Cerca - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

\\ Mahalla : Cerca
Di seguito gli articoli e le fotografie che contengono le parole richieste.

Ricerca articoli per gogol bordello

Di Daniele (del 20/02/2006 @ 17:11:10 in musica e parole, visitato 1706 volte)
Sono finalmente riuscito a dare una semi traduzione a questo bel articolo ma per me assolutamente difficile... parto travagliatissimo... : - ) comunque eccoci qui, molto provati : - ) ...
Articolo precedente

Revival Rom

10.02.06 - Carl Wilson
Quando i Gogol Bordello per la prima volta visitarono Toronto pochi anni fa, il sudicio club dove suonarono era dominato da teenager ucraini e russi che avevano sentito che la bizzarra band "gypsy punk" di 8 elementi era diretta da un esule. I pochi non slavi presenti avevano sentito voci di uno con i baffi a manubrio, direttore di un circo rock, i cui spettacoli riforniti di vodka mescolavano (come suggerisce il nome della band) giochi sguaiati con voli letterari in un frullatore di linguaggi sconnessi e si concludevano in stati estatici di nudità alla Iggy Pop.
Quando i Gogol Bordello tornarono il mercoledì successivo, la folla del pretenzioso Drake Hotel può aver sentito che sono diretti da una stella del cinema. Ma essenzialmente non è cambiato nulla.
La famiglia per metà rom di Eugene Hutz fuggì dalla pioggia radioattiva di Chernobyl quando era teenager, viaggiando attraverso l'Europa e finalmente negli Stati Uniti. Questo autunno, il profugo ribelle era oggetto di ammirazione al festival del cinema di Toronto come l'appassionato sfortunato "premium" interprete Alex in Everything is illuminated, il film basato sul romanzo di Jonathan Safran Foer.
I critici sollecitavano Hutz per una nomination all'Oscar come attore non protagonista che non si materializzava. "Non perdevo il sonno per questo" dice Hutz. Dopo tutto, i fan già sapevano che il suo personaggio cinematografico aveva appena un frammento della creatività carismatica che egli porta sul palcoscenico. Là, è fiancheggiato da una parata di batterie, da ninfette dipinte da guerra e ragazzi che frustano violini e pompano fisarmoniche, facendo per la musica zigana ciò che i Pogues hanno fatto per la musica folk irlandese. "Forse mia madre e tutta la stampa ucraina erano pronte per me a prendere l'Oscar. Ma io so dove appartengo e ciò che devo fare".
Sebbene programmasse di continuare a recitare, egli non vuole abdicare al suo posto come un santo sub-culturale di New York per Los Angeles, o accettare alcuno dei film "prevedibile, il cattivo ragazzo dell'Europa orientale che diffonde armi bioniche" che ultimamente gli hanno offerto. Così egli conta nel recente album dei Gogol Bordello, Gypsy punks underdogs world strike, "Essi sono troppo avidi per pagare i conti del mio asilo / Questa è la mia vita e la libertà è la mia professione / Questa è la mia missione per tutta la durata del volo".
Questa missione incominciò a Kiev, dove scoprì il rock attraverso il padre musicista, poi il punk da solo nei mercati neri.
"Fresh fruit for rotting vegetables dei Dead Kennedy, ho ascoltato questo disco 5000 volte" dice. (Tutte le frasi di Hutz arrivano accompagnate da esclamazioni accentuate perciò spruzzateli nella vostra testa). "Andava bene quando la perestroika stava per esplodere. Dead Kennedy era molto guerra fredda e potrei dire che queste persone stavano cercando di fare progressi dall'altra parte su un livello umanitario. Mi parlò subito."
Attraverso "scambi di studenti dai paesi socialisti africani" egli ascoltava anche band di funk come i War and Parliament-Fankadelic. "George Clinton diceva che i Funkadelic volevano avere "tutto l'esercito" sul palco. Si vede l'influenza di questo nei Gogol Bordello – è proprio un esercito di un diverso tipo di caratteri".
Anche Key stava scoprendo il suo background rom. "Stavamo facendo al stessa cosa, ma quando ho lasciato Kiev ho incontrato tutta la famiglia diffusa. Dapprima ero un po' arrabbiato: 'questa è la parte più bella della nostra famiglia!' Io sono un miscuglio di ucraino-russo-lituano-rom e posso identificarmi con qualsiasi altro spirito, ma l'aspetto rom è importante perché ti porta dritto all'intersezione di arte e diritti umani e tutta la musica e l'arte che mi ha sempre interessato aveva quel elemento… tendendo ai confini".
Egli finalmente realizzava il suo sogno della città internazionale, New York, soltanto per trovare la cultura underground che aveva idealizzato, era in un periodo di stanca. Perciò decise di inventare lui. Partendo da una band per matrimoni mise insieme i Gogol Bordello – con un paio di russi, due israeliani, un thai-americano, un ecuadoregno, un cinese-scozzese e un batterista della Florida.
Accumularono esibizioni affollate e DJing in bar minuscoli nel distretto affollato di Manhattan e poi in giro per il mondo. "Aumentammo (la nostra audience) tour dopo tour. Quei fan non andranno da nessuna parte. Ora c'è anche [cinema] una truffa ceh arriva in cima ad esso, ma la fondazione è già là. Le migliori band crescono nel successo essenzialmente nel loro sesto o settimo anno".
Le grandi case discografiche chiamano ora – troppo tardi, dice Hutz – e la loro scena del party interculturale ha prodotto articoli adulatori sul New York Times, alleati come Slavic Soul Party! E la Hungry Marchino Band ed anche qualche mediocre imitazione. "A volte non voglio essere Gandhi a questo proposito. Voglio colpire il loro culo. Ma ogni cosa finirà esattamente dove appartiene.
"Hutz ha cause più grandi, principalmente la "rivoluzione culturale" egli proclama nei suoi momenti alla Clash nella canzone, contro "l'elemento di repressione" che ha scoperto in tutto il mondo. "Non intendo lo stile cinese, per esaurire la tua propria storia. Ma ho fatto tante esperienze di alterazioni mentali ed allargate. Ho imparato che gli esseri umani sono molto adattabili e potenti. Dipende tutto da come tratti l'informazione. Non dovete credere a queste idee prefabbricate date dall'educazione, o il culto delle celebrità dei valori che sono imposti dai media. In questo rivoluzionate voi stessi per primi.
No, Hutz non è adatto a Hollywood. Da tutti i segnali, come canta Underdog World Strike, egli è 'indistruttibile'."
 
Di Fabrizio (del 08/07/2010 @ 15:36:47 in musica e parole, visitato 4156 volte)

GOGOL BORDELLO (live) A seguire DAMA (Dj Set): it's not only Rock 'n' Roll Baby

martedì 13 luglio 2010 ore 21.30
Carroponte - via Granelli 1 di fianco al Centro Sarca, Sesto San Giovanni (MI)

Prezzo biglietto: 15 € (+ D.D.P)
Biglietti disponibili in Loco e sul circuito Vivaticket: www.vivaticket.it
In procinto di suonare nei maggiori open air festival europei, i Gogol Bordello saranno di nuovo a Milano per una data speciale, un live show atteso da chi è rimasto fuori dalle porte dell'Alcatraz lo scorso 25 Maggio (sold out come la data di Bolgona), un concerto che è unico al mondo, ecco come ne parla Outune.net (recensione proprio del recente live act milanese): "ti lasci portare da una marea di carne bagnata dove si è perso il senso del pudore, magliette che volano reggiseni semi abbassati e corpi in estasi danzante… un moderno baccanale ... Si suona, si balla e anche chi è on stage comincia a sentire il caldo, Eugene a torso nudo, magro e muscoloso, ricorda quella salamandra di Iggy. Il mustacchio si rende riconoscibile in mezzo alla baraonda, tra tamburi e violini si consuma un rito orgiastico. Sul palco c’è il circo".

Info Line: cell: +39 392.3244.674
mail: info@carroponte.org
Cos'è il Carroponte? Scoprilo su www.carroponte.org

 
Di Fabrizio (del 21/12/2005 @ 15:00:31 in musica e parole, visitato 2258 volte)
Il gruppo gypsy-punk di cui ho scritto l'11 dicembre, è arrivato sul sito della BBC
Gipsy Punk dall'Ucraina al palcoscenico mondiale
By Kateryna Khinkulova
BBC Ukrainian Service
I britannici amanti della musica hanno l'occasione di assaggiare un nuovo genere - il tour dei gypsy punk Gogol Bordello, una band con sede a New York, che sabato raggiungerà Londra.

Questo gruppo è già conosciuto dai patiti del cinema - per aver recitato in Ogni Cosa è Illuminata (Everything Is Illuminated), un film basato sul best-seller di Jonathan Safran Foer.

_41083202_hutz203

Il protagonista Eugene Hutz (d) assieme a Elijah Wood in Ogni Cosa è Illuminata

Il leader dei Gogol Bordello, Eugene Hutz, che ne è anche il fondatore e capo spirituale, nel film è opposto all'attore del Signore degli Anelli, Elijah Wood.

Inizialmente chiamato a comporre la colonna sonora del film, ad Eugene, la cui esuberante personalità sfocia in uno stile personalissimo, fu chiesto di interpretare il ruolo di Alex.

"Si stava parlando di musica, e mi chiesero se avessi potuto, in caso, anche recitare... Per me è stato naturale, dato che la mia carriera musicale è comunque un misto tra musica e recitazione"

Originario di Kiev, Ucraina, con radici familiari nella Transcarpazia, Eugene Hutz ha vissuto a New York dal 1998.

Cosmopolitani

La sua banda, che ha iniziato a suonare nei bar bulgari di New York, è diventata parte integrale del panorama artistico e dell'intrattenimento cittadino da diversi anni, ma resta relativamente sconosciuta a un pubblico più vasto.

Con l'uscita di Ogni Cosa è Illuminata, la popolarità dei Gogol Bordello è in ascesa: Eugene non si sorprende. Cita Lenin, che diceva che il cinema è il mezzo per raggiungere la platea più vasta.
"Sono Ucraino, ma ho anche sangue rom e voglio fare qualcosa per questa gente"
Eugene Hutz
Nel contempo, Eugene Hutz è convinto che il successo della banda, giunta al terzo album, non è un fuco di paglia.

"Abbiamo lavorato duro... Ma quel che mi piace, è che faccio quello che sento: suono la musica che voglio con chi mi piace dove scelgo io. Questa è la cosa più importante."

Gogol Bordello è una banda dove il concetto di cosmopolitano è interpretato all'estremo - Lo zingaro ucraino Eugene viene raggiunto sul palco dai suoi colleghi israeliani, thailandesi, americani e cino-scozzesi .

Gypsy punk, un termine inventato dallo stesso Eugene, è il risultato di di diverse radici familiari: da bambino ha passato molto tempo nella Transcarpazia, dove le influenze ucraine, ungheresi, slovacche e rom si mescolano in un'unica tradizione culturale.

"I Rom e tutta la cultura zingara è parte di ciò che sono e che amo," dice Eugene.

_41083320_11gogol203

Gogol Bordello traggono ispirazione da un mix di culture

D'altra parte, non può essere compreso senza l'influenza della moderna musica occidentale - dice di avere ascoltato dalla nascita i giganti del rock americano e britannico.

"Ho sempre cercato ciò che volevo esprimere con la mia musica, ma adesso, con l'uscita del terzo album, è tutto più chiaro, si è cristallizzato - questo mix tra la mia eredità culturale ed esperienza personale."

Mission

Una delle canzoni dei Gogol Bordello's più vecchie e conosciute è "Start Wearing Purple".

"E' una delle poche canzoni che ho scritto per una ragazza. Mi ero trasferito con la mia girlfriend a New York. Avevamo una vicina: un'anziana signora sempre vestita di viola dalla testa ai piedi. Era chiaramente flippata. Così, tutte le volete che si litigava, e lei cominciava a gridare,le dicevo: ecco, ora puoi cominciare a vestirti di viola."
"

Start wearing purple, wearing purple
Start wearing purple for me now
All your sanity and wits,
they will all vanish
It's just the matter of time

"

Lyrics from Start wearing purple

Scarica i loro brani

Eugene Hutz dice che la musica e comporre canzoni rimarranno il suo obiettivo, non intende continuare la carriera di attore.

Nella nativa Kiev è ancora ricordato dalla scena musicale e da DJ come "Zheka" che lo affiancò in diverse serate alla fine degli anni '90. Dice che non gli spiacerebbe tornare a casa con un tour, ma di avere anche una missione: girare un documentario sui Rom ucraini e far conoscere al mondo le loro condizioni di vita.

"Certo, sono Ucraino, ma ho anche sangue rom e voglio fare qualcosa per questa gente"

 
Di Fabrizio (del 19/12/2005 @ 11:59:27 in blog, visitato 2630 volte)

Si mangia e si beve, anche dalle nostre parti. Gli elementi più "selvaggi" hanno già stappato le bottiglie, le donne stanno già alimentando la stufa.

Chi è rimasto sobrio (spera di recuperare poi il tempo perduto) ringrazia Mastro nns & the ChalgaUntzBrassMetalJazzBbbanda

Qualche suggerimento per un piatto diverso dal solito?

La prima ricetta, la dedichiamo a un blogger che da un po' è in "silenzio stampa", sperando di vederlo scrivere presto:

Burek (via Tiscali Europa)

La pasta:
-
350 gr di farina
- 1 cucchiaio di olio di oliva
- 1/8 l di acqua tiepida
- 1 pizzico di sale

La farcitura:
-
600 gr di spinaci bolliti tritati
- 200 gr di panna fresca
- 2 cipolle sminuzzate
- 1 spicchio d'aglio pestato
- sale e pepe

Impastare la farina, l'olio, il sale e l'acqua per formare una pasta molle. Spalmare con l'aiuto di un pennello dell'olio d'oliva sulla pasta e ricoprirla con uno strofinaccio. Lasciare riposare per mezz'ora. Fare rosolare le cipolle e l'aglio in una padella, e aggiungervi gli spinaci con sale e pepe. Aggiungere la panna fresca e un po' di farina in modo che l'impasto non diventi troppo liquido. Tagliare la pasta in 8 o 10 pezzi. Stendere ciascun pezzo di pasta in strati molto sottili, quasi trasparenti. Imburrare il fondo di una teglia da crostata e stendervi uno strato di pasta, più uno di spinaci, più uno di pasta e così via. Nella parte superiore stendere due strati di pasta per una migliore tenuta. Fare cuocere il Burek nel forno preriscaldato per 30 minuti a 180-200°. Un altro modo per realizzare il Burek consiste nel mettere la farcitura di spinaci in ognuno dei pezzi di pasta, arrotolarli a forma di lumaca e disporli nella teglia con il resto degli spinaci sparsi tra i piccoli Burek. Anche in questo caso fare cuocere per una trentina di minuti.

Dober tek!

Involtini di cavolo alla romena (Sarmale)

via Rete Civica San Donato Milanese

-

1/2 Kg di Cipolle tagliate fine

 

-

1 Carota

-

150 g di Riso

-

700 g di Carne trita di maiale e di vitello

-

1 Uovo

-

1 cucchiaino di Semolino

-

2 cucchiai di Concentrato di pomodoro

-

1 Cavolo di media grandezza

-

1 Limone

-

Sale, Pepe, Olio q.b.

-

1 bicchiere di Vino bianco

La cipolla tritata con la carota a julienne (ed eventualmente altre verdure in modo da creare un soffritto, va a gusti) si fa sciogliere con 100 ml di acqua e 100 ml di olio a fuoco basso, deve bollire, non si deve rosolare.

Si fa raffreddare. Si fa bollire il riso per 10 minuti e poi si risciacqua con l’acqua fredda. Quando è tutto freddo si mescola con la carne, l’uovo, il semolino e il concentrato di pomodoro. Si aggiunge sale e pepe q.b. Si lascia riposare il composto per mezz’ora.

Le foglie del cavolo si lavano e poi si sbollentano nell’acqua alla quale si è aggiunto il succo del limone e un cucchiaio grande di sale. Quando le foglie di cavolo sono fredde si possono fare gli involtini. (Si può fare in estate anche con foglie di vite, bisogna allora farle sbollentare di meno perché sono meno dure).

Si mette la foglia nel palmo della mano, si adagia un cucchiaio di composto e si arrotola dopo di che si spingono in dentro le due estremità in modo da chiudere bene l’involtino. Sul fondo della pentola si mettono 2 cucchiai di olio e un strato di cavolo tagliato a listarelle (perché così non si attaccano) e poi si cominciano e mettere gli involtini a strati.

Quando sono state messe tutte si aggiunge acqua fredda fino quasi a coprirle e si fa cuocere a fuoco basso da quando comincia a bollire per un’ora e mezza. Poi si aggiunge un bicchiere di vino bianco e si fa ancora cuocere un quarto d’ora. Non bisogna mai mescolare perché se no si disfanno e viene una poltiglia. Bisogna solo ogni tanto smuovere bene la pentola soprattutto quando l’acqua sta per consumarsi tutta.

Polneti Piperki

Ho chiesto ad alcuni amici provenienti dalla ex Yugoslavia quale fosse il loro piatto preferito. Inutile dire che si sono divisi in varie fazioni anche su questo argomento. Alla fine della discussione, per una volta abbiamo raggiunto un accordo:

Peperoni ripieni, qui nella variante macedone (via Padania - ricettario mutietnico)

- 8 peperoni medi verdi
- 2 peperoni piccoli verdi tagliati a pezzettini
- 150 gr di burro
- 4 cipolle piccole, tagliate fini
- aglio macinato, 2 chiodi di garofano
- 1 barattolo di passata di pomodoro
- sale e pepe
- 500 grammi di prosciutto affumicato
- 2 uova
- 500 gr di pan grattato

Tagliare gli 8 peperoni secondo le nervature, lavarli e rimuovere i semi. Scottarli in acqua salata per 5 minuti e poi scolarli. In un tegame a parte, sciogliere il burro, aggiungere le cipolle tagliate fini, l'aglio, e il sale. Quando sono dorati, porre nel tegame la passata di pomodoro, il prosciutto, i 2 peperoni piccoli tagliati fini e i chiodi di garofano. Dopo 15 minuti, togliere dal fuoco e mescolare con le uova e il pan grattato. Riempire i peperoni tagliati, e ricoprire col resto del pan grattato. Mettere in forno a 250° per 25 minuti e fare brunire la parte superiore.

Non so se siate cattolici, ortodossi o musulmani (o evangelici), quindi sul bere decidete voi e non scateniamo altre guerre.

Comunicazione di servizio per milanesi e dintorni:

Veglione di capodanno al campo

*****

Musica, balli, fuochi per una serata che ricorderete.
Contattatemi per informazioni o partecipare

Soundtrack:

Per una volta, abbandoniamo la musica balcanica, per promuovere nuovi suoni:

Gypsy Punk

Dai Gogol Bordello: Qui

Jazz sinto & manouche:

Aperitivo con Patrick Saussois:

E se avete già mangiato, il digestivo è dei Manomanouche Quartet:

Dimenticavo: gli auguri dal mondo



 
Di Sucar Drom (del 16/07/2006 @ 11:30:12 in blog, visitato 1343 volte)

Rovereto, cospargono di benzina un giovane sinto e gli danno fuoco
La notte del 3 luglio un drammatico episodio a Rovereto, in provincia di Trento, ha visto coinvolto un giovane sinto. Cristian Cari, giovane Sinto Teich Cranaria residente nel "campo nomadi" dei Lavini, dopo una serata alla locale festa popolare si e' sdraiato per smaltire la sbornia in un boschetto nei pressi della zona industriale. Qualcuno, approfittando del sonno profon...

Fata e Zingara
Alla fine non abbiamo resistito e a costo di farci maledire (...) vi segnaliamo un bellissimo blog apparso dal marzo dell'anno scorso su libero. Così si presenta nel mondo dei blogger questa romnì abruzzese:
Un pò fata e un pò zingara. Sono nata in una famiglia di rom, ormai diventati borghesi, ma che non hanno mai dimenticato le proprie origini non lontante. Nonna rom, padre rom, mamma...

Eugene Hütz e i Gogol Bordello
Chi ha avuto modo di vedere Ogni cosa è illuminata, l'ottimo film di Liev Schreiber (tratto dall'omonimo libro di Jonathan Safran Foer) se lo ricorda bene, Eugene Hütz. Interpretava il personaggio di Alex. Il ragazzo spilungone che nella pellicola rivelazione di Venezia 2005 guidava l'occhialuto Elijah Wood-Safran Foer alla ricerca della donna che aveva salvato suo nonno dai nazisti in Ucraina.

Milano, Don Colmegna e i profughi rom rumeni di via Capo Rizzuto
Leon, che fino a 23 anni dormiva nelle baracche dei "campi nomadi", dopo aver trovato un lavoro regolare è anche riuscito a prendere una casa in affitto in autonomia, con moglie e un bambino in arrivo. Georghe invece, che arrivava dalo stesso villaggio vicino a Craiova, in Romania, grazie al lavoro ora è riuscito a mandare la figlia di 21 anni all’università, dove studia medicina, mentre i

«Sotto la stessa luna» alla 59esima edizione del Festival di Locarno
Tra i film in concorso alla 59esima edizione del festival di Locarno, nella sezione Cineasti del presente, spunta anche Sotto la stessa luna del regista napoletano Carlo Luglio (Capo nord). Musa ispiratrice del lungometraggio è la luna, di Secondigliano, periferia a nord di Napoli, teatro della faida di camorra che registrò tra la fine del 2004 e l'iniziò dell'anno scorso più 56 mor...

Roma, il Ministero dell'Interno sui Rom, Sinti e Camminanti
Il Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione del Ministero dell'Interno ha realizzato una pubblicazione dal titiolo: le comunità sprovviste di territorio, i Rom, i Sinti e i Caminanti in Italia. Lo studio, ha dichiarato il Capo del Dipartimento delle Libertà Civili Prefetto Anna Maria D'Ascenzo, rappresenta un qualificato momento di riflessione su queste significative rea...

Treviso, l'Opera Nomadi blocca lo sgombero delle famiglie sinte residenti
L'Opera Nomadi di Treviso, coinvolgendo le forze politiche di centro-sinistra e la società civile trevigiana, ha impedito questa mattina lo sgombero delle sedici famiglie sinte, residenti a Treviso. Ieri dopo una giornata di indiscrezioni e smentite era caduto il segreto sullo sfratto del "campo nomadi" via Francesco da Milano. Le voci sull'operazione si sono susseguite nei giorni scorsi pi ...

Venezia, seminario europeo per il contrasto delle discriminazioni
The European Social Network e la Regione Veneto organizzano un seminario europeo per socializzare pratiche atte a contrastare le discriminazioni. L'evento europeo si terrà a Venezia, il 20 e 21 luglio 2006 all'Isola di San Servolo. Il seminario è principalmente rivolto alle amministrazioni pubbliche venete e prevede una parte pubblica il 20 luglio e una parte riservata il giorno dopo...

 
Di Daniele (del 13/05/2006 @ 10:59:35 in musica e parole, visitato 3461 volte)
Da Music club
Concerti

VILLA ARCONATI
10/07/2006 •MILANO (MI) VILLA ARCONATI
Info:
FESTIVAL DI VILLA ARCONATI•PARCO DI VILLA ARCONATI•BOLLATE•MI•INFO: 02/35005501•www.insiemegroane.it

AREZZO WAVE
12/07/2006 •AREZZO (AR) AREZZO WAVE
Info:
AREZZO WAVE•0575/401714•0575/401722•VIALE GRAMSCI•STADIO COMUNALE•AREZZO•www.arezzowave.com

Traffic-Torino
13/07/2006 •TORINO (TO) Traffic-Torino
Info:
Traffic-Torino Free Festival•Parco della Pellerina•TORINO•INFO: 800015475•www.trafficfestival.com

Udin&Jazz
17/07/2006 •UDINE (UD) Udin&Jazz
Info:
Udin&Jazz•Piazzale del Castello•udine•INFO: 0432/523989•www.euritmica.it
Gogol Bordello / Gipsy Punks Eugene Hutz e i suoi Gogol Bordello Il terzo cd "Gipsy Punks" è disponibile anche in Italia dopo l'exploit del loro leader a Venezia Registrato da Steve Albini a New York in un glorioso suono analogico, "Gipsy Punks" di Eugene Hutz e i suoi Gogol Bordello è un album di quindici tracce che espande la fusione dei generi, dal gipsy punk e stomp slavo con un tocco di metal e dub style, che pagano tributo al classico suono della Giamaica. Il cantante/autore e visionario Eugene Hutz ed il resto del collettivo Gogol Bordello hanno raggiunto in questi anni un nuovo livello di intensità musicale e di testi nella loro continua crociata dedita a costruire un ponte tra la gipsy music, il rock 'n' roll e altri generi di musica ribelle dal flamenco al Perestroika punk che è sbocciato nell'Europa dell'Est intorno alla metà degli anni '80. La reputazione internazionale della band è cresciuta velocemente grazie al suddetto ponte e mix tra i generi; Gipsy Est Europeo e cultura occidentale per non parlare dello spettacolo dal vivo che evoca visoni circensi e atmosfera surreale. Eugene Hutz è inoltre spalla di Elijah Wood nel film Everything Is Illuminated della Warner Bros, adattamento del famoso ed acclamato romanzo di Jonathan Safran Foer , "Ogni cosa è illuminata"; la pellicola è stata in concorso alla 62ma Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, nella sezione "Orizzonti" www.gogolbordello.com - SUONA: 10 LUGLIO MILANO - VILLA ARCONATI 11 LUGLIO TO BE ANNOUNCED 12 LUGLIO AREZZO - AREZZO WAVE 13 LUGLIO TORINO – TRAFFIC FESTIVAL 17 LUGLIO UDINE - CASTELLO 18 LUGLIO TO BE ANNOUNCED INFO: RUMBLE FISH Live Via G. Mora, 14 20123 Milano Tel. 02/36533507 Fax 02/2613274 Via Grazzano 83 33100 Udine Tel. 0432/508323 Fax 0432/292924 info@rumblefishlive.com - www.rumblefishlive.com
 
Di Daniele (del 27/07/2006 @ 10:56:13 in musica e parole, visitato 2108 volte)

Il remix gitano fa ballare gli europei

La musica gitana una passione d’altri tempi? Non più: parola di dj. Oggi tutta Europa balla al ritmo gitano-house.

Il gruppo "gypsy-punk" Gogol Bordello in concerto (Jeff Timesten)
A cosa pensate se si parla di musica gitana? A un vecchio signore che suona il solito, triste motivo al violino, ascoltato già milioni di volte in un metrò di una grande capitale europea? Niente a che vedere con un dj house? E invece qualcosa in comune ce l’hanno.
Se lo sapevate già siete di tendenza. Perché l’ultima moda che imperversa nel mondo è la musica gitana.

Una musica in cui credere
I dj house trasformano il gitano in tendenza? Sì, ma si resta fedeli alle sue origini, quelle di una musica suonata per secoli dai popoli Rom. Per poterla apprezzare veramente, è necessario comprendere qualcosa della loro storia.
Per secoli questi popoli sono stati perseguitati in Europa. E per ben 500 anni in Romania sono stati ridotti in schiavitù, raggiungendo la libertà dal punto di vista legale solo nel 1864. Il Ventesimo secolo ha portato nuove sofferenze: i nazisti uccisero tra 200.000 e 800.000 rom in quel tentativo di genocidio conosciuto come il Porajamos. Ma la comunità Rom fu oggetto di un'altra pulizia etnica, questa volta insieme a quella albanofona, in Kosovo nel 1999. Ciononostante questo popolo, grazie alla sua musica, è riuscito a non perdere la propria identità.
La musica è parte integrante della cultura Rom, specie nell’Europa centro-orientale e in Spagna. È piena di passione, eccitazione, tristezza e drammaticità. Nelle difficili circostanze in cui i Rom vivevano, la musica era spesso l’unico modo per guadagnare denaro. È una musica che si distingue per l’eccezionale virtuosismo dei solisti, lo “strano” modo di cantare e la tendenza a suonare dietro il ritmo, come nel blues.

Una musica da ballare
Le comunità Rom sono spesso e volentieri un crogiolo di ballerini e cantanti. E una di queste comunità era il minuscolo villaggio della Romania da cui provengono gli ormai famosi Taraf de Haïdouks. La loro musica? Una calda ed eccentrica miscela di motivi gitani tradizionali. Scoperti nel 1990, sottoscrissero un contratto per la Crammed Discs. E da allora hanno suonato in innumerevoli paesi, hanno preso parte ad un film (The Man Who Cried) ed il regista francese Guy Demoy li ha resi protagonisti di un documentario. Ma restano sconosciuti ai più nella Romania natale. E fino al 1990 non avevano neanche mai suonato fuori della loro regione. A partire dalla caduta del Muro di Berlino la musica gitana si è ampiamente diffusa ad occidente, e i Taraf de Haïdouks sono cresciuti con essa.
Oggi la musica gitana sta diventando sempre più popolare mentre molti gruppi stanno raggiungendo la notorietà.
Koçani Orkestar, Boban Markovic e Mahala Rai Banda sono rinomati in tutta Europa, mentre Fanfare Ciocarlia sono stati i vincitori europei del Bbc 3 World Music Award 2006 ed hanno raggiunto il primo posto delle classifiche europee della World Music nell’aprile del 2006. Remixando vecchi classici della tradizione.
Accanto a questi gruppi tradizional-popolari si collocano una lunga serie di band e dj che hanno scelto un approccio più sperimentale. Tra questi vi sono i gruppi gitani Balkan Beat Box e Kal, che producono la loro singolare miscela di musica tradizionale e elettronica, così come i gruppi gypsy punk come Gogol Bordello. La loro popolarità è dovuta soprattutto al fatto che la musica gitana ben si presta al remixaggio. Tradizionalmente essa consiste nell’armonizzare e ripercorrere e remixare vecchi classici.
L’ultima tendenza, iniziata cinque anni fa in Germania con dj Shantel, è il remix della musica gypsy fatto da Dj house. Il Dj Gaetano Fabri è tra questi ed è sicuro che nei prossimi due anni la scena gitana esploderà: «Non c’erano nuove direzioni da esplorare per la musica house e si era ormai ad un punto morto. Così la musica gitana è stata per me una tappa obbligata». Il dj lavora tra Parigi e Bruxelles e racconta il successo di questa musica in Germania, Inghilterra, Francia e Belgio. Pubblicherà una compilation con Crammed Discs per Le Divan du Monde con dj Louie e dj Tagada nel gennaio 2007 ed inciderà un pezzo per la prossima raccolta di Electric Gypsyland.
«Gli artisti gitani sembrano tutti apprezzare i remix» afferma Gaetano riferendosi al suo ultimo lavoro. «La gente ricorda la musica gitana sin dall’infanzia ed in maniera inconscia la ascolta in film e pubblicità. È questa la gioia di sentirla rivivere».
Con un seguito del genere, pare che l’anziano signore con il violino abbia un lungo futuro dinanzi a sé.

Il prossimo grande evento di musica gitana sarà il “weekend Tzigane”, il 21-23 settembre a Bulex, Bruxelles.
Louise Bongiovanni - Brussels - 24.7.2006 | Traduzione: Vega Iodice

 
Di Daniele (del 02/11/2006 @ 10:20:11 in musica e parole, visitato 2018 volte)
Shantel è oggi il più importante dj d’Europa in quanto a musica balcanica. Vive a Francoforte, patria della club culture mondiale. A lui si deve l’enorme diffusione di questa musica nel circuito dei club dell’ovest. Shantel attinge da fonti della tradizione musicale dei Balcani, con l’obbiettivo di attualizzarne il suono e di trasportarlo nel contesto urbano europeo, ma non solo. È capace di assemblare la Banda Ionica e il “… punk rock cabaret with russian soul…” dei Gogol Bordello di New York, sempre partendo dalla sua prospettiva di produttore di musica elettronica. I suoi set sono dei momenti rari e inediti dove gli amanti dei film di Kusturica immaginano di rivivere le loro scene preferite.

a presto!
daniele
--
ЈУГОСЛАВИЈА:
www.flickr.com/photos/gustomaina
 
Di Fabrizio (del 11/07/2007 @ 10:18:20 in musica e parole, visitato 1576 volte)

... i Gogol Bordello con Madonna?

Guarda il video di Live earth a Londra, su YouTube.

 
Di Daniele (del 19/10/2006 @ 10:03:30 in musica e parole, visitato 1385 volte)
ciao ragazzi! non tutti sanno che..? : - )
ciao, a presto!
 
Di Sucar Drom (del 09/07/2011 @ 09:53:37 in blog, visitato 1273 volte)

Firma la petizione per la "Giornata internazionale delle donne rom"
L'8, 9 e 10 Ottobre 2010 si è tenuto a Barcellona il primo Congresso Internazionale delle donne Rom "Un'altra donna". Le "altre donne" non sono le donne in ambito accademico, ma quelle che normalmente non vengono invitate per il dialogo, il dibattito e le competenze specifiche. Riunite in questa...

Avvenire intervista l'artista Bruno Morelli
Durante le celebrazioni per la commemorazione del beato Ceferino Gimenez Malla, detto Zeffirino, il quotidiano Avvenire ha intervistato Bruno Morelli (in foto davanti alla sua scultura), artista eclettico appartenente alla minoranza linguistica dei rom abruzzesi...

La Notte della Rete continua...
La Notte della Rete, a cui hanno aderito Sucar Drom e l'ICS, continua a Domus Talenti. E' la manifestazione nata contro la delibera dell'Agcom in materia del diritto d'autore che oggi viene discussa dall'Autorità e che coinvolge politici, artisti, blogger, imprenditori, giornalisti, giuristi...

Milano, progetti europei per il futuro dei sinti e rom
Lunedì 4 luglio, la Consulta Rom e Sinti di Milano si è incontrata a palazzo Marino con l’assessore alle politiche sociali, Pierfrancesco Majorino. Erano presenti tutte le comunità dei campi regolari (mancava solo la comunità di via Chiesa Rossa) ed esponenti della comunità rumena di ex Triboniano e dei campi irregolari...

I Gogol Bordello sono in Italia
I Gogol Bordello sono in Italia. Il loro tour italiano è iniziato ieri sera a Rimini al Velvet Club, questa sera sono a Milano al Circolo Magnolia, venerdì 8 sono a Bari a L'Acqua In Testa Festival e sabato 9 sono al Castello Scaligero di Villafranca (VR). L'ultima volta che abbiamo visto Eugene Hütz ed il suo...

Buccinasco (MI), ma non c’è pace per il Terradeo?
A fine maggio è stata annullata la delibera n.183/2010 della passata amministrazione, che riavviava per la terza volta negli ultimi cinque anni una procedura di regolarizzazione del Quartiere Terradeo, persegu...

Quinto Vicentino (VI), i sinti vivono in uno stato di disagio abitativo
Da anni le famiglie sinti di Quinto Vicentino, vivono in stato di disagio abitativo, dietro al cimitero del paese. Unico accesso è attraverso una stradina che porta sul retro del campo santo. Le famiglie risiedono sotto una antenna della telefonia mobile, in un appezzamento di modeste dimensioni, contornato da un fossato i cui argini sono sottoposti a frenatura, senza servizi igienici e...

Sinti e Rom? Il nazionalsocialista: cacciamoli! Il comunista: assimiliamoli!
In questi giorni sto rileggendo un libro di Guenter Lewy che tratta della persecuzione nazista subita dai Cittadini tedeschi ed austriaci appartenenti alle minoranze dei sinti e dei rom. Un libro molto documentato ma contraddittorio nelle conclusioni. Ne riparlerò...

L'Italia ha le carte in regola per sedere nel Consiglio ONU per i Diritti Umani?
Il 19 giugno scorso il nostro Paese è entrato a far parte, per la seconda volta, nel Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. Questo organismo è stato istituito cinque anni fa (sostituisce la Commissione per i Diritti Umani) ed è composto da 47 Paesi eletti dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. E' un organismo importante che deve promuovere e garan...

Bologna, Corte d'appello: "È rom, normale che non vada a scuola"
Ha fatto scalpore la sentenza della Corte d'Appello di Bologna che risposto picche alla Procura dei Minori che le chiedeva di affidare una bambina rom ai servizi sociali per darle una vita migliore in comunità di accoglienza. La bambina vive a Parma nell'area residenziale isti...

Próxima Estación: Milano
Qualche anno dietro, ma sembra passato un secolo, Berlusconi, Bossi, Fini & C. riuscirono a conquistare larga parte del proprio consenso elettorale sui temi legati alla "sicurezza". Anni tristi per l’Italia. Anni in cui abbiamo completamente sma...

 
Di Fabrizio (del 27/08/2008 @ 09:40:51 in musica e parole, visitato 1348 volte)

Il 28 agosto i Gogol Bordello suonano a Milano, all'Idroscalo. Dalle 21.00 diretta del concerto su Radiopopolare, che può essere ascoltata anche in streaming dal vostro computer

 
Di Fabrizio (del 19/01/2012 @ 09:18:20 in scuola, visitato 1231 volte)

23 gennaio 2012 ore 16.00

Triestefilmfestival.it

LA NOSTRA SCUOLA - OUR SCHOOL
MONA NICOARĂ, MIRUNA COCA-COZMA

Stati Uniti – Svizzera – Romania / USA – Switzerland – Romania
2011, HD, col., 94'br /> v.o. rumena / Romanian o.v.

ANTEPRIMA ITALIANA - ITALIAN PREMIERE
Fotografia / Photography: Ovidiun Mărginean. Montaggio / Editing: Erin Casper. Musica / Music: Sasha Gordon. Suono / Sound: Mona Nicoară, Miruna Coca-Cozma, John M. Davis. Produzione / Produced by: Sat Mic Film. Coproduzione / Co-produced by: Pipas Films.

Documentary Competition
Il film segue 3 bambini zingari che vivono in un paese rurale della Transilvania e fanno parte di un progetto pilota sull'integrazione nelle scuole rumene, dove vige ancora la segregazione. Alin, Benjamin e Dana partono per la scuola della città, pieni di ottimismo per quello che potranno imparare e per le nuove amicizie che nasceranno. Ottimismo che conservano anche quando i fondi destinati all'integrazione vengono dirottati, in modo discutibile, nella costruzione di una scuola per “soli zingari” e che comincia però a scemare quando i ragazzini si scontrano con la sfiducia di chi li circonda e con un isolamento ancora peggiore. L'artista di origini gitane e ucraine Eugene Hutz, fondatore dei Gogol Bordello e sostenitore convinto dei diritti dei Rom, ha dato il proprio contributo al film consentendo l'utilizzo del brano “Break the Spell”, contenuto nell'album dei Gogol Bordello, Trans-Continental Hustle (2010, American Recordings).
“Ho cominciato a lavorare al film nel 2005, spinta soprattutto dalla frustrazione. A metà degli anni '90, quelli di noi che si occupavano dei diritti dei Rom hanno cominciato a capire quanto fosse diffusa e cronica la segregazione, soprattutto nell'Europa orientale … Il motivo per cui ho iniziato il film è anche personale ed è il senso di colpa. In Romania, sono andata alle elementari con i Rom. Li ho visti essere buttati fuori dopo elementari e medie o semplicemente sparire dalle scuole superiori migliori, quelle che frequentavamo io e i miei amici. Da adolescente, non mi sono mai chiesta perché questo avvenisse. Al momento di cercare una scuola per i miei figli, avevo già cominciato a lavorare come attivista dei diritti umani … Ho voluto tornare indietro e capire dove abbiamo cominciato a sbagliare, e cosa dobbiamo fare di diverso.” (M. Nicoară)

 
Di Fabrizio (del 02/07/2008 @ 09:10:24 in musica e parole, visitato 1834 volte)

Da Roma_Daily_News

I Gogol Bordello sostengono Sulukule

ISTANBUL - Turkish Daily News - mercoledì 25 giugno 2008

Una banda punk gitana in tour in Turchia ha interrotto ieri il proprio calendario per apparire improvvisamente a Sulukule, l'assediato quartiere di Istambul che è il più antico insediamento Rom nel mondo. I Gogol Bordello, un gruppo originario dell'Ucraina ma che include membri da diverse nazioni, ha visitato Sulukule in uno show di sostegno contro il progetto di trasformazione urbana in corso, osteggiato per ignorare gli attuali abitanti Rom dell'area e minacciandoli di lasciarli senza casa.

Sulukule viene demolita da febbraio. La Municipalità di Fatih insiste nel progetto di trasformazione nonostante l'opposizione di molti. La Piattaforma Sulukule, organizzazione che lavora per salvare il quartiere, ha contattato la banda molto prima del loro arrivo in Turchia. Uno dei rappresentanti della piattaforma, Neşe Ozan, ha detto che i membri di Gogol Bordello e le loro famiglie una volta si sono trovati nella stessa situazione dei residenti di Sulukule. "La banda è qui per mostrare al popolo Rom che non sono soli e vogliamo sostenere l'atto di salvare la cultura gitana ed il quartiere."

Eugene Hutz, il solista dei Gogol Bordello, ha detto nel concerto di domenica: "Gli incidenti che succedono a Sulukule accadono in molti luoghi del mondo. La gente vuole più McDonalds' e catene alberghiere? O è più logico proteggere la cultura nazionale e le strutture storiche? A voi la scelta."

Ad attendere ieri la banda famosa nel mondo c'era molta gente, compreso locali, giornalisti, turisti ed autorità municipali.

Una di loro, una donna di 55 anni, nata e cresciuta a Sulukule, Gülsüm, piccola paffuta e ciarliera, ha pesino assistito allo show TV per salvare la sua casa. "Non voglio lasciare casa mia e non importa cosa mi offre il comune, anche un palazzo," ha detto. Secondo lei, i Rom non sarebbero capaci di assimilarsi se fossero spostati in un altro posto.

L'Austriaca Astrid Heubrandtner era tra quanti aspettavano di vedere i Gogol Bordello. Heubrandtner è arrivata ad Istambul a gennaio per girare un documentario su Sulukule. "Istanbul è una delle città più interessanti nel mondo, Sulukule è uno dei quartieri che la fanno sempre più attrattiva," ha detto aggiungendo: "Penso che la gente debba sentirsi orgogliosa di avere un quartiere come Sulukule."

Il solista Hutz ha protestato che nessuno sa davvero cosa stia succedendo a Sulukule. "Durante la mia tournee in Turchia ho parlato con molta gente su questo quartiere ed ho capito che la gente non sa molto sulla storia del quartiere," ha detto Hutz. Secondo i membri della banda, la mossa giusta sarebbe "proteggere" e non "distruggere". Hutz ha dichiarato che è triste decidere di annichilire una cultura e un posto storici.

Il Sindaco di Sulukule, Ismail Altintoprak, ha dato risalto al fatto che dovrebbe esserci un carnevale organizzato per promuovere la cultura e la musica di Sulikule. "In questo modo la cultura zingara può essere promossa in tutto il mondo e possiamo proteggere la popolazione," ha detto Altintoprak. I Gogol Bordello hanno promesso di prendere parte al carnevale se un tale evento fosse realizzabile.

Chi è la banda?

Formati nel 1999, i Gogol Bordello vengono dal Lower East Side di New York. Il gruppo è conosciuto per i suoi show teatrali, ispirati dalla musica zingara. I membri storici sono immigrati dall'Europa dell'Est. Il nome della banda viene da Nikolai Gogol, che ha "introdotto di nascosto" la cultura ucraina nella società russa. Il gruppo ha rilasciato il suo primo singolo nel 1999, seguito da altri quattro album. Lo scorso fine settimana era il loro terzo tour in Turchia, dove è ammirata da un gran numero di fan.

 
Di Sucar Drom (del 22/07/2007 @ 09:05:42 in blog, visitato 1834 volte)

Un habitat possibile per Sinti e Rom Italiani In Italia moltissime famiglie Rom e Sinte (in prevalenza: Sinti Piemontesi, Estrekarjia, Lombardi, Veneti, Teich, Gackane, Emiliani e Marchigiani; Rom Harvati, Lovara e Abruzzesi) hanno superato le logiche segreganti, discriminanti e assistenziali proprie dei cosiddetti “campi nomadi”, acquistando dei piccoli appezzamenti terreni agricoli, dove vivono con le proprie abitazioni: le rou...

Unione Europea, le donne rom e sinte sono due volte discriminate La deputata europea Lívia Járóka (PPE/DE, HU) ha presentato la risoluzione sulla situazione delle donne rom e sinte nell'Unione Europea. La Risoluzione, approvata il primo giugno 2006, pone l'accento sulle discriminazioni subite dalle donne sia perchè appartenenti a minoranze non riconosciute sia perchè donne, quindi una discriminazione multipla: per appartenenza e per genere. La relazione approvata dalla Plenaria chiede agli Stati membr...

Sant'Angelo Lomellina (PV), ritrovato il bambino rom scomparso Ritrovato a Milano, Andrea Halilovic, il bambino rom di 10 anni, scomparso da lunedi' sera dalla sua abitazione di Sant'Angelo Lomellina, in provincia di Pavia. A rintracciarlo e' stata la stessa madre del ragazzino...

Milano, la Provincia non accetta lezioni sulla linea dura contro i Rom Fatica a digerire l’accusa che la Provincia «bleffa» sulla sicurezza. Filippo Penati (in foto) reagisce chiamando in causa Letizia Moratti «per una vicenda - dice il presidente dell’amministrazione provinciale - che ha del paradossale». Eppure i documenti «ufficia...

Roma, Alleanza Nazionale attende una legge per segregare tutti i Rom e i Sinti Ha avuto inizio, nella mattinata del 19 luglio, lo sgombero dell'insediamento abusivo, sotto il ponte della Magliana. Un centinaio i Rom Rumeni allontanati, una vera e propria violazione della Carta Sociale Europea. L’intervento ha visto al lavoro oltre una settantina di poliziotti e vigili urbani italiani ma anche una decina di agenti rum...

Genova, il fuoco per cacciare i Rom I vigili del fuoco di Genova hanno dovuto lavorare duramente la notte del 17 luglio scorso per spegnere un incendio scoppiato in una casa, poi risultata abbandonata, a Trensasco, nell'entroterra di Genova. Il rogo è stato segnalato intorno mezzanotte e mezza. Quando i p...

Milano, schedature di massa per i Rom rumeni Secondo "Il Giornale" le Forze dell'Ordine, Carabinieri, Guardia di Finanza e Vigili Urbani, si stanno preparando per iniziare una schedatura di tutti i Rom rumeni. Secondo la tesi pubblicata alcuni giorni fa si partirà con un corso di formazione, tenuto Giuseppe De Angelis, dirigente dell’ufficio stranieri della Questura di Milano. L'obiettivo è quello di creare una documentazione storica che possa permettere ...

Gogol Bordello, la romanì band fa impazzire il mondo Dopo aver duettato con Madonna in diretta mondiale sul palco della Wembley Arena al Live Earth lo scorso 7 luglio, i Gogol Bordello pubblicano "wonderlust king", il primo singolo estratto dal nuovo album “super taranta!”. Dopo aver recitato accanto a Elijah Wood nel film di Liev Schreiber “Ogni cosa è illuminata”, potremo ancora vedere Eugene Hutz - leader e provocatore dell...

 

Ricerca fotografie per gogol bordello

Nessuna fotografia trovata.

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


21/10/2020 @ 08:59:13
script eseguito in 7025 ms

 

Immagine
 Ricordi, idee, speranze, progetti...... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 130 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
20/10/2020 @ 08:03:13
Di FRANCO
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
07/10/2020 @ 20:34:53
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source