavorava come volontario.

Cosa ti ha attirato di ciò che ti proponevano?

Ci sono diversi tipi di studio: giocoleria, acrobazia, clownerie, piramide, andare sul motociclo.

Comunque, noi andavamo al centro perché si stava tranquilli e sicuri, poi abbiamo iniziato per divertimento e mi ricordo che mi è piaciuto molto.

Ho iniziato con Parada che ero già grande, e da noi chi lavora col circo viene pagato pochissimo, a meno che non si sia dei veri professionisti di un grande circo.

Adesso lavoro come animatore.

Com’è il lavoro dell’animatore?

Da un anno c’è una squadra di tre/quattro persone con una ragazza francese e lavoriamo sulla strada e negli orfanotrofi. Facciamo circo, sport, disegno, ogni tanto andiamo al cinema.

Lo scorso dicembre c’è stata un’iniziativa chiamata “Decembre magique” e siamo andati a fare uno spettacolo negli orfanotrofi.

Ogni giorno usciamo a cercare ragazzi, di solito 2 o 3 ogni giorno.

In questo gruppo che è qua a Milano, ci sono due ragazzi piccoli, di 14 e 16 anni, è da un anno e mezzo che sto lavorando con loro e solo da tre mesi sono usciti dalla strada.

Voglio continuare a fare l’animatore.

Quanti siete in tutto?

Siamo 4 animatori oltre all’animatore francese. Per i ragazzi che frequentano le attività, non saprei essere preciso: non esistono gruppi stabili di ragazzi coinvolti, il loro numero cambia continuamente. Per esempio: un giorno ne troviamo 2 in una piazza, e il giorno dopo magari si sono spostati in un’altra zona, oppure hanno altro da fare e magari riagganciamo qualcuno che avevamo conosciuto un’altra volta.

C’è qualche viaggio che ti ricordi?

Neanch’io ricordo tutti i posti dove siamo stati: le tournee sono molto piene e difficilmente troviamo il tempo di fare qualche visita.

Ho fatto 10 tourneé: 7 in Italia, 2 in Francia e una a Mostar, in Bosnia Herzegovina. Sono stato molto contento di essere andato a Mostar, perché per noi è stato il segno che la guerra fosse veramente finita. Quello di Mostar era un progetto veramente grande, si chiamava “Carovana dell’acqua”, c’erano tante organizzazioni francesi con Miloud, gruppi italiani da Novara, Varese, Torino e circhi professionisti. L’ultimo spettacolo che abbiamo fatto a Mostar, al solito la platea era divisa con i cattolici da una parte e i musulmani dall’altra, ma alla fine applaudivano mischiati tutti assieme.

Emil … - assistente sociale del gruppo
Parlate tutti molto bene l’italiano

Sì, la lingua è simile e poi la perfezioniamo nelle tourneé. Inoltre, a Bucarest abbiamo rapporti non solo con i francesi, ma anche con molte organizzazioni italiane, COOPI ad esempio collabora col nostro progetto

Tu sei arrivato a Parada in un’altra maniera…

Non vengo dalla strada, me lo si legge in faccia! Ho studiato a Bucarest e come tutti cercavo qualcosa da fare, però volevo anche occuparmi degli altri in maniera seria.

Ho sentito parlare di Parada, questo gruppo di matti, e sono andato a vedere cosa c’era da fare. E’ stato 5 anni fa e da allora sto con Parada.

Il primo che ho conosciuto è stato Rafael, che oggi faceva il presentatore. Con lui e con gli altri nel tempo quella che all’inizio è un’amicizia spontanea e istintiva, diviene un rapporto vero e profondo, al di là dei ruoli reciproci.

Come si crea il rapporto con i ragazzi?

In realtà, il mio lavoro non ha molto a che fare con l’assistente sociale. Seguo i ragazzi nelle materie scolastiche e nelle uscite, principalmente il mio lavoro è parlare e farli parlare, metterli a confronto in ogni momento del giorno sui problemi che hanno avuto e che vogliono affrontare.

Verso le 7, le 8, raggiungo il centro e c’è da fare sino a mezzanotte, insomma è un lavoro serio e impegnativo.

Adesso disponiamo anche di un caravan, che gira per le strade per dare vestiti e assistenza sociale ai ragazzi abbandonati. La mattina lo adoperiamo per andare a cercare i ragazzi e qualche volta per portarli con noi al centro.

Anche per strada non mi presento come “assistente sociale”, ma chiedo: “chi sei, cosa fai?” e a loro volta mi chiedono chi sono io e cosa voglio da loro. Io gli dico che sono di Parada e non ho bisogno di dire altro, questo nome è conosciuto da tutti i ragazzi di strada. Loro sanno chi siamo e cosa facciamo, quindi se vogliono cominceranno a frequentare il centro. Anche al centro le regole e il lavoro sono chiari: succede anche che qualcuno appena arrivato mi chiede di partire in tournee, e gli dico: prima studia e poi vedremo…

Anche dopo lo spettacolo vi siete ritrovati a discutere

E’ un confronto diverso da quello che dicevo prima. In quel caso parliamo espressamente dello spettacolo che è appena terminato, cosa è andato bene e cosa si può migliorare. Questo pomeriggio è stata una riunione molto lunga.

I ragazzi di strada ci sono solo a Bucarest o anche nelle altre città?

Principalmente a Bucarest. Nelle altre città non è un fenomeno rilevante: di solito i ragazzi abbandonati vivono per un po’ di tempo nei pressi delle stazioni e appena possono raggiungono Bucarest, che vedono come una specie di La Mecca.

Ho sentito che gli altri dicevano che i ragazzi che vivono in strada stanno aumentando: io ho visto alcune statistiche (ma non so quanto siano veritiere) e sembra che invece stiano diminuendo. Anche la situazione sulla chiusura dei canali non è definita: la polizia li chiude per ragioni di sicurezza, ma spesso i ragazzi riescono a riaprire dei passaggi e tornano a rifugiarsi lì. Quello che può essere cambiato negli anni, è che prima i ragazzi di strada sopravvivevano per una specie di spirito di clan, che li univa e in parte serviva a proteggerli da loro stessi e dagli altri, mentre adesso ognuno è abbandonato a se stesso.

C’è qualche ragazzo che ha lasciato Parada per fare altro?

In 8 anni saranno stati una ventina. Manteniamo comunque i rapporti. Tutti hanno scelto un’attività in proprio. La maggior parte lavora nelle costruzioni o nel piccolo commercio, in regola con la legge e i suoi permessi.

Che altro dire? E’ dura, anche se una durezza differente dal vivere per strada.

Dopo intervista

· Con 10 euro al mese finanzi i laboratori di clownerie e giocoleria del centro diurno

· Con 25 euro al mese finanzi le attività del caravan notturno

· Con 50 euro al mese contribuisci allo stipendio di un educatore

· Con 100 euro al mese finanzi una borsa di studio per un ragazzo

NUMERO VERDE 800.11.77.55 – c.c. postale 142273 intestato a COOPI – Ragazzi di Bucarest
Tel./Fax 0376 73.00.77 ragazzi.Bucarest@coopi.org

 
Di Fabrizio (del 10/10/2008 @ 17:11:24 in musica e parole, visitato 1961 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

 Palazzolo Milanese Musica tzigana dal vivo con

I Muzikanti
Marta Pistocchi violino
Jovica Jovic fisarmonica

sabato 11 ottobre dalle 20.30

alla Trattoria 1902 via Coti Zelati 82 Palazzolo Milanese (MI)
Festa tzigana accompagnata da cena in prima serata. Dalle 22.00 inaugurazione del privè della trattoria 1902 con musiche e balli.
Menù tzigano 30 €, bevande della casa incluse. E' gradita la prenotazione.

Per raggiungerci arrivando da via Coti Zelati, oltrepassare la rete dei lavori in corso e parcheggiare all'interno della corte; da Senago superare il passaggio a livello e parcheggiare sulla strada di destra o sinistra. ACCESSO CONSENTITO SOLO AI CLIENTI DEL 1902

Vi aspettiamo!

Infoline: 02 99764689 - info@trattoria1902.it - www.trattoria1902.it

 
Di Fabrizio (del 20/05/2005 @ 15:55:32 in Italia, visitato 1710 volte)
da: Marta Rabbiosi

Negli ultimi tempi si sente parlare ogni tanto di via Capo Rizzuto. E' un'area piuttosto vasta di campi tra la via Gallarate e l'autostrada Milano-Torino.
Ciclicamente si riempie di insediamenti di baracche, in diversi punti. Io conosco da due anni e mezzo quello più grosso, denominato per semplicità "Il Bartolini" perché inizia lungo le mura di questa nota ditta di trasporti; nel suo cortile è sempre aperto un idrante a cui si riforniscono non solo gli abitanti di quel villaggio: anche dagli altri gruppi di baracche arrivano pazienti, con il carrello della spesa e un paio di bidoni da riempire.

Dallo scorso autunno le mie visite lì si sono molto diradate. Una piccola organizzazione è presente con continuità, e cerca di fare il possibile su più fronti. Io, d'altra parte, trovo molta difficoltà a relazionarmi con le persone che non sono chiare e non riesco ad instaurare con i "residenti" un rapporto costruttivo. Con le persone che ho conosciuto si fanno due chiacchiere cordialmente e morta lì.

Nelle mie rare visite di quest'anno ho proposto delle uscite con i bambini, e quattro-cinque me li hanno lasciati: si sono molto divertiti. Continuo peraltro a svolgere sostegno volontario una volta alla settimana presso la scuola elementare di zona ai due bambini che avevo iscritto due anni fa .Con l'eccezione di una sola altra nuova iscrizione, rimangono gli unici che frequentano la scuola, pur con numerose assenze. Nella stessa scuola lo scorso autunno sono stati peraltro inseriti alcuni bambini dal campo di via Triboniano, ed è un successo considerata la resistenza posta dalla direzione a i miei primi contatti di tempo fa.

Dal Bartolini invece continuano a non sentirne l'esigenza; quella di "bambino scuola" è una frase fatta perché sanno che è quello che vogliamo sentirci dire, ma al momento di venire al dunque saltano fuori le scuse, ormai standard anche quelle.
Questo mio contributo è molto, molto parziale. Piacerebbe anche a me che chiunque potesse fornire una visione più organica e precisa ci chiarisse le idee.

Articolo precedente
 
Di Fabrizio (del 06/07/2005 @ 14:33:31 in Italia, visitato 4069 volte)

segnalazione di Marta Rabbiosi <martarab @ libero . it>

oggi su Repubblica:


L'assessore Manca: "L'emergenza umanitaria è da considerarsi finita" 
Il Comune: da lunedì stop all'assistenza ai nomadi 
La Caritas: dormiranno da noi 

Il presidente della Provincia Penati: via i delinquenti ma aiutiamo i disperati  - di ORIANA LISO

quella di Domenica sarà l'ultima notte che i 76 rom sgomberati dal campo nomadi via Capo Rizzuto potranno passare nella sede della protezione civile di via Barzaghi. A partire da quella data, il Comune si chiamerà fuori dalla gestione diretta dell'emergenza nomadi. A dirlo è l'assessore alla Sicurezza Guido Manca: «Dopo questa settimana l'emergenza umanitaria è da considerarsi finita e quindi vanno a cessare le responsabilità dell'amministrazione comunale».

Un annuncio che riapre l'emergenza tamponata provvisoriamente anche grazie alla Casa della carità, dove i rom vengono ospitati di giorno e da dove, ogni sera, vengono accompagnati in pullman in via Barzaghi. E proprio dalla struttura di don Colmegna arriva un'altra soluzione tampone, che però rimanda solo di pochi giorni il problema: «Li terremo a dormire da noi - dice don Massimo Mapelli della Caritas - perché per strada non li possiamo lasciare. Ma solo nell'attesa che le istituzioni trovino una soluzione: per far posto a loro abbiamo bloccato gli ingressi, ma settanta posti sono già occupati dai nostri ospiti».

Così, se alla protezione civile di via Barzaghi considerano chiuso il problema, dall'altra parte non si ferma il balletto di responsabilità e polemiche tra Comune, Provincia e Regione. Palazzo Marino ribadisce un no deciso alla possibilità di aprire altri campi in città e rifiuta anche l'idea di destinare ai rom il giardino dell'ex psichiatrico Paolo Pini: «Nessuno, nemmeno don Colmegna a cui siamo affezionati può chiedere a Milano di aprire altre strutture: la mano sul cuore se la mettano ora i sindaci dell'hinterland, Sesto, Rozzano, San Donato». Anche il prefetto Bruno Ferrante richiama le amministrazioni comunali a un maggior coinvolgimento su un problema «che non riguarda solo Milano». Il prefetto auspica anche l'arrivo della Regione al tavolo della sicurezza sui nomadi. Una presenza sempre sollecitata dal presidente della Provincia Filippo Penati: «I cittadini si aspettano che le istituzioni si mettano d'accordo per cacciare i delinquenti, aiutare i disperati e sostenere le associazioni che già lo stanno facendo: per questo bisogna rilanciare l'idea di un piano metropolitano che affronti il problema della presenza dei nomadi sul territorio».

Dal Pirellone arriva un'apertura a partecipare al tavolo tra le istituzioni. Ma la Lega, con l'assessore regionale Davide Boni, inchioda la maggioranza alla linea dura contro i campi nomadi: ribadisce il no a qualsiasi finanziamento regionale. Di più, rilancia: «Abroghiamo la legge regionale sui nomadi». Legge che invece per i Ds va ripensata, ma in tutt'altra direzione. «La Regione stanzi fondi per i Comuni e gli enti che promuovono interventi per l'integrazione e il miglioramento delle condizioni di vita dei nomadi - dice il segretario milanese Franco Mirabelli - e si realizzi una consulta regionale con le amministrazioni locali e esperti in materia».

Inoltre sull'inserto che Repubblica pubblica ogni mercoledì con articoli estratti dal New York Times (non disponibile on-line), oggi c'è un interessante articolo sulla politica rumena a proposito di infanzia dal 1966 ad oggi.


 

 
Di Fabrizio (del 12/03/2010 @ 14:07:03 in musica e parole, visitato 1796 volte)

Segnalazione di Marta Pistocchi

sabato 13 marzo al LEONCAVALLO
"LA MAFIA NON ESISTE"
Fausto e Iaio son morti di vecchiaia

Dalle 21.30 dibattito pubblico con:
- Francesco Forgione, già Presidente della Commissione antimafia e autore del libro "Mafia Export"
- Mario Portanova, giornalista
- Avv. Ilaria Ramoni, Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie di Milano e provincia
- Mario Agostinelli, Consigliere regionale Lombardia
- Alberto Ibba, direttore editoriale della collana Verdenero di Ed. Ambiente

Dalle 23.00 concerto:
PARTO DELLE NUVOLE PESANTI E MUZIKANTI
(www.myspace.com/imuzikanti)

Nel corso della serata sarà possibile acquistare i prodotti della Cooperativa "Lavoro e Non Solo", cooperativa sociale di Corleone che lavora sui terreni confiscati .
Ingresso a sottoscrizione libera

L'appuntamento su Facebook

 
Di Fabrizio (del 04/08/2005 @ 14:02:25 in Italia, visitato 2893 volte)

Due estati fa, non sapevo neanche cosa fossero i blog. C'era questa pagina. Mi aveva contattato una ragazza, che da un po' di tempo faceva volontariato in un campo sosta e sul mio sito aveva letto qualcosa di interessante avvenuto 10 anni prima..

Ci incontrammo qualche volta, improvvisando un corso di formazione per animatori. Le feci conoscere un po' di persone che avrebbero potuto darle una mano. Poi, dovette cavarsela con le sue gambe.

In tutto questo tempo la voglia di lasciare è stata forte, ma Marta (questo il suo nome), deve avere una bella testa dura, e puntualmente riprende la sua attività al campo. Ci sentiamo spesso, e se fate attenzione, qualche volta trovate qualche sua cronaca da Milano.

Estate 2005, che passerò in città (e neanche un prete per chiacchierar). Anche i volontari nei campi a volte vanno in ferie. Ho telefonato a Marta e le ho chiesto se per agosto ci fosse bisogno di qualcuno. Mi sarebbe servito anche per avere il polso della situazione.

D'accordo, avrò forse qualche anno e qualche dolore di troppo, ma la volontà è quella di quando avevo iniziato, e l'esperienza non è qualcosa che si inventa... Mi son sentito più giovane di 15 anni!

Non è cambiato niente: arrivi e vieni sommerso da una torma di bambini e ragazzi, tra i 3 e i 15 anni, che vogliono giocare, toccarti, conoscerti e sono gelosi l'uno dell'altro, poi c'è la processione delle madri, che elencano tutti i loro problemi sperando che tu possa aiutarle. Si inizia sempre così, e far giocare o far studiare i bambini, significa distrarli dal picchiarsi tra di loro, quando vogliono attirare la tua attenzione.

Settimana scorsa, è saltato fuori un pallone da calcio, che rischiava di distruggere quel poco di equilibrio creatosi tra i gruppi. Invece, per una volta siamo riusciti a superare l'individualismo estremo che sino a quel momento mandava in vacca ogni attività. Quella banda scatenata, d'improvviso ha scoperto che era una squadra, con noiosi esercizi e mimando gli allenamenti. Ad un certo punto, prima di passare all'esercizio successivo, abbiamo messo ai voti se i più piccoli potessero ripetere i tiri che avevano sbagliato. Incredibile, ma i grandi hanno votato sì. E, nelle pause, seduti nel prato, raccontavo la storia di una squadra di calcio che è nata lì e vola in giro a vincere tornei per l'Europa. Con i dodicenni che ascoltavano a bocca aperta.

Ne ho poi parlato con Filippo Podestà, che ha scritto un libro su quella squadra nata in un campo nomadi e che vi ha raccontato le cronache dal torneo di Edimburgo. Ora che quella squadra è cresciuta, che raccoglie immigrati di ogni nazionalità, che ha vinto, hanno la necessità di riprendere i progetti che li hanno riuniti, ad esempio creare una nuova squadra di pulcini e tornare in quel campo che li ha visti nascere. La persona adatta per allenare, c'è, un argentino grande, grosso e che coi ragazzi saprebbe farci.

Restano, i soliti problemi irrisolti: trovare uno straccio di campetto per allenarsi, ad esempio. O ancora, essere tornati in Italia, con un'altra coppa tra le mani, e la sensazione che anche per i CAMPIONI non sia cambiato niente: le discussioni e le gelosie con i soci, le ditte che licenziano, i permessi di soggiorno da rinnovare, i figli che stanno per nascere...

Sperando, come tante altre volte, di compiere, assieme, un altro miracolo milanese.

 
Di Fabrizio (del 04/01/2010 @ 13:49:54 in musica e parole, visitato 1818 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

buon 2010 a tutti!
ecco l'occasione per prolungare i festeggiamenti, ascoltare e ballare buona muzika nell'attesa del natale e del capodanno ortodosso, che ancora han da venire! (ma soprattutto della prossima festa balcanica)

Muzikanti di Balval a Pregnana Milanese
5 gennaio 2010 Auditorium di via Varese 21
dalle ore 21
degustazione di piatti di diversi paesi
concerto di musica balcanica rom e danze gypsy fusion
organizzato dall'associazione La Sorgente e Di Più

vi aspettiamo

 
Di Fabrizio (del 13/02/2010 @ 11:46:30 in Italia, visitato 2735 volte)

Segnalazione di Giancarlo Ranaldi, da DirittiGlobali.it

E' il frutto della politica degli sgomberi di comune e prefettura, denunciano le associazioni che operano nel campo. ''È diventato il rifugio di chi è scappato dagli sgomberi''

MILANO - Nel 2007 il Comune di Milano ha eseguito una quarantina di sgomberi di campi nomadi più o meno piccoli. Dove sono finiti chi viveva in quelle baracche rase al suolo? Circa 600 hanno deciso di ricostruirsela alla Bovisa, in un terreno abbandonato fra i binari delle Ferrovie nord e via Bovisasca. "A settembre c'erano solo un centinaio di rom -spiega Valerio Pedroni, coordinatore dell'equipe di strada Segnavia dei padri Somaschi, che tre volte alla settimana assiste donne e bambini-. Negli ultimi due mesi sono aumentati a dismisura. È diventato il rifugio di chi è scappato dagli sgomberi". Ora le baracche sono circa 200 e secondo il censimento dei vigili urbani, eseguito il 26 febbraio, vi abitano 750 persone, quasi tutte romene, di cui 280 bambini e 200 donne. "È il frutto della politica degli sgomberi adottata dal Comune e dalla Prefettura", sottolinea Valerio Pedroni. Per il Comune di Milano ora è venuto il turno del campo della Bovisa. "Verranno effettuati continui e costanti allontanamenti da parte della polizia municipale con il supporto della polizia di Stato e dei Carabinieri", ha annunciato il 28 febbraio Riccardo De Corato, vicesindaco di Milano. Domani la commissione consigliare sulla sicurezza effettuerà un sopralluogo (vedi lancio successivo; ndr).

I rom della Bovisa non hanno acqua né luce. "Ogni due settimana portiamo donne e bambini a fare la doccia nelle strutture della fondazione Fratelli di San Francesco -racconta Valerio Pedroni-. Stiamo aiutando i bambini a inserirsi nelle scuole e abbiamo raccolto le preiscrizioni per il prossimo anno scolastico". L'equipe di Segnavia è formata da 4 operatori professionali e il progetto di assistenza è finanziato dalla Fondazione Cariplo.

Nel campo rom della Bovisa operano anche altre due associazioni. Il Naga, che con il suo camper di medici volontari visita due volte al mese la baraccopoli, e la Comunità di Sant'Egidio. "Ci sono famiglie che prima abitavano negli insediamenti di Chiaravalle, Bacula, Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo -spiega Marta Pepe, volontaria del Naga-. Si sono concentrati tutti qui ora anche perché hanno paura, temono rappresaglie e sperano che un campo così affollato non venga sgomberato". "Conosciamo sei famiglie che prima abitavano nel campo di Chiaravalle -racconta Elisabetta Cimoli di Sant'Egidio-. A metà giugno sono stati sgomberate e si sono spostate in via Rubattino. Il 29 gennaio nuovo sgombero e ora sono alla Bovisa". (dp)

Rom della Bovisa, domani il sopralluogo del comune di Milano
Andrea Fanzago (Pd): ''Con gli sgomberi si è solo spostato il problema delle baraccopoli, concentrandolo in un solo posto. La Giunta non ha programmato anche la ricollocazione delle persone che vivevano nei campi abusivi''

MILANO - Domani la commissione consigliare Sicurezza del Comune di Milano farà un sopralluogo al campo rom della Bovisa. "Con gli sgomberi si è solo spostato il problema delle baraccopoli, concentrandolo in un solo posto -afferma Andrea Fanzago, consigliere comunale del Partito democratico e membro della commissione-. La Giunta non ha voluto programmare anche la ricollocazione delle persone che vivevano nei campi abusivi". Per la maggioranza di Palazzo Marino nei confronti dei nomadi l'unica regola è quello della sottoscrizione del "patto di legalità e solidarietà". "Il principio è che chi vuole rispettare le regole può rimanere a Milano e certo una baraccopoli di questo genere non è accettabile -spiega Carmine Abagnale, vicepresidente della Commissione e consigliere di Forza Italia-. Non spetta a noi decidere l'eventuale sgombero del campo, ma al comitato sull'ordine e la sicurezza della Prefettura".

Ora la concentrazione di 700 rom in un solo campo, rende difficile ogni soluzione. "Dobbiamo iniziare un percorso di integrazione almeno con le famiglie che sono già seguite dalle associazioni che operano nel campo alla Bovisa -sottolinea Andrea Fanzago-. È importante che dal Comune arrivi un aiuto a coloro che vogliono mandare i figli a scuola, lavorare e costruirsi un futuro migliore". "Certo le famiglie che vogliono integrarsi vanno aiutate -aggiunge Carmine Abagnale-. Ma il problema è che la maggior parte invece vuole rimanere in quelle condizioni e dedicarsi ad attività illecite". (dp)

© Copyright Redattore Sociale

 
Di Fabrizio (del 12/07/2008 @ 11:35:51 in Italia, visitato 1910 volte)

VAKRIBEN* !
Giornata Rom all'insegna del dialogo interculturale in Europa
Università La Sapienza, P.le Aldo Moro, Roma – 17 Luglio 2008

17.30 TAVOLA ROTONDA Rom, sinti e camminanti: dall'esclusione all'integrazione europea

[Aula Amaldi, Dipartimento di Fisica]
Saluti:
Renato GUARINI, Rettore Università La Sapienza
Pier Virgilio DASTOLI, Direttore Rappresentanza in Italia della Commissione europea

Introduzioni:
Commissione europea
: Joachim OTT, Unità Azioni contro le Discriminazioni, DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità

Parlamento europeo: Roberta ANGELILLI (UEN), Marco CAPPATO (ALDE), Monica FRASSONI (VERDI), Viktoria MOHACSI (ALDE)
Onu: Marta GUGLIELMETTI, Referente Italia Campagna del Millennio

Testimonianze:
Roberta CIPOLLINI, Docente Facoltà di Sociologia, Università La Sapienza
Umiza HALILOVIC, Portavoce Villaggio Rom di Monte Mario
Mirko GRGA, Gruppo di lavoro CILAP/EAPN Italia partecipazione persone e povertà
Alexian Santino SPINELLI, Rappresentante per l'Italia dello European Roma and Travellers' Forum e Docente di Lingua e Cultura Romanì all'Università di Trieste
Pino PETRUZZELLI, Regista e attore, autore del libro "Non chiamarmi zingaro"
Sergio GIOVAGNOLI, Presidente ARCI Solidarietà Lazio ONLUS
Carlo DE ANGELIS, Presidente Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) Lazio

Modera il dibattito Angela MANGANARO, Giornalista Sole 24Ore

19.30 Buffet

21.00 Serata di cinema, musica e poesie
[Piazzale della Minerva, Università La Sapienza]

Proiezione del cortometraggio: "Treni strettamente riservati", realizzato da Fandango Film per l'Ufficio per l'Italia del Parlamento europeo. Presenterà il cortometraggio l'autore e regista Emanuele Scaringi

HOT CLUB DE ZAZZ, formazione musicale dedicata al musicista jazz Django Reinhardt
Lettura poesie Romanì da Alexian Santino SPINELLI
MUSICANTI RUDARI musica tradizionale e moderna di area balcanica
ALEXIAN GROUP musica romanì di diverse regioni del mondo

Una delegazione della Commissione europea e del Parlamento europeo visiterà venerdì 18 i campi Rom Salone, Casilino 900, Candoni e Martora

In collaborazione con:
Sapienza – Università di Roma – Parlamento europeo Ufficio per l'Italia – EAPN Arci Solidarietà – Ermes Cooperativa sociale Onlus -CNCA

Per ulteriori informazioni, contattare: Elena Montani, Elena.Montani@ec.europa.eu – 06.69999215

* Vakriben significa dialogo in lingua romanì

Rosella Conticchio Schirò
Commissione europea
Rappresentanza in Italia
Via IV Novembre, 149
00187 Roma
tel. + 39 06 69999 204
fax + 39 06 679 16 58
e-mail: Rosella.Conticchio-Schiro@ec.europa.eu
http://ec.europa.eu/italia

 
Di Fabrizio (del 12/06/2005 @ 11:30:18 in Italia, visitato 2837 volte)

GIOVEDI’ 16 GIUGNO 2005 – ORE 18.00

Piazza S.Babila

PRESIDIO – MANIFESTAZIONE

PER CHIUDERE I CPT

PER LA LIBERTA’ DI MOVIMENTO DELLE / DEI MIGRANTI

---------------------------

APPELLO ALLA CITTÀ DEMOCRATICA E ANTIRAZZISTA

 

A Milano esiste un “luogo” nascosto allo sguardo della città, protetto da muri di cemento alti tre metri che vorrebbero renderlo invisibile, e che vorrebbero cancellare dalla vita quotidiana della metropoli le donne e gli uomini che vi sono rinchiusi. Lo chiamano “Centri di permanenza temporanea e assistenza” (CPT), ma è un vero e proprio luogo della detenzione. Si trova in via Corelli, sotto la tangenziale est, che in quel punto è “difesa” dalla vista del Centro da paraventi di ferro.

Un CPT, ovvero una gabbia per uomini e donne, colpevoli solamente di esistere; persone che non hanno commesso alcun reato e che non hanno subito nessun processo, ma che ciononostante vengono rinchiuse e private della libertà personale fino a due mesi. Sono colpevoli unicamente di non essere cittadini comunitari, di aver varcato dei confini, di cercare una possibilità di vivere, di vivere meglio, di scegliere liberamente dove vivere; giudicate colpevoli di lavorare in nero, di non essere stati regolarizzati dai datori di lavoro; giudicate colpevoli di aver perso il lavoro e di non averne trovato un altro. Privi di documenti non risultano cittadini di alcun paese e, rinchiusi in un centro inaccessibile a chiunque, finiscono per scomparire in un buco nero.

Un CPT, l'assurdo di un mondo che abbatte ogni limitazione alla libera circolazione di merci, denaro, flussi finanziari, ma che teme l'idea che gli esseri umani si muovano sfuggendo al controllo.

In questo modo in Italia viviamo un doppio binario giuridico, che prevede, accanto al diritto ordinario, spazi di eccezione riservati a particolari categorie di persone. In tali spazi, che comportano una sorta di extraterritorialità all'interno del territorio dello stato nazionale, l'eccezione diventa la regola. La detenzione amministrativa nei CPT è l'istituto attraverso cui si è instaurata in Italia tale eccezione.

 

Da due mesi in via Corelli detenute e detenuti si sono ribellate/i: hanno protestato contro la violenza a cui sono sottoposte/i; hanno rifiutato le condizioni di vita che sono loro imposte; hanno contestato la logica stessa del CPT. Hanno chiesto a noi tutte/i di entrare, di verificare, di protestare – in un luogo dove l'accesso alle associazioni e agli enti di tutela è ostacolato soprattutto se avvertito come potenzialmente conflittuale; ci hanno detto: “come potete accettare questo luogo? In un paese democratico non possono esistere questi centri di detenzione!”

 

Noi dobbiamo rispondere al loro appello e per questo ci rivolgiamo alla Milano democratica, accogliente e antirazzista, perché non faccia cadere nel vuoto l’appello delle detenute e dei detenuti di via Corelli, perché si mobiliti e porti in tutta la città la loro voce e la voce di quelle/i che vogliono chiudere questa ferita aperta nella nostra città, vogliono chiudere il CPT e impedire che nello stesso luogo venga aperto il “Centro di Identificazione per richiedenti asilo”.

 

Una mobilitazione che sia l’occasione per un monitoraggio attivo nel centro, perché se oggi l'ingresso nei CPT è condizionato alla presenza di parlamentari o consiglieri regionali, noi riteniamo necessario operare una pressione politica affinché questo diritto venga esteso ad organismi indipendenti e svincolati da qualsiasi difficoltà o disposizioni governative: un monitoraggio che serva a mostrare alla pubblica opinione l'esistenza di luoghi in cui il diritto è sospeso e discrezionale.

Una mobilitazione che sia l’inizio di una nuova stagione di diritti per le donne e i gli uomini migranti, mai più sottoposti alle discriminazioni, mai più sottoposti al ricatto e alla disumanizzazione dei CPT.

 

Primi firmatari:

Milano Migrante: ARCI, CS Leoncavallo, SinCobas, Naga, Baggio Social Forum, Dimensioni Diverse – Fiom Milano – Attac Milano – Confederazione Cobas – Missionari Comboniani Castelvolturno - Lila Cedius Onlus – Centro Multietnico La Tenda – Arci Servizio Civile Milano – Arciragazzi – Arci Metromondo – Arci VarieAzioni - Socialpress - Tavolo Migranti – Comunità Kurda Milano – Bastaguerra Milano - Associazione Alfabeti Onlus – Salaam Ragazzi dell’Olivo Milano – Ecumenici – Ass. Amici della casa Marta Larcher – Opera Nomadi Milano - Giovani Comunisti - Partito della Rifondazione Comunista (Federazioni di Milano e Brianza) – Verdi  (più altre firme di singole/i)

 

Per informazioni e  adesioni: 333.4665107 – 338.4290610 – e.mail: lucmu@tin.it


PS: io ho aderito. Ci ritroviamo giovedi?

 

 

 
Di Fabrizio (del 14/10/2006 @ 10:46:46 in musica e parole, visitato 1632 volte)

Mercoledì 18/10/06 ore 21.00

PIAZZA 24 MAGGIO, 2 - Milano (c/o circolo arci Lato B)

LE DONNE VESTIVANO GONNE FIORITE

Visione: Le donne vestivano gonne fiorite (documentario). Sette donne rom di generazioni diverse si confrontano tra loro e con la società dei gagè, i non zingari. Regia Carlo Chiaramente – Prod. ARCI Lazio/Digital Desk
Interviene: Laura Di Martino – ARCI, Milano

E per concludere... la musica del gruppo rom
BANDA DEL VILLAGGIO SOLIDALE!

IL PROGRAMMA
Le donne vestivano gonne fiorite ci presenta storie di vita avvincenti e normali che scorrono sullo sfondo della periferia romana. Sette donne che si raccontano con ironia e spontaneità. Sette voci che intonano un canto intenso ed emozionante per mostrare la grande dignità delle donne rom alle prese con le difficoltà di tutti i giorni, il loro spirito d’iniziativa, la loro creatività, la loro tenacia.
La Banda del Villaggio Solidale: vorticose e coinvolgenti melodie gitane sprigionate dai violini, dalle fisarmoniche, dalle chitarre e dalle voci di otto musicisti rom.

GLI INTERVENTI
Laura Di Martino, del Circolo ARCI Blob di Arcore, collabora da tempo con la comunità rom di Trezzo sull’Adda.
Ciro Menale, dell’Associazione Identità Plurali, collabora con la Casa della Carità, dove segue la comunità rom di Via Capo Rizzuto ora ospite della Casa fondata da Don Virginio Colmegna, a seguito dello sgombero del campo. Si occupa in particolare delle attività della Banda del Villaggio Solidale.

Per contatti:
Marta Rubolini
Ufficio stampa Mondo Bongo – tel. 3332451580
marta.rubolini@gmail.com

Associazione Interculturale Todo Cambia
Piazza Ventiquattro maggio 2 - Milano - Italia
www.todocambia.org

 
Di Fabrizio (del 12/05/2006 @ 10:46:11 in casa, visitato 2764 volte)

Sul recente convegno dell'8 maggio, ricevo questa cronaca da Nando Sigona (in coda, portate pazienza, aggiungo una critica di Agostino Rota Martir):

Sunto e conclusioni
La tavola rotonda “Contrastare la segregazione abitativa e l’esclusione sociale di rom e sinti in Italia”, organizzata dallo European Roma Rights Centre (ERRC) e da OsservAzione – centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti, ha avuto luogo a Roma negli spazi del MACRO (Museo di Arte Contemporanea). All’incontro hanno partecipato rappresentanti del Consiglio d’Europa, delle autorità italiane e attivisti di organizzazioni rom e sinte, oltre che di gruppi di supporto, provenienti da tutta l’Italia. Nel contributo di apertura, Claude Cahn, direttore dell’ERRC, ha sottolineato l’importanza della decisione del Comitato Europeo per i Diritti Sociali nella vertenza ERRC contro Italia. La decisione, pubblicata a fine aprile, condanna lo Stato italiano per la violazione dell’articolo 31 (diritto alla casa) insieme all’articolo E (principi di anti-discriminazione) della Carta Sociale Europea come conseguenza di politiche e prassi discriminatorie che portano alla segregazione abitativa di rom e sinti. Nella decisione, il Comitato unanimemente dichiara che:
  • La carenza di spazi di sosta per i gruppi rom e sinti itineranti costituisce una violazione dell’articolo 31(1) della Carta Revisionata, letto insieme all’articolo E;
  • Gli sgomberi forzati e le altre sanzioni ad essi associati costituiscono una violazione dell’articolo 31(2) della Carta Revisionata, letto insieme all’articolo E;
  • La mancanza di soluzioni stabili per i rom e sinti sedentari costituisce una violazione degli articoli 31(1) e 31(3), letti insieme all’articolo E.

Alla tavola rotonda, il presidente del Comitato Europeo per i Diritti Sociali, Jean-Michel Belorgey, presentando la decisione del comitato sul reclamo collettivo dell’ERRC contro l’Italia, ha sottolineato che:

  • Rispetto all’applicabilità della Carta Europea Revisionata, gli Stati che hanno ratificato la Carta hanno l’obbligo di applicarla a tutti gli individui che vivono sui rispettivi territori senza riguardo al loro status giuridico. Il fatto che alcuni rom non abbiamo un regolare titolo di soggiorno in Italia non esime lo Stato italiano dal garantire loro le protezioni sancite dalla Carta.
  • Rispetto agli obblighi degli Stati parti della Carta Sociale Europea Revisionata, gli Stati hanno la responsabilità di assicurare che tali principi siano attuati senza riguardo per il fatto che, a causa della decentralizzazione delle strutture di governo del territorio, alcune funzioni particolari siano responsabilità di Comuni e Regioni;
  • Rispetto alla raccolta di statistiche, spetta agli Stati raccogliere regolarmente dati, inclusi dati disgregati secondo l’appartenenza etnica, che riguardano la situazione di quei gruppi ritenuti discriminati.
  • Rispetto alla proibizione di ogni forma di discriminazione razziale sancito dalla Carta, l’assenza di risposte specifiche da parte dello Stato per affrontare la situazione di rom e sinti costituisce una violazione degli obblighi degli Stati parti stabiliti dalla Carta.

Henry Scicluna, il coordinatore delle iniziative per rom e sinti del Consiglio d’Europa, e Adem Bejzak, presidente di Amalipé Romanó, associazione che riunisce i rom dell’area fiornetina, hanno sottolineato
l’importanza della partecipazione dei rom nella preparazione e realizzazione delle politiche rivolte al miglioramento della loro situazione.

Anche il professor Claudio Marta, rappresentante per l’Italia nel gruppo di esperti sulla questione rom del Consiglio d’Europa (MGS-Rom), ha evidenziato il ruolo della partecipazione e ha chiesto un maggiore coinvolgimento di rom e sinti nei processi decisionali.

I partecipanti alla tavola rotonda hanno chiesto la creazione di un Tavolo Nazionale per Rom e Sinti per coordinare gli interventi messi in campo localmente e valutare l’impatto di norme e politiche sulla vita di
queste comunità.

Casi e testimonianze di violazioni dei diritti fondamentali di rom e sinti in Italia da parte di attori istituzionali e non sono stati presentati da Nando Sigona e Lorenzo Monasta di OsservAzione, sulla base di uno studio condotto in numerose regioni italiane. Il rapporto “Cittadinanze Imperfette” (Edizioni Spartaco, 2006), che riassume i risultati dello studio, raccoglie nel dettaglio casi di esclusione e discriminazione di rom e sinti in ambito lavorativo, scolastico e abitativo. I dati raccolti dimostrano come molte politiche e prassi adottate dalle autorità italiane si fondano su un radicato anti-ziganismo. La nozione di “nomadismo”, imposta anche su persone che nomadi non sono, ha determinato una politica di segregazione dei rom dalla società maggioritaria e ostacolato la loro partecipazione.

Persistenti e diffusi stereotipi sullo “zingaro criminale”, secondo il professor Simoni del Network Europeo di Esperti Indipendenti sui Diritti Fondamentali, hanno prodotto effetti distorti e discriminatori
nell’applicazione della giustizia in sede processuale.

Guardando a possibili strategie per il futuro, i partecipanti hanno discusso possibili forme di cooperazione tra l’UNAR, ufficio nazionale anti-discriminazione razziale, e le associazioni impegnate nella difesa
dei diritti di rom e sinti. Antonio Giuliani dell’UNAR ha discusso della trasposizione della Direttiva Europea 43/2000 nel sistema italiano, evidenziando la possibilità per le associazioni a difesa dei diritti di
rom e sinti di agire in giudizio a difesa dei diritti individuali e collettivi.

Infine, i partecipanti hanno anche chiesto all’UNAR di avviare un’ampia consultazione con associazioni e esperti al fine di dettagliare una strategia volta ad affrontare i problemi di razzismo e discriminazione
contro rom e sinti in Italia.
 


European Roma Rights Center (ERRC) è un organizzazione internazionale di pubblico interesse impegnata in numerose attività dirette a contrastare le violazioni dei diritti umani dei rom e il razzismo, in particolare attraverso azioni legali strategiche, campagne di sensibilizzazione internazionali, ricerche e raccomandazioni alle autorità, formazione di attivisti rom. Per ulteriori informazioni: http://www.errc.org

OSSERVAZIONE - centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti, è un’associazione di promozione sociale impegnata in attività dirette alla lotta all’anti-ziganismo e alla promozione dei diritti umani di rom e sinti in Italia. Per ulteriori informazioni: http://www.osservazione.org

La tavola rotonda è stata realizzata con il supporto della commissione Europea come parte del progetto transnazionale finanziato dall’ EU Community Action Programme to Combat Discrimination e realizzato da International Helsinki Federation for Human Rights (IHF), European Roma Rights Centre (ERRC) e European Roma Information Office (ERIO) nel periodo 2005-2006.

Nando Sigona
osservAzione - Centro di Ricerca Azione contro la Discriminazione di Rom e Sinti
email: postmaster@osservazione.org
web: www.osservazione.org
 


Da Agostino Rota Martir: Un amico mi ha inviato il programma di questo convegno sui Rom e Sinti...dove nessun intervento dei diretti interessati è previsto. Ma non è una novità, purtroppo!
Come sempre, parlano gli "esperti" dei Rom per i Rom... quando poi c'è la Comunità Europea che finanzia i "furbetti" non mancano mai.
Ciao Ago
 
Di Sucar Drom (del 27/06/2007 @ 10:23:31 in blog, visitato 2672 volte)

Roma, il GRIS afferma: sono 7.900 i Rom e Sinti presenti nella Capitale
Nei giorni scorsi Il Giornale ha dato una notizia sorprendente: settemilanovecento Rom e Sinti vivono ufficialmente nei "campi" nella capitale. Il dato è stato certificato dal Gris (Gruppo Immigrati e Salute).
La ricerca rileva la presenza di 34 insediamenti ...

Milano, in via Triboniano è il caos
Situazione drammatica a Milano. Gli scontri e la desolazione di via Triboniano portano la città meneghina fuori dall'Europa. L'intransigenza delle Istituzioni nel sostenere un patto scellerato ha di fatto acceso la disperazione di uomini e donne, appartenenti alle minoranze Rom rumene.
Siamo all'inizio di una tragedia: o ...

Mantova, lutto colpisce le comunità sinte e rom italiane
Giovedì mattina, 21 giugno 2007, è venuta a mancare Dolores Carboni, una delle ultime testimoni del Porrajmos. Dolores Carboni è stata una delle prime sinte italiane che hanno raccontato le atrocità subite dalle popolazioni sinte e rom, durante il fascismo.
I racconti di Dolores Carboni, nata 91 anni fa a Pegognaga (MN), sono raccolti in diverse pubblicazioni, a partire dal libro "Porrajmo...

Roma, le associazioni e la discriminazione razziale
Nel quadro delle attività di sensibilizzazione e di formazione promosse dall'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) del Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, rientra, tra gli altri, il finanziamento del progetto dal titolo Contenuti e strumenti per la tutela in materia di discriminazi...

Mantova, se continueremo a vedere in quei bambini un pericolo..
Poche cose ci paiono odiose quanto il sarcasmo malevolo e generalizzato di un adulto contro bambini che non sono in grado di replicare con gli stessi strumenti. La lettera su “noi e i nomadi”, a firma Fredòn, comparsa sul quotidiano la "Gazzetta di Mantova" sabato 23 giugno, ha questa caratteristica.
Abbiamo lavorato piuttosto a lungo con i bambini del "campo" di via Learco Guerra nell’autu...

Firenze, Mercedes Frias interviene sui "patti sicurezza"
Bando sopra i Zingani e le Zingane del dì 3 novembre 1547 ab incarnatione: “L'illustrissimo ed eccellentissimo Signore il Sig.Duca di Fiorenza e per Sua Eccellentia Illustrissima li Magnifici Signori Otto di Guardia e Balia della città predetta, considerando di quanto danno sieno stati per il passato e di presente ancora sieno i Zingani e Zingane che si sono alloggiati e alloggiano appresso ...

Roma, sui letti del fiume...
"Lungo un sentiero che ci porta alla stazione colori e forme spuntano dietro una rete di telo e pareti di cartone. Entrando si scopre un piccolo villaggio composto da circa una dozzina di baracche che si affacciano con tappeti e stoffe ad uno spazio più ampio."
"Alcune persone e tanti bambini vivaci si sporgono incuriositi al nostro arrivo. Inizialmente timorosi, si lasciano ...

Gallarate (VA), coinvolgiamo i Sinti prima di decidere
"Campo nomadi", torna alla carica Ruggero Busellato, sindaco di Cavaria con Premezzo. Con una nota diffusa venerdì 22 giugno, il primo cittadino cavariese chiede conto al suo omologo di Gallarate, Nicola Mucci, delle voci circolate nelle ultime settimane circa il probabile (e ormai prossimo, dicono a Palazzo Borghi) trasferimento della comunità sinta dall’attuale sistemazione di via De M...

Rom e Sinti Insieme al XIII Meeting Internazionale Antirazzista
Le città sono attraversate oggi, più che in passato, da fenomeni sociali complessi derivanti dalla mobilità interna e internazionale. Milioni di persone sono alla ricerca di un futuro migliore o di protezione. Gli effetti dell’ingiustizia globale, delle guerre e dei conflitti tra gruppi hanno moltiplicato il numero di uomini e donne che si muovono da un punto all’altro della Terra.
Le città ...

Rom e Sinti, Amato rinuncia alla conferenza internazionale e convoca gli esperti
Il Ministro Amato ha di fatto revocato l'annunciata conferenza internazionale che si doveva tenere giovedì 28 giugno. Al suo posto si terrà un incontro di esperti, tra cui: Santino Spinelli, Claudio Marta e Leonardo Piasere. Sarà presente ...

 
Di Fabrizio (del 15/11/2007 @ 10:23:21 in blog, visitato 2771 volte)

Appello su Nazione Indiana, da far circolare

Violenza, propaganda e deportazione. Un manifesto di scrittori, artisti e intellettuali contro la violenza su rom, rumeni e donne

La storia recente di questo paese è un susseguirsi di campagne d’allarme, sempre più ravvicinate e avvolte di frastuono. Le campane suonano a martello, le parole dei demagoghi appiccano incendi, una nazione coi nervi a fior di pelle risponde a ogni stimolo creando “emergenze” e additando capri espiatori.
Una donna è stata violentata e uccisa a Roma. L’omicida è sicuramente un uomo, forse un rumeno. Rumena è la donna che, sdraiandosi in strada per fermare un autobus che non rallentava, ha cercato di salvare quella vita. L’odioso crimine scuote l’Italia, il gesto di altruismo viene rimosso.
Il giorno precedente, sempre a Roma, una donna rumena è stata violentata e ridotta in fin di vita da un uomo. Due vittime con pari dignità? No: della seconda non si sa nulla, nulla viene pubblicato sui giornali; della prima si deve sapere che è italiana, e che l’assassino non è un uomo, ma un rumeno o un rom.
Tre giorni dopo, sempre a Roma, squadristi incappucciati attaccano con spranghe e coltelli alcuni rumeni all’uscita di un supermercato, ferendone quattro. Nessun cronista accanto al letto di quei feriti, che rimangono senza nome, senza storia, senza umanità. Delle loro condizioni, nulla è più dato sapere.
Su queste vicende si scatena un’allucinata criminalizzazione di massa. Colpevole uno, colpevoli tutti. Le forze dell’ordine sgomberano la baraccopoli in cui viveva il presunto assassino. Duecento persone, tra cui donne e bambini, sono gettate in mezzo a una strada.
E poi? Odio e sospetto alimentano generalizzazioni: tutti i rumeni sono rom, tutti i rom sono ladri e assassini, tutti i ladri e gli assassini devono essere espulsi dall’Italia. Politici vecchi e nuovi, di destra e di sinistra gareggiano a chi urla più forte, denunciando l’emergenza. Emergenza che, scorrendo i dati contenuti nel Rapporto sulla Criminalità (1993-2006), non esiste: omicidi e reati sono, oggi, ai livelli più bassi dell’ultimo ventennio, mentre sono in forte crescita i reati commessi tra le pareti domestiche o per ragioni passionali. Il rapporto Eures-Ansa 2005, L’omicidio volontario in Italia e l’indagine Istat 2007 dicono che un omicidio su quattro avviene in casa; sette volte su dieci la vittima è una donna; più di un terzo delle donne fra i 16 e i 70 anni ha subito violenza fisica o sessuale nel corso della propria vita, e il responsabile di aggressione fisica o stupro è sette volte su dieci il marito o il compagno: la famiglia uccide più della mafia, le strade sono spesso molto meno a rischio-stupro delle camere da letto.
Nell’estate 2006 quando Hina, ventenne pakistana, venne sgozzata dal padre e dai parenti, politici e media si impegnarono in un parallelo fra culture. Affermavano che quella occidentale, e italiana in particolare, era felicemente evoluta per quanto riguarda i diritti delle donne. Falso: la violenza contro le donne non è un retaggio bestiale di culture altre, ma cresce e fiorisce nella nostra, ogni giorno, nella costruzione e nella moltiplicazione di un modello femminile che privilegia l’aspetto fisico e la disponibilità sessuale spacciandoli come conquista. Di contro, come testimonia il recentissimo rapporto del World Economic Forum sul Gender Gap, per quanto riguarda la parità femminile nel lavoro, nella salute, nelle aspettative di vita, nell’influenza politica, l’Italia è 84esima. Ultima dell’Unione Europea. La Romania è al 47esimo posto.
Se questi sono i fatti, cosa sta succedendo?
Succede che è più facile agitare uno spauracchio collettivo (oggi i rumeni, ieri i musulmani, prima ancora gli albanesi) piuttosto che impegnarsi nelle vere cause del panico e dell’insicurezza sociali causati dai processi di globalizzazione.
Succede che è più facile, e paga prima e meglio sul piano del consenso viscerale, gridare al lupo e chiedere espulsioni, piuttosto che attuare le direttive europee (come la 43/2000) sul diritto all’assistenza sanitaria, al lavoro e all’alloggio dei migranti; che è più facile mandare le ruspe a privare esseri umani delle proprie misere case, piuttosto che andare nei luoghi di lavoro a combattere il lavoro nero.
Succede che sotto il tappeto dell’equazione rumeni-delinquenza si nasconde la polvere dello sfruttamento feroce del popolo rumeno.
Sfruttamento nei cantieri, dove ogni giorno un operaio rumeno è vittima di un omicidio bianco.
Sfruttamento sulle strade, dove trentamila donne rumene costrette a prostituirsi, metà delle quali minorenni, sono cedute dalla malavita organizzata a italianissimi clienti (ogni anno nove milioni di uomini italiani comprano un coito da schiave straniere, forma di violenza sessuale che è sotto gli occhi di tutti ma pochi vogliono vedere).
Sfruttamento in Romania, dove imprenditori italiani - dopo aver “delocalizzato” e creato disoccupazione in Italia - pagano salari da fame ai lavoratori.
Succede che troppi ministri, sindaci e giullari divenuti capipopolo giocano agli apprendisti stregoni per avere quarti d’ora di popolarità. Non si chiedono cosa avverrà domani, quando gli odii rimasti sul terreno continueranno a fermentare, avvelenando le radici della nostra convivenza e solleticando quel microfascismo che è dentro di noi e ci fa desiderare il potere e ammirare i potenti. Un microfascismo che si esprime con parole e gesti rancorosi, mentre già echeggiano, nemmeno tanto distanti, il calpestio di scarponi militari e la voce delle armi da fuoco.
Succede che si sta sperimentando la costruzione del nemico assoluto, come con ebrei e rom sotto il nazi-fascismo, come con gli armeni in Turchia nel 1915, come con serbi, croati e bosniaci, reciprocamente, nell’ex-Jugoslavia negli anni Novanta, in nome di una politica che promette sicurezza in cambio della rinuncia ai principi di libertà, dignità e civiltà; che rende indistinguibili responsabilità individuali e collettive, effetti e cause, mali e rimedi; che invoca al governo uomini forti e chiede ai cittadini di farsi sudditi obbedienti.
Manca solo che qualcuno rispolveri dalle soffitte dell’intolleranza il triangolo nero degli asociali, il marchio d’infamia che i nazisti applicavano agli abiti dei rom.
E non sembra che l’ultima tappa, per ora, di una prolungata guerra contro i poveri.
Di fronte a tutto questo non possiamo rimanere indifferenti. Non ci appartengono il silenzio, la rinuncia al diritto di critica, la dismissione dell’intelligenza e della ragione.
Delitti individuali non giustificano castighi collettivi.
Essere rumeni o rom non è una forma di “concorso morale”.
Non esistono razze, men che meno razze colpevoli o innocenti.
Nessun popolo è illegale.

Per aderire on line qui.

Adesioni aggiornate alle 02.00 di giovedì 15 novembre 2007

Proposto da: Alessandro Bertante, Gianni Biondillo, Girolamo De Michele, Valerio Evangelisti, Giuseppe Genna, Helena Janeczek, Loredana Lipperini, Monica Mazzitelli, Marco Philopat, Marco Rovelli, Stefania Scateni, Antonio Scurati, Beppe Sebaste, Lello Voce, Wu Ming.

Primi firmatari: Fulvio Abbate - Maria Pia Ammirati - Manuela Arata - Bruno Arpaia - Articolo 21 - Rossano Astremo - Andrea Bajani - Nanni Balestrini - Guido Barbujani - Ivano Bariani - Giuliana Benvenuti - Silvio Bernelli - Stefania Bertola - Bernardo Bertolucci - Sergio Bianchi - Ginevra Bompiani - Carlo Bordini - Laura Bosio - Botto&Bruno - Silvia Bre - Enrico Brizzi - Luca Briasco - Elisabetta Bucciarelli - Franco Buffoni - Errico Buonanno - Lanfranco Caminiti - Rossana Campo - Maria Teresa Carbone - Massimo Carlotto- Lia Celi - Maria Corbi - Stefano Corradino - Mauro Covacich - Erri De Luca - Derive Approdi - Donatella Diamanti - Jacopo De Michelis - Filippo Del Corno - Mario Desiati - Igino Domanin - Tecla Dozio - Nino D’Attis - Francesco Forlani - Enzo Fileno Carabba - Ferdinando Faraò - Marcello Flores - Marcello Fois- - Barbara Garlaschelli - Enrico Ghezzi - Tommaso Giartosio - Lisa Ginzburg - Roberto Grassilli - Andrea Inglese - Franz Krauspenhaar - Kai Zen - Nicola Lagioia - Gad Lerner - Giancarlo Liviano - Claudio Lolli - Carlo Lucarelli - Marco Mancassola - Gianfranco Manfredi - Luca Masali - Sandro Mezzadra - Giulio Milani - Raul Montanari - Giuseppe Montesano - Elena Mora - Gianluca Morozzi - Giulio Mozzi - Moni Ovadia - Enrico Palandri - Chiara Palazzolo - Melissa Panarello - Valeria Parrella - Anna Pavignano - Lorenzo Pavolini - Giuseppe Pederiali - Sergio Pent - Santo Piazzese - Tommaso Pincio - Gabriella Piroli - Guglielmo Pispisa - Leonardo Pelo - Gabriele Polo - Andrea Porporati - Alberto Prunetti - Laura Pugno - Serge Quadruppani - Christian Raimo - Veronica Raimo - Franca Rame - Enrico Remmert - Marco Revelli - Ugo Riccarelli - Anna Ruchat - Roberto Saviano - Sbancor - Clara Sereni - Gian Paolo Serino - Nicoletta Sipos - Piero Sorrentino - Antonio Sparzani - Carola Susani - Stefano Tassinari - Annamaria Testa - Laura Toscano - Emanuele Trevi - Filippo Tuena - Raf Valvola Scelsi - Francesco Trento - Nicoletta Vallorani - Paolo Vari - Giorgio Vasta - Grazia Verasani - Sandro Veronesi - Marco Vichi - Roberto Vignoli - Simona Vinci - Yo Yo Mundi

Aderiscono: Silvia Acquistapace - Armando Adolgiso - Enzo Aggazio - Valerio Aiolli - Fiora Aiazzi - Loredana Aiello - Cristina Ali Farah - Max Amato - Cris Amico - Cinzia Ardigò -Roberto Armani -Paolo Arosio - Monia Azzalini - Eva Banchelli - Barbara Barni - Adriano Barone -Daniela Basilico- Simona Baldanzi - Barbara Balzarotti - Remo Bassini - Elisabeth Baumgartner - Sandro Bellassai - Gigi Bellavita - Francesca Bonelli - Violetta Bellocchio - Paola Bensi - Alessandro Beretta - Alberto Bertini - Donatella Bertoncini - Marco Bettini - Paolo Bianchi - Nicoletta Billi - Valter Binaghi - Enrico Blasi -Augusto Bonato - Emanuele Bonati - Valentina Bosetti - Nadia Bovino - Giovanni Bozzo - Anna Bressanin - Annarita Briganti - Luciano Brogi - Gianluca Bucci - Manuela Buccino - Giusi Buondonno - Leonardo Butelli - Domenico Cacapardo - Daniele Caluri - Nives Camisa - Maurizia Cappello - Paolo Capuzzo - Luigi Capecchi -Alessandro Capra - Carlo Carabba - Enrico Caria - Valentina Carnelutti - Eleonora Carpanelli - Guido Castaman - Silvia Castoldi - Ettore Calvello- Francesco Campanoni - Ernesto Castiglioni - Fabrizio Centofanti - Paola Chiavon - Marcello Cimino - Paolo Cingolani - Anselmo Cioffi - Beatrice Cioni - Francesca Corona - Stefano Corradino - Marina Crescenti - Vittorio Cartoni - Marcello D’Alessandra - Cristina D’Annunzio - Gabriele Dadati - Manuela Dall’Acqua - Paola D’Apollonio - Antonella De Luca - Patrizia Debicke van der Noot - Lello Dell’Ariccia - Paolo Delpino - Valentina Demelas- Chiara Desiderio - Prisca Destro- Francesco Di Bartolo - Chiara Dionisi - Martina Donati - Bruna Durante - Arturo Fabra- Marina Fabbri - Franco Fallabrino - Graziella Farina - Giulia Fazzi - Giorgia Fazzini - Raffaele Ferrara - David Fiesoli - Claudia Finetti - Maurizio Forte -Lissa Franco - Gabriella Fuschini - Daniela Gamba - Pupa Garriba - Walter Giordani - Viorica Guerri - Maria Nene Garotta - Luisa Gasbarri - Massimiliano Gaspari - Catia Gasparri - Valentina Gebbia - Lucyna Gebert- Silvana Giannotta -Angelica Grizi -Emiliano Gucci -Lello Gurrado - Francesca Koch - Rossella Kohler - Fabio Introzzi - Maria Rosaria La Morgia - Daniela Lampasona - Federica Landi - Loredana Lauri -Albertina La Rocca - Filippo Lazzarin - Sabina Leoni - Elda Levi - Mattea Lissia - Mariagrazia Lonza - Francesco Lo Piccolo - Giorgio Lulli - Monica Lumachi - Gordiano Lupi - Iseult Mac Call - Luca Maciocca- Giovanna Maiola - Alessandro Maiucchi- Ilaria Malagutti - Manuela Malchiodi - Felicetta Maltese - Emanuele Manco - Federica Manzon - Roger Marchi - Mauro Marcialis - Adele Marini - Gianluca Mascetti - Laura Mascia -Giusy Marzano- Anna Mascia - Mara Mattoscio - Stefano Mauri - Lorenzo Mazzoni - Ugo Mazzotta - Michele Mellara - Michele Meomartino- Camilla Miglio - Paola Miglio - Laura Mincer - Olek Mincer - Mauro Minervino - Roberto Mistretta- Giorgio Morale - Isabella Moroni - Elio Muscarella - Ettore Muscogiuri - Nino Muzzi - Rosario Nasti - No Reply - Giovanni Nuscis - Fabio Pagani - Dida Paggi - Valentina Paggi - Iulia Claudia Panescu - Rafael Pareja - Enrico Pau- Simonetta Pavan - Monica Pavani - Alessandra Pelegatta - Graziella Perin - Bruna Perraro - Seba Pezzani - Alessandro Piva- Serena Polizzi - Massimo Polizzi - Francesca Pollastro - Alessia Polli - Sabrina Poluzzi - Nicola Ponzio - Anna Porcu - Kiki Primatesta - Salvatore Proietti - Maddalena Pugno - Andrea Rapini - Vincent Raynaud -Paolo Reda - Luigi Reitani - Jan Reister- Sergio Rilletti - Mirella Renoldi - Patrizia Riva - Monica Romanò - Alessandro Rossi - Grazia Rossi - Luisa Rossi - Marta Salaroli - Carlo Salvioni - Ida Salvo - Bianca Sangiorgio - Veronica Alessandra Scudella - Maria Serena Sapegno - Simone Sarasso - Dimitri Sardini - Monica Scagnelli - Angela Scarparo - Gabriella Schina - Elvezio Sciallis - Marinella Sciumè - Matteo Severgnini - Michèle Sgro - Carlo Arturo Sigon - Genziana Soffientini - Crio Spagnolo - Mario Spezi - Mila Spicola - Susi Sacchi - Mariagrazia Servidati - Mattia Signorini - Luigia Sorrentino - Stalker/Osservatorio nomade - Claudia Stra’ - Luigi Taccone - Giorgio Tinelli - Veronica Todaro - Eugenio Tornaghi - Umberto Torricelli - Sara Tremolada - Renato Trinca - Nadia Trinei - Roberto Tumminelli -Tonino Urgesi - Sasa Vulicevic - Angela Valente - Roberto Valentini - Maria Luisa Venuta - Selene Verri - Diego Zandel - Salvo Zappulla

 
Di Fabrizio (del 17/06/2008 @ 10:09:43 in Kumpanija, visitato 1463 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

ciao,
questa è una lettera aperta a tutti gli amici dei Muzikanti ed in particolare di Jovica Jovic.
Fatela girare se lo ritenete opportuno e se credete che possa aiutarci.

Alcuni di voi già sanno che Jovica sta attraversando un difficile periodo della sua vita nel quale, tra le altre cose, sta cercando di regolarizzare la propria posizione in Italia.
Il momento politico, ahinoi si sa, non è è favorevole e le difficoltà che il nostro fisarmonicista sta incontrando sono molte; nonostante ciò crediamo nella possibilità di riuscire nel nostro intento.
La richiesta inoltrata tempo fa al Ministero della Cultura per avere il musicista Jovica in Italia è difatti andata a buon fine e il ministero ha rilasciato il Nulla Osta che permette l'ingresso alla frontiera italiana; questo ottimo risultato viene vanificato però da un altro provvedimento nei confronti di Jovica, un mandato di espulsione dovuto all'accertamento della sua posizione irregolare sul territorio italiano, precedente al Nulla Osta.

Per proseguire sulla strada della regolarizzazione Jovica ha bisogno del sostegno di uno studio legale, il che implica delle alte spese che la sua famiglia non può permettersi.
Per questo ci stiamo rivolgendo a voi, nella speranza di riuscire a creare una rete di persone che vuol bene a Jovica, che ne riconosce il valore di uomo e musicista ed è disponibile a dare il proprio contributo (economico ma non solo) per sostenere la causa del miglior fisarmonicista serbo di Milano.
Vi propongo di venirci a trovare venerdì 20 giugno (questo) alle Pecore -via fiori chiari 21- noi suoneremo dalle 22, ma vi aspettiamo anche da prima. Sarà un'occasione per incontrarci, informarci, raccogliere suggerimenti e forze, ed infine ringraziarvi a suon di musica e balli.
Per chi non potesse venire venerdì ma vorrebbe comunque aiutare Jovica, e per tutti quelli che vogliono saperne di più e meglio vi invito a scrivere a questo indirizzo: Ivana ivanak011@tiscali.it, che come sempre ci aiuta e ci sostiene e ci ama e che io ringrazio con tutto il cuore.
Spero di avere una calorosa risposta da tutti voi
a venerdì
marta

 
Di Fabrizio (del 16/12/2006 @ 10:04:04 in Europa, visitato 1596 volte)
A Bucarest si stanno festeggiando i 10 anni della nascita di Parada, la scuola di clown di Miloud. Ripropongo un'intervista effettuata qualche anno fa, durante una tournee a Milano:

Premessa tratta dalla presentazione in italiano del progetto (a cura di COOPI)

A seguito della grave crisi economica e sociale attraversata dalla Romania all’inizio degli anni Novanta dopo la caduta del regime di Ceasescu, migliaia di bambini e di ragazzi sono scappati dalle loro famiglie o dagli orfanotrofi finendo sulle strade di Bucarest e del resto del paese, esposti alla solitudine, alla violenza e alla povertà assoluta. Nel 1992 il clown francese Miloud Oukili li ha incontrati nei canali sotterranei della capitale dove si rifugiavano la notte per sfuggire al freddo e alla pioggia.

Da allora Miloud non li ha più lasciati: li ha conquistati con arti del circo e attraverso la creazione della Fondazione Parada ha offerto loro assistenza medica, sostegno psicologico e un tetto…

Il centro diurno  accoglie regolarmente centinaia di bambini e di giovani provenienti da diversi paesi della Romania ed è diventato un punto di riferimento importante per la città. Al suo interno si svolgono laboratori teatrali, atelier di clownerie, giocoleria e acrobazia.

Gli educatori inoltre forniscono ai ragazzi supporto psicologico e propongono corsi di formazione scolastica e professionale.

Due équipe di educatori incontrano quotidianamente i ragazzi che ancora vivono sulla strada offrendo loro ascolto, assistenza e un’opportunità educativa.

Negli appartamenti sociali i ragazzi che hanno scelto di abbandonare la strada possono organizzare la propria vita con regolarità, mantenendo la propria autonomia e seguendo progetti personalizzati concordati con gli educatori.

  

Interviste di Marta Rabbiosi e Fabrizio Casavola al termine dello spettacolo di sabato 20 marzo a ASSOCIAZIONE COLORE via Moncucco 29, MILANO

Zamfir Mia

Da quanto conosci Parada?

Da 12 anni sono col gruppo Parada. Allora vivevo per strada e ci siamo conosciuti lì. C’era una casa, era di Terres des Hommes, che ospitava bambini che vivevano in strada. Andavamo lì la mattina per fare teatro e disegno. Più  tardi, ho conosciuto Miloud, che stava con noi tutto il giorno, ma con noi allora non faceva il pagliaccio – questo l’ho capito solo quando abbiamo cominciato a fare spettacoli. Adesso quella casa è stata chiusa dalla polizia, c’erano problemi con i vicini che vedevano tutti quei ragazzi che andavano avanti e indietro.

Io adesso lavoro con Parada e con un gruppo di francesi ho fatto un giornalino.

Sembra una rivista per ragazzi

No, nessun ragazzo comprerebbe un giornalino fatto e venduto da ragazzi di strada! Viene venduto agli adulti in abbonamento. Ci sono alcune cose che sembrano per bambini: qui si parla di Mowgli e del libro della giungla, perché anche lui era stato abbandonato e ha vissuto come un animale. Qui invece uno di noi parla di religione, lui si chiama Costantin, ve lo traduco: “Se non c’era Dio, non c’ero neanch’io… se Adamo ed Eva non avessero fatto peccato, non ci sarebbe stato nessuno di noi…” E poi c’è un mio articolo, dove su un foglio quello che faccio adesso e sull’altro ci sono le foto di com’ero prima.

Se volete riceverlo, richiedetelo a:

Echipa “Strada

Strada Jului, nr. 37

sect. 1 Bucuresti

0742 330392 stradaziar@poste.net

In questi 12 anni la situazione a Bucarest è cambiata?

Credo che i ragazzi per strada stiano aumentando, ma la polizia li va a prendere e li riporta alle famiglie o li rinchiude in carcere molto più di prima. Probabilmente è perché la Romania sta per entrare nella NATO. I canali di Bucarest sono stati sigillati, perché erano il rifugio preferito dei ragazzi di strada e di chi li usava per nascondere la refurtiva.

Qualcosa di importante è cambiato con Miloud. Vedete, io adesso sto facendo questa intervista, ma anche quando vivevo per la strada mi ricordo che si parlava molto di noi, tutti facevano solo parole!  C’erano i giornalisti che ci cercavano e ci facevano parlare, ma poi tutto rimaneva come prima. Miloud invece, lui diceva una cosa e la faceva.  Così ci ha dato da mangiare!

 Dove sei stata con Parada?

In Francia a Bordeaux e poi a Milano. Ogni tour dura un mese. L’Italia l’ho vista molto, ma non mi ricordo tutti i paesi.

Da 12 anni fai teatro e ce l’hai nel sangue. Vorresti continuare o fare qualcos’altro?

Devo dire che in questi 12 anni, ogni tanto ho lasciato Parada e magari sono tornata alla vita di prima. Io sono così. Adesso vorrei lavorare anche con altre compagnie. Miloud lo sa. Ormai sono grande e se potessi lascerei lo spazio agli altri. Magari, iniziare io a lavorare coi bambini.

Cosa studiate a Bucarest?

Studiamo circo e teatro. Parliamo di com’era la nostra vita. I bambini imparano anche a leggere e a scrivere.

Ad aprile, ci sarà un nuovo centro con gli spazi per i laboratori teatrali e la scuola, ed ufficio per l’assistenza legale e per fare i documenti.

 

Daniel Porcescu

Tu nello spettacolo facevi anche il fachiro. Ci spieghi come si fa?

Mah… E’ una questione di concentrazione. Bisogna stare attenti…

Sei anche uno dei più vecchi di questo gruppo

Ho 28 anni. Io, Corinne e Rafael siamo tra i più vecchi. Sono con Parada da 4 anni, ma ho conosciuto Miloud quasi 12 anni fa.

Ho conosciuto solo mio padre, ma in quel periodo lo frequentavo poco ed ero sempre per la strada, non mi drogavo – non l’ho mai fatto, ma avevo bisogno di aiuto e così mi hanno trovato.

Dodici anni fa c’era un'altra organizzazione, Terres des Hommes e Miloud vi lavorava come volontario.

Cosa ti ha attirato di ciò che ti proponevano?

Ci sono diversi tipi di studio: giocoleria, acrobazia, clownerie, piramide, andare sul motociclo.

Comunque, noi andavamo al centro perché si stava tranquilli e sicuri, poi abbiamo iniziato per divertimento e mi ricordo che mi è piaciuto molto.

Ho iniziato con Parada che ero già grande, e da noi chi lavora col circo viene pagato pochissimo, a meno che non si sia dei veri professionisti di un grande circo.

Adesso lavoro come animatore.

Com’è il lavoro dell’animatore?

Da un anno c’è una squadra di tre/quattro persone con una ragazza francese e lavoriamo sulla strada e negli orfanotrofi. Facciamo circo, sport, disegno, ogni tanto andiamo al cinema.

Lo scorso dicembre c’è stata un’iniziativa chiamata “Decembre magique” e siamo andati a fare uno spettacolo negli orfanotrofi.

Ogni giorno usciamo a cercare ragazzi, di solito 2 o 3 ogni giorno.

In questo gruppo che è qua a Milano, ci sono due ragazzi piccoli, di 14 e 16 anni, è da un anno e mezzo che sto lavorando con loro e solo da tre mesi sono usciti dalla strada.

Voglio continuare a fare l’animatore.

Quanti siete in tutto?

Siamo 4 animatori oltre all’animatore francese. Per i ragazzi che frequentano le attività, non saprei essere preciso: non esistono gruppi stabili di ragazzi coinvolti, il loro numero cambia continuamente. Per esempio: un giorno ne troviamo 2 in una piazza, e il giorno dopo magari si sono spostati in un’altra zona, oppure hanno altro da fare e magari riagganciamo qualcuno che avevamo conosciuto un’altra volta.

C’è qualche viaggio che ti ricordi?

Neanch’io ricordo tutti i posti dove siamo stati: le tournee sono molto piene e difficilmente troviamo il tempo di fare qualche visita.

Ho fatto 10 tourneé: 7 in Italia, 2 in Francia e una a Mostar, in Bosnia Herzegovina. Sono stato molto contento di essere andato a Mostar, perché per noi è stato il segno che la guerra fosse veramente finita. Quello di Mostar era un progetto veramente grande, si chiamava “Carovana dell’acqua”, c’erano tante organizzazioni francesi con Miloud, gruppi italiani da Novara, Varese, Torino e circhi professionisti. L’ultimo spettacolo che abbiamo fatto a Mostar, al solito la platea era divisa con i cattolici da una parte e i musulmani dall’altra, ma alla fine applaudivano mischiati tutti assieme.

 

Emil … - assistente sociale del gruppo

Parlate tutti molto bene l’italiano

Sì, la lingua è simile e poi la perfezioniamo nelle tourneé. Inoltre, a Bucarest abbiamo rapporti non solo con i francesi, ma anche con molte organizzazioni italiane, COOPI ad esempio collabora col nostro progetto

Tu sei arrivato a Parada in un’altra maniera…

Non vengo dalla strada, me lo si legge in faccia! Ho studiato a Bucarest e come tutti cercavo qualcosa da fare, però volevo anche occuparmi degli altri in maniera seria.

Ho sentito parlare di Parada, questo gruppo di matti, e sono andato a vedere cosa c’era da fare. E’ stato 5 anni fa e da allora sto con Parada.

Il primo che ho conosciuto è stato Rafael, che oggi faceva il presentatore. Con lui e con gli altri nel tempo quella che all’inizio è un’amicizia spontanea e istintiva, diviene un rapporto vero e profondo, al di là dei ruoli reciproci.

Come si crea il rapporto con i ragazzi?

In realtà, il mio lavoro non ha molto a che fare con l’assistente sociale. Seguo i ragazzi nelle materie scolastiche e nelle uscite, principalmente il mio lavoro è parlare e farli parlare, metterli a confronto in ogni momento del giorno sui problemi che hanno avuto e che vogliono affrontare.

Verso le 7, le 8, raggiungo il centro e c’è da fare sino a mezzanotte, insomma è un lavoro serio e impegnativo.

Adesso disponiamo anche di un caravan, che gira per le strade per dare vestiti e assistenza sociale ai ragazzi abbandonati. La mattina lo adoperiamo per andare a cercare i ragazzi e qualche volta per portarli con noi al centro.

Anche per strada non mi presento come “assistente sociale”, ma chiedo: “chi sei, cosa fai?” e a loro volta mi chiedono chi sono io e cosa voglio da loro. Io gli dico che sono di Parada e non ho bisogno di dire altro, questo nome è conosciuto da tutti i ragazzi di strada. Loro sanno chi siamo e cosa facciamo, quindi se vogliono cominceranno a frequentare il centro. Anche al centro le regole e il lavoro sono chiari: succede anche che qualcuno appena arrivato mi chiede di partire in tournee, e gli dico: prima studia e poi vedremo…

Anche dopo lo spettacolo vi siete ritrovati a discutere

E’ un confronto diverso da quello che dicevo prima. In quel caso parliamo espressamente dello spettacolo che è appena terminato, cosa è andato bene e cosa si può migliorare. Questo pomeriggio è stata una riunione molto lunga.

I ragazzi di strada ci sono solo a Bucarest o anche nelle altre città?

Principalmente a Bucarest. Nelle altre città non è un fenomeno rilevante: di solito i ragazzi abbandonati vivono per un po’ di tempo nei pressi delle stazioni e appena possono raggiungono Bucarest, che vedono come una specie di La Mecca.

Ho sentito che gli altri dicevano che i ragazzi che vivono in strada stanno aumentando: io ho visto alcune statistiche (ma non so quanto siano veritiere) e sembra che invece stiano diminuendo. Anche la situazione sulla chiusura dei canali non è definita: la polizia li chiude per ragioni di sicurezza, ma spesso i ragazzi riescono a riaprire dei passaggi e tornano a rifugiarsi lì. Quello che può essere cambiato negli anni, è che prima i ragazzi di strada sopravvivevano per una specie di spirito di clan, che li univa e in parte serviva a proteggerli da loro stessi e dagli altri, mentre adesso ognuno è abbandonato a se stesso.

C’è qualche ragazzo che ha lasciato Parada per fare altro?

In 8 anni saranno stati una ventina. Manteniamo comunque i rapporti. Tutti hanno scelto un’attività in proprio. La maggior parte lavora nelle costruzioni o nel piccolo commercio, in regola con la legge e i suoi permessi.

Che altro dire? E’ dura, anche se una durezza differente dal vivere per strada.

 

Dopo intervista

·          Con 10 euro al mese finanzi i laboratori di clownerie e giocoleria del centro diurno

·          Con 25 euro al mese finanzi le attività del caravan notturno

·          Con 50 euro al mese contribuisci allo stipendio di un educatore

·          Con 100 euro al mese finanzi una borsa di studio per un ragazzo

 

NUMERO VERDE 800.11.77.55 – c.c. postale 142273 intestato a COOPI – Ragazzi di Bucarest

Tel./Fax 0376 73.00.77 ragazzi.Bucarest@coopi.org

 
Di Fabrizio (del 13/10/2007 @ 09:59:08 in Kumpanija, visitato 2328 volte)

Dove:  presso il Pub "Le Pecore" in Via Fiori Chiari 21, a Milano

Cosa:

Lunedì 15 ottobre ore 21 Introduzione della settimana Rom con proiezione di video, cui segue l’intervento di MONI OVADIA

Martedì 16 ottobre ore 21 Concerto dei Rhapsodija Trio e di un gruppo di musicisti rom

Mercoledì 17 ottobre ore 20.30 Proiezione del documentario OPERA GAGIA; confronto aperto al pubblico con TOMMASO VITALE, ricercatore Università Bicocca, ANTONIO BOCOLA, regista del documentario, esponenti delle comunità rom

Giovedì 18 ottobre ore 17 Favole rom per bambini gagi e rom Ore 21 Concerto del gruppo MUZIKANTI

Venerdì 19 ottobre ore 21 ROM CABARET, con Dijana Pavlovic, Marta Pistocchi, Jovica Jovic

Sabato 20 ottobre ore 21 Proiezione di immagini appena raccolte in Romania da Marilisa Cosello e Alessandro Stellari. Finale con intervento di DARIO FO

Nel locale saranno esposta per tutto il periodo una mostra fotografica e sarà visibile un’istallazione audio/video di Valeria Fondi Di Pietro.

Il programma e le eventuali variazioni sono consultabili su www.lepecore.com

 

Le ragioni:

In questi ultimi mesi sono stati effettuati 32 sgomberi di campi rom abusivi nel Milanese. Si tratta di rom rumeni che dal 1 gennaio di quest’anno sono cittadini europei e hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri di tutti gli altri cittadini europei, come noi; quindi non possono essere rispediti nel loro paese se non a determinate condizioni. Si è così creata una situazione senza sbocco: sgomberati da qui, questi uomini con le loro donne, i loro bambini e le quattro cose che hanno salvato si spostano più in là. Da un punto all’altro, da uno sgombero all’altro.

Oggi ci sono tra 5 e 600 rom che vagano per Milano e provincia vivendo come possono.

Questa scelta non è dettata, se non a parole, da ragioni di sicurezza. Infatti, non c’è dubbio che sia più sicura una situazione in cui queste comunità si trovino sotto controllo con gli uomini che non perdono il lavoro e i bambini che non perdono la scuola a causa dei continui sgomberi.

Saranno poi le forze dell'ordine e il sistema di giustizia ad occuparsi, ognuno nella propria funzione istituzionale, dei casi da loro ritenuti perseguibili.

Sarebbe saggio sospendere questa scelta che porta solo tensione e sgomberare, come avveniva fino a pochi mesi fa, solo dopo aver trovato soluzioni che rispettino la dignità e la condizione umana dei rom e poi guardare un po’ più lontano, a una strategia che costruisca un quadro di certezze per tutti, cittadini italiani e comunità rom, con una politica concordata di processi di inserimento reale nel mondo lavorativo, scolastico e sociale.  

I “campi nomadi” producono malattia, disoccupazione, devianza, induzione alla criminalità, conflitti sociali: effetti tipici del disagio sociale diffuso. Bisogna quindi abbandonare la logica dei campi e prevedere, come è avvenuto e avviene in molti altri Paesi, ma anche in Italia, inserimento sociale, lavorativo ed abitativo adeguato, come anche per i rifugiati e richiedenti asilo.

Noi crediamo che una politica responsabile e degna di un Paese civile non debba inseguire il malcontento, il disagio e anche il pregiudizio, ma costruire le condizioni di diritti e doveri uguali per tutti per una convivenza pacifica e rispettosa delle diverse culture.

Ci sembra importante prima di tutto conoscere questo popolo, la sua cultura, le sue tradizioni, anche la sua storia con le lunghe persecuzioni fino ai campi di concentramento; un popolo pacifico che non ha mai fatto una guerra ed è distribuito in tutta Europa, unico vero popolo europeo. Se si cercano i modi per comunicare con loro, si può forse avere una idea diversa da quella che si fonda sull’ignoranza e sul pregiudizio.

Questo ci aiuta a considerarli per quello che sono, esseri umani come noi, in cerca, come noi, di un po’ di benessere e di felicità che nei luoghi dai quali provengono sono loro negati. E come esseri umani non possono essere abbandonati nel degrado nel quale vengono cacciati.

Ora che arriva l’inverno le loro condizioni diventano tragiche: basti pensare ai bambini, alle donne, molte delle quali incinte. Un primo segno di umanità nei loro confronti deve essere quello di rendere la loro vita materiale meno precaria e offrendo loro un ricovero decoroso almeno per superare una stagione che sarà dura e difficile.

LE ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO:

Il Naga è un'associazione di volontariato laica e apartitica, costituita a Milano nel 1987 allo scopo di promuovere solidarietà e interventi socio- assistenziali in difesa dei diritti sanitari e legali  di immigrati temporaneamente presenti, rifugiati politici e Rom, senza alcuna discriminazione di razza, religione, partito. www.naga.it

L’Opera Nomadi si configura come un'associazione apartitica e aconfessionale; dal 1970 è elevata a Ente Morale Nazionale. L'Associazione è nata dalla consapevolezza che fosse necessario un movimento di volontari organizzato per promuovere interventi atti a togliere gli zingari o gruppi di origine nomade dalla situazione di emarginazione in cui sono relegati e per aprire la collettività nazionale alla comprensione e all'accoglienza dei diversi.  www.operanomadimilano.org.

L’associazione “Aven Amentza” – Unione Rom e Sinti, è nata nel 2004, con l’appoggio della Camera del Lavoro, per essere la voce politica e sindacale nella difesa dei diritti di queste popolazioni. Fra le tante iniziative, ricordiamo un anno e mezzo di sportello sindacale presso il campo di via Triboniano, con FILLEA Cgil, per il controllo delle buste paga e delle situazioni lavorative di numerosi Rom, soprattutto romeni e bosniaci. Informazioni: Tel. 0248409114

UNALTRALOMBARDIA Associazione il cui scopo è quello di promuovere la partecipazione diretta dei cittadini in tutti gli ambiti culturali e politici nei quali si può realizzare un impegno civile contro la guerra, contro ogni forma di ignoranza, intolleranza, violenza, censura, ingiustizia, discriminazione economica, sociale, razziale, di genere. www.unaltralombardia.it

Comitato Rom e Sinti insieme Associazione costituita dalle comunità rom e sinte di diversa etnia presenti in Italia, con lo scopo di promuovere la partecipazione diretta di esponenti di queste comunità anche in sedi istituzionali. www.comitatoromanophralipe.it 

Gruppo Abele Il Gruppo Abele di Milano  è impegnato sui problemi delle dipendenze, del carcere e dell'esclusione sociale. www.gruppoabele.org

Festa dei Popoli di Opera si occupa di organizzare eventi insieme alle comunità di immigrati presenti nel territorio del sud Milano. Informazioni: Tel. 0257602678.

Associazione Liberi L’Associazione culturale “Liberi” ha lo scopo di sviluppare una cultura incentrata sui valori della convivenza civile, del diritto alla felicità, della tolleranza, della solidarietà, della comunicazione libera e aperta e della continua ricerca di nuove frontiere nella sfera dei diritti e delle libertà individuali e collettive.

Ministero Sabaoth e Cooperativa Sociale Sabaoth Onlus, è una realtà evangelica aderente alla denominazione Ceiam (Chiesa Evangelica Internazionale e Associazione Missionaria). Da sempre operante nel sociale, offre gratuitamente un centro ascolto, uno sportello lavoro, banco alimentare, raccolta e distribuzione vestiario, corso di italiano per stranieri, assistenza psicologica e legale per stranieri, senza alcuna discriminazione di razza, fede, nazionalità o stato sociale. www.ministerosabaoth.org

 
Di Fabrizio (del 09/07/2009 @ 09:57:21 in musica e parole, visitato 2317 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

DOMENICA 12 LUGLIO 2009
ecco la data che dovete segnarvi!

III edizione della GRANDE FESTA BALKANICA
dalle 18 alle 24
alla CASA delle CULTURE del MONDO
via Natta 11 - MM Lampugnano
ingresso dal cancello del liceo a destra attraversando il parco

per chi ancora è rimasto in città e chi invece pensava al weekend fuori porta
per chi ama il buon cibo e ancor più la buona muzica
per sfuggire al trito happy hour milanese
per difendere uno spazio della Provincia (...) che promuove l'incontro tra diverse culture
per condividere e partecipare a un evento che nasce "dal basso"
voluto creato promosso e organizzato da noi, con voi


prepareremo per voi un abbondante aperitivo balkanico a base di cevapcici, pljeskavice e altre specialità, innaffiato da fiumi di birra gelata e per i più coraggiosi grappa di prugne, sljivovica

seguiranno i concerti
TRIO MIRKOVIC & MUZIKANTI di BALVAL
e naturalmente
JAM SESSION finale

portate gli strumenti! preparatevi a ballare!
spargete la voce, portate gli amici, i parenti, gli animali domestici
ingresso libero, non c'è bisogno di prenotare
vi aspettiamo numerosi

per info martiglia@hotmail.com

 
Di Fabrizio (del 11/06/2007 @ 09:54:06 in Europa, visitato 1729 volte)

Da Czech_Roma

TRANSITIONS ONLINE: Czech Republic: Time Bomb for Roma by Mia Malan and Jayalakshmi Shreedhar - 31 May 2007

Alti livelli di uso di droghe e sesso senza protezione creano una crisi indefinita per le comunità ceca

PRAGA Milan Horvat si sveglia ogni mattina ed esce in strada per incontrare i suoi "clienti".

E' un uomo di mezza età sempre vestito alla stessa maniera: vestito e scarpe nere, camicia bianca con i primi due bottoni slacciati. Quattro anelli d'oro, due per mano, brillano [...]. Ha l'aria di un uomo d'affari. Ma il suo lavoro a Praga non è affatto normale.

Ogni giorno. Horvat incontra tossicodipendenti nei vicoli della città. Molti di loro sono Rom. Vuole aiutarli ad uscire dal vizio, ma è un compito complesso e talvolta senza speranza. Nel contempo, fornisce nuovi aghi e siringhe al posto di quelle usate. Se proprio devono iniettarsi droghe, gli strumenti che usano siano almeno puliti, questa è la sua attitudine.

SIAMO IN ATTESA DI UN'EPIDEMIA?

[...] "Anch'io vengo dalla strada, sono Rom e qui mi sento a casa, anche se non ho mai fatto uso di droghe," brontola. "Ma so cosa significa la droga."

Horvat ha esperienza personale sull'abuso di droga: lui e la sua famiglia hanno lottato per anni per aiutare suo fratello tossicodipendente. Ebbero successo e suo fratello smise di drogarsi. [...]

"Quando leggo sul giornale, 'Cerchiamo Rom per lavoro di strada', [...] so che il mio lavoro può essere importante."

Horvat è uno dei due lavoratori di strada dell'organizzazione Romodrom, che raggiunge i tossicodipendenti in questa comunità praghese. Crede che il problema tra i Rom sia uno dei più grandi in quanto non ci sono stime.

Ci sono circa 5.000 tossicodipendenti nella città registrati da Romodrom. L'organizzazione ritiene che almeno il 40% sono Rom - anche se si stima che siano il 2% della popolazione globale dei 10 milioni di cittadini cechi. L'anno scorso , Romodrom ha contattato circa 6.000 clienti e distribuito 25.000 aghi puliti.

Horvat dice che circa 140 Rom cercano ogni giorno il centro.

Romodrom ha un programma speciale rivolto ai tossicodipendenti, per proteggere dalle infezioni con vari agenti di trasmissione, come epatite ed HIV.

Nella Repubblica Ceca nel 2004, circa il 9% delle persone con HIV si è infettata assumendo droghe, secondo l'agenzia AIDS delle Nazioni Unite. D'altra parte, nessuno conosce quanti di loro siano Rom, perché la legge ceca non permette di raccogliere dati sanitari su base etnica.

Uno studio bel Programma ONU di Sviluppo del 2004 su Rom e HIV/AIDS ha trovato un incremento drammatico del tasso di infezione da HIV in Europa Centrale. Secondo lo studio, HIV/AIDS affliggono gruppi con alti tassi di povertà, alta mobilità e accesso limitato ai servizi sociali. Anche se il numero totale di quanti nella Repubblica Ceca vivono con l'HIV è basso, circa lo 0,1% della popolazione, secondo una stima del 2005 di UNAIDS, i Rom paiono possedere tutti i tratti che rendono le persone vulnerabili nel contrarre l'HIV: poveri, le donne generalmente sono disoccupate, genitori e figli raramente parlano di questioni sessuali, alto abuso di alcool, molto basso uso del condom.

VITA SUL LATO SBAGLIATO DELLA STRADA

Quello che rende la situazione ancora più terribile è che molti Rom non hanno documenti d'identità, avendo così un accesso limitato ai servizi sanitari. Per questo sono meno capaci di ricevere informazioni preventive sul virus o di essere controllati. E quanti hanno accesso ai servizi e all'informazione sanitaria hanno una forte sfiducia nel sistema sanitario - soprattutto le donne rom, che in passato vennero spesso sterilizzate senza consenso, per paura del governo dei loro alti tassi di nascita.

Esistono pochissimi dati ufficiali sui problemi di droga e sanitari dei Rom cechi - specialmente riguardo all'HIV. E questa mancanza la potenzialità di una situazione già pericolosa.

Pochi chilometri fuori Praga, una stretta pista costeggia la ferrovia e si arrampica su una desolata collina. [...] L'asfalto si interrompe al limite di una serie di piccole case. Le case sono di fango e con le porte sfondate, i vetri delle finestre rotti e i fili elettrici partono da una cabina come serpenti. Ogni edificio ha due piani, non ci sono bagni. Le famiglie condividono uno sporco bagno comune senz'acqua calda.

Qui è dove vivono i Rom - isolate enclave "sul lato sbagliato della strada" nella piccola cittadina di Libcice nad Vltavou.

Dei 150 Rom che vivono qui, soltanto 8 su 80 adulti hanno mai avuto un lavoro. Gli altri 70 sono bambini.

Disoccupazione e povertà sembrano seguire i Rom dovunque vadano. Uno studio dell'Istituto di Ricerca per gli Affari Lavorali e Sociali di Praga stima in 70% il tasso di disoccupazione tra i Rom. Molti tra quanti hanno trovato lavoro tra quelli poco specializzati. Come risultato, la maggior parte campa con gli assegni sociali direttamente o tramite familiari.

INTEGRAZIONE ATTRAVERSO LE DROGHE

Jozef, un uomo vigoroso di circa trent'anni, è uno dei pochi nel villaggio con un lavoro. La sua casa è arredata meglio delle altre ed ha più cibo dei suoi vicini. Ma è rabbioso e cammina avanti e indietro. Vuole parlare del problema droga nella sua comunità. Suo padre interviene per fermarlo; è preoccupato delle ripercussioni sulla famiglia se parlano di questo problema.

"Possono succedere cose" ammonisce. Ha paura che comincino a chiamarlo traditore e creatore di problemi. Parlando, puoi mettere i tuoi amati nei guai, dice.

"I Rom vedono l'uso della droga come una via er integrarsi nella società maggioritaria" dice Ivan Vesely, che dirige Dzeno, uno dei gruppi Rom di supporto legale più vasti di Praga. "E' più difficile integrarsi attraverso lo studio e il lavoro - c'è molta discriminazione in questi campi. Assumendo droghe, i Rom imitano i non-Rom nel loro stile di vita," dice.

I Rom nelle città fanno uso di eroina e pervitina, una forma locale di anfetamina, dice Horvat. Nelle aree rurali, inalano toluene, un colorante, e colla, soprattutto i più giovani, secondo Marta Hudeckova, direttrice di Manusa (Gente), un'organizzazione Rom femminile.

Horvat asserisce che la situazione è talmente seria che "madri disperate denunciano alla polizia i loro figli per falsi furti purché stiano in prigione un anno o due" sperando che l'accesso alla droga sia più difficile dietro le sbarre.

Bambini di 12, 13 anni hanno problemi con le tossicodipendenze," dice Horvat. "Ma non si può aiutarli - secondo la legge le OnG possono lavorare con ragazzi sopra i 15 anni, i minri di quell'età devono avere un rappresentante legale.

Le OnG come Romodrom e Manusha hanno risposto facendo partire campagne informative nelle scuole per portare attenzione al problema droga tra i bambini rom. Per le classi hanno inscenato una satira drammatica che spiega come fare quando qualcuno offre loro droga o come dirlo ai genitori.

"Vogliamo cambiare realmente qualcosa per la nostra gente" dice Marie Gailova, presidente di Romodrom. "Lavoriamo dalle 13 alle 14 ore al giorno per aiutare giornalmente 300 Rom in 5 regioni diverse dove operiamo."

Il non parlare apertamente di droga nelle comunità non è la sola sfida. E' altrettanto inaccettabile parlare di sesso.

"NOI NON USIAMO QUELLE BUFFE COSE"

La compagna di Jozef, Gabriela (29 anni), stringe fra le braccia il figlio di due anni. E' chiaramente il suo tesoro.

Jozef e Gabriela non sono sposati. Non ne vedono la necessità. La loro relazione è basata sulla fiducia - una relazione che esclude categoricamente discussioni sul sesso o l'HIV.

"Ho mai usato un condom, perché posso fidarmi del mio partner," dice Gabriela. "Non so se le mie amiche usino il condom, perché di sesso non si parla. Ma non penso lo usino."

Gabriela e Jozef non hanno mai fatto un test HIV.

Un recente studio del Wisconsin Medical College negli Stati Uniti ha trovato che l'uso del preservativo tra i Rom nell'Europa Centrale ed Orientale e raro principalmente associato alla contraccezione. A partire dagli anni '50 le autorità cecoslovacche hanno usato la sterilizzazione, accompagnata a volte con somme di denaro, per rallentare la crescita della popolazione rom. Molte donne hanno citato in giudizio i governi ceco e slovacco per essere state sterilizzate senza il loro consenso.

Una volta sterilizzate, le donne spesso rifiutano l'uso del preservativo, in quanto lo intendono come una protezione contro la gravidanza ma non contro le malattie trasmesse sessualmente. La ricerca mostra anche che gli uomini hanno una maggior libertà sessuale prima e durante il matrimonio. Hanno possibilità di pratiche sessuali con sconosciuti/e e più potere di relazione delle donne. Lo studio mostra che i Rom in Europa sono a conoscenza dell'HIV, ma non se ne sentono personalmente minacciati.

"Il sesso è qualcosa che tutti fanno, ma di cui nessuno parla," dice Lida Polackova, consulente romani del dipartimento affari sociali della città di Ostrava, città industriale nella Repubblica Ceca dell'est, dove vivono molti Rom. "Circa nessuno nelle comunità Rom sa se sia positivo o negativo all'HIV. E il sesso prematrimoniale è completamente naturale,a  partire dai 13 o 15 anni di età."

Tornando a Libcice nad Vltavou, due teenagers in jeans attillati bisbigliano di sesso fumando fuori da una casupola. [...] "Noi non usiamo quelle buffe cose," dice una. "I condom non sono per noi."

Un lungo treno passa accanto, rendendo impossibile la conversazione. Tutt'attorno non c'è niente. Al posto di un luogo dove vivono dozzine di persone, potrebbe essere scambiato per un deposito merci della ferrovia.

La prevenzione dell'HIV, dice Horvat, non può avvenire nell'isolamento.

Migliorare l'accesso ai servizi sanitari, alla scuola, all'impiego, è parte della soluzione, secondo le stime di tutti: dagli operatori di strada agli esperti dell'Unione Europea e della Banca Mondiale. Nessuno degli innumerevoli problemi che i Rom affrontano in posti come Libcice può essere affrontato da solo. Horvat e quanti altri conoscono la comunità ritengono irrealistico che i Rom lascino le droghe e così smettano di essere vulnerabili all'HIV/AIDS, quando le droghe offrono l'unica via di fuga da una dura realtà di povertà, discriminazione e segregazione di ogni giorno.

E mentre molti Rom continuano a vivere in ghetti senza igiene adeguata, non ci si può aspettare che si preoccupino del sesso sicuro, anche quando siano informati sulle malattie trasmesse sessualmente.

Nel suo ufficio di Praga, un agitato Horvat si irrita mentre analizza le strategie per aiutare la sua gente.

"Per me il momento migliore nel mio lavoro sarebbe quando non ci saranno più tossicodipendenti o affetti da HIV," dice. "Quando i servizi come il mio non saranno più necessari perché tutti avranno accesso ai servizi che possono aiutarli."

Sospira, e ritorna al suo lavoro. La sovrabbondanza sembra ancora un percorso molto lungo per persone come Milan Horvat.

Mia Malan is the Internews Senior Health Journalism Adviser in Washington, D.C. Jayalakshmi Shreedhar is the Internews Project Director of the Local Voices Project in India.

Lucia Curejova, Maria Husova, Petrana Puncheva, Petru Zoltan, and Susan Mathew contributed to this article, which was produced during a TOL health reporting seminar.

 
Di Fabrizio (del 11/02/2010 @ 09:49:26 in Kumpanija, visitato 1848 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

sabato 13 febbraio 2010 h 15.00
campo rom di Rho (Milano) via Sesia 21.
Come arrivarci

Siete tutti invitati a partecipare ad un festoso incontro collettivo che vuole testimoniare l'interazione possibile fra le culture, attraverso rituali, musiche e delizie da mangiare!

Don Gino Rigoldi battezzerà Sanela, nuora del grande fisarmonicista Jovica Jovic.

Saremo in tanti credenti e non, uniti e felici di essere testimoni di uno scambio reciproco, possibile anche in un campo rom, che supera confini fra religioni, lingue, culture, colori, e pensieri diversi.

Contribuite anche voi ad arricchire il banchetto coi vostri piatti, colori e sapori... o semplicemente portando del buon vino!

Aderiscono: Moni Ovadia, Arci cultura, Naga, Terra del Fuoco milano, Aizo, Architettura delle Convivenze, la Banda Degli Ottoni, SoS Fornace, Cromosoma 21, I Muzikanti di Balval, Camilla e Ulisse, Malapizzica, Arcimetromondo, Mondorchestra,Canzoniere dei transiti, Enosud

L'appuntamento su Facebook

 
Di Fabrizio (del 24/07/2010 @ 09:47:38 in Kumpanija, visitato 1554 volte)

Segnalazione di Stefano Romboli

Zajko. Un video di Africa Insieme from Africa Insieme on Vimeo.

Gli 81 anni di vita di Zajko, rom bosniaco: da partigiano a fianco di Tito ad esule delle guerre Jugoslave degli anni '90, da barista nell'Italia degli anni '50 a caldaraio a Pisa nel 2010. Invalido per un problema alla mano, non puo' avere una pensione perche' non in possesso di alcuni requisiti particolari richiesti agli stranieri per legge. Il contrasto (o forse la continuita') tra una vita scampata per una fortunata coincidenza alla morte in un campo di concentramento e una vita passata in un "campo nomadi" pisano di una persona che nomade lo e' stata solo per fuggire alle guerre e alle persecuzioni.

Video di Sara Palli, Alice Ravasio, Francesca Sacco, Marta Lucchini, Irene Chiarolanza, Diana Ibba. Prodotto dall'associazione Africa Insieme di Pisa nell'ambito del progetto "volontari come in un film", con la collaborazione di CESVOT, AIART, Progetto Rebeldia.

Musiche originali di Pasqualino Ubaldini

Pisa, Giugno 2010

 
Di Fabrizio (del 14/03/2007 @ 09:47:19 in musica e parole, visitato 1600 volte)

Stereotipi, Pregiudizi, Zingari e Zingarelle

Cervantes Puskin Mérimée Bizet
Trovatori Turchi in Italia
poesie popolari e di autori Rom

a cura di
Giuseppe Di Leva e Dijana Pavlovic

con la collaborazione di Margherita Monga

fisarmonica Jovica Jovic violino Marta Pistocchi

intervengono:
Paolo Bessegato e Claudio Migliavacca

durata 70'

19 e 20 marzo 2007 - h.19.00, Take Away, via S. Marco 33, Milano tel. 02-6552204

INGRESSO LIBERO

 
Di Fabrizio (del 21/03/2009 @ 09:45:51 in musica e parole, visitato 1639 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

Lunedì sera? ....Muzikanti!
Al circolo ARCI BELLEZZA (via Giovanni Bellezza 16, Milano) lunedì 23 marzo
serata culturale, culinaria e danzereccia

BORDER - Percorsi attraverso il concetto di confine

Parte la rassegna BORDER, una rete che coinvolge più realtà del panorama artistico culturale milanese. Prima serata al Bellezza proposta da Opera Nomadi

BORDER - PERCORSI ATTRAVERSO IL CONCETTO DI CONFINE
dal 20 marzo al 4 aprile - rassegna autoprodotta
programma completo con tutti gli artisti e le sedi coinvolte sul sito border.fotoup.com


23 marzo al Bellezza
dalle ore: 18.00
*OPERA NOMADI presenta “I ROM E L’AZIONE PUBBLICA”
libro a cura di G. Bezzecchi, M. Pagani, T. Vitale
* Romharmony
documentario di Mariano Leotta. Alla ricerca dell'armonia romanì.
*PROIEZIONE di filmati sulla cultura zingara a cura di OPERA NOMADI
www.operanomadimilano.org
*APERITIVO ETNICO
a cura della cooperativa Romano Drom (percorso zingaro)

ore: 21.30
*I MUZIKANTI
concerto di musiche balcaniche rom - JOVICA BALVAL JOVIC, MARTA PISTOCCHI, ALESSIO RUSSO

BORDER si propone come un progetto in divenire, una rete di persone, associazioni e luoghi, discipline e linguaggi che attraverso una serie di appuntamenti intende esplorare i significati del confine con l’obiettivo di ritrovare al suo epicentro la valorizzazione delle diversità, la socializzazione, la responsabilità sociale, lo scambio interculturale, le pratiche artigiane, altre pratiche del vivere e dell’abitare, la città come territorio di relazioni, e non ultimo, un punto di vista inedito che ribadisca che il confine non è una linea che separa bensì un territorio dove avvengono relazioni, scambi e contaminazioni in termini di arricchimento.
BORDER.FOTOUP.NET

 
Di Fabrizio (del 26/01/2012 @ 09:45:17 in Italia, visitato 1732 volte)

BUSTO ARSIZIO (due articoli)

Speroni: "Saremo carogne contro i nomadi"
Scontro in commissione sicurezza su un'interrogazione del leghista Unfer che chiede di eliminare definitivamente il problema. Il resto dei consiglieri fa muro. Fantinati: "Nessun estremismo ma il problema c'è"

"Incarognirsi" contro i nomadi, rendergli impossibile la sosta nei campi con grossi tronchi, mettergli alle calcagna agenzie di recupero crediti se non pagano le multe:la ricetta di Francesco Speroni per risolvere il problema. In commissione sicurezza ieri, giovedì, il tema caldo della presenza sul territorio di Busto di gruppi stanziali e nomadi di rom o sinti ha visto contrapporsi la Lega Nord contro tutto il resto del consiglio comunale. Pdl, Movimento 5 Stelle, Pd e Manifattura Cittadina, Indipendenti di Centro hanno arginato le posizioni definite "estremiste" da tutti i consiglieri presenti. Proprio il presidente della commissione Adriano Unfer (Lega Nord) aveva presentato la mozione di cui si è discusso chiedendo di eliminare "definitivamente" il problema del passaggio dei nomadi e dei rom o sinti, presenti in modo stanziale in città come, ad esempio, la famiglia Bianchi alla quale è stata data una residenza in una via che non esiste (tra l'inceneritore e un cementificio).

La parola "definitivamente" ha fatto arrabbiare, in particolare il consigliere Gian Pietro Rossi che ha sottolineato che "già un certo Adolfo aveva pensato ad eliminarli definitivamente senza, peraltro, riuscirci". Il senatore ha tracciato la sua via parlando di vicini rumorosi da contenere e controllare giornalmente durante le loro presenza temporanea o stanziale che sia. Gianpaolo Sablich, invece, ha chiesto dati più precisi sulla presenza a Busto e ha poi lanciato l'idea di attrezzare un'area di sosta camper dedicata ai nomadi per poterli controllare e contenere in modo da evitare che sporchino prati e terreni con i loro mezzi. Marta Tosi ha, invece, apprezzato il discorso iniziale dell'assessore alla sicurezza Claudio Fantinati che ha parlato di risposte celeri, ogni volta che si presenta un nuovo gruppo, con la consapevolezza che fenomeni come questi non si possono nè fermare, nè eliminare definitivamente come vorrebbe Unfer: "La Lega ingigantisce un problema che non esiste - ha detto la consigliera di Manifattura Cittadina - queste persone sono diverse? Anche i disabili hanno delle diversità fisiche ma non per questo li cacciamo via. Quindi allo stesso modo bisognerebbe aiutarli ad integrarsi".

Se la parola definitivamente ha fatto drizzare i capelli a tanti, la parola integrazione fa saltare sulla sedia i leghisti che con Unfer sottolineano: "Non esiste integrazione per questa gente - ha sbottato - è da secoli che ci si prova ma non ne vogliono sapere". A dar manforte al presidente c'era anche Marco Albertini, sempre della Lega che chiude: "Loro non pagano la luce o non pagano le multe? Allora da domani lo farò anche io, vediamo con chi se la prenderanno prima gli enti preposti".


I giovani del Pdl: "Per i nomadi un campo attrezzato"
Giovane Italia attraverso Sabba critica il comportamento dei consiglieri leghisti: "Hanno contraddetto la linea del segretario cittadino"

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa della Giovane Italia in merito al tema discusso in commissione sicurezza giovedì che riguarda dati sulla presenza di nomadi in città e luoghi dove questi sostano.

Ieri abbiamo assistito alla commissione sicurezza che aveva all'ordine del giorno anche un argomento sul quale abbiamo più volte espresso la nostra opinione: nomadi a Busto Arsizio. Questo calato in un quotidiano aumentare di tentativi di furto nelle abitazioni cittadine, che a volte, vedono come protagonisti proprio loro.

L'assessore Fantinati ha affrontato molto bene il problema postogli dai commissari leghisti, che nel loro testo chiedevano solo lo status attuale sui fenomeni migratori nomadici in città. Su questo c'è poco da dire: l'amministrazione fa il suo dovere allontanando il prima possibile gli avventori, poi per il discorso delle sanzioni è veramente complicato venirne a capo.

In realtà il problema degli accampamenti a Busto è ben altro e non veniva toccato dai punti all' ODG, fortunatamente poi nella discussione è venuto fuori: per ammissione degli stessi leghisti non sono più tollerabili tutti quei comportamenti che creano discrimine tra i cittadini di Busto, che regolarmente
pagano tutto ciò che è dovuto (e se non succede vengono perseguiti) e quelli che risiedono in baracche abusive all'interno di campi con destinazione agricola.

"Sono contento - afferma sarcasticamente Sabba - che durante la discussione in commissione, i consiglieri leghisti abbiano contraddetto in tutto e per tutto la linea che la loro segreteria politica bustocca aveva fino a pochi mesi fa a riguardo e che non rendeva giustizia alle linee politiche che il loro partito esprime in altre città, come l'esempio di Verona e il suo Sindaco Flavio Tosi"

Anche l'Autorità per l'Energia si è resa conto dell'anomalia e infatti ha dichiarato illegali tutti quei contratti forfettari stipulati agli ex nomadi stanziali, anche tramite la mediazione dei comuni. Questo è un punto fondamentale della vicenda: "Cosa intendono fare le giunte a fronte di questa decisione? - si chiede Sabba - Cosa intende fare il Sindaco Farioli di fronte a delle minacce come quelle fatte dagli stanziali di Busto, che con fermezza hanno chiesto di avere ancora quei contratti illegali, per non essere costretti a rubare?"

La sinistra, nei suoi due concetti espressi, continua a chiudere un occhio:con quello aperto analizza il comportamento della Lega di Busto, che dato ilsenso di accerchiamento, ha bisogno di mostrarsi dura e pura; con l'occhio chiuso invece continua a non vedere la realtà del problema in discussione e si astrae sempre più da quelli che sono i bisogni e i sentimenti della gente.

La Giovane Italia ha più volte espresso la sua idea a riguardo: le strade sono due:

1) il divieto assoluto di vivere in aree con destinazione d'uso diversa da quella residenziale, che comporterebbe o la migrazione di queste persone o l'iscrizione alle liste d'attesa ALER per ricevere
un'abitazione;

oppure

2) la costruzione di campi attrezzati con tutti servizi necessari per vivere civilmente e che in qualsiasi momento possano essere sottoposti a controlli delle autorità. In questi campi regolari si dovrebbe dichiarare l'identità di chi vuole alloggiare e per quanto tempo, ma soprattutto pagare per i servizi che si useranno. Ciò è evidente che comporterebbe una spesa da parte del Comune, ma a fronte della risoluzione di un problema.

Tra le due opzioni è solo la politica che può scegliere, magari con la concertazione dei cittadini. Comunque sia è indubbio che ognuna di esse migliorerebbe la situazione attuale. Nel frattempo i cittadini che vivono nei pressi degli accampamenti continuano quotidianamente a subire, per questo fino a che non si troverà il coraggio di fare delle scelte, bisognerà intensificare controlli di ogni i tipo: sanitari, stradali, fiscali, urbanistici, etc...

21/01/2012
 
Di Fabrizio (del 21/08/2009 @ 09:40:04 in Italia, visitato 1677 volte)

Vi segnalo questo articolo a firma di Ilaria Urbani, pubblicato su "Il Manifesto" del 17 agosto perché, a mio avviso, ha l'indubbio merito di porre in evidenza alcuni fatti fin qui trascurati: la completa mancanza di "sicurezza" della strada, cosa questa già segnalata in passato e colpevolmente ignorata, una attenta ricostruzione dell' "incidente", le incredibili condizioni di vita degli abitanti del campo, la questione degli spari uditi all'interno del campo, diversamente riportati dalla stampa, il dolore della Famiglia. Giancarlo Ranaldi

Il luogo dove sono stati ritrovati Slavica e Luca.

Una tazzina di caffè, sigarette, dolci, tre bicchieri e tanti fiori colorati. La famiglia di Slavica Djordjevic, la ragazza rom di 20 anni uccisa da un pirata della strada sabato mattina davanti al campo comunale di Secondigliano, ha allestito la baracca come una camera mortuaria. Ma Slavica non c'è. E' in una camera di un obitorio. L'autopsia ieri ha confermato che ad ucciderla è stato un pirata della strada. L'uomo alla guida non si è fermato a soccorrerla. Il figlio di 6 giorni, Luka, ricoverato in terapia intensiva all'ospedale Santobono, migliora di ora in ora. Il neonato che al momento dello schianto si trovava nel passeggino ha fatto un salto di alcuni metri riportando due fratture al cranio e un'emorragia. Non è stato ancora identificato l'automobilista che ha travolto la donna mentre è stato recuperato uno degli specchietti retrovisori esterni della vettura, una Volskwagen Polo, di colore celeste. Dalle impronte riportate sullo specchietto gli investigatori cercano di risalire al pirata della strada. L'uomo potrebbe essersi fermato alcuni minuti sul luogo dell'incidente per riporre il corpo della ragazza tra il ciglio della strada e guard rail. Slavica è stata colpita all'altezza del gluteo sinistro. Lo schianto ha provocato lo spappolamento della milza. Non sono state trovate tracce di sangue perché si era riversato tutto nei polmoni. Le ferite al braccio sono dovute ad una caduta successiva all'impatto. «E' impensabile che un corpo finisca da solo in uno spazio così piccolo dopo uno schianto del genere», dicono gli abitanti del campo.

Il Comune di Napoli si farà carico delle spese dei funerali o del rimpatrio della salma. Il corpo della ragazza, di origine serba che prima del matrimonio abitava del campo di Via Cupa Perillo a Scampìa, dovrebbe tornare nel paese d'origine anche se l'autorizzazione per il rimpatrio non è ancora arrivata. Il marito Denis, la famiglia e gli amici di Slavica hanno organizzato una veglia funebre di tre giorni nel campo di via Cupa Perillo dove la ragazza abitava prima del matrimonio. I figli del vento del campo comunale di Secondigliano chiedono dall'aprile del 2001 l'istituzione della fermata di un autobus all'esterno della baraccopoli. Le automobili sfrecciano a cento all'ora mettendo, un pericolo costante per i rom. Le novanta famiglie del campo sono costrette ad attraversare la Circumvallazione esterna per uscire dal campo. «Le istituzioni non hanno ancora fornito di mezzi trasporto la zona perché ci sarebbe una disputa sulle competenze. Non si capisce - spiega Marta di Opera Nomadi - se il tratto è gestito dalla Provincia o dal Comune. Una questione che riguarda anche la raccolta dei rifiuti che infestano l'area». Il campo rom è fornito di acqua e energia elettrica che però salta spesso. D'inverno per l'utilizzo delle stufe e d'estate dei ventilatori. La baraccopoli ha il sistema fognario in comune con il vicino carcere di Secondigliano. Quando le fogne vanno in tilt una puzza nauseabonda ricopre il campo.

Nella baraccopoli a ridosso della Circumvallazione esterna ieri si sono registrati alcuni momenti di tensione. Gli operatori sociali presenti nel campo ieri mattina spiegano che i colpi di pistola uditi all'esterno non sarebbero stati esplositi per sedare una rissa scoppiata tra due fratelli, come riportato da alcune agenzie di stampa, ma perché un ragazzo che usciva dal campo non si sarebbe fermato all'alt della polizia municipale. Gli agenti avrebbero dovuto sparare alcuni colpi in aria per intimare lo stop al ragazzo. Gli unici rumori che hanno interrotto il silenzio di una giornata di lutto.

 
Di Sucar Drom (del 11/05/2010 @ 09:38:06 in conflitti, visitato 1965 volte)

Lunedì 17 maggio alle h. 21.00 c/o Equatore, via Marta Tana 3 , Castiglione delle Stiviere
Gipsy Blood di Paul Polansky, 2005

Toccante documentario sui campi profughi Rom di Mitrovica, gestiti all’ONU, dove sono internate più di mille persone. Questi campi costruiti nel 1999 in zone malsane e inquinate dovevano rimanere attivi per pochi mesi. Da allora ad oggi tante persone sono morte a causa dell’avvelenamento da metallo pesante.
Contaminazione che colpisce in particolar modo i bambini...
Ne parliamo con Igor Costanzo, amico di Paul Polansky, colpito dai suoi racconti sul campo di Mitrovica, è andato a visitarlo e ci parlerà di quello che ha visto in prima persona....

 
Di Fabrizio (del 20/04/2009 @ 09:36:52 in musica e parole, visitato 2188 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

L'occasione è ghiotta (la cena balkanica pure) la serata magica e ritmata.
Accade quando le energie di persone diverse convergono nello stesso obiettivo...
DIVERTIRSI, CREARE, FARE FESTA!

edizione 2009 della GRANDE FESTA BALKANICA

mercoledì 22 aprile
auditorium e bar e di radio popolare (via Ollearo 5, zona Mac Mahon, Milano)
MUZIKANTI di BALVAL e FAMIGLIA MIRKOVIC
insieme per trascinarvi nel mondo balcanico per una serata memorabile

super cena tipica a prezzi popolari -dalle 19.30
muzika popolare e balli tipici -sempre

musicisti di ogni sorta venite con i vostri strumenti lustrate le scarpe per buttarvi nei balli preparate gli stomaci

vi aspettiamo in tanti, ma tanti (e invitate anche gli altri)

 
Di Fabrizio (del 10/01/2008 @ 09:35:53 in Italia, visitato 2055 volte)

Da Vita.it

di Sara De Carli (s.decarli@vita.it)

Si terrà a Roma, il 22 e il 23 gennaio, la prima conferenza internazionale sui Rom. Sarà promossa dal Ministero dell'Interno e si svolgerà presso la Scuola Superiore dell'Amministrazione dell'Interno, in via Veientiana. A riportarlo è il sito Amalipe Romano, Amicizia Rom.
La Conferenza è in gestazione da mesi, visto che già il primo ottobre il professore Alexian Santino Spinelli aveva riferito a Vita di un primo incontro organizzativo per questo evento, ed è poi stata annunciata ufficialmente da Amato il 6 novembre, al termine di un incontro col vice segretario generale del Consiglio d'Europa, Maud de Boer Buquicchio.

Alla Conferenza parteciperanno Thomas Hammarberg, commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa; Dana Varga, consigliera personale del primo ministro rumeno per la problematica dei Rom; Maud de Boer Buquicchio, Vice segretario generale del Consiglio d'Europa.
Claudio Marta, dell'Università Orientale di Napoli, farà una ricorstruzione storica della presenza di Rom e Sinti in Italia, mentre Renato Mannheimer presenterà una nuova ricerca. Nel pomeriggio del 22 ci sarà una tavaola rotonda con diversi politici locali (da Formigoni a Chiamparino, dal prefetto Mosca al prefetto Pansa), con Rosy Bindi e Marcella Lucidi.

Il 23 sarà dedicato al dialogo con la società civile, sulle tre aree fondamentali di Casa, Scuola, Lavoro. Ci saranno Opera Nomadi, Sant'Egidio, Aizo, Unirsi, Sucar Drom, Gruppo specialisti Rom, Comunità di Capodarco, Centro studi zingari, Caritas e Arci Nazionale. Dopo uno sguardo europeo, chiuderanno i lavori il ministro Ferrero e il ministro Amato.

 
Di Fabrizio (del 31/10/2010 @ 09:35:01 in Italia, visitato 1645 volte)

Ciao a tutti, sperando di fare cosa gradita vi invio la posizione unitaria di cgil cisl uil di Monza-Brianza in risposta a un odg razzista e spietato della lega contro i rom.
ciao
Marta Pepe

CGIL CISL UIL Monza e Brianza, venuti a conoscenza degli ordini del giorni sui Rom in discussione al Consiglio Provinciale di oggi, esprimono le seguenti valutazioni.

Riteniamo che sia un fatto grave innanzitutto parlare di "espulsione su base etnica" dei Rom dalla Provincia di Monza e Brianza perché questo termine, in contrasto con le normative europee e nazionali vigenti, prefigura reato di discriminazione razziale.

Sosteniamo che tutti i cittadini hanno diritto all'ordine e alla sicurezza così come diciamo che la responsabilità penale è personale e che vanno perseguiti tutti i reati da chiunque commessi. E' però preoccupante, a nostro avviso, utilizzare stereotipi per incriminare una intera etnia, basandosi su pregiudizi e non su dati concreti. Sosteniamo che ritenere una comunità collettivamente responsabile di reati e contrastare la legislazione europea sulla libera circolazione delle persone si configura come una palese manifestazione di razzismo e intolleranza.

Ricordiamo infatti che oltre alle recenti posizioni espresse dal Papa e dal Parlamento europeo, uno specifico articolo del Trattato di Lisbona vieta la discriminazione basata su sesso, razza od origine etnica, religione o credo, disabilità, età e orientamento sessuale e conferisce al Consiglio dell'UE un chiaro mandato a svolgere le azioni necessarie per combattere queste discriminazioni.

Parlare di degrado ambientale, di aumento di furti nelle abitazioni di Pescara, Palermo e Alassio e di incendi di baracche e roulottes nei campi nomadi; pensare di risolvere tutto chiedendo fondi al Ministero per attuare le stesse politiche per cui il Governo francese è appena stato censurato dalla Commissione Europea non serve a nessuno, così come non serve una visione esclusivamente repressiva nei confronti della presenza delle popolazioni Rom e Sinti che vivono nel nostro Territorio, prescindendo da ogni considerazione circa il loro stato personale e giuridico.

Non riteniamo affatto che la politica degli sgomberi e dei rimpatri forzati (sull'esempio francese) sia la risposta che un territorio come la Brianza, noto per la sua storia di accoglienza, possa mettere in campo. Ci pare che risponda invece solo a costruire un clima di insicurezza e paura finalizzato a distogliere l'attenzione dai problemi urgenti da affrontare per risolvere la situazione difficile del Paese.

Siamo favorevoli, invece, all'implementazione di tutte le azioni che possano costruire reali processi di integrazione, come condizione per superare gli aspetti critici della convivenza e garantire migliori condizioni di vita a tutte le persone che vivono nella nostra Provincia.

Riteniamo perciò che la strada debba essere quella della cooperazione nel territorio tra tutti i soggetti Istituzionali, sociali e sindacali per realizzare quelle politiche di integrazione che ovunque si sono dimostrate la vera arma per affermare i diritti dei cittadini, da quello della sicurezza e cittadinanza, a quello della legalità contro la clandestinità.

Auspichiamo che il Consiglio Provinciale deliberando su un tema tanto delicato, tenga in considerazione queste nostre osservazioni.

 
Di Fabrizio (del 08/09/2010 @ 09:26:57 in Europa, visitato 1351 volte)

Da Slovak_Roma

Famiglia rom sterminata a  Bratislava da un vicino, scioccati gli altri residenti nel palazzo
Bratislava, 1.9.2010 10:17, (ROMEA)

Quanti si sono trovati nei pressi della sparatoria di lunedì nel quartiere Devínska Nová Ves di Bratislava sono ancora scossi, ma vogliono parlare della loro esperienza. Sei dei morti facevano parte della famiglia Putík. Come si è saputo che la famiglia era rom, sono iniziate a circolare notizie di come fossero "problematici". Però, i vicini degli uccisi hanno iniziato ad esprimersi contro queste voci.

Una donna che vive sullo stesso piano sia dell'assassino che della famiglia uccisa ha detto oggi all'Agenzia Stampa Ceca di aver aperto la porta del suo appartamento per la curiosità, vedendo l'uccisore in piedi in una nuvola di fumo nel corridoio. "Si è voltato verso di me e ha detto -Chiudi la porta o ti sparo in testa,- così ho richiuso;" dice l'anziana signora.

La vicina non sapeva molto sull'uccisore, che non era molto amichevole."Era terribilmente strano, non parlava con nessuno, un lupo solitario, un tipo strano," spiega, aggiungendo che non sa cosa l'ha portato a sterminare l'intera famiglia. "Non so se gli davano sui nervi perché andavano sempre avanti e indietro," dice. Secondo lei i Rom non facevano rumore e si prendevano cura di loro figlio, 12 anni, anche lui vittima anche lui vittima della follia dell'assassino disoccupato.

"Erano nostri vicini - la nonna, sua figlia e il nipote che viveva con loro. Davvero non creavano problemi," dice un altro vicino che viveva proprio la porta accanto alla famiglia rom. Questi vicini smentiscono anche le voci che la famiglia vendesse droga. Quando i giornalisti gliel'hanno chiesto, entrambi hanno dato la stessa riposta: "Fuori di qui! Pennivendoli! Quale droga? E' immondizia."

Secondo informazioni pubblicate dal giornale MF DNES, nessuno dei residenti nell'appartamento che sono stati intervistati potrebbe confermare che l'assassino fosse in qualsiasi maniera in conflitto con la famiglia dei suoi vicini. Anche altri vicini rifiutano le speculazioni per cui la famiglia avrebbe dovuto dei soldi all'assassino. "E' del tutto grossolano suggerire che la famiglia avrebbe preso in prestito del denaro da lui. Ne avevano paura - non avevano il coraggio di suonare il suo campanello. Non hanno mai causato problemi - non ho mai sentito nessun tipo di confusione dal loro appartamento. Per quel che ne sappiamo erano persone decenti. Povere, ma decenti," ha detto a MF DNES una vicina di nome Silvie, aggiungendo che la famiglia chiedeva solo a lei denaro in prestito. "Se lo facevano prestare solo da me - ogni 15 del mese la nonna mi suonava al campanello perché non avevano soldi. Glieli prestavo sempre o davo loro del pane vecchio, e loro mi restituivano sempre immediatamente il 19" ha detto a MF DNES. Anche altri residenti dell'edificio dicono che gli occupanti stabili dell'appartamento dei Putík, la nonna e i suoi parenti, erano persone perbene, ma gli altri parenti che a volte visitavano la famiglia, talvolta bevevano o facevano rumore all'ingresso dello stabile.

Marta, una pensionata che vive accanto agli assassinati, ha detto a MF DNES, "Durante l'estate la figlia della nonna iniziò a venire qui più spesso. Due o tre anni dopo, quando già viveva qui, a volte urlava o imprecava contro qualcuno. Poi seppi che andò a farsi curare da qualche parte e che viveva in un ostello. In questi giorni visitava solo per un caffè." Altri residenti dell'edificio citati da MF DNES concordano nel dire che la famiglia Putík non era particolarmente problematica. Altri vicini mettono in dubbio che tutte le vittime fossero Rom, come riportato da molti media. " Talvolta qualcuno si sedeva qui e beveva di fronte all'edificio, ma erano soprattutto una famiglia bianca, non erano i Rom. E' una sciocchezza dire che è stato un attacco razzista. Solo la figlia che viveva nell'edificio aveva sangue rom. Le vittime avevano a che fare con loro, ma non erano Rom," ha detto un residente a MF DNES.

I capi della polizia ed il ministro degli Interni stanno parlando molto dell'"eroico" intervento della polizia contro il pazzo assassino. Anche se molti residenti del quartiere lamentano che la polizia non sia intervenuta abbastanza in forze e rapidamente.

Alla fine l'aggressore si è sparato alla testa , a pochi metri da un salone cosmetico. Come ha detto una dipendente all'Agenzia di Notizie Ceca, "Quell'uomo stava appoggiato contro la porta del salone, e se non avesse avuto le cuffie, mi avrebbe sentito chiudere la porta e avrebbe girato la sua arma verso di me. Ho chiamato la polizia per dire che ero intrappolato appena a pochi metri da lui, ma mi hanno risposto che sapevano già di lui."

La giovane donna ha aggiunto che l'uomo è stato libero di muoversi, senza alcuna minaccia per circa 20 minuti, prima di iniziare a sparare a qualsiasi cosa si movesse. Dice che la polizia non si è avvicinata alla scena se non dopo diversi minuti dopo che l'uomo si era sparato.

La polizia dice che la prima pattuglia è arrivata due minuti dopo che era stato avvertito il primo sparo, cioè appena dopo le 9:45 del mattino, riuscendo a disarmarlo dopo circa mezz'ora. Il ministro degli Interni Daniel Lipšic ha annunciato che l'aggressore non ha commesso suicidio se non dopo essere stato ferito fatalmente da un proiettile della polizia.

Durante il massacro sono morte otto persone, l'aggressore e le sue sette vittime. Altre 15 persone sono state ferite, tre delle quali, incluso un cittadino ceco, sono anche in gravi condizioni.

ryz, Czech Press Agency, MF Dnes, translated by Gwendolyn Albert

 
Di Fabrizio (del 06/03/2009 @ 09:25:09 in musica e parole, visitato 1478 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

...al Cicco si replica, anzi si triplica!

Presa coscienza dell'affinità elettiva nata tra il Cicco e la muzika dei Muzikanti, una miscela esplosiva che combina serate magiche ed ottima compagnia, siamo lieti di invitarvi al concerto che si terrà SABATO SERA, dalle 22 circa, al circolo arci Cicco Simonetta (via cicco simonetta 16 - mappa)

Muzikanti di Balval in trio
Jovica Balval Jovic -fisarmonica
Marta Pistocchi -violino
Alessio Russo -batteria
(assente e non rimpianta, la "macchina del tempo")

per chi ancora non è venuto ottima è l'occasione di venirci a trovare, ed invece chi ci è già stato, sa già perchè tornare!

vi aspettiamo rumorosi
marta

 
Di Fabrizio (del 09/03/2011 @ 09:24:10 in musica e parole, visitato 1531 volte)

Dietro un anonimo cancello della periferia romana si apre un piccolo mondo colorato, pieno di bambini. Un piccolo mondo in cui si sono rifugiate alcune famiglie Rom espulse dai campi in cui stavano, espulse dal mondo esterno, quello che sta oltre il cancello. «Metropolis», così è stato battezzato lo spazio in cui vivono, occupato dopo anni di abbandono, è un'ex concessionaria di automobili, di fatto un grande capannone al cui interno è sorto un piccolo villaggio coperto, con casette costruite dai Rom stessi.

Ci entriamo con Militant A, rapper di Assalti frontali che nel nuovo cd Profondo rosso (esce venerdì) racconta anche di loro, dell'occupazione di questo posto, della scuola dove incontra quotidianamente i bambini festanti che ci attorniano, compagni di scuola dei suoi figli. L'uscita del cd è quasi contemporanea al secondo sciopero dei migranti denominato Un giorno senza di noi che, dopo l'esordio dell'anno scorso, torna ad interrogarci sulle non-regole dell'economia liberista, che sfrutta manodopera a basso costo offrendo in cambio emarginazione e clandestinità. «Il primo Marzo - sottolinea Militant A - è un giorno di lotta per il diritto al lavoro, alla casa, alla scuola, che sono diritti di tutti e sono più che mai a rischio per tutti, non solo per gli immigrati».

L'emarginazione sociale è un mostro che divora le vite delle persone fregandosene del loro passaporto, ma una cosa è certa: colpisce sempre i più deboli e fra i più deboli Rom e immigrati ci sono sempre. «Queste persone - continua il rapper romano - sono umanamente ricche, riescono ad avere una forza per andare avanti che è incredibile rispetto alle condizioni in cui spesso sono costretti a vivere.

In loro possiamo ritrovare l'umanità che noi abbiamo perso». Sono Cool questi Rom è una canzone che Militant A ha dedicato a questa gente, a questa occupazione, nata per rispondere a un disagio ignorato dalle istituzioni: «Alemanno ha speso 30 milioni di euro in un anno e mezzo per non risolvere nulla, ha solo cacciato questa gente dai posti dove vivevano».

Anche rispetto alle poche forme di assistenza nei confronti dei Rom, Militant A ha qualcosa da dire: «L'assistenzialismo è un business per chi lo fa e che costa alla collettività 1.000 euro al mese per ogni famiglia Rom. Con quei soldi ci si potrebbe pagare l'affitto di una casa, ma lasciare il problema irrisolto è utile alla propaganda politica della destra e serve a mantenere l'affare dell'assistenza. Questa sistemazione invece non costa un euro a nessuno e recupera anche un luogo abbandonato al degrado da anni».

Profondo rosso è, come sempre quando si parla di Assalti frontali, un album pieno di realtà e di argomenti concreti, come nel caso di Lampedusa lo sa, dedicata ai migranti africani ma soprattutto alla gente dell'isola.

IL CONCERTO A LAMPEDUSA «Noi siamo stati a Lampedusa - ci racconta - per un concerto contro i Cie, che sono una vergogna in sé e in cui i migranti, grazie a una legge del governo, possono rimanere rinchiusi, senza aver commesso alcun reato, non più due ma sei mesi. Proprio allora ci fu l'episodio del mercantile turco Pinar che aveva salvato dei migranti dal mare e che venne bloccato da una corvetta militare italiana per quattro giorni. In quell'occasione morì una giovane emigrata incinta.

Noi siamo stati al funerale e c'erano tanti lampedusani, gente di grande dignità e umanità, che ben conosce e condivide il dramma dei disperati che approdano sulle coste dell'isola. Anche qui: se i miliardi di euro che si spendono per i Cie, per tenere in gabbia chi arriva sulle coste italiane in cerca di un futuro, venissero spesi per l'accoglienza, non sarebbe meglio per tutti?

Ma per cambiare le cose bisogna partire dal basso, da noi stessi, trovare i modi per unirsi e lottare per diritti che riguardano tutti nello stesso modo. Io con Assalti frontali racconto queste storie e le canzoni nascono spesso da esperienze concrete, come questa con i Rom o quella di Lampedusa, le manifestazioni degli studenti, etc.

Per me il Rap è raccontare quello che vivo ma anche comunicare un immaginario diverso da quello dominante, perché l'immaginario fa la differenza, è il punto di partenza per costruire una realtà diversa». 1 marzo 2011


Nel frattempo, con Jovica Jovic alla fisarmonica e Marta Pistocchi al violino...

 
Di Fabrizio (del 22/03/2011 @ 09:20:15 in Europa, visitato 1952 volte)

Tanya Mangalakova | Sofia 18 marzo 2011

La popolazione rurale in Bulgaria potrebbe scomparire in 50 anni: questo l'allarme lanciato dall'Accademia delle Scienze Bulgara. Molti centri abitati rischiano di trasformarsi in villaggi fantasma. In un efficiente utilizzo dei fondi europei una possibile via d'uscita

Tra 50 anni la popolazione rurale della Bulgaria potrebbe scomparire. E questo l'allarme lanciato da esperti dell'Accademia delle Scienze Bulgara (BAN). Al momento in Bulgaria ci sono ben 200 villaggi fantasma, località che pur essendo ancora presenti sulla carta geografica e amministrativa, sono totalmente privi di popolazione. In altri 500 villaggi gli abitanti non sono più di dieci o venti.
La popolazione rurale è diminuita di circa il 60%, mostra uno studio sulle prospettive demografiche eseguito dalla BAN sotto la direzione del professor Nikolay Tzenov. Un secolo fa la Bulgaria era un paese agricolo, e allora solo il 20% della popolazione viveva in città. Nonostante l'ingresso nell'Unione europea, oggi la Bulgaria continua ad avere seri problemi demografici, che si rivelano particolarmente gravi nelle zone rurali. Secondo gli esperti, i motivi principali per cui i villaggi si svuotano sono le cattive condizioni di vita e la chiusura delle scuole locali e degli ospedali periferici.
"Il processo di abbandono delle campagne era iniziato già al tempo del comunismo quando, dopo la fine della Seconda guerra mondiale, era cominciata l'urbanizzazione del Paese", spiega ad OBC la professoressa Marta Sugareva della BAN. Secondo la Sugareva, le regioni più spopolate sono quelle lungo le frontiere, che più di tutte soffrono della insufficiente infrastruttura stradale. La regione maggiormente segnata dal fenomeno è la Bulgaria nord-occidentale, nelle provincie di Vidin, Vratza e Montana.

Crisi demografica e questione di genere
Negli ultimi anni in Bulgaria si osserva un aggravarsi della crisi demografica: la popolazione diminuisce, i giovani emigrano all'estero e nel Paese restano soprattutto anziani. La popolazione bulgara è diminuita di circa 600mila unità negli ultimi dieci anni, secondo i primi dati dell'ultimo censimento, tenuto nel mese di febbraio 2011. I cittadini bulgari sarebbero passati da 7,9 a 7,3 milioni. A preoccupare è soprattutto la situazione delle zone rurali, dove l'abbandono ha portato a una forte depressione economica e sociale.
Lo svuotamento dei villaggi ha anche una dimensione di genere. Solitamente gli uomini in età da matrimoni sono molti di più delle donne Secondo la Sugareva, le donne emigrano più spesso in città per studiare all'università, mentre molti uomini non proseguono gli studi e restano nel villaggio. Specularmente, nei centri universitari le giovani donne sono molto di più degli uomini. Tutto questo rende più difficile la creazione di coppie stabili.
In buona parte dei villaggi bulgari la struttura di genere e quella generazionale sono alterate. Nelle generazioni più anziane, a dominare è la componente femminile. Secondo la Sugareva questo dipende dal fatto che le donne hanno una prospettiva di vita sensibilmente più alta degli uomini. Secondo vari studi condotti in Europa orientale, gli uomini si sono rivelati più sensibili rispetto agli scossoni sociali della transizione verso l'economia di mercato, segnata da insicurezza, stress e disoccupazione. Risultato: oggi i villaggi bulgari sono pieni di vedove anziane.

Mancanza di opportunità
Le ragioni dello svuotamento dei villaggi talvolta vanno oltre le mancanze dell'infrastruttura stradale, o della chiusura di scuole e ospedali. Talvolta è la criminalità il problema principale.
Un caso rimbalzato sui media bulgari è quello del villaggio di Mechka, nella regione di Pleven. Su Facebook è stata creata una pagina che raccoglie video sulla difficile situazione del villaggio. Qui molti abitanti anziani lamentano furti e maltrattamenti soprattutto da parte di giovani della locale comunità rom.
"Alcuni degli abitanti locali ormai allevano le galline in casa, per paura che queste vengano rubate. Molte abitazioni sono abbandonate, oppure si vendono a prezzi stracciati a causa della situazione", ha dichiarato un abitante del villaggio al quotidiano 24 chasa.
Il problema, secondo la professoressa Sugareva, è dovuto principalmente alla mancanza di opportunità lavorative, ma anche alla separazione della comunità bulgara da quella rom, che qui è molto chiusa su se stessa. "I rom di Mechka, per tradizione, sono stanziali, ma non mandano i figli a scuola e tendono a sposarsi molto giovani, quasi sempre prima di aver raggiunto la maggiore età", sostiene la Sugareva, che ha seguito il caso del villaggio da vicino.
Questa regione della Bulgaria, in realtà non è isolata, e il villaggio si trova vicino all'arteria che da Pleven porta a Belene, sito su cui dovrebbe essere costruita la nuova centrale atomica. Qui, però, il turismo non è sviluppato, e mancano altre possibilità lavorative importanti. "In questa zona della Bulgaria, purtroppo, non c'è futuro", sostiene la Sugareva. "Qui non c'è movimento né comunicazione, le persone vivono in isolamento e hanno paura uno dell'altro"

Agire in fretta
L'unico modo per fermare lo svuotamento dei villaggi è creare opportunità, come succede nei paesi più sviluppati dell'Ue. Secondo Borislav Borisov, presidente dell'Associazione dei villaggi bulgari, la previsione che tra 50 anni non ci sarà più popolazione rurale è esagerata. Un'analisi dell'associazione mostra che esistono villaggi vitali, con potenziale per lo sviluppo nel turismo rurale e nell'agricoltura. Secondo Borisov, 7-800 villaggi in Bulgaria hanno ottimo potenziale, altri 1500 discrete possibilità di sviluppo.
Borisov racconta che molti investitori hanno contattato l'associazione che presiede per cercare collaborazione. I piani di investire in aree rurali, però, sono spesso naufragati a causa dell'inefficienza amministrativa, della corruzione e della mancanza di incentivi.
Oggi i fondi europei per lo sviluppo restano un miraggio per molte zone rurali della Bulgaria. La creazione di opportunità nel campo del turismo oppure nella produzione agricola restano un'eccezione piuttosto che la regola. La questione è capire se la politica e gli amministratori avranno o meno la lucidità e la voglia di ascoltare i segnali preoccupanti che arrivano dagli esperti sulla situazione nelle aree rurali. Dalla capacità di assicurare un accesso effettivo ai fondi europei dipende oggi una parte importante del destino dei villaggi bulgari.

 
Di Fabrizio (del 09/02/2009 @ 09:13:26 in musica e parole, visitato 1680 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

12 Febbraio 2009, ore 22 ARCI CICCO SIMONETTA, Via Cicco Simonetta 16 (zona conca del naviglio) Milano www.ciccosimonetta.org
Serata danzante di musica balcanica e rom



Muzikanti -di BalVal, fisarmonica, violino & sevdah
Ingresso 4 euro con tessera arci (chi deve fare la tessera non paga l'ingresso!)

I Muzikanti sono la realizzazione di un autentico incontro di culture, che si esprime in un linguaggio musicale originale, fantasioso e vitale.

Fonte d’ispirazione primaria del loro repertorio è la musica Rom, espressione artistica di un popolo che sa riunire in una voce sola i diversi caratteri dell’Europa balcanica.

Ritmi incalzanti, intervalli orientaleggianti e virtuosismi si alternano a melodie struggenti dal potere evocativo, in una combinazione di esotismo ed energia che emoziona ogni tipo di pubblico.

 
Di Fabrizio (del 09/02/2009 @ 09:12:34 in musica e parole, visitato 2041 volte)

Venerdì 13 febbraio h. 20.30 - Camera del Lavoro di Milano, corso di Porta Vittoria

Camera del Lavoro di Milano, Opera Nomadi, Federazione Rom e Sinti insieme, Casa della cultura di Milano vi invitano
in occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA

Shoah e Porrajmos
Piccoli ricordi di un tempo atroce

con
Dijana Pavlovic e Tatiana Olear

Violino Marta Pistocchi fisarmonica Jovice Jovic e Mario Ruggeri

Con partecipazione di:
Allievi Centro Propedeutico Paolo Grassi: Martina Testa, Luca Solesin, Marta Calbi, Rudi Salpietra

Elementi scenici e attrezzeria
Centro Diurno “Desi 3” U.F.S.M.A dell’ ASL 3 di Pistoia:
Franca Dolfi, Marco Mungai, Simone Benini, Stefano Palagi, Stefano Frotti, Cristina Barni, Alessio Cartini, Chiara Betti, Patrizia Cusimano

Lo spettacolo sarà preceduto dalla proiezione del documentario
“A forza di essere vento”
a cura di Opera Nomadi

testimonianze di
Moni Ovadia
Ferruccio Cappelli, Casa della Cultura di Milano
Mirko Bezzecchi, superstite Rom dei campi di concentramento
Corrado Mandreoli, Camera del Lavoro

Tamara Lazerson, quattordicenne ebrea, internata a Teresien, racconta nei suoi diari la sua vita di adolescente tra dramma quotidiano e sogni del futuro possibile. Barbara Richter, sinta, internata quindicenne nello Zigeunerlager di Auschwitz-Birkenau, ha lasciato la testimonianza della sua lotta per la sopravvivenza. Due storie che ci parlano dello sterminio che ha colpito il popolo ebreo e il popolo rom e sinto e che aveva per entrambi la logica dell’annientamento su base razziale. Sono anche, attraverso gli occhi di due adolescenti, lo specchio di due modi diversi di vivere lo stesso orrore.

Gli uomini si abituano a tutto e i ricordi sono destinati a svanire.

Noi siamo qui ogni anno perché non si perda mai la memoria di ciò che è avvenuto. Vogliamo usare l’occasione di quest’anno per riportare alla memoria quella che poteva essere la semplice quotidianità di persone che ogni giorno cercavano di resistere ad una specie di atroce dissolversi della propria vita: i tentativi di sottrarsi e le diverse modalità di intravedere una speranza, il lento lasciarsi travolgere dal dolore e di nuovo la voglia di combattere senza armi, senza bandiere, solo con la propria volontà e la propria fantasia. Proveremo a raccontare i sogni dei bambini che si costruivano amici di legno e cencio cui raccontare le proprie paure e gli espedienti dei grandi che, deprivati di tutto, si nascondevano nella memoria dei propri passati lavori, dei propri amori dei propri passatempi … in qualsiasi cosa potesse mantenerli vivi.

 
Di Fabrizio (del 14/12/2012 @ 09:10:49 in Italia, visitato 1486 volte)

21luglio.org

Immagine-spot-Rom-cittadiniL'Associazione 21 luglio organizza a Roma venerdì 21 dicembre 2012 alle ore 17,30 "Rom, cittadini dell'Italia che verrà", presso l'Auditorium UNICEF, via Palestro 68.

Nel corso dell'evento verrà presentata la campagna video "Stop all'apartheid dei Rom".
Parteciperanno: Andrea Segre, regista e autore; Paul Polansky, poeta e attivista per i diritti umani; Alex Zanotelli, missionario e coordinatore del Comitato campano con i rom; Riccardo Noury di Amnesty International e Sabrina Tosi Cambini, docente dell'Università di Verona. Modera la serata la giornalista Marta Bonafoni.

Per informazioni: segreteria@21luglio.org

il giorno successivo, sabato 22 dicembre 2012 alle ore 17 a Piazza del Popolo a Roma, l'Associazione 21 luglio sarà a fianco di Amnesty International per un evento dal titolo "30.000 volte NO al razzismo e alla discriminazione dei rom".

 
Di Fabrizio (del 16/03/2012 @ 09:10:33 in scuola, visitato 1487 volte)

ENGAGE International Reading Association I ROM INVITATI IN LIBRERIA - Guest Blogger: Marta Strahinič

Secondo dati non ufficiali, ci sono circa 312 Rom che vivono nel comune di Metlika, la maggior parte risiede in cinque piccoli insediamenti. Tra loro, 139 sono bambini e3 giovani sino ai 15 anni di età. La maggior parte frequenta la scuola primaria con più o meno regolarità, ma pochi di loro frequentano la biblioteca.

Gli studiosi mostrano che la principale barriera per i giovani rom che iniziano la scuola, è la loro scarsa conoscenza dello sloveno. Quindi le biblioteche possono giocare un ruolo importante nel migliorare l'alfabetizzazione e la capacità di lettura dei bambini rom ancora prima che facciano il loro ingresso nella scuola.

Di conseguenza, nel 2003 mi sono attivamente coinvolta nel lavorare con i Rom. Ho tenuto i contatti con il centro di lavoro sociale Metlika, che mi ha forenito tutti i dati necessari perché iniziassi ad invitare in libreria i Rom, specialmente i giovani ed i loro genitori. Questi son stati gli inizi che sono sfociati in un progetto targhettizzato, denominato dalla biblioteca pubblica Ljudska knjižnica Metlika "I Rom invitati in biblioteca".

Abbiamo iniziato ad invitare i bambini ed il or genitori a partecipare a diversi eventi in libreria. Abbiamo tenuto conto dei loro desideri ed organizzato per loro narrazioni e spettacoli di marionette. Li abbiamo anche invitati ad eventi rivolti a tutti i bambini del comune.

Però, alcuni Rom non potevano, anche volendo, partecipare alle iniziative, per la mancanza di trasporti pubblici e solo qualcuno di loro aveva una macchina. Così la biblioteca decise il passo successivo. Nel 2005, iniziammo a d organizzare eventi negli insediamenti rom.

Ciò che accadeva in quegli insediamenti attirò una grande affluenza. I bambini accorrevano a giocare ed ascoltare i racconti, anche molti adulti si fecero avanti con gioia ad ascoltare le fiabe. Le nostre visite erano l'evento più importante per l'insediamento.

Oggi, 65 Rom sono iscritti alla biblioteca e la visitano regolarmente. Alcuni la usano occasionalmente, soprattutto per navigare in Internet, e magari non sono iscritti. Altri si avvicinano ai libri e ai racconti solo durante gli eventi che organizziamo negli insediamenti.

Il nostro scopo - portare i libri e la biblioteca più vicino ai Rom, particolarmente ai bambini, ha avuto molto successo. Li abbiamo ascoltati ed assieme abbiamo sviluppato il progetto.

"I ROM INVITATI IN LIBRERIA" è stato scelto per il premio 2011 dell'Associazione Internazionale di Lettura per la Promozione della Lettura Innovativa in Europa. In quanto responsabile del progetto, Marta Strahinič ha ritirato il premio e presentato il progetto alla 17a Conferenza Europea di Lettura, a Mons in Belgio.

 
Di Fabrizio (del 21/05/2010 @ 09:10:26 in musica e parole, visitato 1660 volte)

Desideriamo invitarvi a partecipare alla serata "MA GAVA PALAN LADI, PALAN BURA OT CROIUTI - IO SEGUIRO' QUESTO MIGRARE, QUESTA CORRENTE DI ALI", con cena con cibi da ricette popolari balcaniche e con I MUZIKANTI DI BALVAL - JOVICA JOVIC E MARTA PISTOCCHI in concerto - musiche tradizionali/popolari balcaniche e non solo, organizzata dall'Associazione La Conta - ONLUS, che ci sarà venerdì 28 maggio 2010 alle ore 20,00 presso la CGIL - Salone Di Vittorio, in Piazza Segesta 4 con ingresso da Via Albertinelli 14 a Milano.

Sarà una serata piacevole e conviviale con MUZIKANTI DI BALVAL con Jovica Jovic - fisarmonica cromatica e Marta Pistocchi - violino in concerto di musiche tradizionali/popolari balcaniche, rom e sinti, festose, gioiose e capaci dare emozioni uniche. Si potranno inoltre apprezzare i cibi da ricette popolari balcaniche, preparati con passione e cura dai nostri cuochi e, se lo si desidera, associarsi all' Associazione La Conta - ONLUS, per contribuire alla realizzazione del progetto associativo di solidarietà sociale e di valorizzazione della cultura popolare. Per la serata è richiesto a ciascuno un contributo all'Associazione di 25,00 euro.

MUZIKANTI DI BALVAL - Jovica Jovic, fisarmonica - Marta Pistocchi, violino

Due musicisti all'apparenza molto diversi tra loro che si incontrano nelle sonorità della musica balcanica: Jovica Jovic è un maestro della fisarmonica cromatica, musicista di lunga carriera e custode della tradizione popolare del suo paese d'origine, la Serbia; Marta Pistocchi violinista italiana appassionata di musica rom, ha raccolto e condivide questa preziosa eredità in un passaggio di saperi che supera i confini geografici e culturali.

I Muzikanti sono la realizzazione di un autentico incontro di culture, che si esprime in un linguaggio musicale originale, fantasioso, libero, vitale. Ritmi incalzanti, intervalli orientaleggianti e virtuosismi si alternano a melodie struggenti dal potere evocativo, in una combinazione di esotismo ed energia che emoziona ogni tipo di pubblico
(www.myspace.com/imuzikanti)

Per ragioni organizzative vi saremo grati se confermate la vostra presenza alla serata con cena prima possibile ma comunque entro e non oltre mercoledì 26 maggio 2010 all'indirizzo laconta@intrefree.it 

Vi saremo altresì grati se vorrete dare diffusione elettronica all'iniziativa di cui sopra e/o diffondere la stessa tra le persone che ne possono esservi interessate. Vi ringraziamo in anticipo.

 
Di Fabrizio (del 11/04/2013 @ 09:09:10 in casa, visitato 1250 volte)



Messina: a un anno dal lancio del progetto di autocostruzione di abitazioni per i rom promosso dal Comune, quasi ultimati 10 appartamenti dove abitano complessivamente 70 rom che prima vivevano in un campo fatiscente: costo complessivo solo 150 mila euro.

Chiudere un campo e permettere a rom e sinti di vivere in casa, si può fare: costa anche dieci volte meno di un campo attrezzato, risparmiano i cittadini e ne beneficiano tutti in termini di integrazione. È quanto sta succedendo a Messina, dove ad un anno dal lancio del progetto di autocostruzione di abitazioni per i rom promosso dal Comune, sono stati realizzati e quasi ultimati ben 10 appartamenti dove ci abitano complessivamente 70 rom che prima vivevano in un campo fatiscente: costo complessivo dell'operazione? Solo 150 mila euro.

Proprio nella giornata internazionale per i Rom, che si celebra oggi, a fare il punto con Redattore Sociale sull'andamento dei lavori è l'ex assessore alle politiche per l'Integrazione multietnica, Dario Caroniti, uno dei promotori del progetto "Casa e/è lavoro" prima del commissariamento del Comune di Messina. "L'ultima parte del progetto si sta esaurendo proprio in queste settimane - spiega Caroniti -. Sono ormai completati i lavori degli ultimi quattro appartamenti". Tuttavia, le 10 famiglie allargate sono già tutte in casa.

Il progetto è stato realizzato per iniziativa del Comune e grazie ai fondi messi a disposizione dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Gli appartamenti, inoltre, resteranno di proprietà del Comune. "Per i primi anni i rom non pagheranno l'affitto perché si terrà conto del loro lavoro - ha spiegato Caroniti -, poi, dopo 5 o 6 anni, cominceranno a pagare un canone sociale. I rom non hanno partecipato alle spese, ma hanno lavorato". In fase di avvio del progetto, dieci rom sono stati coinvolti in un percorso di formazione promosso dalla Scuola Edile, al termine del quale sono stati consegnati gli attestati per la sicurezza sul lavoro. E sono stati loro, insieme a ditte specializzate, a rimettere a nuovo stabili abbandonati all'interno della città. "Alcuni appartamenti si trovano vicino al capolinea del tram - spiega Caroniti -, all'inizio di una zona residenziale. Erano appartamenti al pian terreno abbandonati nel degrado più totale. Altri appartamenti, invece, si trovano in un villaggio di Messina centro e sono stati realizzati partendo da una scuola chiusa". Non sono situati nel centro storico, spiega Caroniti, ma non sono neanche in periferia: sono nel centro urbano, "in quartieri popolari dove si è verificato un inserimento completo per la maggior parte dei rom".

Il progetto realizzato a Messina, racconta Caroniti, è il primo sull'isola, ma in Italia di esperienze di questo tipo ce ne sono altre. Come quella di Padova, dove sono state costruite alcune abitazioni, sempre in autocostruzione. È il Villaggio della Speranza, seguito dall'Opera nomadi di Padova Onlus e realizzato grazie al finanziamento del Comune di Padova e dell'allora Ministero della Solidarietà sociale. In questo caso, sono 12 i nuclei di famiglie sinte che hanno lasciato uno dei due campi di Padova per trasferirsi nelle 12 abitazioni realizzate, anche in questo caso, non lontane dal centro della città. "Il progetto si è concluso nel 2009 - racconta Marta Silvi, operatrice dell'Opera nomadi Padova -. Le famiglie sono tutte entrate in casa e sono tutte sistemate negli alloggi che funzionano perfettamente, consentendo la chiusura del campo di via Tassinari. Erano tre macronuclei, tutte con parentela tra di loro: circa 30 persone". I costi per la realizzazione delle abitazioni, in questo caso, sono stati maggiori di quelli del progetto siciliano. Si parla di circa 750 mila euro, ma per abitazioni nuove. "Il comune di Padova ha messo a disposizione il terreno e la prima parte dei finanziamenti - spiega Silvi -. Il resto dei fondi sono arrivati dall'allora Ministro della Solidarietà sociale, Ferrero. Gli alloggi sono di proprietà del Comune e le famiglie che vi risiedono pagano l'affitto in base all'Isee".

In tutti e due i casi, inoltre, è bastato un solo anno di lavoro dalla posa della prima pietra per vedere il progetto realizzato. Un po' più lunghe le fasi di progettazione, ma alla fine, spiegano i responsabili dei vari progetti, non ci sono stati intoppi e lungaggini. Quel che balza agli occhi, però, è il costo netto dei due progetti confrontati con le spese che affrontano le amministrazioni comunali per tenere in piedi campi attrezzati. Uno su tutti, l'esempio di Roma, dove secondo l'associazione 21 luglio, da anni impegnata nella difesa dei diritti dei rom, i costi procapite per i rom residenti nei campi voluti dal "Piano nomadi" sono ben più alti. Prendendo in considerazione il nuovo campo della Barbuta, infatti, tra costi di realizzazione (stimati dall'associazione in 10 milioni di euro per accogliere 600 persone) e di mantenimento (circa 450 euro al mese a persona, secondo la 21 luglio), per singolo rom il Comune di Roma arriva a spendere oltre 20 mila euro. Per una comunità di 70 persone, come a Messina, si supera quota 1,5 milioni di euro, contro i 150 mila utilizzati in Sicilia. Le case realizzate dagli stessi rom e sinti, inoltre, non hanno un costo annuo. Hanno comportato soltanto una spesa iniziale, nel caso di Messina inferiore di dieci volte alla stima della 21 luglio per la capitale, restano di proprietà del Comune, gli inquilini pagano regolarmente affitto e utenze e soprattutto risiedono all'interno del tessuto sociale da cui troppo spesso sono tagliati fuori.

Fonte: Redattore Sociale

 
Di Fabrizio (del 18/06/2009 @ 09:06:32 in musica e parole, visitato 1502 volte)

Ricevo da Veniero Granacci

INVITO: La Casa della Resistenza e l’Istituto storico della Resistenza "P. Fornara" vi invitano per un aperitivo cui seguirà la presentazione della mostra "Porrajmos" e lo spettacolo "Rom Cabaret"

Sabato 20 giugno 2009, ore 20.00 - 23.00
Casa della Resistenza
Via Turati 9, Verbania Fondotoce

Una storia da raccontare La persecuzione di Rom e Sinti tra ieri e oggi

"Quanti conoscono la parola Porrajmos? Pochissimi. Questo è l’indizio più significativo di come la memoria dei popoli che ci ostiniamo a chiamare zingari e nomadi fatichi a trovare ascolto e cittadinanza in Italia. Porrajmos è la parola che nelle lingue Sinte e Rom definisce il ‘divoramento’ subito in Europa tra il 1934 e il 1945".

L’Associazione Casa della Resistenza, in collaborazione con la Regione Piemonte, Assessorato alla Cultura, organizza una giornata di riflessione sul tema della discriminazione e della persecuzione verso le popolazioni Rom e Sinte attraverso la mostra storica Porrajmos. Sulle tracce della memoria che sarà presentata dal curatore, Carlo Berini, ricercatore dell’Istituto di cultura Sinta di Mantova.

Rom Cabaret Spettacolo con testi e musica popolare di artisti Rom
di Dijana Pavlovic
con Diana Pavlovic, Jovica Balval, Marta Pistocchi

"La convivenza tra comunità diverse in un medesimo territorio – non solo possibile, ma anche auspicabile – passa anche attraverso l’incontro e la conoscenza delle reciproche culture, unica via per dissipare incomprensioni, pregiudizi, luoghi comuni, diffidenze di tutti i tipi".

Alla presentazione della mostra seguirà lo spettacolo teatrale Rom Cabaret di Dijana Pavlovic, con Jovica Balval e Marta Pistocchi. Lo spettacolo è nato come occasione di incontro tra la cultura Rom e la rappresentazione che ne ha fatto la tradizione occidentale attraverso l’immagine romantica del mondo zingaro. Di fronte alle vicende drammatiche degli ultimi anni, che a partire dal caso di Opera sono culminate nella cosiddetta "emergenza Rom", è nata l’esigenza di attualizzare lo spettacolo e trasformarlo in uno strumento non solo di conoscenza e confronto, ma anche di denuncia. Attraverso poesie e racconti, musica e canzoni popolari, interviste e immagini si racconta la storia del popolo Rom (anche nei suoi momenti più drammatici, come lo sterminio nei campi di concentramento nazisti) e la condizione attuale dei Rom in Italia tra sgomberi e pregiudizi. Il tono è ora poetico, ora amaro e drammatico, senza dimenticare l’ironia e anche l’autoironia delle barzellette Rom.

Con il patrocinio di:

Consiglio Regionale del Piemonte - Comitato per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione Repubblicana
Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel VCO P. Fornara"

Sezione didattica
Istituto storico Resistenza e società contemporanea "P. Fornara"
Corso Cavour 15, 28100 Novara
tel. 0321 392743; fax 0321 399021
email: didattica@isrn.it ; sito web: www.isrn.it

 
Di Fabrizio (del 04/02/2008 @ 09:05:18 in musica e parole, visitato 2264 volte)

Casa della Cultura via Borgogna 3,

domenica 10 febbraio 2008 ore 16.00

PER LA MEMORIA

Shoah e Porrajmos: due volti dello sterminio razziale

ore 16.00: proiezione estratto dal dvd a forza di essere vento (lo sterminio nazista degli Zingari), autori vari, edito dalla rivista “A”

ore 16.15: testimonianze di MIRKO BEZZECCHI e NEDO FIANO

ore 17.00: dialogo teatrale Due voci, lo stesso orrore: Barbara–zingara, Sara–ebrea tratto dalle testimonianze di una ragazza Ebrea e una ragazza Rom con Dijana Pavlovic nel ruolo di Barbara e con Tatiana Olear nel ruolo di Sara

con accompagnamento musicale di Marta Pistocchi–violino e Jovica Jovic-fisarmonica

saranno presenti DARIO FO e MONI OVADIA.

Casa della Cultura, Comunità Ebraica di Milano, Comitato Rom e Sinti insieme

 

APPELLO PER IL RIPRISTINO DEL SERVIZIO DI SCUOLABUS AL CAMPO DELLA BIGATTIERA unaCITTAinCOMUNE

al Sindaco di Pisa Marco Filippeschi
all'assessore comunale alle Politiche Sociali Sandra Capuzzi
al Presidente del Consiglio Comunale Ranieri Del Torto

e, p.c. Al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi
all'Assessore Regionale alle Politiche Sociali Salvatore Allocca

Apprendiamo dalla stampa locale che 40 genitori nella zona di Marina di Pisa sono stati accusati del reato di "inosservanza degli obblighi dell'istruzione scolastica minorile".

I bambini e le bambine in questione sono quelli che vivono nel campo della Bigattiera, per i quali da due anni non è più attivo il servizio di scuolabus.

Alla sospensione del servizio comunale due anni fa in un primo momento ha dato risposta, seppure parziale, la Pubblica Assistenza del Litorale Pisano. Con l'anno scolastico 2012/2013 è stato soppresso anche questo servizio tampone e si è assistito alla completa dispersione scolastica di tutti i minori residenti in via della Bigattiera n.13.

Il fenomeno della dispersione scolastica non è connesso a forme di sfruttamento e di accattonaggio, come insinuano gli investigatori: i bambini della Bigattiera finché hanno potuto usufruire dello scuolabus, in maniera forse discontinua, hanno però mantenuto rapporti con le istituzioni scolastiche e con le forze del volontariato.
A partire da questo dato, ci chiediamo: quanta è la responsabilità sociale della dispersione scolastica che ha colpito l'infanzia del campo della Bigattiera?

I bambini e le bambine sono portatori diritti: l'Italia ha attuato la Convenzione sui Diritti dell'Infanzia con la legge 176 del 27 maggio 1991. L'articolo 28 della Convenzione recita:

    "Gli Stati parti riconoscono il diritto del fanciullo all'educazione, e in particolare, al fine di garantire l'esercizio di tale diritto in misura sempre maggiore e in base all'uguaglianza delle possibilità:…e) adottano misure per promuovere la regolarità della frequenza scolastica e la diminuzione del tasso di abbandono della scuola."

Dunque vi è nel fenomeno della dispersione scolastica una responsabilità genitoriale ma insieme anche una responsabilità sociale.

Per questo chiediamo fermamente a tutte le istituzioni, a partire dal Comune e dalla Società della salute, di ripristinare quanto prima il servizio di scuolabus per i bambini e le bambine del campo della Bigattiera. Chiediamo inoltre di garantire il pieno accesso all'istruzione, attraverso politiche attive e servizi rivolti alle famiglie e ai bambini, che prevedano delle condizioni igienico sanitarie accettabili, il sostegno scolastico e l'accompagnamento previsti negli altri campi.

Il problema del superamento dei campi richiede politiche concertate con la regione e i comuni dell'area vasta, e gli stessi abitanti dei campi; richiede tempi lunghi per favorire forme non traumatiche di superamento di una situazione umanamente inaccettabile. Respingiamo quindi fermamente l'idea che lo smantellamento di un campo inizi dalla cancellazione del trasporto scolastico. Occorre quindi che le istituzioni si impegnino affinché i bambini della Bigattiera non si trovino per il terzo anno consecutivo senza un servizio essenziale per il diritto allo studio e la socialità.

Cerchiamo una soluzione al problema dei campi insieme ai loro abitanti, intanto garantiamo ai bambini e alle bambine il diritto alla scuola, alla salute, al rapporto con il resto del mondo.

Pisa 20 giugno 2013

Primi firmatari
1. Clelia Bargagli Stoffi, medico veterinario e socia Famiglia Aperta
2. Cristina Fontanelli, insegnante scuola primaria Viviani
3. Michela Falchi, insegnante scuola primaria Viviani
4. Stefania Ramagli, insegnante scuola primaria Viviani
5. Michela La Marca, insegnante scuola primaria Viviani
6. Stefania Pandolfi, insegnante in pensione scuola primaria Viviani
7. Pierpaolo Corradini, pubblicitario e giornalista
8. Sara Cozzani, Opera Nomadi Pisa
9. Sergio Bontempelli, Africa Insieme
10. Milorad Petrovski, associazione Asifar
11. Dr. Aldo Cavalli, Presidente Pubblica Assistenza Litorale Pisano
12. Carla Martinelli, volontaria Banco Alimentare Pubblica Assistenza Litorale Pisano
13. Adriana Baldari, volontaria Banco Alimentare Pubblica Assistenza Litorale Pisano
14. Dino Pagliari, allenatore Pisa Calcio
15. Emiliano Cariello, Emergency Pisa
16. Annamaria Columbu, presidente Associazione Famiglia Aperta
17. Luca Randazzo, maestro e scrittore per ragazzi
18. don Sergio Prodi
19. Giovanna Zitiello, insegnante scuola media
20. Virginia Balatresi, volontaria Banco Alimentare Pubblica Assistenza Litorale Pisano
21. Raul Di Gioacchino, libraio e editore
22. Martina Pignatti Morano, presidente di Un ponte per…
23. Franca Corradini, docente Storia arte contemporanea Accademia Belle Arti (Firenze)
24. Francesco Niccolai, assegnista di ricerca Scuola S. Anna
25. Maria Valeria Della Mea, operatore teatrale
26. Alessandro Scarpellini, scrittore
27. Giuliano Marrucci, giornalista
28. Andrea Callaioli, avvocato
29. Eugenio Serravalle, medico pediatra
30. Giovanni Guerrieri, I Sacchi di Sabbia
31. Giulia Gallo, I Sacchi di Sabbia
32. Marco Barbato, per Fratelli dell'Uomo – Sezione Toscana
33. don Agostino Rota Martir
34. Piero Nissim, artista
35. Maria Rosaria Lacatena, assistente sociale
36. Laura Santoni, insegnante
37. Emilia Venturato, insegnante
38. Roberta Mariotti, insegnante
39. Mirella Sbrana, insegnante scuola superiori
40. Maria Teresa Onesti, insegnante scuola primaria
41. Giovanni Graifenberg, operatore sociale
42. Benedetta Dal Monte, insegnante di scuola primaria
43. Paolo Acquistapace, professore universitario
44. Simona Marzilli, imprenditrice
45. Francesco Moretti, artista di arti visive
46. Alessandra Baldi, insegnante di scuola primaria
47. Stefano Maria Pallottino, ingegnere
48. Rossana Bonuccelli, insegnante di scuola primaria
49. Ilaria Ferrara, insegnante di scuola primaria
50. Chiara Antoni, insegnante di scuola primaria
51. Massimo Ciampolini, medico pediatra
52. Federico Ruberti, imprenditore
53. Marcello Fiaccavento, impiegato
54. Martina Barontini, libraia e istruttrice sportiva
55. Debora Ceccanti, imprenditrice artigiana
56. Sara Barsotti, ricercatrice
57. Luca Odetti, direttore centro di ricerca e sviluppo
58. Francesca Prinari, ricercatrice universitaria
59. Fabiano Corsini, cittadino del litorale e della repubblica
60. Emanuela Amendola, dottoressa in economia
61. Mina Canarini, insegnante scuola dell'infanzia
62. Manuela Ferri, impiegata
63. Agnese Macchia, disoccupata
64. Veronica Lorenzetti, architetto
65. Rosita Serpa, biblioprecaria
66. Francesco Giorgelli, membro CDA dell'Università di Pisa
67. Maria Francesca Zini, assegnista di ricerca e attivista per la pace
68. Roberto Barbieri, insegnante scuola primaria
69. Rita di Ianni, educatrice Arciragazzi
70. Cesare Ascoli, ricercatore CNR
71. Donatella Petracchi, pensionata
72. Laura Baldini, libraia
73. Lidia Tamponi, impiegata
74. Lotte Paone, impiegata
75. Francesco Stea, medico
76. Elisa Renieri, insegnante scuola primaria
77. Alfonso De Pietro, cantautore
78. Isabella Moretti, insegnante scuola primaria
79. Giorgio Gallo, professore universitario
80. Antonella Serani, operatore sociale Pubblica Assistenza Litorale Pisano
81. Sandra Faita, bibliotecaria
82. Francesca Lodolini Salvini, insegnante scuola media
83. Riccardo Lorenzi, architetto e impiegato statale
84. Roberto Mori, insegnante in pensione
85. Anna Regoli, impiegata
86. Laurence Landais, traduttrice e doula
87. Valeria Giuliani, impiegata
88. Carmine Santoro, impiegato in floricoltura, presidente Ass. Il Chicco di Senape
89. Miranda Mancini, pensionata
90. Franca Nicodemi, Italiaonline srl
91. Sonia Paone, ricercatrice del dipartimento di scienze politiche
92. Alessandro Breccia, ricercatore precario
93. Chiara Gasperini, insegnante scuola primaria
94. Daniela Rispoli, medico veterinario
95. Rita Paperini, impiegata
96. Dino Pedreschi, professore universitario
97. Rachele Tagliamonte, casalinga
98. Nicolò Chessa, falegname
99. Leila D'Angelo, insegnante scuola superiore
100. Rudy Pessina, fotografo
101. Serena Leoni, cooperante
102. Ilaria Barachini, insegnante scuola dell'infanzia
103. Paola De Michelis, educatrice di asilo nido
104. Solange Costa, commessa
105. Guia Giannessi, insegnante scuola media N. Pisano
106. Davide Cornolti, tecnico CNR Pisa
107. Silvia Fogli, insegnante scuola media
108. Laura Leoni, impiegata
109. Patrizia Tortorici, insegnante scuola primaria
110. Susanna Mammini, impiegata
111. Carlo Iozzi, impiegato e RSU Fiom
112. Paolo Cianflone, insegnante scuole superiori
113. Elisabetta Orlacchio, assistente sociale
114. Viviana Bartolucci, psicologa e educatrice
115. Lorenza Poltronieri, consigliera Pubblica Assistenza Litorale Pisano
116. Fabio Callaioli, volontario Pubblica Assistenza Litorale Pisano
117. Angiolo Cioncolini, circolo ARCI Pisanello
118. Paride Antonelli, circolo ARCI Pisanello
119. Irene Campioni, medico chirurgo
120. Giuliano Campioni, professore universitario
121. Isa Ciani, insegnante in pensione
122. Marcello Palagi, direttore mensile "trentadue" (Massa Carrara)
123. Stefania Cappellini, Insegnante
124. Irene Lancioni Biblioprecaria
125. Tania Iannizzi, Bibliotecaria
126. Simona Frasciello, Segretaria Studio Medico
127. Francesca Serpa, architetto
128. Umberto Grassi, assegnista SNS
129. Luisella Mori, docente inglese ITCG Fermi Pontedera
130. Tiziana Noce, ricercatrice universitaria
131. Federico Giusti, confederazione Cobas Pisa
132. Daniele Guerrieri, insegnante di arte IC Curtatone e Montanara di Pontedera
133. Giusi Lauro, insegnante in pensione
134. Luigi Puccini, docente scuola superiore e residente a Pisa
135. Lucia Montagnoli, insegnante scuola media
136. Maria Marchitiello, medico omeopata
137. Sabine Schweizer, infermiere
138. Marta Galluzzo, educatrice
139. Mauro Pezzini, redattore web
140. Luigi Piccioni, docente universitario
141. Daniela Bernardini, docente scuola superiore
142. Cristina Zaccagnini, insegnante di scuola primaria presso l'I.C.Gandhi di Pontedera
143. Monica Rizza, Presidente Consiglio d'Istituto I.C. Pacinotti Pontedera
144. Luisa Filipponi, ricercatrice
145. Fausto Gozzi, professore universitario
146. Michela Trapanese, insegnante scuola primaria
147. Pietro Gattai, geologo
148. Maria Elisa Bedani, insegnante in pensione scuola media Marina di Pisa
149. Sergio Gattai, bibliotecario in pensione
150. Francesca Mulana, ricercatrice universitaria
151. Manuela Furrer, educatrice
152. Giovanni Mandorino, cittadino
153. Rosalba Fedele, educatrice
154. Dela Pawlitzki, insegnante scuola primaria
155. Roberto Cini, operaio
156. Francesca Gabrriellini, studentessa
157. Fabio Meini, informatico
158. Andrea Orsini, libero professionista
159. Antonella Pochini, operaia
160. Rino Razzi, inforrmatico
161. Martina Lombardi, Dottoranda
162. Dario Ferraro, operatore sociale
163. Aurelia Manai, guida turistica
164. Claudia Molfetta, studentessa
165. Alessandro Toma Studentessa
166. Gaia Colombo, Fratelli dell'uomo
167. Patrizia Guidi, biologa
168. Maria Grazia Braccini Masetti, insegnante in pensione
169. Angela Mazza, insegnante scuola primaria
170. Enrica Pea, medico
171. Sabrina Zupicic, giardiniera
172. Fabio Tarini, docente universitario

 
Di Fabrizio (del 15/02/2013 @ 09:04:23 in Europa, visitato 1034 volte)

EXBERLINER "Posso dirlo perche' sono ebreo. Dei Rom e dei Sinti non importa." by Ruth Schneider
(NdR. Una nascita tormentata: gennaio 2008, gennaio 2011, agosto 2011)

Dani Karavan e la cancelliera Angela Merkel alla cerimonia di inaugurazione del memoriale lo scorso 24 ottobre. Photo by Stephanie Drescher

Il 24 ottobre 2012, dopo 20 anni di controversie politiche e logistiche, il Memoriale per i Rom ed i Sinti Uccisi è stato finalmente svelato nel Tiergarten di fronte al Reichstag. Tra il pubblico, sopravvissuti ottuagenari, rappresentanti romanì e membri del governo tra cui la stessa cancelliera Merkel. Fine di ignoranza, pregiudizio e ostracismo?

Il Memoriale per i Rom ed i Sinti Uccisi, progettato da Dani Karavan. Photo by Marta Domínguez

    * Viene ancora discussa la vecchia cifra di 500.000 vittime. Mi chiedo se c'è un ordine del giorno. (Vedi la precedente intervista a Ian Hancock)

Mentre il 58% dei tedeschi, ancora nel XXI secolo rifiuta di avere "zingari" come vicini - e la Germania è attualmente impegnata nella deportazione di 10.000 Sinti e Rom (inclusi quelli nati e cresciuti in Germania) verso il Kosovo che lasciarono due decenni fa - il destino del popolo più perseguitato d'Europa non sembra preoccupare la nazione che, 70 anni fa, cercò di sterminarli.

In aggiunta, si susseguono cifre e dibattiti raccapriccianti, mentre i romanì lottano ancora per essere ascoltati come le "altre" vittime dell'Olocausto nazista.

Abbiamo chiesto a Dani Karavan, progettista del memoriale, di condividere le sue opinioni sull'argomento.

    * "Gli ho detto che si fosse trattato di Ebrei, avrebbero spostato la fermata del bus in una settimana. Ma di Sinti e Rom non si preoccupano."

Allo scultore israeliano Dani Karavan fu commissionato il memoriale nel 1992, su suggerimento personale di Germani Rose, capo del Consiglio Centrale Tedesco per i Rom e Sinti. L'artista conosciuto in tutto il mondo era autore di molti monumenti e memoriali simili in tutto il globo - da Israele al Giappone sino alla Francia. Molti di questi sono collegati ai diritti umani e si mescolano con gli elementi circostanti in un unico riflesso che interseca natura, storia e spazio. A 82 anni, l'artista sempre in viaggio per il mondo non ha perso il suo morso.

E' da parecchio che stavi lavorando a questo memoriale...

Ci sono abituato. Esistono i problemi politici, le elezioni... Ma, è vero, stavolta c'è voluto molto tempo perché, prima c'è stata una discussione durata otto anni tra l'amministrazione e il consiglio centrale dei Sinti e dei Rom. L'argomentare era che i primi volevano adoperare la parola Zingari, che i secondi trovavano denigratoria.

Davvero volevano usare quella parola?

Quello era il concetto del ministro alla cultura. Si diceva che nessun documento storico del nazismo avesse mai menzionato di uccidere Rom e Sinti ma solo gli Zigeneur. Questa era una discussione. L'altra riguardava quanti Rom e Sinti fossero stati uccisi. Il governo voleva indicarne 100.000, mentre Sinti e Rom dicevano che eraano almeno 500.000.

Ma 500.000 non è già una cifra al ribasso?

C'è chi pensa che sia una stima elevata, per motivi politici. Il comitato per i diritti di Sinti e Rom al Parlamento Europeo mi disse che sarebbero stati circa un milione. Così ho sostenuto l'idea che il memoriale dovesse assolutamente menzionare almeno mezzo milione. E fui criticato da un professore dell'università di Haifa in Israele, che diceva fossero molto meno! Durante tutta la discussione con l'amministrazione tedesca, ho preso le parti dei Sinti e Rom.

Qual è stata la tua relazione con l'amministrazione?

Sono stato obbligato a lavorare con gente del senato di Berlino, dipartimento pianificazione cittadina, che non era professionale. Quando vedi cosa è successo con l'aeroporto, con la Topografia del Terrore... sono cose fatte miseramente. Hanno trattato il mio progetto in modo tale che iniziai a credere che fosse una forma di razzismo. Non gli importava cosa veniva fatto, il materiale da adoperare, l'impresa che doveva incaricarsi del lavoro. Hanno agito come se fossi irrilevante, in maniera sgradevolmente aggressiva.

Come spieghi questa mancanza di professionalità?

Non so spiegarmelo. Ho fatto molti lavori nella mia vita. Mai avuto problemi simili. Sono stati anni d'inferno, e non sono un giovanotto. Ho iniziato che avevo 68 anni, ora ne ho 82. E' impossibile accettare cosa hanno fatto. Ho raccontato l'intera storia e nessuno crede che questo sia successo in Germania. I tedeschi dovrebbero chiedersi: chi ha sepeso questi soldi, perché c'è voluto tutto questo tempo? Secondo me è gente che dovrebbe essere portata in tribunale.

Il tuo budget era abbastanza limitato, vero? 2,8 milioni di euro?

Anche di meno, ma poi hanno dovuto spendere di più perché non potevano fare il lavoro correttamente. Hanno cambiato il concetto. L'ingresso doveva essere sul lato del Reichstag, ma lì c'era una fermata d'autobus. Per questo hanno cambiato la posizione dell'ingresso. Ti immagini, non poter spostare una fermata d'autobus per l'ingresso principale al memoriale dei Sinti e Rom?! Gli ho detto che se si fosse trattato di Ebrei, avrebbero spostato la fermata in una settimana. Posso dirlo perché sono Ebreo. Ma di Sinti e Rom non gliene importa.

Finché non è intervenuto il governo federale...

Sì... anche Wim Wenders ha detto che se non fosse cambiato, sarebbe stato un grande scandalo internazionale. Alla fine hanno passato la responsabilità dal senato di Berlino al ministero federale delle Costruzioni, con gente molto seria, che aveva rispetto per il progetto e per i Sinti e i Rom. Mi hanno rispettato e commissionato il progetto ad uno studio di architettura di Berlino. Dobbiamo ringraziare il ministro della cultura Bernd Naumann. Quando capì, tutto cambiò. Altrimenti, il memoriale non sarebbe mai stato terminato.

Come ebreo israeliano, cosa è significato per te lavorare ad un monumento per le vittime dimenticate dell'Olocausto?

Credo che dovrebbe esserci stato un solo memoriale dell'Olocausto per tutti. Non divisi.

La comunità ebraica si è opposta...

Non mi importa. E' la mia opinione. Come Ebreo ho tutto il diritto di dir loro che dovrebbe essere per tutti Li hanno uccisi tutti assieme. Per questo sento che sono miei fratelli e sorelle. All'inaugurazione ho detto in ebraico che sento come se la mia famiglia sia stata uccisa e cremata con i Sinti e i Rom nelle medesime camere a gas e che le loro ceneri sono andate col vento nei campi. Così siamo assieme. E' il nostro destino.

Personalmente, quanto sei soddisfatto del risultato di tutti questi anni di infernale lavoro?

Sono stato colpito dalla reazione della gente. L'inaugurazione è stata davvero imponente, grazie alla cancelliera e al ministro della cultura. Storicamente, è stato un evento davvero importante. Tuttora ricevo commenti da parte di chi si è sentito toccato. Davvero, la mia sofferenza è valsa la pena!

Nel suo discorso, la cancelliera Merkel ha detto di essersi dedicata al benessere di Sinti e Rom. Nel contempo, la Germania sta deportando Romanì che hanno vissuto in Germania per 20 anni. Non è ipocrita? Immagineresti se la Germania deportasse oggi gli Ebrei?

Penso che tu abbia ragione. In un certo senso gli Ebrei sono privilegiati, perché dopo la guerra l'Olocausto è entrato nella loro cultura. Talvolta, è una mia opinione, alcuni ebrei lo adoperano in modo sbagliato. La loro influenza e posizione sono forti. Per questa ragione è stato così importante per me, Ebreo israeliano, fare meglio che potessi questo lavoro per i Sinti e i Rom.

Il memoriale nelle parole del suo creatore:

    "Ho avuto l'idea che il memoriale dovesse essere solo un fiore, ma per proteggere il fiore dovevo avere l'acqua. L'acqua è diventata parte integrale del memoriale. I riflessi scuri nell'acqua la rendono simile ad un buco nella terra. Riflette gli alberi e il Reichstag, e chi si avvicina all'acqua diviene parte del memoriale. Per me è molto importante. Il visitatore non solo osserva, ma ne è parte. Anche il fiore è molto importante, perché Sinti e Rom sono sepolti in enormi cimiteri, senza tombe, senza targhe, solo fiori. Non sappiamo dove. Forse solo le radici dei fiori lo sanno. Il fiore è un triangolo, che rappresenta il triangolo che portavano sul loro corpo. Nel momento in cui portavano quel segno, perdevano ogni diritto come esseri umani. Questo è il concetto." Dani Karavan
 
Di Fabrizio (del 26/08/2008 @ 09:04:04 in scuola, visitato 1771 volte)

Da Mundo_Gitano

ETNIAS DE COLOMBIA - ACTUALIDA ETNICA Il significato dell'educazione etnica per la Colombia
Por: María Fernanda Garzón Arias (Guiaacademica.com)

Bogotá, 21 /08/2008. Indigeni, afrocolombiani e gitani compongono la ricchezza intangibile del paese, nondimeno, la discriminazione ha segnato la convivenza di questi popoli, a tal proposito lavorano iniziative accademiche.

Con l'arrivo di Cristoforo Colombo nel 1492, l'America divenne una terra colma di ibridi culturali tra nativi, mori, spagnoli, gitani ed africani.

La conosciuta epoca della "conquista" per qualcuno non fu niente più che un'invasione nelle credenze autoctone, per cui le comunità indigene trovarono la forma di mantenere la loro essenza e reinventarono la forma di convivere, attraverso le difese indigene o le kumpanias (gli spazi urbani dove vivono i rom).

Secondo il Dipartimento Amministrativo Nazionale di Statistica (DANE), sulla base del Censimento realizzato durante il 2005, i gruppi etnici che tuttora permangono sono:

  • Indigeni, che corrispondono a circa il 3,43% della popolazione nazionale.
  • Afrocolombiani, con circa il 10,62%, incluse le comunità razziali di San Andrés y Providencia e quella di San Basilio de Palenque.
  • Rom o gitani, che corrispondono allo 0,01%.

Sin dall'arrivo degli europei, la Colombia ha guardato con malcelata superiorità a questi popoli ancestrali, come dimostrato dalla Legge 089 del 25 novembre 1890, che determinava "che i 'selvaggi' dovessero essere ridotti a incorporarsi nella vita civilizzata".

Con la Costituzione del 1991 si riconobbe l'importanza di queste comunità minoritarie nella conformazione di un paese plurietnica e perciò furono elaborati vari articoli per proteggere l'integrità culturale e patrimoniale della nazione.

Però, Gloria Amparo Rodríguez, professoressa e studiosa della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università del Rosario, afferma che queste parole sono rimaste sulla carta e non sono diventate realtà.

"Considero che manca il riconoscimento (di queste comunità), ed inoltre, di strategie accademiche e del Governo per preservare l'essenza etnica", aggiunge.

Sulla base di questo panorama, varie istituzioni educative superiori han deciso di prendere misure a proposito.

Per esempio, l'Università del Rosario ha un programma di borse di studio destinate a coprire il 90% delle spese di una matricola appartenente ad una comunità etnica.

In questo senso, Rodriguez spiega che aprire questo spazio non è stato un compito facile perché l'incontro di due culture è complicato da assumere.

"All'inizio l'impatto di vedere gli indigeni nell'università, non era così semplice, incluso per i professori; ad esempio, un giorno un docente mi disse che uno studente aruhaco stava prendendo coca in classe, riferendosi all'utilizzazione del poporo (implementando in una forma dove si mescolano varie sostanze organiche e che tiene un significato vitale) invece dei quaderni per plasmare le sue conoscenze", commenta.

Così Rodriguez ha deciso di fondare la Cattedra Viva Interculturale, che intende mostrare la cultura etnica agli studenti tradizionali.

"Impariamo molto sulle comunità minoritarie, in questa materia ogni studente etnico ci mostra come pensa, vive e percepisce il mondo, perché sono le altre conoscenze, quelle dei nostri antenati, che dobbiamo conoscere", sottolinea.

Nel contempo, l'Università in collaborazione col Ministero degli Interni accoglie queste comunità nella pre-università, dove ricevono consigli per scegliere la carriera che più si adatta al loro profilo.

"E' un'opportunità di crescita accademica tanto per gli alunni delle etnie che per quelli tradizionali", spiega Myriam Ochoa, decana della Facoltà di Educazione.

Come recita uno dei punti del Piano Decennale di Istruzione, è necessario generare "autonomia per il riconoscimento della diversità culturale e del rispetto per la differenza, guardando alla convivenza pacifica".

Gli studenti parlano

Kasokaku Busintana, alunno aruhaco, arrivò dalla Sierra Nevada di Santa Marta e cercare strumenti validi nella società attuale per aiutare la sua comunità.

Spiega: "Lavoro e progetti ambientali, guardando al cammino politico e sociale per proteggere i patrimoni vivi che siamo noi popoli indigeni".

Kasokaku che attualmente frequenta il settimo semestre di Giurisprudenza dell'Università del Rosario, afferma che nell'università ha trovato spazi per insegnare la sua cultura.

"E' importante che la società capisca che la Colombia è un paese di differenze, di comunità multiple; non è come una mostra del museo, giorno a giorno si lavora duro perché sia una realtà e non qualcosa di fittizio", enfatizza.

Nella stessa maniera Arukin Torres, studente di Relazioni Internazionali all'Università del Rosario, riferisce come l'istituzione si è convertita in un luogo di interscambio o "baratto" di conoscenze.

"Sono venuto a costruire un mutuo conoscimento di permanenza culturale per tracciare un cammino definito per i nostri popoli. (...) Perché, come dice mia mamma: gli uccelli possono cambiare le piume ma, mai il canto", aggiunge.

 
Di Fabrizio (del 10/05/2009 @ 09:02:31 in musica e parole, visitato 1336 volte)

Fondazione Serughetti
Centro Studi e Documentazione LA PORTA

Conoscere, ascoltare, gustare
una serata tzigana per ricordare Beppe Bailo

Domenica 17 maggio
presso lo Spazio Polaresco (Longuelo)


ore 18.00 Accoglienza

ore 18.15 Proiezione di "Porrajmos"
Un documentario dell'Opera Nomadi sulle persecuzioni dei Nomadi da parte di nazisti, fascisti, ustascia e sui drammi attuali. Tratto da "A forza di essere vento - Lo sterminio nazista degli Zingari" Editrice A

ore 19.00 "Abitare la città con i Rom e con i Sinti: quali politiche possibili?"
Intervengono:
Maurizio Pagani - presidente Opera Nomadi Milano
Giorgio Bezzecchi - presidente "Romano Drom"
Alfredo Alietti - sociologo Università di Ferrara

ore 20.30 Buffet Rom

a seguire, musica balcanica rom del gruppo Muzikanti di Balval
Jovica Jovic - fisarmonica
Marta Pistocchi - violino

Ingresso libero

Info:

tel. 035.219230 - fax 035.249880
email: info@laportabergamo.it
www.laportabergamo.it

 
Di Fabrizio (del 29/10/2007 @ 09:00:10 in media, visitato 2175 volte)

OPERA GAGIA
Prosegue il ciclo “Contro l’identità contro” con un docu-film sulla vicenda dei rom a Opera
Martedì 30 ottobre 2007, ore 21


Auditorium San Fedele
Via Hoepli 3/B – Milano
Martedì 30 ottobre Popoli organizza una serata tutta dedicata alla cultura rom con la proiezione del documentario Opera Gagia di Antonio Bocola (regista di Fame Chimica). Il documentario racconta l’arrivo di un gruppo di rom, nel dicembre 2006, nel comune di Opera e le reazioni della popolazione. La proiezione del video, prodotto dalla Provincia di Milano, sarà seguita da un dibattito con la partecipazione dello stesso regista, di Tommaso Vitale, docente di Sociologia nell’Univeristà di Milano-Bicocca, di esponenti della Caritas Ambrosiana, della Casa della Carità, della Comunità di Sant’Egidio, dell’Opera Nomadi e rappresentanti delle comunità rom di Milano.
L’evento, realizzato in collaborazione con il mensile di ricerca e intervento sociale Aggiornamenti Sociali, avrà luogo nell’Auditorium San Fedele, in via Hoepli 3/B, a Milano. La serata è a ingresso libero.
L’iniziativa è il secondo appuntamento del ciclo di incontri che Popoli, il mensile internazionale dei gesuiti, propone con l’obiettivo di incontrare e conoscere le diverse culture presenti sul nostro territorio. Lo scopo è andare oltre la frequente strumentalizzazione del concetto di identità, usato per giustificare arroccamenti e chiusure. “Contro l’identità contro”, questo il titolo della serie di serate, rifiuta questo approccio e intende invece promuovere una “identità aperta”: aperta a conoscere, riflettere, con-vivere.
Il ciclo si è aperto con lo spettacolo di “cabaretnico” Strangers in the night, realizzato dagli attori stranieri del laboratorio di Zelig Cabaret, e si concluderà mercoledì 7 novembre con una tavola rotonda dedicata all’incontro-scontro tra Occidente e Islam. Gli eventi hanno il contributo della Provincia di Milano e di Banca Etica e il patrocinio della Regione Lombardia.
Milano, 25 ottobre 2007

Per informazioni:
Popoli 02.86.352.1
ufficiostampa@popoli.info - www.popoli.info

Marta Zanella
Ufficio stampa Popoli e Aggiornamenti Sociali
02.86.352.583

 
Di Fabrizio (del 11/12/2013 @ 09:00:02 in conflitti, visitato 1723 volte)

Rom-Anzi Sergio Bontempelli, 9 dicembre 2013 su corriere delle migrazioni

Quest'uomo io lo conosco da sempre: da quando, quasi venti anni fa, ho cominciato a frequentare il "campo nomadi" di Coltano, vicino a Pisa. Piccoletto di statura, con una coppola in testa che gli conferisce un'aria quasi da contadino siciliano, con il tono compassato di un vecchio saggio, Zajko è una specie di "istituzione" del campo.

E' in Italia stabilmente dal 1988, ed è stato uno dei primi rom bosniaci ad arrivare a Pisa. Davanti alla sua baracchina ha visto transitare i "nuovi" immigrati rom, i profughi della guerra degli anni novanta. E ha cresciuto almeno tre generazioni, tra figli, nipoti e bisnipoti. Un vero e proprio custode della "memoria storica" di Coltano.

Sì, lo conosco da sempre, Zajko. E lo conoscono i tanti operatori, assistenti sociali e volontari che nel corso degli anni hanno frequentato il campo. Ma non tutti hanno avuto la pazienza di ascoltare quel simpatico ometto con la coppola. Perché Zajko si esprime in un italiano tutto suo: che non è un italiano "scorretto", ma una lingua ibrida, pronunciata con un forte accento slavo, piena di costruzioni sintattiche romanes e bosniache, infarcita di parole che sembrano strane, e a volte anche un po' buffe.
Non sempre lo capisci al primo colpo, e per entrarci in contatto hai bisogno di tempo: devi passarci qualche pomeriggio, condividere un caffè, fare due chiacchiere così senza scopo. E invece gli operatori, tutti presi dai loro "progetti", non hanno il tempo per ascoltare. Vanno al campo per convincere, spiegare, illustrare, parlare. Hanno sempre qualcosa di importante da dire, e non si prendono mai la briga di sedersi un attimo.

La storia di Zajko
La storia di Zajko è venuta fuori per caso, in una fredda giornata di inverno di tre anni fa. Con gli altri volontari dell'associazione Africa Insieme eravamo andati al campo, a far visita ad alcuni amici: l'aria gelida della sera ci aveva convinto a entrare nella baracca di Zajko, a prendere un buon caffè caldo.
C'era confusione e non si capiva molto: i bambini giocavano e urlavano, una ragazza più grande ci chiedeva di spiegarle una cosa di matematica che non aveva capito a scuola. E poi le due figlie di Zajko avevano avuto problemi in Questura con il loro permesso di soggiorno, ci chiedevano di aiutarle ma non c'era verso di farle parlare una alla volta. Un gran caos, insomma.

Zajko sembrava farfugliare qualcosa, ma i familiari ci dicevano di non dargli retta, "è vecchio e non si capisce mai quello che dice". Però il "vecchio" aveva pronunciato una parola che non avevamo mai sentito al campo, e che ci aveva incuriosito: "ustascia". Sì, Zajko parlava degli Ustascia, i fascisti croati amici di Hitler, che avevano fondato uno Stato Indipendente Croato alleato della Germania.
"Io visto cartelli", insisteva il nostro amico aggiustandosi la coppola, "cartelli sui muri, dicevano evrei srbi e zingari tutti ammazzare". Zajko aveva assistito all'arrivo delle leggi razziali nel territorio croato (che all'epoca includeva anche la Bosnia): le vittime designate erano - per l'appunto - ebrei, serbi e rom.

Gli ustascia, le leggi razziali, lo sterminio
Secondo alcune stime, gli Ustascia uccisero il 75% degli ebrei presenti nel Paese prima della guerra. Quanto ai serbi, interi villaggi furono dati alle fiamme, sacerdoti e altri esponenti religiosi ortodossi furono massacrati nelle loro chiese, circa 200 mila persone dovettero subire la conversione forzata al cattolicesimo.
Fra gli "zingari" - ci informa Mirella Karpati - "le vittime accertate fino al 1998 furono 2.406, di cui 840 bambini. Il campo più terribile era quello di Jasenovac, dove si uccidevano le persone con metodi barbari. Né mancarono campi destinati ai bambini, come quello di "rieducazione" a Jastrebarsko, dove fra l'aprile 1941 e il giugno 1942 morirono 3.336 bambini di varie etnie. Nel campo per le donne di Stara Gradiska morirono oltre trecento bambini zingari".

Da partigiano ad immigrato
Zajko aveva visto le prime avvisaglie di quella tragedia: i cartelli, affissi per le strade, che annunciavano la volontà di "ripulire" la Croazia dalle "razze maledette": ebrei, serbi e rom ("evrei srbi e zingari tutti ammazzare"). E aveva deciso di scappare, rifugiandosi in montagna. Qui aveva incontrato i partigiani di Tito, e si era unito a loro. Un pezzo di storia del Novecento riemergeva dalle parole un po' farfugliate di quell'ometto in apparenza così modesto.

Zajko era stato ferito ed era finito all'Ospedale: poi, uscito, aveva continuato a combattere. Finita la guerra, era andato a Zagabria, dove con la sua formazione partigiana aveva conosciuto Tito. Quindi era tornato finalmente a casa, si era sposato e aveva costruito la sua famiglia. Aveva avuto una prima esperienza migratoria in Italia negli anni Cinquanta: era stato a Napoli, poi a Piacenza a fare il barista. Ma la vera e propria migrazione - quella definitiva - era avvenuta nel 1988: da allora non è più tornato in Bosnia.

Quando abbiamo ascoltato il suo racconto, abbiamo deciso che questa piccola storia - legata alla Storia più grande, quella con la lettera maiuscola, che si legge nei libri e si studia all'Università - doveva essere raccontata. è nato così un video, prodotto da un gruppo di volontarie della nostra associazione, che trovate qui sotto liberamente visionabile e scaricabile.

Una bandiera alla finestra
Ho continuato a frequentarlo, Zajko. Lo incontriamo tutte le volte che andiamo al campo. Oggi ha problemi di salute dovuti all'età - più di ottanta anni - e fa sempre più fatica a lavorare. Era un calderaio, un artigiano del rame: vendeva i suoi prodotti ai mercati, e con quelli si manteneva. Negli ultimi anni i dolori e gli acciacchi gli hanno reso quasi impossibile continuare. Il Comune gli ha assegnato una "casetta", perché nel frattempo il campo di Coltano è stato trasformato in un "villaggio" di alloggi in muratura: ma lui, senza reddito, fatica a pagare l'affitto, e rischia lo sfratto.

L'esperienza della guerra lo ha segnato in profondità, forse più di quanto non sia disposto ad ammettere lui stesso. Perché di guerre, Zajko, ne ha conosciute due: la prima l'ha vissuta da partigiano, da protagonista e in qualche modo da vincitore. La seconda - quella degli anni Novanta - l'ha sorpreso mentre era in Italia, e di fatto l'ha "intrappolato" a Pisa, impedendogli il ritorno a casa.

Quando parla di guerra abbassa gli occhi, Zajko. E il suo sorriso si spegne. La sua "seconda" guerra, il tragico conflitto balcanico degli anni Novanta, non lo racconta volentieri. Ma ogni volta che in televisione sente parlare di bombardamenti, di profughi in fuga, di scontri militari, si preoccupa e ci chiede spiegazioni: vuol sapere che sta succedendo, se il teatro del conflitto è vicino o lontano, se sono coinvolti i civili, se la diplomazia sta facendo il suo lavoro e se le armi si fermeranno.
Nel comodino accanto al letto Zajko tiene una bandiera arcobaleno della pace. E, quando alla televisione parlano di guerra, la appende alla finestra, così che le macchine che sfrecciano sull'autostrada possano vederla.

Zajko. Un video di Africa Insieme from Africa Insieme on Vimeo. Video di Sara Palli, Alice Ravasio, Francesca Sacco, Marta Lucchini, Irene Chiarolanza, Diana Ibba. Prodotto dall'associazione Africa Insieme di Pisa nell'ambito del progetto "volontari come in un film", con la collaborazione di Cesvot, Aiart, Progetto Rebeldia. Musiche originali di Pasqualino Ubaldini

 
Di Fabrizio (del 07/08/2008 @ 08:59:31 in Europa, visitato 2081 volte)

Da Czech_Roma

30 luglio, 2008 - By Gwendolyn Albert

Anita Danka/European Roma Rights Centre.
Elena Gorolova, a sinistra, a Madrid con una reduce alla sterilizzazione forzata, Marta Pušková.


Negli ultimi quattro anni, sono stata coinvolta nell'aiutare le reduci delle sterilizzazioni forzate nella Repubblica Ceca, nella loro lotta per ottenere dal governo una riparazione per i danni da loro sofferti, e per impedire che violazioni simili accadano ancora negli ospedali cechi. Assieme ad OnG locali ed internazionali, le donne della comunità Rom di Ostrava in particolare, hanno perseverato in questa ricerca, nonostante le minime risorse ed appoggio. Il loro solo alleato è il difensore pubblico dei diritti Ceco (ombudsman), le cui raccomandazioni fatte nel 2005 rimangono inadempiute dal governo, nonostante i richiami dei consulenti governativi di riconoscere la responsabilità per le violazioni, scusarsi con le vittime e fornire una riparazione.

Qualche settimana fa, mi sono trovata in un albergo di Vienna, dopo una settimana di attivismo ad una grande conferenza a Madrid sui diritti delle donne. Assieme ad alcune delle reduci di Ostrava ed allo staff dell'European Roma Rights Centre, avevo raccolto firme per richiedere ai governi ceco, ungherese e slovacco di riparare queste violazioni. Curiosa di vedere le notizie, ho girato sulla CNN - e quasi sono caduta per la sorpresa. Uno spot annunciava che il documentario Processo per un Bambino Negato, sulla sterilizzazione coercitiva nella Repubblica Ceca, sarebbe stato trasmesso durante la serie "Storie Mai Raccontate dal Mondo". Essendo stata coinvolta da vicino nell'assistere i produttori del film, ero strafelice di vedere il loro lavoro raggiungere il mondo.

Ma per me, lo sviluppo più importante negli scorsi quattro anni è stato il cambiamento che ho osservato nelle donne stesse. Nonostante alcune difficoltà - come le cronache ostili nella stampa locale dopo che avevano dimostrato fuori dall'ospedale di Ostrava nel 2006 - queste donne hanno superato lo stigma che chiunque proverebbe a discutere dettagli sulla propria vita così intimi. In un recente incontro con le donne Rom della Slovacchia che sono state oggetto degli stessi abusi, le reduci delle sterilizzazioni di Ostrava parlarono appassionatamente del bisogno di raggiungere in qualche modo il pubblico attraverso i media, non solo di scambiarsi le proprie esperienze privatamente. Anche dopo quattro anni di quasi silenzio dal governo, ed anche sapendo che loro sono coscienti che la grande maggioranza di loro non vedrà mai quel giorno in tribunale, rimangono focalizzate e desiderose di giustizia.

Nessuna personifica questa trasformazione così chiaramente come Elena Gorolova, che fu sterilizzata senza il suo consenso nel 1990, nel corso del suo secondo parto cesareo. Durante il travaglio in sala parto, con un'enorme paura e sotto l'influenza dei sedativi, i dottori le diedero un pezzo di carta e le dissero: "Firma o morirai." Credendogli, firmò senza nemmeno leggere il documento - come disse più tardi, "In quel momento, avrei firmato la mia condanna a morte."

Il "consenso" ottenuto da Elena sotto queste circostanze è tipico dei reclami del post-comunismo registrati dall'ombudsman. Lei non scelse di essere sterilizzata - i dottori scelsero per lei.

Quattro anni fa, quando riportai per la prima volta di queste violazioni alle Nazioni Unite di New York, fu il suo primo viaggio aereo. Così ci organizzammo per un'altra donna, che l'avrebbe accompagnata e mostrato la rotta. Quest'estate, per il nostro viaggio a Madrid, Elena non solo ha volato da Ostrava da sola, ma è stata lei ad offrire supporto ad un'altra che a sua volta volava per la prima volta. Ha anche imparato ad usare, l'e-mail e Skype. L'esperienza di parlare in pubblico ed interagire con i giornalisti ha rafforzato non solo l'autostima di Elena, ma anche quella delle sue colleghe, come il documentario dipinge così bene. Elena è anche stata nominata recentemente membro della società civile del Consiglio Governativo per gli Affari della Comunità Rom, un organo consultivo del governo sulle tematiche Rom.

Solo un'individualità veramente forte può aver sostenuto l'esperienza recente di un'intervista online con i lettori del server di notizie iDNES.cz, che Elena ha voluto fare mentre eravamo a Madrid. I partecipanti alla conversazione, alcuni firmandosi "Dottore", accusavano Elena e le sue compagne di vari motivi clandestini, come quello di voler diventare "ricche alla svelta" - un'accusa ridicola per chiunque abbia familiarità con i tempi del sistema legale ceco, e le somme tradizionalmente basse dei compensi elargiti solo in casi eccezionali.

Quanti interrogavano sembravano afferrare a fatica che le doglie non sono il momento migliore per chiedere ad una donna se volesse essere sterilizzata. Tentavano di spiegare ad Elena che il "vero problema" era il desiderio di suo marito di avere più figli, non quello del dottore che la sterilizzava senza il suo informato consenso. Questo implicava che avere bambini era solo uno stratagemma per ricevere appoggio sociale. Le hanno chiesto se fumasse, quali voti avesse a scuola e perché non adottasse un figlio. Le hanno chiesto perché i Rom abusino del sistema sociale, perché si perdano nel gioco, droghe e alcool - domande razziste che non hanno niente a che fare con gli abusi dei diritti umani.

Come era sua prerogativa, non ha risposto alle domande più ignoranti. Ha risposto a quelle che riteneva utili, ripetendo la sua storia intensamente personale forse per la millesima volta, nello sforzo di far capire alla gente che non solo lei, ma molte altre, ci sono passate. Ho trovato la sua stamina semplicemente incredibile.

Il governo ceco assumerà la presidenza UE nella prima metà del 2009, seguito dalla Svezia. Dieci anni fa, quella nazione decise di fare quanto la Repubblica Ceca non ha ancora fatto: riconoscere che il programma di sterilizzazione adottato dai primi anni '30 sino agli anni '70 portava all'abuso dei diritti umani, e compensò le vittime di questa pratica. Per quanto ne so, il riconoscimento di questa verità non è costato niente al governo svedese nei termini di prestigio internazionale - invece, ha sollevato la condizione del paese fra i fautori dei diritti umani e della giustizia.

Grazie agli sforzi di quanti hanno lavorato sull'argomento delle sterilizzazioni forzate in questo paese sin dalla fine degli anni '70, il governo ceco ha ora un'enorme opportunità di unirsi al gruppo di quei paesi capaci di auto-riflessione ed espiazione. La domanda è se i leader cechi hanno abbastanza compassione per farlo.

The author is the Director of the Women’s Initiatives Network of the Peacework Development Fund.

 
Di Fabrizio (del 28/10/2009 @ 08:57:28 in musica e parole, visitato 2425 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

Serata di muzike balcaniche e gypsy
MUZIKANTI di BALVAL
a La Casa 139 VIA RIPAMONTI 139 Milano (mappa)
venerdì 30 ottobre 2009 alle ore 22.00

ritmi dispari, melodie zingare, danze sensuali

Jovica Jovic Balval: fisarmonica superstar
Marta Pistocchi: violino
Camilla Barbarito: voce
Christopher Martinez: chitarra
Giorgio Bonfanti: contrabbasso
Alessio Russo: cajon, darbouka

MUZIKANTI Violino, fisarmonica, voce, chitarra, contrabbasso, batteria Una piccola orkestra balcanica, eterogenea, multiforme ed in continua evoluzione, che raccoglie in sé musicisti di diverse origini e bagagli culturali di lontane provenienze. Fonte d’ispirazione primaria del loro genere è la musica Rom, espressione artistica di un popolo che sa riunire in una voce sola i diversi caratteri dell’Europa balcanica. I Muzikanti sono la realizzazione di un autentico incontro di culture, che si esprime in un linguaggio musicale originale, fantasioso, libero, vitale. Ritmi incalzanti, intervalli orientaleggianti e virtuosismi si alternano a melodie struggenti dal potere evocativo, in una combinazione di esotismo ed energia che emoziona ogni tipo di pubblico. Per carattere nomade e spirito libero amano le esibizioni a stretto contatto col pubblico, e sanno animare manifestazioni ed occasioni di festa. Hanno viaggiato in Italia e all'estero, si sono esibiti in numerosi festival di artisti di strada; svolgono regolare attività concertistica in locali pubblici, circoli culturali, centri sociali. Hanno collaborato con il gruppo teatrale “Poetica” insieme al quale hanno scritto e realizzato uno spettacolo sul tema del commercio equo & solidale, dal titolo “Caffè Corretto”, già presentato in diverse città italiane. Di particolare interesse ricordiamo la partecipazione al festival Cento popoli un mondo alla Cascina Monluè, la Notte Bianca 2006 di Bergamo, la mostra d'arte-concerto Dintorni Rhom a Rho, il capodanno serbo 2007 allo Cheval di Milano e la collaborazione con l'attrice rom Dijana Pavlovic insieme alla quale hanno realizzato lo spettacolo Rom Cabaret.
www.myspace.com/muzikanti
www.sanarecords.it
www.lacasa139.com

 
Di Fabrizio (del 11/04/2009 @ 08:53:07 in musica e parole, visitato 1819 volte)

CAMPAGNA NAZIONALE “NON AVER PAURA”

SABATO 18 APRILE ORE 18 - 24 ALLO SPAZIO PUBBLICO AUTOGESTITO LEONCAVALLO VIA WATTEAU MILANO (MM verde Centrale + bus 81 - MM gialla Sondrio + bus 43)

PROGRAMMA
Dalle ore 18: filmati e mostra fotografica

Ore 18.30: PROPOSTE FUORI CAMPO
Antonella Attardo presenta il rapporto di Amnesty International - Paolo Cagna Ninchi, associazione Upre Roma, presenta la proposta di iniziativa popolare sul riconoscimento di minoranza etnica, con Piero Colacicchi, associazione OsservAzione, Corrado Mandreoli, CGIL Milano, Emanuele Patti, ARCI, Dijana Pavlovic, Federazione Rom e Sinti insieme, Maurizio Pagani, Opera Nomadi, Marta Pepe, NAGA, Tommaso Vitale, Università Bicocca. Coordina Elena Jannuzzi Hileg, Leoncavallo

Ore 20: Cena rom

Ore 22: Concerto a sostegno della COMPAGNIA TEATRALE ROM con la Banda del villaggio solidale, i Muzikanti, artisti di strada e la partecipazione di MONI OVADIA



Dopo lo stato d’emergenza e i commissari speciali i rom tornano nell’occhio del ciclone per le prossime elezioni: si è riaperta la caccia alle centinaia di uomini, donne e bambini che cercano di sopravvivere sotto i ponti, lungo le massicciate ferroviarie, nelle discariche di Milano e provincia. Ma ancora più devastante è l’effetto della campagna d’odio e di pregiudizio assecondato da una legislazione esplicitamente razzista. I segni di questa campagna e di questa legislazione si colgono nelle manifestazioni di intolleranza e di violenza quotidiane e cambiano profondamente le coscienze lasciando un sedimento acido che corrode la stessa cultura di un popolo.

L’emergenza materiale e l’emergenza morale che si coagulano nel destino delle comunità rom sono il paradigma del nuovo razzismo e non si possono affrontare separatamente perché una è effetto e condizione dell’altra e viceversa. Il degrado e la segregazione nei quali si costringono i rom in campi nomadi concepiti come moderni campi di concentramento servono a fomentare la paura, a ispirare comportamenti razzisti, a sostenere la politica della destra xenofoba.

Per sciogliere questo nodo, per contrastare questa politica, per costruire una cultura della convivenza, del riconoscimento e del rispetto tra diversi occorre rompere gli schemi e soprattutto abbattere i muri che dividono gli uni dagli altri. Il primo passo è conoscersi e per conoscersi veramente bisogna fare i conti con la cultura dell’altro.

Con questo scopo e con l’obiettivo di offrire un percorso di riscatto ai giovani rom l’associazione UPRE ROMA presenta il progetto della COMPAGNIA TEATRALE ROM: l’espressione artistica è lo strumento più efficace per dialogare tra culture diverse, conoscersi scambiando una parte della propria esperienza e della propria anima.

La serata, intervallata da una cena etnica con cucina zigana, propone una mostra fotografica e la proiezione di filmati tra cui quello prodotto da Amnesty International sulla situazione a Milano, un confronto pubblico sul riconoscimento per legge della minoranza rom e sinta e infine un concerto con raccolta fondi per la costituzione della compagnia teatrale rom
.

L’iniziativa si colloca nell’ambito della campagna contro il razzismo, l’indifferenza e la paura dell’altro NON AVER PAURA, APRITI AGLI ALTRI, APRI AI DIRITTI a cui favore si raccoglieranno le firme e si realizza con interlocutori significativi per la cultura di Milano come lo Spazio pubblico autogestito Leoncavallo, un luogo che alla Milano prima da bere e ora da cementificare ha contrapposto pezzi di produzione culturale e che è sotto l’attacco di una politica cittadina cieca e sorda di fronte alle esigenze e alla creatività alternativa delle nuove generazioni.

ARCI Milano, Associazione UPRE ROMA, NAGA, Spazio pubblico autogestito Leoncavallo

 
Di Fabrizio (del 16/07/2008 @ 08:52:35 in media, visitato 1638 volte)

Da ArcoirisTv

Quest'incontro pubblico si è tenuto all'Università Orientale di Napoli, per discutere sui fatti accaduti a Ponticelli nel mese di Maggio del 2008, che hanno visto il presunto rapimento di una bambina da parte di una ragazzina Rom e la violenta risposta della popolazione locale nei confronti dei Rom stessi.

Hanno partecipato, esponenti di associazioni locali che lavorano per l'integrazione dei Rom stanziati in Campania, un esponente della comunità proveniente dalla ex Yugoslavia, presente in zona da circa 20 anni, il Prof Claudio Marta, membro italiano del comitato di esperti sui Rom del Consiglio d'Europa.

Questo dibattito è stato organizzato da Radioazioni.

Visita il sito: http://www.radioazioni.tk

Scarica il video: data: 12/07/2008 - fonte: diego nunziata - lunghezza: 113,00 min

 
Di Fabrizio (del 13/02/2009 @ 08:51:24 in Italia, visitato 1450 volte)

Da Rom Sinti & Politica

Si invita tutti a dare la massimo diffusione a questo appello. Vi chiediamo di sottoscriverlo telefonando allo: 3409608652 simone 3396091673 marta.

Venerdì 6 febbraio il campo delle Bocchette a Pisa è stato travolto dal nubifragio: fango e acqua hanno devastato le precarie abitazioni, costringendo 16 famiglie Rom a sfollare. Di fronte all’impossibilità di trovare un’altra soluzione, il 7 febbraio si sono rifugiate presso una struttura pubblica dimessa Scuola dell’infanzia di via Puccini a Ghezzano. Una struttura vuota sulla quale non esiste una immediata necessità di utilizzo.

Sono persone, quelle rifugiate nell’ex asilo: sono padri che lavorano nei paesi del territorio, sono madri, sono bambini; non vogliono ne’ possono tornare nel campo delle Bocchette. Ormai lì non ci sono neanche le baracche di lamiera mentre è preannunciato un drastico abbassamento delle temperature.
Chiediamo che sia attivato un meccanismo di protezione umanitaria e che non si proceda ad uno sgombero forzato che, gettando in strada famiglie con bambini, verrebbe meno a qualunque principio etico ed umanitario, nonché alla logica e al buonsenso.

  • LEGAMBIENTE PISA
  • COMITATO GENITORI E INSEGNANTI PER LA DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA
  • GRUPPO DI ACQUISTO SOLIDALE
  • ARCIRAGAZZI
  • CONFEDERAZIONE COBAS
  • CASA DELLA DONNA
  • REBELDIA
  • AFRICA INSIEME
  • UNIVERSITA’ 2.0
  • FEDERAZIONE ROM E SINTI INSIEME
  • PAOLO BALDACCI, PRESIDENTE CIRCOLO UTOPIA
  • GILBERTO VENTO COORDINATORE DI ZONA RIFONDAZIONE COMUNISTA
  • LUCA BARBUTI SEGRETARIO PROVINCIALE RIFONDAZIONE COMUNISTA
  • CALUDIO BOLELLI, CONSIGLIERE COMUNALE PRC S.GIULIANO TERME
  • MARTINA BATTAGLIA, CONSIGLIERE COMUNALE PRC S.GIULIANO TERME
  • ANTONIO CECCHERINI, CONSIGLIERE COMUNALE S.GIULIANO TERME
  • DON AGOSTINO ROTA MARTIR
  • MARCO CARIONI, CONSIGLIERE COMUNALE PdCI S.GIULIANO TERME
 
Di Fabrizio (del 16/11/2007 @ 08:37:10 in musica e parole, visitato 1874 volte)

ATTENZIONE!

Grande novità per tutto il popolo turbo balcanico

amanti di sonorità orientali

danzatrici e danzatori

appassionati e incuriositi

Venerdì 16 Novembre 2007 ore 21:30
Le Pecore Pub

MUZIKANTI in concerto

Milano: Musica rom balcanica

Jovica Jovic - fisarmonica
Marta Pistocchi - violino
Davide Marzagalli - sax soprano e darbouka

Dal 16 novembre, un nuovo appuntamento al pub Le Pecore: ogni venerdì sera, i Muzikanti accoglieranno il pubblico con la loro travolgente musica.
Per ballare, cantare e divertirsi insieme, accostando culture e tradizioni differenti.


Ingresso libero.

Le Pecore
via fiori chiari 21 Milano
tel. 02875386
www.lepecore.com

 
Di Fabrizio (del 21/11/2005 @ 01:09:12 in casa, visitato 3181 volte)

COMUNE DI TREZZO SULL’ADDA - LA PROVINCIA DI MILANO

CONVEGNO PUBBLICO
UN’IDEA ALTRA DI CITTA’
CONFRONTO E PROPOSTE SUI TEMI
DELL’ABITARE E DELLA CITTADINANZA

DELLE COMUNITA’ ROM NELLA PROVINCIA DI MILANO:

IL LABORATORIO DI CITTADINANZA ATTIVA DEL COMUNE DI TREZZO SULL’ADDA

SABATO 26 NOVEMBRE 2005
ALLE ORE 9.30

PRESSO L’ISTITUTO SUPERIORE “J. NIZZOLA”

Via P. Nenni 10, Trezzo sull’Adda


Saluti del Sindaco Roberto Milanesi

(Comune di Trezzo sull’Adda)

ORE 9.00 prima parte

Sessione Introduttiva

Apertura dei lavori e presentazione del convegno

Maurizio Cabras (Istituto di Ricerca Ecopolis)

I Rom a Trezzo

Laura Di Martino (Arci “Blob”, Arcore)

La storia dei Rom tra (in)tolleranza e rifiuto

Lapov Zoran (Università di Firenze)

I Rom una testimonianza di esclusione sociale

Marco Revelli (Università di Torino)

La scommessa del villaggio solidale

Don Virginio Colmegna (Casa della carità, Milano)

Comunità rom e sinte e politiche sociali del territorio: quali prospettive di
cambiamento?

Maurizio Pagani (Opera Nomadi, Milano)

Il ruolo e le proposte della Provincia di Milano

Francesca Corso, Assessora ai diritti dei cittadini

Irma Dioli, Assessora alla cooperazione internazionale

ORE 12.30 Visita tra le immagini e le testimonianze del popolo Rom

Pausa Pranzo

ORE 14.00 seconda parte

Sessioni Tematiche

I diritti di cittadinanza
Discussant

Tommaso Vitale (Università di Milano Bicocca)

Intervengono:

L’esperienza di Pisa. Il progetto "Le città sottili”

Antonio Sconosciuto (Società della salute – Zona pisana)

La cooperazione pubblico/privato come strategia d’intervento

Milena Scioscia e Michele Vonci (progetto Rom Arci Regione Toscana)

I diritti dell’abitare
Discussant

Antonio Tosi (Politecnico di Milano)

Intervengono:

Reti di comuni e coordinamento provinciale delle politiche di intervento per i Rom

Nicola Solimano (Fondazione Michelucci, Firenze)

Politiche di intervento pubbliche: l’esperienza di Bolzano

Paola Dispoto (Consulente dell'Ufficio Pianificazione Sociale, Comune di Bolzano)


ORE 16.00 terza parte

Sessione Plenaria

Strategie pubbliche d’intervento

Restituzione degli esiti delle sessioni pomeridiane sui temi della cittadinanza e dell’abitare.

a cura dell’Istituto di Ricerca Ecopolis

Discussant

Luca Rodda (Assessore al Territorio e alla Partecipazione, Comune di Trezzo sull’Adda)

Conclusioni

Sono invitati ad intervenire:

Paolo Beni (Presidente Arci nazionale)

Filippo Miraglia (Responsabile nazionale immigrazione Arci)

Flavio Mongelli, Emanuele Patti (Arci Milano)

Oliviero Motta (Assessore ai Servizi Sociali, Comune di Rho)

Antonio Lissoni (Sindaco di Concorezzo)

Il coordinamento dei Sindaci dei comuni della Brianza

Suor Claudia Biondi (Caritas Ambrosiana)

Beppe Milanesi (Azienda Offerta Sociale)

Ernesto Rossi (ass. Aven amentza, Milano)

Stefano Radaelli (Agenzia di Cittadinanza)

Marta Moretti (Agenzia di Cittadinanza)

Chiesa Ortodossa Greca Tradizionale - Sacra Diocesi Luni - Esarcato d'Italia

Parrocchia dei SS. Stefano e Pazienza Abbiategrasso

Associazione dei Cristiani Ortodossi in Italia, Ente Morale di religione e culto - delegazione della Lombardia

 
Di Fabrizio (del 08/03/2006 @ 00:42:59 in lavoro, visitato 1543 volte)
una segnalazione al volo di Marta Rabbiosi:

venerdì 10 marzo alle 19.00 al Teatro Edi - via Barona angolo via Boffalora, Milano - all'interno della rassegna di cortometraggi "Sguardialtrove":
"Kimeta. diverse come noi" - in un campo rom di Firenze da un laboratorio si sviluppa una cooperativa di donne
 
Di Fabrizio (del 15/04/2009 @ 00:20:02 in musica e parole, visitato 2024 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

Tornano a grande richiesta i MUZIKANTI di BALVAL al Cicco Simonetta!
via Cicco Simonetta 16, Milano

giovedì 16 aprile doppio appuntamento

ore 19 aperitivo e inaugurazione della mostra di Gianmarco Capraro "ancora FACCE DA CICCO" - ritratti dei soci
condita da incursioni muzikali e dal risotto di luis

ore 22 concerto!
muzike balcaniche, anime rom, ritmi dispari e danze sinuose
vi aspettiamo, tanti e belli

 

Ricerca fotografie per marta

Nessuna fotografia trovata.

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


02/07/2022 @ 22:42:09
script eseguito in 12161 ms

 

Immagine
 Ricordi, idee, speranze, progetti...... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4839 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< luglio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source