Cerca - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

\\ Mahalla : Cerca
Di seguito gli articoli e le fotografie che contengono le parole richieste.

Ricerca articoli per angelika

Di Fabrizio (del 23/12/2009 @ 13:46:29 in Kumpanija, visitato 1767 volte)

Due messaggi, il primo da:

ChiAmaMilano.it BUON NATALE…
Ad un mese di distanza dallo sgombero del campo rom di via Rubattino



Buon Natale a chi ama questa città e a chi potrebbe amarla di più. Buon Natale a tutti quelli che si impegnano per renderla migliore e a coloro che dovrebbero impegnarsi un po’ di più.
Buon Natale a coloro che pensano che Milano non sia una somma di spazi privati da difendere attraverso le politiche del panico ma anche a quelli che, magari, con il nuovo anno smetteranno di pensarlo.
Buon Natale soprattutto ai bimbi rom che fino a poco più di un mese fa erano accampati con le proprie famiglie in via Rubattino. Andavano a scuola e, grazie ai tanti sforzi di insegnanti, delle associazioni di volontariato, delle famiglie dei loro compagni italiani, avevano iniziato un percorso di inserimento che stava dando frutti positivi.
Ai primi di novembre, quando si attendeva lo sgombero a giorni, una delle maestre della scuola di via Feltre, Flaviana Robbiati, aveva scritto al Sindaco, al Prefetto e all’Assessore alle politiche sociali e alla famiglia descrivendo come grazie alla “collaborazione tra istituto, volontari della comunità di S. Egidio, Padri Somaschi e parrocchie, sono stati avviati percorsi di integrazione, primo fra tutti quello di scolarizzazione dei bambini”. La maestra chiedeva alle Istituzioni un impegno per evitare la “cessazione della possibilità di frequentare i nostri istituti e evitare di andare in altre scuole, ove tutto il percorso didattico e di integrazione andrebbe ricostruito”.
Lo sgombero, privo di soluzione organizzative, non avrebbe consentito la prosecuzione delle iniziative di integrazione, quei primi passi necessari che possono spezzare il circolo vizioso che costringe i rom a quella marginalità sempre sul crinale tra condizioni di degrado e violazione della legge.
Alle 7.40 del 19 novembre 2009 Polizia, Carabinieri e Vigili urbani hanno provveduto allo sgombero di circa 300 persone, tra le quali almeno 80 bambini.
Ironia della sorte, mentre si distruggeva la baraccopoli l’Assessore alla politiche sociali, Mariolina Moioli, festeggiava nell’Aula Consiliare di Palazzo Marino la XX Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia.
Incurante della mobilitazione dei volontari, degli insegnanti e dei compagni di scuola dei piccoli rom (questi sono alcuni temi scritti dai compagni italiani dei bimbi sgomberati) il Comune ancora una volta procedeva manu militari senza proporre soluzioni che preservassero un percorso di integrazione che occupandosi dei bambini coinvolgeva le famiglie.
A sgombero avvenuto solo a cinque donne con figli è stata data l’opportunità di andare in una comunità (tre a Monza, due a Milano). Ad altre quaranta donne che hanno fatto richiesta, per iscritto, al Comune è stato detto che potevano essere accolti solo bimbi fino a sette anni; dagli otto in su i figli sarebbero stati allontanati dalla madre e messi in comunità da soli.
Naturalmente, si fa per dire, uomini e donne sono stati separati. 67 adulti maschi hanno fatto richiesta per usufruire delle strutture dell’accoglienza freddo. è stato detto loro di andare in stazione centrale, fare richiesta e mettersi in lista di attesa.
Moltissime coppie di genitori non hanno accettato di separarsi e nessuna mamma, anche di quelle che avrebbero acconsentito a separarsi dal marito ha accettato, però, di separarsi dai bimbi con più di sette anni.
Alla fine della giornata: sette madri sono andate in viale Ortles nel dormitorio comunale, quattordici in altre strutture religiose.
Per altre sedici donne che il Comune non prendeva in considerazione si trovano sei posti presso la Parrocchia di S. Elena in zona San Siro, le altre dieci vengono ospitate alla Casa della Carità di Don Colmegna.
La gran parte delle famiglie, tranne le poche tornate in Romania, sono tutt’oggi per strada: i nuclei familiari più consistenti che non si sono voluti separare si sono accampati nelle vicinanze di viale Forlanini, di Segrate, di Corsico e della Bovisa.
Ad un mese di distanza, solo dodici bambini rom continuano a frequentare, con grande fatica a causa della distanza, gli istituti scolastici di via Cima, via Feltre e via Pini.
Buon Natale soprattutto a loro, alle loro famiglie e a tutti quei piccoli rom che da un mese non possono più frequentare le lezioni.

Beniamino Piantieri e Francesca Mineo


Il secondo annuncio viene dal gruppo di Facebook Free Angelika / Angelika Libera (QUI la storia, per chi non la ricordasse)

Chi vuole mandi una cartolina di Buon Natale e Felice Anno Nuovo a:

Angelica V.
Istituto Penale per i Minorenni di Nisida
Viale Brindisi n. 2
80143 NISIDA (NA)

Nota di Elisabetta Vivaldi: Come giustamente discusso con [...], è consentito mandare cartoline ai minori, tutti i minori (pure quelli Rom). A meno che non ci siano scritti messaggi "specifici" pare di capire, almeno da quanto la persona contattata abbia affermato, che altrimenti spetta al Direttore decidere se recapitarle o no. Io ricordo che è bisogna pure scrivere il proprio indirizzo sulla cartolina altrimenti non viene consegnata ma di questo non ne sono totalmente sicura. Non mi sembra che sul sito del "Carcere" Minorile ci siano spiegazioni...mi sembra strano e ingiusto...C'è qualcuno che vuole aggiungere qualcosa? Politici ed avvocati per favore fatevi avanti!

 

Da Roma_Daily_News

Londra, 1 dicembre 2009 - 2:15 pm

Cari Rom
Cari non-Rom,
Care Persone appartenenti alla Razza Umana,
Nonostante il colore della vostra pelle, appartenenza nazionale, cultura, religione o preferenza sessuale

Vi sollecito

a dedicare la vostra attenzione nel leggere il seguente messaggio riguardo una minore, il suo caso ed a intervenire.

Il suo nome è Angelika, è nata in Romania e anche se ha appena compiuto 17 anni, ne aveva solo 15 al tempo dei fatti. Attualmente la ragazza è sotto la custodia delle autorità italiane. Secondo una recente decisione del Tribunale per i Minori di Napoli, perché è una ROMNI "totalmente inserita negli schemi appartenenti alla cultura romanì," pienamente "integrata in essa" ed inoltre incapace di analizzare concretamente le sue esperienze passate, così affronta "un concreto pericolo di -recidiva-".

La richiesta degli arresti domiciliari, sottoposta dal suo avvocato, è stata quindi rigettata dal Tribunale sulla base degli assunti sopra esposti.

Secondo la sentenza Angelika dovrebbe restare in penitenziario per 3 anni e 8 mesi; non può lasciare la prigione.

Attualmente è privata della sua libertà e rinchiusa nel tristemente famoso "Istituto Penitenziario Minorile di Nisida"[1] Napoli, circondato dal mare, dove rimarrà sino al compimento dei18 anni, quando probabilmente verrà trasferita in un penitenziario per donne adulte.

Angelika è vittima di una punizione esemplare, pubblicata e riconfermata durante un periodo estremamente duro per i Rom in Italia, quando sono stati promulgati decreti ad hoc, raccolte impronte digitali e dati biometrici, con sgomberi ed espulsioni portati avanti nonostante numerose raccomandazioni, leggi e trattati UE ed internazionali[2].

Di fronte a tutti i terribili eventi che riguardano Angelika, lei ha fortemente dichiarato la sua innocenza, ritenendo fermamente di non poter affermare di essere colpevole di crimini che non ha commesso.

Non ha mai inteso di rapire un bambino, dato che anche lei ha una figlia, Alessandra Emiliana, lasciata in Romania. Questo è probabilmente ciò che ha provato ad esprimere, nel suo stentato italiano, quando è stata arrestata. Non le è stata fornita nessuna traduzione nella sua lingua, quindi quanto è stato riportato è ciò che è stato inteso dal funzionario. E' detenuta senza confessione e non ha ottenuto alcuna facilitazione mostrando il suo pentimento.

Il suo avvocato ha perso tutti gli appelli ma molto presto, probabilmente a dicembre (fonte da confermare) dovrà portare questo caso così complicato di fronte alla Corte di Cassazione.

Questa è l'ultima possibilità non solo per la giovane, ma anche per i giudici italiani di capovolgere i precedenti ingiusti giudizi. Ma più importante, è l'ultima opportunità di intervenire contro questa ultima decisione razzista [3], apertamente riferita verso tutto il popolo Rom ed etichettando direttamente la "Romanipè" (identità romanì) come un'attitudine illecita.

La responsabilità è personale e le cariche istituzionali dovrebbero astenersi dal giudicare preventivamente o dalle misure punitive basate esclusivamente sulla loro opinione personale o su cosa credono sia o dovrebbe essere una "popolazione". I Rom non dovrebbero temere di essere assimilati a forza o tenuti in cattività solo perché "Rom".Gli imputati non dovrebbero essere considerati colpevoli sino a quando non ci siano prove sufficienti e obiettive contro di loro.

Ma qual è la storia dietro il caso ed il processo ad Angelika? Perché non si ritiene che abbia avuto un giusto processo? Leggete ancora…

Le bugie dietro la storia:

Ponticelli, Napoli, la folla ha assaltato il campo nomadi abitato da famiglie rom rumene. Il fuoco bruciò le loro proprietà e miracolosamente non si verificarono morti o feriti. I Rom rumeni, scortati dalle forze di polizia, "scapparono" letteralmente da un linciaggio di massa. Un forte ed incontrollato vento di intolleranza soffiò per tutta l'Italia, manovrato sia politicamente che mediaticamente.

Rom e Sinti di tutta la penisola temettero attacchi e rappresaglie. Erano terrorizzati di lasciare i loro insediamenti, nel mandare i figli a scuola, di uscire per qualsiasi attività che in passato sarebbe stata normalmente e regolarmente intrapresa. Media e politici fomentavano di continuo sentimenti di odio razziale attraverso osservazioni stereotipate e promettevano pubblicamente agli Italiani di affrontare senza indugio la questione "zingara" con politiche a tolleranza zero.

A Napoli, tutta l'attenzione era orientata all'"emergenza spazzatura", la città era in effetti ricoperta da mucchi di spazzatura, ed il nuovo Primo Ministro aveva pianificato una serie di incontri perché tutta l'immondizia sparisse grazie al suo tocco magico. I residenti erano sul punto di perdere la pazienza, ma non fu tutta la cittadinanza ad attaccare i campi, solo alcuni gruppi di gente che stranamente abitava lo stesso quartiere dove Angelika si era messa nei guai.

Durante quei giorni Angelika era a Napoli. Era appena arrivata con suo marito Emiliano, di 21 anni, e suo fratello con la moglie ed il figlio di 8 anni. Subito aveva avuto problemi, accusata di aver rubato degli orecchini, la quindicenne era stata circondata dalla folla e salvata dalla polizia che l'aveva messa in custodia in una casa alloggio, da cui era presto scappata.

Il 10 maggio 2008, per un amaro gioco del destino, la polizia l'aveva nuovamente salvata dalla rabbia senza controllo della folla, ma nessuno degli assalitori fu mai identificato o accusato per quell'assalto. Invece, la minore venne arrestata con un'accusa estremamente infamante: "Tentativo di rapimento di un bambino", il figlio di Flora Martinelli, a Ponticelli, uno dei più turbolenti quartieri di Napoli.

Secondo il Gruppo EveryOne la versione dei fatti fornita dalle autorità e dai media era falsa. Fu data per innescare una "caccia allo zingaro". E le dinamiche appaiono totalmente non plausibili perché quanti hanno familiarità con Napoli sanno che è praticamente impossibile entrare in un appartamento di quelle zone evitando totalmente l'inaccessibile sorveglianza degli inquilini curiosi, specialmente quando chi passa di lì è Rom.

Dopo che ebbero luogo gli eventi, differenti versioni vennero offerte dalle persone coinvolte e vennero trasmesse alcune dichiarazioni attraverso i giornali. Emersero più volte delle discrepanze tra le descrizioni date da Flora Martinelli, suo padre e dai vicini.

Fonti differenti hanno riportato che la signora Martinelli prima dichiarò che la porta del suo appartamento era stata forzata, più tardi affermò che era stata lasciata aperta. Dopo aver scoperto che la porta era aperta, entrò per controllare la culla e ritornando "incrociò -la giovane rom con la bambino tra le braccia [...] non solo: ebbe il tempo di afferrarla e strapparle il bambino. Quindi la ragazza deve essersi mossa al rallentatore, permettendo al nonno del bambino, Ciro, di trattenerla al piano inferiore, afferrarla e schiaffeggiarla"[4]. Angelika era là da sola e le sarebbe stato impossibile rapire una bambina e camminare per oltre due km. senza essere vista o ripresa.

"In realtà Angelika conosceva una delle famiglie di Via Principe di Napoli, dove ebbe luogo tutto l'episodio [...] La chiamò al citofono e venne vista da alcuni inquilini. Pochi secondi dopo scattò la trappola e venne liberata la furia degli stessi - venne presa per strada, strattonata, schiaffeggiata e portata dalla polizia"[5].

Durante i processi, i magistrati basarono le loro decisioni soprattutto sulle affermazioni della signora Martinelli. I giudici sottolinearono che non c'erano ragioni per non crederle.

Due giornalisti fecero delle indagini in proprio, Marco Imarisio scrivendo per il "Corriere della Sera" e Miguel Mora per "El Pais", scoprendo entrambe che la signora Martinelli aveva precedentemente sulla fedina penale una registrazione di "falso ideologico" (bugia) [6], mentre suo padre Ciro - conosciuto anche come "O' Cardinale" - in precedenza era stato condannato a nove mesi per "organizzazione criminale" e affiliato al Clan Sarno, una famiglia di Camorra preminente a Ponticelli e caratterizzata per la sua abilità nell'ottenere pubblici favori[7].

In quei giorni in quell'area vennero riportati numerosi attacchi contro Rom e Rumeni. Forse la furia dei Sarno svegliata dal Cardinale? E' considerato "uomo d'onore"[8], e chi vorrebbe mancare di rispetto ad un "uomo d'onore" e tentare di sottrarre qualcosa da casa sua? Gli uomini d'onore lasciano la porta aperta, come i cancelli, perché nessuno mancherà loro di rispetto.

Ma Ponticelli era anche interessata ad un piano di rinnovamento, un massiccio, supercostoso enorme investimento, proprio dove erano accampati i Rom. Alcune fonti hanno affermato che i Rom dovevano andare via perché i lavori dovevano iniziare, erano impegnati troppi soldi, così come il Comune di Napoli, i politici ed il Comitato di Ponticelli, e compagnie con sede nel Lussemburgo i cui membri non possono essere nominati.[9]

Conclusione della storia: Angelika è ancora in prigione e attende l'ultimo appello alla Corte di Cassazione a dicembre, mentre le altre persone sono in libertà. I Rom hanno ottenuto sgomberi e terrore, hanno lasciato alle spalle le loro proprietà, i politici sono rimasti al loro posto e proseguono i progetti.

Una decisione è stata presa contro Angelika e tutti i Rom.

In troppi, Rom e non-Rom, guardano immobili senza prendere azione concreta.

Questa lettera è per sollecitare la vostra coscienza a muovere ed offrire aiuto.

Il silenzio è complicità e non posso fare molto altro che inviarvi queste osservazioni.

Forse qualcuno sentirà il dovere morale di intervenire.

Io sono qui, assieme ad altri attivisti, a vostra disposizione per ricevere i vostri commenti e proposte.

 Il tempo sta scadendo...

Elisabetta Vivaldi
Philology and History of Eastern Europe (Serbo-Croatian and Anglo-Americano comparative studies)
LLM in Human Rights
kcerka_vjetra@yahoo.com


[1] Nisida Penitentiary web site http://nisida.napoli.com/

[2] For more information check different documentary sources published and circulated during the past months.

[3] For more information the documents of the decisions are published on the web site www.osservazione.org .

[4] EveryOne Group,“Anti-gypsy sentiments out of control in Italy. The truth about the kidnapping in Naples” 18/05/2008

[5] EveryOne Group,“Anti-gypsy sentiments out of control in Italy. The truth about the kidnapping in Naples” 18/05/2008

[6] Lie to a public officer

[7] “Condannato a nove mesi per associazione a delinquere è un “collaboratore” del Clan Sarno, come riferiscono Marco Imarisio del Corriere della Sera e Miguel Mora de El Pais”. Immarisio M. e Mora M. in Ranaldi G., 30/11/2009, http://www.sivola.net/dblog/articolo.asp?articolo=3481; Mora M., "REPORTAJE: XENOFOBIA EN ITALIA. Condenada a ser condenada"

[8] In Italia Dall’Estero: “O Cardinal è stato colui che ha afferrato la ragazza mentre scappava sull’uscio di casa. È un personaggio molto conosciuto, un ‘uomo d’onore’. Difficile pensare che qualcuno entri a rubare in casa sua, soprattutto sua nipote”.

[9] See also Mora M. and , Comitato Spazio Pubblico di Napoli, Italia Dall’Estero, Comune di Napoli official site.

FONTI:

Carmosino G., “Ponticelli Colpevole di Essere Rom in Clandestino” L’Espresso online 30/11/2009

http://clandestino.carta.org/2009/11/27/ponticelli-colpevole-di-essere-rom/

Comitato Spazio Pubblico di Napoli “Giù La Maschera: cosa c’è dietro sgomberi e caccia ai Rom di Ponticelli” http://www.osservazione.org/comunicatistampa/gi%F9%20la%20maschera.pdf 

EveryoneGroup “Caso Angelica V.: interrogazione parlamentare dei Radicali” 01/12/2009 http://www.everyonegroup.com/it/EveryOne/MainPage/Entries/2009/12/1_Caso_Angelica_V.__interrogazione_parlamentare_dei_Radicali.html

EveryoneGroup “Report on the situation of the Roma people in Italy” 22/11/2008 http://www.everyonegroup.com/EveryOne/MainPage/Entries/2008/11/22_Report_on_the_situation_of_the_Roma_people_in_Italy.html

EveryoneGroup “Anti-gypsy sentiments out of control in Italy. The truth about the kidnapping in Naples” 18/05/2008 http://www.everyonegroup.com/EveryOne/MainPage/Entries/2008/5/18_Anti-gypsy_sentiments_out_of_control_in_Italy._The_truth_about_the_kidnapping_in_Naples.html

Fittipaldi E., “Rom vuol dire criminale” L’Espresso 30/11/2009 http://espresso.repubblica.it/dettaglio/rom-vuol-dire-criminale/2115931&ref=hpsp

Fittipaldi E., “Et Voila: La razza nella sentenza” L’Espresso blog

http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2009/11/30/et-voila-la-razza-nella-sentenza/ 

Italia dall’Estero http://italiadallestero.info/archives/3602 

Mohacsi V. (MEP), European Parliament 20/05/2008 http://www.youtube.com/watch?gl=DE&hl=de&v=EOrfa1Np1lI

Mora M., “REPORTAJE: XENOFOBIA EN ITALIA.Condenada a ser condenada” http://www.elpais.com/articulo/reportajes/Condenada/ser/condenada/elpepusocdmg/20090201elpdmgrep_1/Tes 

MundiRomani “Lashi Vita” part I http://www.mundiromani.com/roma_woman/?film[film][keyvalue]=42#film 

MundiRomani “Lashi Vita” part II http://www.mundiromani.com/roma_woman/?film[film][keyvalue]=38#film

OSCE Human rights body concerned about anti-Roma violence in Italy, Press Release 16/05/2008 http://www.osce.org/item/31147.html 

Pizzuti D., “I vespri napoletani di Ponticelli” 17/05/2008 http://www.osservazione.org/pizzuti.htm

Ranaldi G., “Angelica” 30/11/2009 http://www.sivola.net/dblog/articolo.asp?articolo=3481

Sigona N., “L’ultimo nemico pubblico: I rom Romeni” http://www.osservazione.org/emergenzaromromeni.htm 

Soccorso Legale Napoli “Processi Brevi e Processi Sommari”, Comunicato Stampa 25/11/2009

in Osservazione http://www.osservazione.org/napoli_angelika.htm 

Soccorso Legale Comunicato 13/01/2009 http://www.osservazione.org/documenti/condanna_soccorsolegale.pdf 

Sucardrom Blog, “Nisida Nisida così vicina così lontana” 16/05/2008 http://sucardrom.blogspot.com/2008/05/nisida-nisida-cos-vicina-cos-lontana.html 

Sucardrom Blog, “Nisida Nisida così vicina così lontana” 23/03/2009 http://sucardrom.blogspot.com/2009/03/nisida-nisida-cosi-lontana-cosi-vicina.html

Sucardrom Blog, “Angelica ed il coraggio del dubbio” 30/03/2009 http://sucardrom.blogspot.com/2009/03/angelica-ed-il-coraggio-del-dubbio.html

Sucardrom Blog ,“Un giorno da dimenticare” 11/05/09 http://sucardrom.blogspot.com/2009/05/un-giorno-da-dimenticare.html

Vivaldi E., “Il Vento dell’Intolleranza” http://www.gfbv.it/3dossier/sinti-rom/vivaldi-it.html

Zoppoli G., “Dietro i roghi di Ponticelli la speculazione urbanistica'' http://www.osservazione.org/napoli_ponticelli.htm 

 
Di Fabrizio (del 04/09/2012 @ 09:13:28 in media, visitato 1131 volte)

Da Roma_Daily_News

Ci è gradito informarvi sul progredire del film sulla lingua romanì, iniziato circa 2 anni fa ed in via di completamento entro ottobre 2012.

Il film sperimentale "Talking Letters" intende rappresentare una lingua che è un caso straordinario di sopravvivenza alle avverse circostanze  sociali, economiche, politiche ed educative.

Mostrando testimonianze di Rom dall'Austria, Lituania, Moldavia, Romania ed Ucraina, il film fornisce un sguardo interno sulle differenti realtà dei Rom che - contro ogni pressione verso l'assimilazione - stanno seguendo una loro strada nel mantenere, trasmettere e promuovere la loro lingua.

Vi invitiamo a visitare il nostro sito web, perché possiate condividere alcuni frammenti video e fotografie del nostro viaggio. Potete anche lasciarci un messaggio sulla nostra pagina Facebook.

Talking Letters team: Angelika Herta, Pavel Braila, Lilia Braila

 
Di Fabrizio (del 21/01/2014 @ 09:04:25 in musica e parole, visitato 1346 volte)

di Zuzanna Krasnopolska in Società Italiana delle Lettere|

Bronisława Wajs - detta Papusza, poetessa dimenticata, incompresa e sconosciuta, è stata riscoperta nel 2013 grazie alla pubblicazione della sua storia scritta dalla giornalista Angelika Kuzhniak e intitolata Papusza. In più il film scritto e diretto da Joanna Kos-Krauze e di Krzysztof Krauze "Papusza" (i coniugi-autori del premiato "Nikifor" del 2004) ha fatto riscoprire l'eccezionalità di quest'artista così insolita.

Bronisława Wajs nasce... non si sa quando. Gli zingari non prendono nota delle date sul calendario, regolano il passare del tempo in base al ritmo della natura. Bronisława nacque nel giorno in cui gli agricoltori terminarono la mietitura del grano, metà agosto del 1910 (o 1908 o 1909, secondo le diverse testimonianze). Il padre rimane una figura sconosciuta, la madre è una zingara galiziana. La ragazza cresce in mezzo alla natura, osserva attentamente gli alberi, i fiori, gli uccelli. Di sera siede al ruscello e canta. Sa anche ballare bene. Conosce il potere magico delle erbe. E' bellissima, la chiamano "Papusza", cioè "Bambola".

Zingarella povera, giovane,
bella come un mirtillo,
denti bianchi come perle,
occhi brillanti come l'oro vero.
Gli orecchini fatti di foglie, eccoli
Come oro genuino son belli
(frammento di "Orecchino di foglia", p. 57)

Impara a leggere e a scrivere da sola, comprando (e pagando con galline rubate) qualche minuto di lezione dai ragazzi che frequentano le scuole e da una commessa ebrea. Conosce Jerzy Ficowski (1924-2006) - poeta, critico, scrittore, traduttore, studioso di Bruno Schulz e della cultura zingara ed ebrea - che dopo aver letto le sue poesie, s'impegna a promuoverla, a tradurla in polacco (mantenendo l'asprezza dello stile), a farla pubblicare (e dunque guadagnare) e a iscriverla all'Associazione dei Letterati Polacchi con tutti i privilegi che ne derivano, inclusa la pensione. Grazie a Ficowski incontra Julian Tuwim (1894-1953) - uno dei fondatori del movimento poetico "Skamander", forse uno dei più grandi poeti polacchi - che trova le poesie della Wajs piene d'innocenza e di onestà, virtù che lui stesso cerca di trasmettere. Le creazioni di Papusza sono apprezzate anche da altri, tra cui Wisława Szymborska.

Fino a questo punto la vita di Papusza sembra una favola. La realtà però non è il mondo delle fiabe e così ben presto arriva un'ombra che offusca e distrugge questo mondo idilliaco.

Prima la seconda guerra mondiale, con la persecuzione e la strage degli zingari (il numero totale degli zingari ammazzati in Europa Orientale rimane sconosciuto). L'esistenza ridotta al minimo: la fame attenuata con qualche corteccia, le notti passate fra le canne con le gambe in acqua gelata, il tifo, la morte delle persone care. Dopo il massacro arriva il nuovo regime, nuove regole, nuove persecuzioni. E' sterile, adotta un bambino (che chiama Tarzan, affascinata dall'immagine di un ragazzo selvaggio seduto su un ramo accanto a una fanciulla), figlio di uno zingaro e una gagi. Dopo la pubblicazione di qualche articolo sulla cultura zingara di Ficowski e qualche poesia di Papusza, gli zingari smettono di fidarsi di lei, cominciano a trattarla come una spia, traditrice dei loro segreti. La Wajs è costretta a fuggire con il figlio e il marito arpista (in effetti suo zio, fratello del patrigno, molto più grande di lei), ma le persecuzioni continueranno per tutta la vita e la porteranno all'esaurimento nervoso. Bronisława Wajs muore... questa volta la data è certa - l'8 febbraio 1987. Le infermiere diranno che poco prima di morire, Papusza si toccava le orecchie in cerca dei suoi orecchini preferiti, fatti con le galle di quercia:

Dov'è il mio orecchino preferito?
Si sarà nascosto nel bosco selvatico?
Quanto mancano agli occhi neri
Questi miei orecchini cari!
(frammento di "Orecchino di foglia", p. 56).

Papusza è considerata la più grande poetessa zingara polacca. Zingara, sì, e fiera di esserlo, addirittura rideva quando si sentiva chiamare con quella parola politicamente corretta e artificiale "rom". Zingara polacca, anche se spesso si sentiva dire di tornare "nel suo paese". Le poesie trasmettono un senso di pace, anche quando descrivono le persecuzioni più atroci. Saranno i suoi occhi da bambina, meravigliata di fronte allo spettacolo del creato, a diffondere questa unica sensazione di quiete. Proprio come una bambina chiede alle stelle di rendere ciechi i nemici:

Ah, tu, la mia buona stellina! [...]
Acceca gli occhi ai tedeschi!
Torci le loro vie!
Non mostrargli la strada giusta!
Conducili per il sentiero infido,
perché sopravviva il bambino ebreo e zingaro.
(frammento di "Lacrime di sangue - cosa abbiamo vissuto al tempo dei nazisti in Volinia nel '43 e '44", p. 68).

E come una bambina non tratta seriamente i propri versi, anzi, si stupisce ogni volta che qualcuno la considera una persona importante: "Son venuti a parlare con me? Ci sono poeti, ci sono poesie belle, favole meravigliose, ma io son niente. Non possiedo nessuna istruzione, nessuna scuola. Cosa può dire una vecchia Zingara che assomiglia ad un porcino dimenticato nel bosco di autunno? Sono una ragazza povera, vivo sotto il cespuglio. Nervosa, ho un'anima piccolissima. Sono una persona ordinaria, forse peggiore degli altri" (p. 20). Ovvero: "[Dicono che scrivo] poesie, ma non sono poesie. Canzoni. Le poesie son roba diversa. Ci vogliono le rime, la canzone è semplice. La canzone è inferiore. E la poesia è in alto, ci vuole gente istruita. Ci vuole l'università ed io non ho finito neanche una classe. Non posso scrivere poesie". (p. 70). Come una bambina commette molti errori di ortografia, di sintassi, di interpunzione. Nelle lettere indirizzate a Ficowski o a Tuwim si scusa della calligrafia che considera racchia. Ma è proprio grazie a questo suo modo di scrivere unico che il lettore riesce a vedere meglio il mondo descritto, riesce anch'egli a diventare bambino.

Quello che scrive rimane sempre legato alla sua identità, al suo essere zingara, che la porta a delle considerazioni sorprendenti: "Oggi se una Zingara è brava, sa leggere meglio il futuro, se è scema non sa più farlo. Dice qualsiasi cosa per guadagnare e andare avanti. Io per esempio leggo il futuro in modo psichico: riconosco se una persona non è di umore giusto e quando è amata e innamorata, riconosco dalla sua fronte che tipo di persona può essere; se è buona o cattiva, se saggia o stupida, se caratterizzata da una forte volontà oppure debole. Quando leggo le carte assumo un'espressione seria e leggo il futuro con la serietà. Lo stesso fa un poeta, penso. Ci deve essere qualche spirito, qualche respiro e subito si sa tutto". (p. 65). La capacità di osservazione e lo spirito di curiosità la portano alla riflessione sull'origine, sul significato e sul senso della parola: "La mia canzone è silenziosa come una lacrima. Io canto a me stessa, non a qualcuno. Da quando ero bambina qualcosa in me non andava bene. Avevo paura perché non sapevo da dove provenivano le parole, chi me le ha insegnate. Diciamo "foglia", "uccello", "prato", ma è vero quello che diciamo? Forse Dio ha fatto sì che noi ci siamo accordati a parlare così?". (p. 82).

Dopo molti anni,
ma forse molto prima, tra poco,
le tue mani troveranno la mia canzone.
Da dove è venuta?
Nel giorno o nel sonno?
E mi ricorderai, mi penserai -
era una favola
o vero era?
E ti scorderai
delle mie canzoni
e di tutto
. ("Canzone", p. 83).

Il 2013 è stato l'anno di Papusza in Polonia. Il libro di Angelika Kuzhniak è una forma di reportage dove i frammenti degli scritti della Wajs, le trascrizioni delle vecchie interviste e il racconto della Kuzhniak si intrecciano senza un particolare ordine cronologico, ma con la tenerezza di qualcuno che vuole bene al soggetto che sta cercando di ritrarre. Il film di Joanna Kos-Krauze e Krzysztof Krauze, assolutamente fenomenale e girato in bianco e nero, si concentra sull'eccezionalità della figura di Papusza, una donna straordinaria che ha avuto il coraggio di essere se stessa. La pellicola è stata già apprezzata durante il Festival internazionale del cinema di Karlovy Vary.

***

  • Tutte le citazioni provengono da Papusza di Angelika Kuzhniak (ed. Czarne, Wołowiec 2013).
  • Le poesie provengono dalla raccolta Lesie, ojcze moj [Bosco, padre mio] di Papusza (ed. Nisza, Warszawa 2013).
  • Trailer del film Papusza (diretto da Joanna Kos-Krauze, Krzysztof Krauze, 2013):
  • Tagged LM n.82, Papusza, poesia |
 

Ricerca fotografie per angelika

Nessuna fotografia trovata.

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/02/2020 @ 08:30:09
script eseguito in 7530 ms

 

Immagine
 c'era una volta... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 991 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source